Travaglio o Tortora?

Marco Travaglio o Gaia Tortora? Il ‘Di qua o di là’ fra il direttore del Fatto Quotidiano e la giornalista di la Sette non è il solito derby sinistra-destra, perché le posizioni in materia di giustizia sono trasversali rispetto agli elettorati e alle ideologie: un simpatizzante di Casa Pound può essere giustizialista come uno dei 5 Stelle, uno del PD garantista come uno di Forza Italia.

Che la Tortora sia figlia di Enzo Tortora, cioè la vittima del più famoso errore giudiziario della storia recente, ha dato poi al caso una rilevanza mediatica particolare. Al di là degli insulti, dei botta e risposta e delle responsabilità di singoli magistrati, la domanda di fondo rimane sempre la stessa: è meglio rischiare che rimanga a piede libero un colpevole o che vada in carcere un innocente? Travaglio non ha dubbi, la Tortora qualcuno in più.

Sono proprio due visioni del mondo diverse, a prescindere dal tempismo politico e degli obiettivi fin troppo prevedibili di certe inchieste. Entrambi i giornalisti, ma questo lo pensano un po’ tutti i giornalisti, sono convinti che la maggioranza del paese la pensi come loro. Noi abbiamo la sensazione che questi argomenti interessino poco, e che al massimo facciano scendere la gente in piazza contro qualche politico, ed è per questo che il sondaggio ci incuriosisce. Colpevole o innocente fino a prova contraria? Travaglio o Tortora?

Travaglio o Tortora?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.7/10 (6 votes cast)
Travaglio o Tortora?, 8.7 out of 10 based on 6 ratings

13 commenti

  1. Gaia Tortora

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  2. Ma siamo sicuri che Travaglio sostenga che uno sia “colpevole fino a prova contraria”? Io non lo credo, quando e come lo avrebbe detto?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 15 votes)
  3. Ovviamente cento volte meglio che un colpevole resti fuori che non che un innocente venga punito. Nel primo caso vi è ingiustizia giuridica e danno nei confronti della società ; nel secondo caso c’è ingiustizia giuridica danno nei confronti della società e danno nei confronti del singolo (la cui libertà non è gratuitamente sacrificabile).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 16 votes)
  4. Mi pare che la diatriba fosse sulla custodia cautelare, spesso usata a mo di grimaldello piuttosto che come reale deterrente alla reiterazione del reato e/o all’inquinamento delle indagini in corso. Custodia cautelare che oggettivamente mortifica oltremisura l’eventuale innocente che subisce un’abnorme punizione preventiva spesso e volentieri inutile nella sostanza. Custodia cautelare che oltrettutto nei reati con dinamiche complesse (per esempio, grandi reati contro il patrimonio e l’erario) non ha oggettivamente utilità visto che la palese complessità del crimine dovrebbe impedire al singolo di intromettersi nelle indagini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  5. Piuttosto di Travaglio voto Nedved

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 24 votes)
  6. Comunque scherzi a parte io ho tutti amici civilisti e quando faccio questa domanda scompaiono nel cespuglio come Homer Simpson
    Per evitare che la prescrizione sia usata come alternativa al proscioglimento causa lungaggini non si potrebbero riformare in maniera radicale il codice penale e il codice di procedura penale?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  7. Tortora tutta la vita

