Giornalismo applicato soltanto a Mutu

Cosa c’entra il fallimento mondiale dell’Italia con quello esistenziale di Adrian Mutu? Qui da Bucarest, decisamente un’altra città rispetto ai tempi comunisti che bene abbiamo conosciuto (più di chi andava a mangiare le piadine al Festival dell’Unità di Modena o di Buccinasco, concedetecelo), abbiamo riflettuto su diversi ed importanti temi. Il Mondiale, intanto. Nessuna persona mediamente sana di mente riuscirà mai a capire la tristezza della stampa italiana di fronte ai fallimenti calcistici africani. Ci è sempre sembrata una follia avere le lacrime agli occhi per gente così lontana da te (oltretutto molto razzista, nella media) per mentalità e modi di vivere, invece di gioire per le vittorie delle europee una volta uscita di scena l’Italia. Mah… Tranquilli, non dedicheremo tempo ai piangina nostrani, anzi. Per tirarci su di morale ci siamo messi a leggere la stampa rumena, fra un incontro con il futuro patron del Rapid, l’avvocato romano Angelo Massone, e scambi di opinione con le bellezze locali.

Piccola perla delle giovani imprenditrici (di se stesse) rumene: va alla grande pure qui la videochattata con carta di credito. Una baldanzosa 21enne ci ha informati che nelle sue prime due settimane di lavoro ha ottenuto 600 euro. Facendo due conti, al mese sono 1.200 ma poi diventando famosa arriverà facilmente al doppio. Le abbiamo chiesto quali sarebbero le richieste più strambe, ne abbiamo scelte due. La prima veniva da una coppia di gay rumeni (forse l’unica nel paese): i due volevano che lei guardasse assieme a loro dei film porno con omosessuali protagonisti. Con il tassametro che andava impietoso. La seconda pare fuori dal mondo: un tizio l’ha pagata per dormire. Sì, avete letto bene: con il tassametro in funzione lui voleva che lei dormisse. Essendo anche stanca per via delle sue baldorie (sesso con un cugino, per la cronaca, ma non vogliamo scandalizzarvi troppo), ha detto grazie e si è messa a fare un sonnelino: tutti contenti, quindi.

Stiamo divagando, pazienza. Torniamo alla stampa sportiva rumena, che non saprà raccontare di come Taarabt prende lezioni di italiano (fra poco citerà Dante, come Mihajlovic) e nemmeno dell’amore di Kakà per la famiglia rossonera (poi i soldi portano in Florida, mentre il cuore avrebbe detto Carnago), ma sa sparare in prima pagina un titolo del tipo “Mutu veniva ubriaco agli allenamenti e vomitava negli spogliatoi”. Lo scrive Gazeta Sporturilor. Da non confondere con l’altra Gazzetta, maestra nei ritratti mamma-nonna-cane-gatto (tutti cultori della famiglia, i calciatori italiani) e allergica alle notizie.

Tenetevi forte perché all’interno c’è del pirotecnico. Putin, tribunali, giudici, segreti: roba da stampa d’assalto, sconosciuta a chi si reca in quelle poche edicole rimaste in Italia. Tutto virgolettato, tutta farina dal sacco di un socio in affari di Mutu, un tizio di nome Adrian Martzian. Mettetevi comodi. “Mutu è un essere che sa solo creare guai. Quando giocava all’Ajaccio beveva come un porco e fumava senza alcuna vergogna pacchetti interi di sigarette. Non si presentava agli allenamenti, quando veniva era ubriaco, vomitava, era distrutto. Non lo reggeva più nessuno negli spogliatoi, i colleghi diventavano paonazzi quando venivano a sapere che la sera prima era a Parigi con delle prostitute. Loro correvano, lui si divertiva. Zubar, un suo compagno, stava per menarlo perché faceva il divo negli spogliatoi. Si era messo contro Ravanelli, il quale non si è abbassato al suo livello. È un vagabondo, pensa solo alle troie e all’alcol. All’inizio del 2013 stava per essere multato con 50.000 euro perché senza avvisare andò al concorso di Miss Serbia, a Belgrado. Il presidente Orsoni voleva licenziarlo, però cambiò idea grazie a me. Siamo molto legati, lui è il padrino di mia figlia e accettò di fare pace con Adrian alla festa di compleanno del calciatore. Fu un compleanno molto particolare perché erano presenti persone molto influenti arrivate da Mosca, vicine a Putin, in grado di aiutarlo nella causa contro Abramovich. Si comportò male anche con Marius Vizer, un tale che aveva delle amicizie importanti a Losanna. In pratica conosceva bene un giudice di prim’ordine del TAS, che si era dimesso proprio per poterlo difendere bene contro il Chelsea. Due giorni prima del giorno della causa Mutu gli disse che non gli serviva più. Vizer si arrabbiò ma poi lo incontrò di nuovo a Budapest. Mi disse, Vizer: se vado da Putin e racconto la situazione di Mutu, tutto il mondo verrà a sapere che è un drogato da due soldi. Hanno provato ad aiutarlo e trasferirlo alla Dinamo Mosca, dove il patron è un amico di Putin. Però alla fine hanno deciso di non farlo, perché è un uomo senza onore, senza vergogna, uno che frega tutti perfino negli affari, che lascia conti non pagati al ristorante e negli alberghi”.

Insomma, un articolo degno della Gazzetta. Anzi no, della Gazeta Sporturilor. Inutile dire che per vari motivi conosciamo molte storie simili riferite a protagonisti del calcio italiano, e dieci volte più di noi ne conoscono i giornalisti delle grandi testate. Noi non le scriviamo su Indiscreto perché il suo direttore ha già abbastanza querele pretestuose da gestire, senza avere gli avvocati dell’azienda alle spalle, ma nemmeno le leggiamo altrove. Un piccolo, piccolissimo, assaggio di verità si è visto dopo l’eliminazione degli azzurri di Prandelli. Al di là degli aspetti tecnico-tattici, che notoriamente non fregano a nessuno, fino alla partita con l’Uruguay su Sky, Rai, giornali, eccetera, il gruppo era meraviglioso e compatto, un secondo dopo invece si è potuto raccontare almeno l’1% della verità. Che però è stato sufficiente per sembrare giornalismo, per quanto con i soliti ‘buoni’ e i soliti ‘cattivi’.

Dominique Antognoni, da Bucarest

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.8/10 (8 votes cast)
Giornalismo applicato soltanto a Mutu, 8.8 out of 10 based on 8 ratings

48 commenti

  1. L

    Dominique
    Restando sul tecnico-tattico 🙂 , c’è qualcuno che prova a darsi una spiegazione del flop (manco ci sono e la Russia ha fatto schifo) dell’est europeo?
    Guardando il mondiale e uscito qualche spunto?
    Qualcuno ha invocato la multietnicita? 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  2. l

    Effettivamente non contando la grecia, mediterranea, a rappresentare il calcio dellest c’era solo la russia. Eppure tra ungheria, romania, bulgaria, Repubblica ceca, polonia ucraina bielorussia e slovacchia qualcosa si dovrebbe tirar fuori, lasciando stare i baltici, votati al basket. Pero se ci pensiamo mancava anche il calcio scandinavo.

    Leonto torniamo ai flussi dimmigrazione? Ilmcalcio del futuro sara dominato da francia germania svizzera e benelux?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  3. L

    Leo
    Calcio scandinavo che ne ha perse due agli spareggi (Svezia e Islanda)
    Visto il rendimento di Portogallo e Croazia devono avere rimpianti?
    Momento molto buio per il calcio norvegese piuttosto
    Non ne sento più nominare uno

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  4. Dopo l’impegato di banca Tarocco per il mantova, l’avvocato Massone per il Rapid Bucarest. Ormai se non hai un cognome un po’ così non puoi fare il dirigente calcistico 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  5. L

    Massone che aveva tentato di comprare anche il Vicenza

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  6. La polverizzazione del COMECON…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 4 votes)
  7. L

    Parliamone

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  8. A

    ciao

    prova prova

    come cazzo si toglie l’italico dai commenti?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  9. Andrea, non si può perchè è stato lasciato aperto da qualcuno….a meno che….aspè, provo…..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -6 (from 6 votes)
  10. Prova

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 5 votes)
  11. no, niente…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 5 votes)
  12. Pensavo qualcuno avesse lasciato aperto una div , solitamente si riesce a chiuderlo mettendo alla fine di un post la div di chiusura ma invece nada…..tra l’altro noto che da stamattina sono in italic anche i titoli dei pezzi in alto a destra, quindi è intervenuto qualcosa al sito, che tra l’altro in questi giorni a me funziona un po’ a singhiozzi….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 5 votes)
  13. Niente, solo Piersandro può salvarci…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 5 votes)
  14. l

    Prendo spunto per un domandone, di quelli che parlare degli anelli di orione sarebbe in topic…

    Come mai viene chiamato corsivo, quando è semplicemente la stessta scrittura inclinata? Diverso dal corsivo/ stampatello che nelle scrittura a mano ha un senso…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  15. Leo, me lo son sempre chiesto anch’io. Ho sempre pensato fosse una semplificazione scorretta, dovuta al fatto che quando si scrive in corsivo si tende ad inclinare leggermente la scrittura verso destra (quindi diciamo che “corsivo” in realtà sarebbe aggettivo, una sorta di abbrevazione di “stampatello corsivo”), specialmente nella calligrafia che soprattutto in Italia si impose nei secoli passati (gli italiani erano considerati particolarmente aggraziati nella calligrafia – specialmente Venezia – tanto che molte corti europee avevano alle dipendenze amanuensi italiani per scrivere lettere, comunicazioni e documenti politici diplomatici o istituzionali), tanto che sospetto che pure l’aggettivo “italic” (che è straniero) abbia tale origine perchè risulta molto “italiano” all’occhio di uno straniero.
    Mi lascia un po’ perplesso infatti quando in ambito informatico si traduce usando il termine “italico”, sarebbe più giusto utilizzare l’ormai aulico termine di “aldino” (nato per derivazione di non so quale questione editoriale veneziana che non ricordo bene, magari il Direttore la conosce e ci può aiutare a ricordare…).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 6 votes)
  16. L

    ma è vero che caLLigrafia significa bella grafia e caLigrafia brutta??
    non ricordo dove l’ho letto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 5 votes)
  17. A

    @Lin Dan Badminton: calòs = bello e graphia = scrittura

    è sbagliato semmai dire “hai una bella calligrafia” che è ridondante

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  18. L

    per quanto riguarda il pezzo su mutu.
    io so di un giornalista corrispondente dall’estero del corriere della sera che per vantarsi con la mia compagna e suoi colleghi che lavorano in una casa editrice che lo pubblica, racconta che ai tempi in cui la pivetti irene era presidentessa della camera la chiamavano coscia lunga e immaginate il perché. non è mai venuto fuori, quindi, se non fosse una chiacchiera da bar, mi vien da pensare che per il timore di ritorsioni le notizie non vengano fuori e che quelle poche volte che qualcosa esce è perché così si è voluto, vedi caso lapo e travesta, berlusconi e ruby ecc…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  19. @Lin dan Badminton: oh Madonna…

    @Andrea87: bèh, no…la parola calligrafia oggi non significa solo “bel modo di scrivere” ma anche semplicemente “stile della scrittura”. Quindi “bella calligrafia” non mi pare ridondante, lo è se facciamo la traduzione letterale dell’etimologia.
    Noi diciamo hai stile o non hai stile ma anche hai un bello stile o hai un brutto stile.
    La sola parola grafia invece indica la maniera di disegnare un carattere, quello che in ambito informatico è diventato il cosiddetto font…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  20. @Lin Dan Badminton: bèh, hai scoperto un po’ l’acqua calda, eh?! Certo che la Pivetti…..brrrrrrr, ci vuole fegato……

    p.s.: nel caso Lapo, le leggende andavano da una trappola organizzata da Moggi all’imperizia di un astante che ebbe la malaccortezza di chiamare l’ambulanza…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  21. z

    Aldino forse derivante da Aldo Manuzio ( o Manunzio), tipografo veneziano rinascimentale che inventò la scrittura corsiva…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  22. z

    calligrafia dal greco antico è bella grafia.
    Brutta grafia, sempre dal greco antico, dovrebbe dirsi cacografia.

    Me fate caca’!

    (in greco antico= non dite cattiverie :-))

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  23. @zinzanbrocco: oh, ecco, grande! Grazie! Si trovano notizie da qualche parte?!
    Perchè per la verità, io ricordavo che non si trattasse di invenzione del corsivo quanto di primogenitura nell’utilizzo di caratteri di stampa corsivi (fino ad allora si utilizzavano solo caratteri romani o gotici).
    Però tu parli di Rinascimento, io sapevo ‘600-‘700…..boh, di certo era successivo a Guttemberg…..adesso cerco…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  24. z

    Cerca cerca, io vado solo a (scarsa) memoria…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  25. n

    il corsivo in inglese si chiama italic … quindi giustamente il direttore ci fa scrivere nel carattere che ci ricorda la nostra origine 🙂 (anche se ad onore del vero non tutti siamo italici … credo non lo siano ne quelli abitanti in lombardia ne quelli che risiedono in siciali :))

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  26. Ok, ho trovato queste info:

    http://www.webhouseit.com/corsivo-sue-inclinazioni/

    Nel Quattrocento Niccolo Niccoli sviluppa l’umanistica corsiva. L’italico entra nella tipografia all’inizio del XVI secolo grazie all’editore veneziano Aldo Manuzio (da lui deriva il nome aldino, l’ennesimo dato allo stile), che lo commissiona al tipografo Francesco Griffo. L’ispirazione arriva dalla scrittura della cancelleria romana: per questo è detto anche romano. Nella civiltà romana la scrittura italica (minuscola corsiva) era utilizzata per produrre libri manoscritti.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Corsivo

    Questo stile tipografico è detto italico perché fu introdotto per la prima volta da Aldo Manuzio, in Italia durante il Rinascimento.[1] Disegnato e realizzato da Francesco Griffo, si ispirava alla scrittura corsiva di Poggio Bracciolini, che a sua volta emulava la scrittura carolina[3]. Lo scopo era quello di ottenere una scrittura compatta e in uno stile facilmente leggibile.

    Questo corsivo aldino divenne il modello per la maggior parte degli stili di corsivo.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Aldo_Manuzio

    Manuzio è considerato anche l’inventore del carattere corsivo (corsivo italico o aldino), che si richiamava alla scrittura carolina allora ritenuta di epoca romana, e usato per la prima volta nel 1501 per la sua edizione di Virgilio e poi nel 1502 nella sua edizione di Dante (il corsivo si chiama italique in francese e italics in inglese proprio a causa della sua origine nella tipografia veneziana di Manuzio). Esecutore di questo primo corsivo fu l’incisore dell’officina di Aldo, Francesco Griffo.

    Insomma, se ne deduce che Manuzio era un tipografo-editore che commissionò la grafia di tali caratteri ad un tipografo-incisore che realizzò questi timbri di stampa (mi sfugge al momento il nome tecnico-tipografico di tali elementi) copiandone vagamente lo stile dal carlino carolingio.
    L’unica cosa che mi lascia perplesso e il suggerimento tra i sinonimi del termine “romano”, visto che solitamente in ambito artistico questo indica lo stampatello maiuscolo…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  27. l

