4 3 2 1, il nucleo di Paul Auster

Chi sostiene che il romanzo sia morto dovrebbe leggere 4 3 2 1 di Paul Auster, In Italia pubblicato da Einaudi l’anno scorso, un libro che ci permettiamo di consigliare per l’estate non perché affronti temi estivi (anzi) ma perché necessita di una certa concentrazione e dell’assenza di persone, messaggi o situazioni che ti interrompano ogni tre secondi. La lunghezza è da romanzone americano, con quelle dimensioni da un tanto al chilo che appesantiscono la serie B dei generi ma anche spesso la serie A di Auster e pochi altri: non sono però le 900 e passa pagine ad essere di ostacolo, quanto il fatto che 4 3 2 1 è articolato in quattro sottovite del protagonista Archie Ferguson, dalla sua nascita nel 1947 fino alla fine degli anni Settanta.

Quattro diversi sviluppi legati all’andamento del negozio del padre: la morte del padre stesso, il suo impoverimento, il suo arricchimento, un tranquillo tran tran. A partire da questo punto la vita del piccolo Paul può prendere 4 direzioni diverse, pur facendo lui parte dello stesso contesto ambientale ed essendo legatissimo alla madre Rose, e infatti le prende. Non è, come potrebbe sembrare, un meccanismo del genere ‘Sliding doors’, ma proprio il suo opposto: Auster vuole dimostrare che una personalità già formata ha mille opportunità di scelta, ma inclinazioni e meccanismi mentali che in ognuna delle vite possibili mettono dei punti fermi. Tutto, nella migliore tradizione, è un gigantesco pretesto per raccontare il passaggio dall’America degli anni Cinquanta e primi Sessanta, ottimista ma anche tradizionalista, a quella che rifiutando la guerra in Vietnam farà un passo in avanti e cambierà per sempre i rapporti fra generazioni.

Un romanzo dalle grandissime ambizioni, come dovrebbe essere ogni romanzo, che appassiona in ogni diramazione anche a livello di semplice storia. Auster non ha la divina cattiveria dell’immenso e appena scomparso Philip Roth, fra l’altro suo amico, ma si tiene sempre ben dentro il recinto del politicamente corretto e del mainstream democratico, ribellandosi (nemmeno tanto) al pensiero unico dell’America iperproduttiva ed efficiente opponendole un altro pensiero unico. Emozionano il rapporto con la madre, quello che ogni ragazzo avrebbe voluto avere e non ha avuto (forse nemmeno l’autore, che ha scritto 4 3 2 1 sulla spinta emotiva della scomparsa del padre), ma anche i diversi modi in cui si plasma il mondo, per quanto è possibile, sulla propria personalità. Chiaramente se il piccolo Archie invece di trasferirsi dal New Jersey a New York fosse stato spedito in Italia o in Burundi gli scenari sarebbero stati diversi, ma è comunque affascinante sentirsi un puntino nel mondo, in balia di tutto ma anche con un nucleo fortissimo, in parte impermeabile agli stimoli esterni. Con la ricerca dello stesso tipo di donna, in questo caso Amy (che in caso diventa sua sorellastra), dello stesso tipo di lavoro, dello stesso tipo di vita. E soprattutto le stesse antipatie.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.5/10 (2 votes cast)
4 3 2 1, il nucleo di Paul Auster, 9.5 out of 10 based on 2 ratings

6 commenti

  1. F

    comprato un mese fa e non ancora letto, aspettero’ il 21 giugno per iniziarlo 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  2. So anche di qualcuno che lo ha letto seguendo le singole vite e quindi saltando tre capitoli per poi tornare indietro, ma sono troppo vecchio per queste cose… va bene anche a fine luglio, ma senza elezioni

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  3. G

    Io devo già investire in “non è da Inter , l’anno di Vecino”. Mi spiace.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  4. E

    A leggere Paul Auster, probabilmente il più grande scrittore americano vivente insieme a Jonathan Franzen, non si sbaglia mai, ma proprio mai. Si può cominciare con la celebratissima Trilogia di New York ma Leviatano, Il libro delle illusioni e Invisibile mi hanno restituito la fiducia nella letteratura moderna.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. M

    Non c’entra nulla ma ho letto in un giorno e mezzo “Non lasciarmi” di Ishiguro. Tempistiche record nonostante gli impegni
    ma probabilmente perchè uno dei
    migliori tre libri che abbia mai letto. Sicuramente il più bello letto negli ultimi cinque anni.

    Anche io comunque potrei acquistare questo appena recensito (dopo Non è da Inter).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  6. F

    eccomi a fine luglio con il compitino fatto…..
    dopo i primi 4 sottocapitoli avevo pensato ….cavolo pero’ troppo peso portare avanti quattro sottostorie…e voilà ‘ caduto un ramo…

    bello…impegnativo, lungo ma bello denso…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi