Tonya, la campionessa degli esclusi

Il migliore film sportivo degli ultimi anni è senza dubbio Tonya, anche perché non è un vero film sportivo ma una storia di bianchi poveri e incazzati di provincia (East Portland) che difficilmente trova spazio nella cinematografia mainstream, ormai rivolta ai ragazzini o ai buoni sentimenti, né tantomeno in quella d’autore in cui gli emarginati sono di solito neri, omosessuali, immigrati, madri coraggio, handicappati, bambini abusati, eccetera. Visto con colpevole ritardo qualche giorno fa al cinema Ariosto, a poche file di distanza da Federico Buffa (e forse anche Ridge Bettazzi, che ancora aspetta il biopic su Klopp), Tonya non lascia indifferenti. Lo sport ovviamente c’entra perché il film diretto da Craig Gillespie è una versione pseudo-documentaristica della storia di Tonya Harding, pattinatrice su ghiaccio due volte ai Giochi Olimpici (fu quarta ad Albertville 1992) ma ricordata soprattutto per l’aggressione alla collega Nancy Kerrigan qualche settimana prima dei Giochi di Lillehammer 1994, ideata dal suo (suo di Tonya) ex marito ed eseguita da una banda di disadattati mitomani.

Un caso che fece davvero epoca in tutto il mondo, contrapponendo sul piano mediatico la buona Kerrigan alla cattiva Harding, fra l’altro amiche fino al momento della bastonata al ginocchio che costrinse Nancy a una corsa contro il tempo per partecipare a Lillehammer dove pur azzoppata confermò l’argento di due anni prima (Tonya fu ottava). Una storia stranota, non fateci copiare da Wikipedia ma andate direttamente su Wikipedia, con le responsabilità della Harding probabilmente meno gravi rispetto a quanto dice la condanna esemplare invocata da mezza America e poi arrivata. Una storia che nel film però non oscura quella di Tonya (interpretata da una splendida Margot Robbie, da noi apprezzatissima in Pan Am e troppo bella rispetto all’originale: una onesta concessione al botteghino) e di tutte le Tonya del mondo, ragazze di provincia o di periferia che sognano in grande pur vivendo in piccolo, anzi piccolissimo. Centrale è la figura della madre LaVona, cameriera che su di lei riversa tutta la sua voglia di riscatto pur essendo anaffettiva e cosciente che quelli come come Tonya e come lei il fallimento ce l’hanno nel DNA, arrivando al punto di pensare di meritarsi ogni male.

Solo così si spiega il matrimonio da adolescente con il debole Jeff Gillooly, portato avanti nonostante violenze di ogni tipo e un atteggiamento infantile (il marito la picchia, ma lei si arrabbia quando non le prende i gelati della sua marca preferita) portato all’estremo. Solo così si spiega il rapporto con lo sport, unica forma credibile di riscatto per chi è fuori da ogni giro, non ha la possibilità di andare al college e crede che il sogno americano sia fondamentalmente una truffa. Per questo Tonya non lancia messaggi storici, ma spera almeno di salvare se stessa. Per questo Tonya quasi non ascolta le sue allenatrici, da Diane Rawlinson (praticamente una sosia di Nancy Brilli)a Dody Teachman, che cercano di farla aderire a un canone. Il canone a cui la Kerrigan, peraltro di origini umili come la Harding, aderiva con più entusiasmo.

Il problema sportivo è che nel pattinaggio artistico Tonya era bravissima (prima americana ad eseguire il triplo axel), ma non rappresentava il modello fatina che molti spettatori e spettatrici del pattinaggio amano e si aspettano. Per non parlare delle scelte musicali… Massacrata regolarmente dai giudici per la parte artistica, nella sua esibizione con la musica (Sleeping Bag) degli ZZ Top c’è tutta la rabbia e la periferia del mondo. Un inviato di Repubblica parlerebbe di white trash e di America che ha votato Trump, un normale piccolo borghese o proletario (ormai non c’è differenza: chi sta tutto il giorno a digitare cazzate su una tastiera non ha più chance di un cameriere) di ogni parte del pianeta, anche senza storie tragiche alle spalle, potrà invece riconoscersi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.9/10 (10 votes cast)
Tonya, la campionessa degli esclusi, 7.9 out of 10 based on 10 ratings

8 commenti

  1. e

    Mi immagino un Buffa tutto solo soletto a guardarsi il film…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  2. t

    Buon film, anche se montaggio da mal di mare. L’amico del marito spassosissimo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  3. T

    ancora non visto, ma una recensione/analisi sociopolitica così di un film merità una standing ovation umile, deferente e ammirata… mereghetti chi???

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  4. M

    Margot, ero al cinema a vedere “The wolf of Wall Street” e ce ne stavamo per andare a bestemmie per aver buttato otto euro
    quando tu sei sbucata fuori nella stanza di Di caprio tutta nuda, in piedi a fianco a quella porta. Dopo quella scena ce ne siamo andati lo stesso
    ma hai riempito la nostra serata. Grazie.

    Ps: mi è capitato di vedere un film da solo al cinema, nel senso che in sala c’ero solo io ed il film era “Paz!”. Film gradevole tra l’altro ed esperienza
    non da cestinare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  5. K

    Penso anche la nottata ed anche qualche notte successiva…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  6. A

    A me è capitato anche di vedere film da solo: l’ultimo è stato Ghost Storie.
    Il Vantaggio? Non dover mantenere un contegno e poter spaventarmi come un ragazzetto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. G

    Le ultime cinque righe sono il motivo per cui vengo regolarmente su Indiscreto. Senza bretelle.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  8. A

    Recensione meravigliosa, ma non mi trova d’accordo sul racconto del film.
    Alla fine questa è la versione della Harding che ha anche preso parte al tour promozionale del film (il titolo originale è I, Tonya), e alcune prove lasciano più che pensare ad un suo coinvolgimento diretto.
    Di certo la sua carriera stava già perdendo quota, complice probabilmente la sua instabilità familiare: il picco nel 91 con il triplo axel e l’argento mondiale, ma già il quarto posto fu “una sconfitta”.

    Le ricostruzioni delle gare e la cura nei dettagli ne fanno un film davvero pop e divertente.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi