Oasi giapponese, l’okonomiyaki di Marrabbio

Fra le cucine da esportazione quella giapponese è stata fra le più modificate, anche dai giapponesi stessi. Con l’aggravante della sovrastruttura fighetta in certi posti e del tremendo abbinamento con quella cinese in altri. Non è davvero il caso dell’Oasi Giapponese, una vera e propria oasi per gli amanti della tradizione di un popolo straordinario, a nostro parere uno dei pochi degni di essere ammirato. Non è un caso che questo locale sia frequentato da tantissimi giapponesi residenti a Milano, che per raggiungerlo ci devono andare apposta visto che è in zona Primaticcio, al di fuori di qualsiasi giro modaiolo: curiosamente è però a fianco del famoso Luogo di Aimo e Nadia, in via Montecuccoli, nella anonima periferia Ovest di Milano che amiamo più di qualsiasi altra terra (e quando manchiamo da un po’, tornando a casa mettiamo sempre ‘Take me home, country roads’) pur comprendendo che la sua medietà è una comoda zavorra.

L’Oasi Giapponese, dicevamo. Il locale è abbastanza piccolo, ci stanno dalle 30 alle 40 persone, ed è arredato in maniera semplice e fine, senza il dover rimarcare ‘Noi siamo giapponesi’. Anche perché sono giapponesi davvero e dal 2002 (come take away e catering per giapponesi, mentre come ristorante funziona invece dal 2007) sono uno dei punti di riferimento veri di una comunità che lì intorno in buona parte risiede (magari lavorando altrove) e che lì vicino, in via Arzaga, manda a scuola i suoi figli. Zona fra l’altro confinante con uno dei quartieri ebraici di Milano, quello che gira intorno a via San Gimignano: insomma, si respira una buona aria anche se basta qualche centinaio di metri perché la musica cambi (e le camionette militari davanti alla scuola ebraica, più volte oggetto di minacce nazistoidi, comunistoidi o musulmani, possono rendere l’idea).

Tornando al locale, bisogna dire che chi è da solo può anche mangiare all’entrata, al bancone, nei pressi di una libreria con manga di ogni tipo. Buona idea, pur ritenendo noi che tutti i manga dell’universo non valgano una pagina di Alan Ford. Il servizio è veloce e cortese, le spiegazioni arrivano solo se richieste, e l’atmosfera è particolarmente adatta a persone, coppie o piccoli gruppi di amici, che vogliano parlare e non farsi mettere fretta dopo avere finito pranzo o cena. Il punto di assoluta forza è la cucina, fra qualità delle materie prime e preparazioni: non è poco, siccome stiamo parlando di un ristorante. Essendoci andati tante volte non prendiamo mai i menu strutturati, ma ordiniamo alla carta. E di solito due portate, fra le tantissime proposte, sono più che sufficienti a raggiungere la pienezza. Una delle nostre due è in genere l’uramaki, che all’Oasi c’è in infinite varianti: le nostre preferite sono l’uramaki verde (avocado, cetrioli, maionese, alghe nori, riso per sushi, sesamo), il maguro uramaki (tonno crudo, avocado, maionese, alghe nori, riso per sushi, sesamo) e gli spettacolari Aburisake Roll (Salmone scottato con salsa di miso, avocado, cetrioli, maionese, cipollotti, alghe nori, riso per sushi).

Fra sushi, sashimi, norimaki e temaki, tutto è secondo la tradizione, ma il nostro consiglio va diretto sulle zuppe a base di ramen, in particolare sulla Shoyu o miso ramen con uovo (Pasta in brodo di salsa di soia o di miso, carne di maiale al forno, uovo, alghe nori, germogli di soia, cipollotti, semi di sesamo), sulla delicata tenpura (nostra preferita quella verde, tutta vegetariana) e soprattutto su uno dei piatti simbolo del Giappone, il divino okonomiyaki: un tortino di farina, uova, verza e carne di maiale alla griglia, guarnito con scaglie di tonno secco, alghe, maionese, salsa tonkatsu. Un piatto entrato nella testa di tutti gli italiani grazie a Kiss Me Licia, dove Marrabbio era specializzato proprio in okonomiyaki (che in Giappone è in realtà considerato ai confini dello street food) a beneficio dei clienti ma anche del leggendario gatto Giuliano, la cui anima abbiamo per tutta la vita cercato (e trovato) in tutti i gatti.

Piatto davvero difficile da replicare, ma che qui la signora Oshima in cucina prepara ad occhi chiusi (in sala il figlio Keita). Da provare e riprovare, bevendo un sakè buono ma traditore. Il Koshu Masamune caldo va giù che è un piacere, anche troppo. Due portate ci hanno sempre tenuto alla larga dai dolci, che quindi possiamo apprezzare solo per la bellezza ripromettendoci di provarli la prossima volta (L’Oasi in origine faceva quasi solo dolci). Il conto è sempre sorprendente, perché quasi mai abbiamo speso più di 30 e spesso siamo stati vicini ai 20. Ma come abbiamo detto, è un posto per habitué. Nei nostri ‘Pagando il conto’ ci imponiamo sempre di trovare almeno un difetto, ma nel caso dell’Oasi ci dobbiamo impegnare: forse la carta troppo estesa, che disorienta, o la zona che davvero non ispira una passeggiata né di giorno né tantomeno di sera. Ma sono dettagli, perché il cuore dice che questo è un posto assolutamente di culto, che intelligentemente non si è allargato ed è infatti sempre pienissimo.

Oasi Giapponese – Genere: giapponese – Milano, via Montecuccoli 8 – CAP 20147, fermata MM1 Primaticcio – Telefono 02 41540047 – Orari: 12.00-14.00 e 19.00-23.00, da martedì  a sabato –  Facebook: Oasi Giapponese Sito web: oasigiapponese.com – Presenza più recente di Indiscreto: novembre 2018. Voto ambiente-qualità-prezzo: 9,5.

LE RECENSIONI DELLA NUOVA EDIZIONE DI ‘PAGANDO IL CONTO’
  1. Oasi Giapponese (Giapponese): 9,5
  2. Cracco (Bistrot): 9
  3. Da Salvatore (Siciliano-Pesce): 7
  4. Denzel (Ebraico-Mediorientale): 7,5
  5. Antica Trattoria del Gallo (Lombardo): 7
  6. Joia (Vegetariano): 8
  7. Mare Culturale Urbano (Pizzeria): 6
  8. Lievità (Pizzeria): 6
  9. Pokeia (Hawaiano): 6,5
  10. Osteria dei Mosaici (Pugliese): 8
  11. La Tirlindana (Pesce – Lago): 7,5
  12. Le Vent du Nord (Belga): 7,5
  13. Al Sale Grosso (Pesce): 6,5
  14. A’ Riccione (Pesce): 7
  15. Ta Hua (Cinese – Hong Kong): 8
  16. Cacio e pepe (Romano) : 7,5
  17. Dawat (Indiano): 8
  18. Bottega sicula (Siciliano): 6
  19. Lievito Madre al Duomo (Pizza): 6,5
  20. Vanilla Bakery (Brunch): 6,5
  21. L’Altro Eden (Ligure): 7
  22. Rigolo (Toscano): 6
  23. Ba’Ghetto (Romano-Ebraico): 6,5
  24. Temakinho (Brasiliano-Giapponese): 6,5
  25. Ten Grams (Tartufi): 6,5
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.5/10 (2 votes cast)
Oasi giapponese, l'okonomiyaki di Marrabbio, 9.5 out of 10 based on 2 ratings

1 commento

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi