Radio Maria, una radio della Madonna

Radio Maria è un’emittente conosciuta da tutti i cattolici e da tutti gli automobilisti d’Italia, che adesso sta piangendo la scomparsa del suo leader Emanuele Ferrario, alla bella età di 91 anni. Una radio cattolica poco citata dal giornalista collettivo ma seguitissima, grazie alla coerenza delle sue trasmissioni ed anche ad una rete di ripetitori straordinaria, intorno ai mille, a livello della RAI: chiunque di noi può dire di avere incrociato Radio Maria nei posti più impensabili.

Una storia di successo, quella di Radio Maria, che quando Ferrario la prese in mano, alla fine degli anni Ottanta era una radio parrocchiale nel vero senso del termine. L’emittente infatti era stata fondata nel 1983 da Don Mario Galbiati, parroco di Arcellasco, una zona di Erba (Como), ma come molte radio se la passava male: poca pubblicità, tanti costi. Con l’arrivo di Ferrario, industriale varesino (Burrificio Campo dei Fiori), e soprattutto di Don Livio Fanzaga al posto di Galbiati, la svolta: basta pubblicità, Radio Maria si sarebbe finanziata solo con le donazioni dei suoi ascoltatori, sempre sollecitate in maniera anche esagerata, e con il lavoro volontario (cioè gratis).

Una formula che negli anni Ottanta sembrava pazzesca, ma che oggi appare invece geniale: la scommessa era che un pubblico fidelizzato su numeri comunque buoni valesse di più di una concessionaria di pubblicità e di una ricerca a tutti i costi degli ascolti inseguendo le mode. Scommessa stravinta, in Italia e nel mondo, dove Radio Maria è una sorta di franchising. Ci sono stati periodi, intorno all’inizio del millennio, in cui Radio Maria ha avuto ascolti superiori anche al terzo canale RAI, mentre negli ultimi tempi è un po’ calata come del resto tutta la religiosità in Italia (a parte Aisha).

E, a dirla tutta, Radio Maria non può essere amatissima dal Papa attuale, visto che al di là delle trasmissioni i suoi ascoltatori sono per un cattolicesimo tradizionale e tradizionalista. Una radio ascoltata da intellettuali, che seguono dibattiti teologici di alto livello, ma anche da persone semplici che si emozionano per Medjugorie e non per questo meritano di essere sfottute, visto che c’è che chi crede nel VAR o nell’Islam religione di pace.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.3/10 (27 votes cast)
Radio Maria, una radio della Madonna, 7.3 out of 10 based on 27 ratings

21 commenti

  1. “e non per questo meritano di essere sfottute, visto che c’è che chi crede nel VAR.”

    13 anni luce di applausi, talmente meritati da essere misurati in distanza spaziale e non temporale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 18 votes)
  2. Io invece le sfotto, esattamente come sfotto chi crede in Var, Islam, Oroscopo, creme scioglipancia, formaggi industriali senza grassi, antidoping.

    Migliaia di ripetitori ovunque, già, anche e soprattutto dove non dovrebbero, a rompere i coglioni, creare danni o violare la legge, protetti dalla mafia che servono. Il tutto per un cespuglio infuocato che parla in mezzo al deserto che permette a qualche vecchio rimba di andare in giro in camicia da notte.
    Se i comunisti non fossero i quaquaraquà che sono, l’avrebbero già fatta brillare…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +15 (from 19 votes)
  3. Io trovo coerenza nelle parole del Direttore, che mi permetto di chiosare. Qui bisogna che ci capiamo. Radio Maria risponde a un bisogno diffuso e la sua programmazione è tarata verso un certo tipo di pubblico. E questo pubblico è fatto di cattolici che probabilmente non possiedono l’opera omnia di Hans Kung e non si appassionano agli sviluppi più recenti del dibattito sull’ecumenismo. Una parte significativa del cattolicesimo italiano, lo dico eufemisticamente, non sembra essere stata del tutto convinta dall’evoluzione post-conciliare della Chiesa cattolica. Radio Maria esprime queste posizioni che potremmo superficialmente definire conservatrici se non reazionarie, ma che in realtà sono ancora l’anima della fede di moltissime persone, di varia condizione sociale, che non necessariamente hanno idee di “destra” (semplifico). Ecco, Pasolini sarebbe stato molto interessato a Radio Maria, ma questo discorso ci porterebbe lontano. Un’ultima cosa. Condivido molto il pensiero finale del Direttore. Prima di sfottere chi recita il rosario o va a messa tutti i giorni (ne conosco tanti, anche vicino a me) ci penserei due volte, perché la pericolosità sociale e dell’abbonato medio a Sky mi sembra decisamente superiore (esclusi i frequentatori di Indiscreto, ovvio).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 10 votes)
    1. Eleonora, però questo è benaltrismo…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
      1. E me ne vanto

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 4 votes)
    2. Tutte le religioni rivelate impongono, per crederci, o una sospensione della razionalità (per non dire direttamente l’ignoranza) oppure in percentuale minore una sovrastruttura teologica che quasi vive di vita propria, a forza di metafore: quanti cardinali davvero credono in certi miracoli, a partire da quelli di Gesù? Non parliamo poi di Medjugorie (argomento cardine di Radio Maria) o cose simili, benzina di un cattolicesimo popolare ma non necessariamente, come dice Eleonora, di destra. Sono d’accordo con Dane che tutto possa essere preso in giro, il punto è che di solito lo si fa con la vecchina che crede in Padre Pio e non con il quarantenne che impartisce comandi vocali al decoder di Sky.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
      1. Io come ho detto lo faccio con tutti indistintamente.
        È il vasto popolo dei canottati, tipo Belisario…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -1 (from 5 votes)
      2. Poi c’è il caso di chi deve avere a che fare, in maniera empatica, sia con la vecchina che crede in padre Pio (vabbè, sarebbe “a” padre Pio, per non essere eretici … ma mi sa che forse qualche neanche troppo vecchina creda proprio “in” padre Pio), che con il 40enne che impartisce comandi vocali al decoder. Effettivamente si riesce a non sfottere né l’una, né l’altro. Basta che non pretendano di insegnare all’interlocutore che la loro è l’unica via di salvezza (Mauro Belisario più laicamente scrive «ristoro alla loro vita») del mondo; o quella che bisognerebbe propagandare di più per il benessere dell’umanità. Perché poi la presa in giro (alla Caressa, eh? Non alla Mihajlovic) è l’unica arma.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  4. devo ammettere non solo di aver incrociato, come tutti, le frequenze di radio maria nei viaggi più improbabili, ma di esserne stato attratto più volte dalle trasmissioni (nei viaggi in auto lunghi prediligo sicuramente il parlato alla musica).

    giudizio ambivalente: ricordo un interessante dibattito su padre pio, ma anche editoriali eccessivamente conservatori e, in territorio trash, un appuntamento settimanale in cui i parenti dei carcerati potevano salutare in diretta dalle onde medie i cari reclusi.

    da culto i bambini che rivolgevano uno strappalacrime ciao al papà all’ucciardone e il vano tentativo di organizzare la puntata in fasce geografiche (“ora possono chiamare solo i parenti delle prigioni del nord”), regolarmente non rispettate.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  5. Mah io se proprio devo preferisco ascoltare Radio Radicale, cosa che per altro faccio spesso in auto. Non ho nulla contro Radio Maria, solo mi scoccia quando alla radio passano Tommy Gun dei Clash e improvvisamente mi entra dentro Padre Fanzaga.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
  6. @Eleonora: applausi. La battaglia contro i credenti o contro chi produce credenti e’ una cosa che definire retrograda e’ poco. Perche’ io devo rompere le palle ad una persona che crede e che come dice il Direttore si emoziona pensando a Medjugorie? Conosco persone che vivono la fede (e lo dico da non credente assoluto) con una profondita’ ed un’intimita’ commoventi, molto spesso persone che davvero trovano ristoro alla loro vita in questo (e alla fine cio’ che conta e’ che trovino ristoro in questa di vita). E dargli contro sarebbe niente di meno che una violenza. Fermo restando che se uno vuole fare delle battaglie ai mali del mondo oggi come oggi ne trova un centinaio di nemici dell’umanita’ prima di arrivare alla Chiesa ed ai credenti ed alle Radio Marie di turno.
    Tutta la vita Radio maria piuttosto che lo Zoo di 105 o Linus che spara cazzate con Savino.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  7. Io fatico a comprendere come si possa muovere critiche a chiunque e a qualsiasi cosa ma la religione rimanga un tabù da quel punto di vista.
    E tra i primi 100 nemici dell’umanità trovano posto sicuramente le religioni (tutte).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. Davvero, almeno Calciopoli ha smosso un po’ l’intoccabilità degli arbitri. Sulla religione invece l’ignoranza è ancora tanta e la protezione mafiosa (nonostante Bergoglio…) ancora tanta.
      Stiamo parlando di una radio che è famosa più per le polemiche sui ripetitori irregolari ma come vedi dal tema si tengono tutti distanti.
      Io mi immagino le reazioni se si chiamasse Radio Silvio o Radio Benito..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
    2. Non e’ tabu’ muovere critiche alla religione (non mi sembra che manchino le critiche in tale direzione). Io personalmente la vedo e le vedo non come un problema cosi’ grave. E’ un problema grave l’applicazione che viene fatta di determinati principi questo si ma se le si prende come concetti filosofici
      in senso stretto valgono piu’ o meno come gli altri concetti filosofici che non sono religione. L’applicazione del principio dipende da come noi lo elaboriamo nella nostra mente e su quello non e’ che ci puoi fare molto. Poi di distorsioni interpretative ne troviamo
      anche nei principi non religiosi (basti pensare all’applicazione che viene fatta del secondo emendamento della Costituzione americana).

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 5 votes)
      1. I concetti filosofici, muoio! 😂

        Eh ma non è un problema così grave, però non è vero che è taboo avanzar perplessità su tante menti al macero, eh?! 😝

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -3 (from 3 votes)
      2. Qual è il concetto filosofico per cui ti puoi rifiutare di fare il tuo lavoro su base religiosa?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  8. Direttore , Eleonora
    Radio Maria è sostanzialmente Franchista
    Vedete voi se definirla di destra o meno 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  9. L’unica radio che prende sotto il tunnel della direttissima

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. Mortacci loro…..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  10. Ma ‘sta cosa dei «dibattiti teologici di alto livello» l’avete verificata di persona o è una leggenda metropolitana come quella che «i Testimoni di Geova conoscono la Bibbia a memoria»? No, perché negli ultimi 25 anni è già la seconda volta che la sento dire: se è ver(ificat)a, magari provo a stare un paio di settimane su Radio Maria per cercare di beccarne uno di questi dibattiti teologici, e rendermi conto di persona . Perché invece, scorrendo il loro palinsesto, più che altro si trovano catechesi e/o meditazioni: o registrate (giocoforza, visto che i predicatori sono morti da anni) o proposte da predicatori che se li cerchi su un motore di ricerca vengono fuori solo risultati abbinati a Radio Maria. Al che un po’ il sospetto che possano solo sembrare “di alto livello” a utenti che tacciano Bergoglio di «nessuna preparazione teologica» (sic!) o che se vengono fuori sempre e solo con l’unico racconto del cespuglio infuocato … atteggiamento simile nell’approccio e speculare negli obiettivi a quello dei Testimoni di Geova, appunto. Che alle figure mitologiche del “canottierato” o di “menouno” devono apparire come dei conoscitori della Bibbia sopraffini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. Credo sia un po’ come Buffa(Pizzigoni): finché parla di cose che non sai ti sembra un fenomeno, quando tocca argomenti che conosci ti chiedi “ma che cazzate sta dicendo?!…”

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)

Lascia un commento