Lerner o Belpietro?

Sta scatenando un putiferio l’articolo scritto da Gad Lerner per Il Venerdì di Repubblica. In cui afferma che “i vari Paolo Del Debbio, Giuseppe Cruciani, Mario Giordano, Maurizio Belpietro, Vittorio Feltri più altri epigoni minori, non sono forse i Telesio Interlandi, Giovanni Preziosi, Giorgio Almirante, Julius Evola, ovvero i difensori della razza dell’Italia di oggi?”.

Un intervento in cui Lerner non nasconde l’odiosità delle liste di proscrizione, sostenendo poi che “il linguaggio e gli argomenti adoperati da quei propagandisti del razzismo italiano novecentesco sono uguali identici a quelli adoperati dai loro epigoni contemporanei”.

Ecco che non sono mancate le reazioni, come ad esempio quella di Maurizio Belpietro che su La Verità ha tra l’altro commentato come trattasi di un “un elenco a futura memoria, perché ci si ricordi di loro quando Matteo Salvini non sarà più in auge, come ovviamente l’editorialista della lotta di classe si augura. Io e i colleghi di altri giornali accostati a un elenco di scrittori e giornalisti che «si macchiarono di antisemitismo». Anzi definiti «i nuovi difensori della razza», anche se di razza credo che nessuno di noi (parlo per me, ma credo di poterlo fare a nome anche di qualche altro amico) abbia mai parlato o scritto. Credo ci sia poco altro da aggiungere alla faziosità di un tipo che si autodefinisce «Infedele»”.

Vi invitiamo quindi a leggere il testo completo di Gad Lerner e quello della risposta di Maurizio Belpietro, nonché il commento al vetriolo di Giampiero Mughini su Dagospia che afferma “Lerner invita a leggerlo riga per riga, parola per parola, nome per nome. L’ho fatto e ne sono rimasto allibito, allibito da tali porcate intellettuali degne di un semianalfabeta”, per poi votare il ‘Di qua o di là’ di oggi che mette a confronto due giornalisti italiani ma anche e soprattuto due modi pensare la società e le cose del mondo. Se fossimo sul sito di un grande giornale di informazione tutto si risolverebbe nel lettore di destra che vota Belpietro e in quello di sinistra che vota Lerner, per risultati vicini al 50%. Ma l’Uomo Indiscreto, liberale per costituzione, saprà andare oltre le maschere di Belpietro e di Lerner, andando a quello che rappresenta il nucleo del problema: è più fascista esprimere concetti di destra, più o meno estrema, o compilare liste di proscrizione? Belpietro o Lerner? 

Lerner o Belpietro?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.3/10 (32 votes cast)
Lerner o Belpietro?, 6.3 out of 10 based on 32 ratings

22 commenti

  1. z

    Belpietro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 12 votes)
  2. c

    Lerner è italiano?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 20 votes)
  3. K

    “Lerner è nato a Beirut, in Libano, il 7 dicembre del 1954 da una benestante famiglia ebraica, stabilitasi in Palestina sin da prima della fondazione dello Stato ebraico, e dove tuttora vivono molti dei suoi parenti. Il padre, Moshé Lerner, nacque nell’allora kibbutz di Haifa da genitori galiziani originari di Drohobyč (una cittadina al secolo parte dell’Impero austro-ungarico, attualmente in Ucraina), mentre la madre, Revital Taragan, nacque a Tel Aviv, ma si trasferí con la famiglia in Libano giovanissima, da Joseph Taragan, un ricco mercante turco, e da Zipora Taragan, figlia a sua volta di intellettuali lituani, aderenti al movimento politico Hovevei Zion.[1]

    Lerner visse a Milano sin dall’età di tre anni. Apolide, chiese la cittadinanza italiana, a cui aveva diritto dal 1967 (come apolide ivi residente da dieci anni), all’età di tredici anni, ma dovette aspettarne due a causa della burocrazia, per ottenerla nel 1986 e solo grazie al primo matrimonio con una cittadina italiana.”

    Da Wikipedia

    Ora cortesemente mi spieghi cosa cambia se è italiano o meno; se scrive delle puttanate sono delle puttanate sia che sia italiano o che non lo sia, se scrive cose condivisibili idem.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +21 (from 31 votes)
    1. c

      Non ho scritto io l’articolo dove troviamo mette a confronto due giornalisti italiani. Come mai ha scritto così e non che hanno entrambi i capelli o che indossano sempre un abito? Cosa aggiunge al sondaggio dire che sono entrambi italiani? Come mai si è deciso di fare tale precisazione? A mio parere, perché se non fossero entrambi italiani, la risposta a Lerner sarebbe “fatti i cazzi tuoi che non sei neanche italiano e vieni qua a pontificare.”