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 12 votes)
  8. Ero troppo occupato a seguire il calciomercato e a tenere il conto dei terzini comprati dall’Inter che mi è sfuggito il dibattito sulla giustizia, poi non riesco a seguire un talk show politico (genere televisivo che deve tutto a Biscardi e al suo processo) da anni, e non conosco (e forse nemmeno mi interessa) la posizione dei due sulla questione. Comunque, preferisco mille volte un colpevole a piede libero che un innocente in carcere, penso che sia ragionevole che esista la prescrizione per molti reati, ma ritengo scandaloso che possa essere usata per evitare il processo, credo che l’organizzazione della giustizia risponda agli interessi di giudici, avvocati e dipendenti dei tribunali, ma non delle altre parti coinvolte (imputati, vittime, testimoni). Ultima cosa: farebbe bene a tutti noi pensare che nel ruolo del colpevole ci potrebbe essere un nostro figlio, il fenomeno inverso (vedere nostro figlio come vittima) mi sa che accade già un po’ a tutti noi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  9. Travy ieri sera letteralmente delirava dalla Gruber, parlando di stupratori colti sul fatto che sarebbero liberi. Ha scritto una stronzata, l’ha ribadita e ora forse resosene conto alza il polverone per sviare il discorso. Se davvero pensa di essere furbo, come dice la Tortora, se davvero se ne andasse a fare in culo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  10. Come principio ha ragione la Tortora, in rapporto alla realtà italiana sono più con Travaglio: gli errori giudiziari dipendono dall’incapacità-disonestà di singoli magistrati, non dal codice di procedura penale o dallo strumento della carcerazione preventiva. Il sistema attuale favorisce tattiche dilatorie di ogni tipo, basta avere i soldi per reggere anni di avvocati. E i criminali veri i soldi li hanno…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 17 votes)
  11. Direttore, tutto giusto

    ma Travaglio non concepisce l’errore del magistrato: è sempre colpa della politica, degli avvocati furbetti, del sistema, di Salvini (con una unica eccezione: l’avvocato Giuseppe Conte, che è diventato, per il direttore del Fatto, il Messia profetizzato da Aiazzone)

    come sempre, una sintesi tra il garantismo della Tortora e la sete di giustizia di Travaglio sarebbe la soluzione più corretta, ma non vedo grande volontà di ragionarvi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  12. A me sembra la solita polemica all’italiana basata su un argomento complesso che finisce a donne di facili costumi; jeremy ha perfettamente centrato il motivo del contendere ovvero “la custodia cautelare, spesso usata a mo di grimaldello piuttosto che come reale deterrente alla reiterazione del reato e/o all’inquinamento delle indagini in corso”, che è motivo di discussione almeno dai tempi di Mani Pulite (non collabori? Ti mando a farti un giretto per i raggi di San Vittore così ti ammorbidisci un po’); l’argomento è delicatissimo e come sottolineato da Stefano si può essere d’accordo con la Tortora dal punto di vista teorico e sposare la tesi di Travaglio per la situazione italiana; pur essendo uno che di giurisprudenza non capisce un’emerita mazza per me l’argomento sarebbe anche interessante (ed interesserebbe anche la massa visto che c’è gente che quotidianamente blatera di mettere in galera e buttar via la chiave anche quello che non paga una multa) ma si è finiti per parteggiare per una o per l’altra parte identificandosi con i due contendenti e non con gli argomenti portati avanti; due contendenti che ci hanno messo del loro per buttare la discussione in vacca; la Tortora tirando in ballo la vicenda del padre, vicenda che con l’argomento non c’entra quasi nulla, Travaglio facendo as usual il maestrino tirando fuori gli articoli della Costituzione e del Codice di Procedura Penale (sì, abbiamo capito che prevedono la custodia cautelare, ma non è che per questo le cose devono rimanere così e/o uno non può dire che andrebbero cambiate, perchè altrimenti saremmo ancora al Codice di Hammurabi); e la gente si è dimenticata del motivo del contendere e si è schierata pro o a favore del personaggio (in questo caso pro o contro Travaglio); basta vedere che qui uno che ha come nick name una crasi fra Italo Balbo ed Ettore Muti (due noti garantisti) e che parla (blatera?) ogni giorno di Tank e Siberia si è schierato con la Tortora (meglio: contro Travaglio).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +21 (from 23 votes)
  13. Ceresi,
    impossibile scriverlo meglio, d’accordo su tutto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)

Lascia un commento