    Grazie a tutti. Dibattito interessantissimo. Siamo pero al punto di partenza per quanto riguarda il perche il corsivo a computer è la stessa grafia ma inclinata. Una semplificazione? Era cosi complicato ricopiare quella della scrittura? Non era universale (cioè in francese la s corsiva si fa in modo differente? Oppure non esiste e quindi sarrmmo illeggibili per gli stranieri….)? Boh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  28. Leo, mi pareva che la tua domanda fosse “perchè lo chiamano corsivo se è solo inclinato” e qui mi pare ti sia stato risposto abbondantemente.
    Adesso tu chiedi perchè non ci sono font come il corsivo scritto a mano. Bèh, il corsivo vero, quello calligrafico di quando scriviamo a mano, quello legato che attacca le lettere una all’altra è meno leggibile. E’ funzionale quando scrivi perchè più veloce, ma da leggere è meno pratico, se hai la possibilità di stampare perchè farlo in corsivo legato?!
    Ci sono font che ne ripercorrono fino ad un certo punto lo stile, e dico fino ad un certo punto perchè ogni lettera nel corsivo scritto a mano cambia a seconda della lettera che la precede o la segue (le famose stanghette che legano le lettere, in alto o in basso a seconda della lettera vicina), quindi è difficile riprodurre questa cosa con un carattere fisso (servirebbe un software che rimodula ogni lettera a seconda di quale lettera hai digitato in seguito).
    Se invece la tua domanda è “perchè fanno l’italic che poi chiamano erroneamente corsivo e non fanno il vero corsivo come quando scrivi a mano” è per una ragione comunicativo-editoriale: riprodurre il corsivo manuale non interessa a nessuno, l’italic invece serve a mettere in evidenza certe parti di testo (quando si cita un virgolettato un termine straniero o delle note particolari), un po’ come le virgolette (non a caso non si usano tutti e due assieme perchè risulta ridondante, a parte i casi del virgoletatto in cui si citano pensieri altrui) e un po’ come il grassetto, il sottolineato, etc..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  29. Meno Uno c’ha le zampe di gallina…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 7 votes)
  30. Dominique ma i grandi progetti rivoluzioniari in casa Inter che fine hanno fatto? i grandi guru del business, del marketing e della finanza cosa hanno partorito finora??
    Mazzarri fino al 2016, altro che “aspettate e vedrete”…
    Buona fortuna.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
  31. f

    Ecco, io rilancio: perchè si dice scrivere a zampe di gallina? E’ stato il mio incubo fin dai tempi delle elementari… Un’autentica umiliazione in prima media quando a causa della pessima calligrafia la prof mi faceva riempire intere pagine per farmi scrivere in bella calligrafia… Torture e sevizie del tutto inutili visto che ancora oggi alla veneranda età di 40 anni la mia calligrafia è illeggibile anche per me….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  32. Francesco1974, credo si dica zampe di gallina perchè le suddette zampe assomigliano vagamente alle dita umane ma con evidente meno abilità prensile.
    E’ un po’ come la differenza tra i piedi di Abate e quelli di Donadoni: son tutti e due piedi, hanno tutti e due dita, unghie, talloni, caviglie, ma il controllo degli stessi è ben differente… 😀
    By the way, la calligrafia è sempre una cosa strana, in teoria dovrebbe essere una cosa (come la tecnica individuale nel calcio) che dipende da indole naturale che però si può raffinare con l’esercizio (vedi Tassotti).
    Eppure la storia dimostra come (a differenza della tecnica individuale nel calcio) sia pressocchè impossibile migliorarla.
    Altra cosa particolare, il luogo comune vorrebbe che la bella calligrafia trovi dimora presso un animo limpido, una profonda cultura, una professione elevata mentre invece (al di là del clamoroso caso di medici e farmacisti, che secondo me scrivono semplicemente in un’altra lingua che noi non conosciamo) spesso è il contrario…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  33. L

    … Dominique prova a parlare di giornalismo (da me ribattezzato cialtronismo)e voi a celiare di grafia, mazzi e ca**i : impagabili! (io preferisco l’arial 12….è grave?)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  34. Hai ragione Luke, gli abbiamo rovinato il post…..colpa di Leo che trolla in mezzo al cazzeggio colto…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  35. T

    @Luke Holywater: me lo stavo domandando pure io. come si e’ finito sui font ? 🙂

    E rilancio la domanda di ricca a Dominique.

    Pero’ (e qui sono serio) una domanda per Dominique, se li va di rispondere ovviamente:

    la stampa in Romania e’ cosi spietata con chiunque, o solo per tipi come Mutu, che sara pure antipatico, ma non riga la macchina a nessuno ( e ci siamo capiti…) ?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  36. A

    Sistemato l’italic… contenti?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  37. Alvaro, t’hanno messo di corvèe?!…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  38. “invece di gioire per le vittorie delle europee una volta uscita di scena l’Italia.”

    A dire la verità io ci ho provato (ci provo ancora con l’Olanda) perchè delle Africane me ne frega na cippa lippa. 😛
    Però ho visto che è rimasto solo Francia (un’altra africana se è per questo), piena di puzzoni, e “l’amata” Germania.
    Francamente è troppo anche per me.
    Quindi, spero vengano eliminate tutte due!:-P

    Il Belgio lo conosco poco,solo in questo mondiale, ma spero vada bene per l’amore e il rispetto che ho per Jeremy e Mertens. 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  39. Spietata????? Il socio di Mutu ha raccontato le avventure di Adrian.
    non vedo nulla di spietato….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  40. Dominique, la domanda era un’altra. Mutu in questo momento è un bersaglio debole, si pubblicherebbero le stesse cose se fosse un obiettivo forte?!…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  41. T

    @Dane: deng ju, Dane…

    Dominique, hai dipinto la stampa rumena come se fosse Washington Post di Bob Woodward e Carl Bernstein.

    La mia domanda (benissimo interpretata da Dane) era semplice:

    Mutu non puo rovinare ne’ la vita (nel vero senso della parola), ne’ la carriera ai giornalisti della Gazeta Sporturilor. Lo stesso giornale pubblicherebbe le rivelazioni scomode di un socio in affari di un uomo che puo rovinare loro (giornalisti) la carriera (se non la vita)?

    Per farla ancora piu’ semplice: i giornalisti italiani erano gli stessi che coprivano tutte le cazzate di quelli del Milan, mentre pubblicavano tutto quello che poteva daneggiare l’Inter. Eroi o vigliachi?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  42. Leonto: non parlerei di flop. Croazia si e’ qualificata, Ucraina ci e’ andata vicino. Le altre onestamente fanno troppo schifo, perche’ alla base non ci sono soldi per far crescere giocatori e poi manca la mentalita’ professionistica. In piu’ in Romania ( ma penso anche in Bulgaria) i giovani bevono molto e non hanno voglia di correre. nessuna speranza per il futuro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  43. Massone voleva comprare il Vicenza ma poi si e’ messo di mezzo il figlio del sindaco o qualcosa del genere. Poi voleva prendere il Cesena, ma i debiti erano troppo alti.
    Stava anche per acquistare la Lazio per conto di uno sceicco o qualcosa di simile

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  44. Rex: lascia stare il Washigton Post, dimmi una sola volta che in Italia hai letto un commento del genere.
    Prendi a caso un calciatore, un allenatore, dimmi se hai mai letto una frase del tipo beveva come un porco e vomitava agli allenamenti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  45. l

    Chiedo umilmente scusa… 🙁

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  46. @Dominique Antognoni: “Prendi a caso un calciatore, un allenatore, dimmi se hai mai letto una frase del tipo beveva come un porco e vomitava agli allenamenti”

    Ma meno male direi. Se mi devi raccontare certe cose preferisco che lo racconti quando questo giocatore sta giocando e fa queste cose non quando smette no?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  47. T

    @Dominique Antognoni: quando Mutu era Mutu per i romeni, questo giornale avrebbe pubblicato le stesse rivelazioni? Non mi hai risposto su questo.
    Che poi e’ il punto della mia domanda, Dom.

    Che non e’ una domanda polemica, intendiamoci. Sono curioso di sapere, perche’ e’ da quello che si misura il vero coraggio della stampa, non certo quando passa con il carroarmato sopra un cadavere

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)

Lascia un commento