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -11 (from 31 votes)
  4. M

    Troppo facile fare come fa Lerner e troppo rodato il meccanismo. Appoggiarsi ai proclami roboanti, alle categorie obsolete ed infamanti.
    Spari il tuo proclama e te ne stai steso nel tuo posto al sole senza argomentare. Non credo che cambierà ora un approccio
    che gli ha portato grande “fortuna”.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 9 votes)
  5. R

    Stesso giochino fatto in passato sull’altra sponda da chi tirava in ballo Stalin, Vijinski o Beria. Ai massimi livelli e con editti bulgari a corollario.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 9 votes)
    1. M

      Ciò non toglie che sia un modo d’agire meschino. Si potrebbe porre un freno a questi automatismi da anni di piombo e di lotta (castrati) ma invece ci si rimbalza le etichette a vicenda. Pessimi.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +6 (from 6 votes)
  6. G

    Lerner.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -15 (from 25 votes)
  7. K

    Non so, a me sembra il classico giochino delle parti, uno grida “fassista”, l’altro risponde “cummunista (col Rolex)” e poi ricevono i cinque alti e/o gli applausi all’interno della propria parrocchietta.
    Personalmente ritengo aberranti alcune uscite dei vari Feltri e Cruciani (persone non idiote e banali che a mio parere recitano una parte per proprio tornaconto fregandosene del fatto che rischiano di sdoganare il non pensiero di alcuni subumani) ma trovo altrettanto aberrante gridare ogni santo giorno al Fascismo che sta tornando (senza magari chiedersi perchè si sia arrivati a certe conclusioni e sul perchè questo continuo gridare “Al lupo al lupo” stia ottenendo l’effetto opposto a quanto desiderato). Concordo con chi dice che più che tornare al Fascismo stiamo rischiando di tornare agli Anni di Piombo, e non credo sia tutto questo grande affare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +28 (from 32 votes)
    1. t

      Concordo in pieno sulla prima parte (gente che recita la parte per la propria parrocchietta e per tornaconto personale).
      Sulla seconda parte invece vorrei essere ottimista, ma ci sono alcuni indicatori piuttosto allarmanti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 8 votes)
  8. f

    Tutta una generazione di gente che deve estinguersi e che inevitabilmente lo farà
    Io penso che in futuro l’ipocrisia della sinistra Lerneriana, Faziana, Jovanottiana,Bignardiana, la peggiore, salottiera e mediatica, non potrà avere nessuno spazio.
    Graize a Dio.
    Almeno Feltri sarà un rincoglionito, ma il suo vanto è essere libero, e fare come cazzo vuole e dire quel cazzo che vuole.
    Questa gentaglia francamente, Dio Santo, devono davvero adeguarsi al tempo presente e scomparire .

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 33 votes)
  9. B

    Larner e Feltri sono le facce della stessa medaglia.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 16 votes)
  10. c

    Ma ovviamente quelli di destra, per il semplice fatto che dicono qualcosa di politicamente scorretto in un mondo di paraculi e perbenisti del cazzo col culo degli altri: fantastico Feltri quando dice che dei negri non gliene frega un cazzo perché lui non ci ha niente a che fare e vivono lontano da lui, invitando gli altri minchioni sinistrati in studio ad ammetterlo pubblicamente.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 16 votes)
  11. A

    per affetto direi Lerner perché ricordo il suo talk show del mercoledì sera con ospiti solo filologi 80enni capaci di passare un quarto d’ora a discutere dell’empiriocriticismo o della posizione di una virgola in una lettera di Eraclito, incredibile che una cosa del genere andasse davvero in onda
    Belpietro però è quello che è sopravvissuto al terribile attentato nei suoi confronti
    alla fine devo vigliaccamente votare il classico meteorite

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 8 votes)
    1. B

      autoattentato

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 8 votes)
  12. j

    Che poi gridano al fascismo gli stessi personaggi che vorrebbero rivedere il suffragio universale. E che fanno liste di proscrizione. Concordo con Krug, il problema è qualche stronzo che crede di fare il rivoluzionario e inizia a sparare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 16 votes)
  13. C

    Comprendo (e compatisco) il livore di Lerner verso la “razza italica” perché si porta nel sangue un retaggio antico d’invidia da parte di una razza di schiavi e mercanti nei confronti dell’aristocrazia sacerdotale e guerriera bianca.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 26 votes)
    1. L

      Meriti più uno in ogni caso.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)
    2. M

      Si ma questa non è una trollata: questo è il primo contatto di una civiltà extraterrestre. È l’ingresso di un dio nel Valhalla❤️

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 6 votes)
  14. G

    Hanno aperto I gabbioni?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 13 votes)
  15. D

    Non riesco a votare ma riesco a rispondere al quesito finale: è sicuramente più fascista dire cose di destra, le liste di proscrizione sono invece una cosa tipicamente comunista (anche se un amico su Facebook mi ha spiegato che i comunisti non esistono più mentre il pericolo fascista è reale…).
    Un caro amico ha da poco acquistato ad un’asta – per la cifra di qualche centinaio di € – un numero di Lotta Continua in cui venivano pubblicati nomi, foto, indirizzi, numero di telefono di attivisti, poliziotti, giudici, avvocati, politici, giornalisti ecc. sgraditi. Traduzione: “andate e ammazzate”.
    Si può dire il peggio che si vuole dei fascisti, ma i comunisti nella loro viltà riescono sempre a farmi un cicinìn più schifo…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +12 (from 20 votes)
  16. A

    Momento epico di televisione, la telefonata di Berlusconi a Lerner:

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)

Lascia un commento