Morte della Confederations Cup

Buon per la FIFA che in Russia sia presente il più forte giocatore del mondo, se no questa Confederations Cup sarebbe già da subito, prima ancora di guardare le partite, la più triste di sempre. Guardando le rose delle otto partecipanti si fa fatica a trovare giocatori che nell’ultima stagione abbiano giocato da protagonisti in un club di primissima fascia europea: Cristiano Ronaldo, Vidal, Ter Stegen, Claudio Bravo, Alexis Sanchez, Draxler e poi sinceramente facciamo fatica ad andare avanti. Colpa indubbiamente della Germania, che ha mandato in Russia una autentica squadra B, della nazione ospitante che è al livello forse più basso della propria storia calcistica, e delle situazioni continentali che hanno privato il torneo delle varie Brasile, Spagna, Italia, Uruguay (tutte e quattro presenti quattro anni fa in Brasile), Argentina, Inghilterra, Francia, con tutto il rispetto per Portogallo e Cile che il rispettivo torneo lo hanno vinto e non sono certo usurpatori. La doppietta Australia-Nuova Zelanda (gli australiani rappresentano l’Asia), poi, non abbassa il livello ma nemmeno lo alza. Non c’è dubbio che questa competizione abbia ormai perso il suo significato originario, che era quello di un piccolo Mondiale da giocarsi ogni due anni e da portare nel tempo (questo il sogno di Blatter) a sedici partecipanti quasi tutte di primo livello attraverso wild card e altri trucchi. L’operazione non è riuscita, per l’opposizione un po’ dei grandi club europei e molto delle confederazioni continentali che pensavano (a ragione) che il loro Europeo e la loro Copa America avrebbero perso di significato, così dal 2005 la manifestazione è diventata quadriennale e altro non è che una prova generale organizzativa in vista del Mondiale. Da moribondo questo torneo si trasformerà probabilmente in morto, visto che nelle intenzioni della UEFA la neonata Nations League (si parte l’anno prossimo) avrà cadenza biennale, con fase finale negli anni dispari.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Morte della Confederations Cup, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

1 commento

  1. M

    La Confederetion del 1997 uno dei tornei più belli che io ricordi.
    Ronaldo e 1997, ho detto tutto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi