Pizza Hut è fallita?

Pizza Hut è fallita? In concreto: potremo ancora mangiare la particolarissima pizza della catena americana, che ci è nel cuore per diversi motivi? La risposta, allo stato attuale, è la seguente: Pizza Hut non è fallita, ma il suo maggior licenziatario negli Stati Uniti, che si chiama Npc (che gestisce circa 1.200 Pizza Hut e 400 Wendy’s), ha chiesto il Chapter 11 e quindi si sta ristrutturando cercando di salvare le attività sane. Fra cui appunto Pizza Hut.

La cui pizza è un delle poche che non si può trovare in Italia e che quindi andiamo a cercare ogni volta in cui siamo all’estero. Non è in Italia non perché inadatta al gusto italiano, come si scrive spesso (a sproposito, visto lo spazio per qualsiasi tipo di pizza), ma perché i suoi diritti di franchising sono detenuti da Autogrill, a sua volta controllata dai Benetton. Autogrill che evidentemente non vuole fare concorrenza ai suoi Spizzico, con una scelta secondo noi sbagliata. Fra l’altro la pizza di Spizzico è una delle poche nel mondo davvero tristi.

Ma tornando a Pizza Hut, bisogna ricordare che da fenomeno americanissimo (uno dei suoi fondatori, Frank Carney, ha in tempi più recenti fondato Papa John’s, quindi stiamo parlando di un genio), consegnato all’eternità dal leggendario spot con Donald e Ivana Trump, adesso ha quasi 19.000 ristoranti, anche nei posti più impensabili del mondo. Ed una volta, forse la volta in cui siamo stati peggio in vita nostra, trovammo in Marocco un Pizza Hut praticamente in mezzo al nulla: fu come l’arrivo della cavalleria, un momento emozionante come pochi. Quel bordo ripieno di mozzarella ci guarì da tutto.

Quanto al presente, Pizza Hut ha fatto molto bene nel periodo Covid, visto che già era posizionato bene sul delivery, e non ha in ogni caso senso parlarne come di un’entità unica, vista la sua capacità di adattarsi alle esigenze locali (soprattutto in Asia) e ai cambiamenti culturali: mai negli anni Ottanta avremmo immaginato che un giorno di ci saremmo da Pizza Hut ingozzati di Veggie Pepperhoni (scritta proprio con la acca, inutile spiegare agli amanti del genere cosa significhi Pepperoni). Impossibile quindi che scompaia come marchio, in un mondo dove contano solo i marchi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.0/10 (9 votes cast)
Pizza Hut è fallita?, 7.0 out of 10 based on 9 ratings

93 commenti

  1. ma perchè Donald la mangia al contrario?
    comunque piace anche a me

    ps: ottimo articolo per attirare orde inferocite di napoletani 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 10 votes)
    1. “Crust first”… c’era dietro tutto un messaggio su come sdoganare la pizza con la crosta (stuffed crust pizza) associandola a una espressione che ha davvero tanti significati (e sottointesi) diversi…. da ricordare che i due erano già divorziati e che lo spot ebbe un successo clamoroso

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
      1. Paolo, ricordavo che “eat the crust” era un modo colloquiale simile al nostro “gli piace il pesce”, quindi sottointeso a qualcosa di omosessuale
        Ricordo correttamente? O c’erano differenti sottointesi?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 2 votes)
        1. esatto, è uno di qui sottintesi cui mi riferivo

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 0 votes)
          1. quali altri conosci? curiosità mia 🙂

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 0 votes)
            1. altro che passarci l’appetito…

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: 0 (from 0 votes)
      2. “da ricordare che i due erano già divorziati” – infatti alla fine, “you’re only entitled to half”.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +3 (from 3 votes)
      3. infatti alla fine gli dice che ha diritto solo a metà dell’ultima fetta

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Ma davvero vi piace? 😯

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 9 votes)
  3. Mi ha permesso di sopravvivere a Londra quando avevo 18 anni: che Dio l’abbia in gloria. Poi a me come pizza piace anche, mentre Spizzico sembra una suola secca.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  4. Sono legato a Pizza Hut da dolci ricordi. Quando stavo in Germania per l’Erasmus ci andavamo spesso, specialmente nelle serate all you can it in cui da giovani squattrinati e affamati con 9,90 marchi (mi fa sentire vecchio nominare i marchi…) ci si riempiva di degnissima pizza. E passi che poi ci si beveva dietro una quantità di birre tale da far sballare i nostri magri conti economici…ricordo quando un amico lettone che sembrava un incrocio fra Kucka e Nembo Kid in una serata divorò 22 tranci. Se è ancora al mondo, questa notizia sicuramente lo rattristerà.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  5. Prima di tutto, applausi per la strameritata citazione dell’abominevole pizza Spizzico, carissima e insulsa, una vergogna per la tradizione italica di ogni latitudine. E poi, mi associo alle lodi della pizza Hut. A me piacciono di più le pizze italiane, senza particolare predilezione per quelle di tipo napoletano o romano, mi piacciono davvero tutte, però la pizza Hut, che ho mangiato molte volte ma solo negli Stati Uniti, è diversissima e straniante, però non in senso negativo. Dà un senso di pienezza al palato (e allo stomaco…) che magari è dovuto anche al litro di coca cola che obbligatoriamente la accompagna ma che rilascia, non so come spiegarlo, ottimismo. Detto questo, è incredibile constatare come per gli americani quella è “la” pizza, e quando mi è capitato di fare loro assaggiare, che ne so?, una bufalina in Italia, saltano dalla sedia. Il sapore del pomodoro fresco e della mozzarella di bufala è qualcosa di alieno per loro.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  6. Pizza hut non è pizza. Se non dimentichiamo questo punto, è comunque un junk food apprezzabile. Però se vicino c’è una pizzeria che fa una pizza decente (veramente minimo sindacale ovvero cotta e non gommosa) non so come si possa andare da pizza hut. Su Dominos non apro nemmeno il discorso, un essere umano normale non puo mangiarla piu di una volta volontariamente in vita sua.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 18 votes)
  7. Special guest Spizzico. Altro posto per tossici in fame chimica o da disperazione in autostrada. Da evitare come la peste, loro non fanno una pizza da minimo sindacale. Meglio scongelare al sole una pizza del lidl e mangiarla cosi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 15 votes)
  8. da bravo napoletano l’ho mangiata a Londra e mi è piaciuta abbastanza, bella inguacchiata e saporita. non mi piaceva la versione deep pan perchè troppo panosa.

    ovviamente per gli amanti del cornicione ripieno (gli americani non hanno inventato nulla) consiglio quello ripieno di ricotta e mozzarella (vera) che fanno tante pizzerie a Napoli.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  9. Episodio pizza a Bruxelles con Poli. Prima di approcciarci al pub dove vedere il quarto psg city andammo a mangiarci una pizza oscena in un posto a fianco. Mi sono vergognato per il mio paese d’adizione nei confronti dell’olandese in visita. Spero siano falliti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
    1. Ah ah cazzo è vero…. che memoria Jer. La vita mi trattiene ancora in Batavia m ormai manco da Bruxelles da più di 1 anno….

      Ps. Secondo me pizza hut fa schifo ma vedo che sono in assoluta minoranza…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  10. Pizza Hut migliore pizza dell’universo: cuore morbido e fondo croccante, dolce, ricca, ci affondi la bocca e la faccia se vuoi. Facile da mangiare, da tagliare, da dividere.
    Comfort food al massimo livello.

    Arrivi, ti siedi, stai comodo, stai largo, nessuno ti deve e ti vuole spiegare nulla del menu e degli ingredienti.
    Pura chiacchiera con gli amici. E tu intanto mangi, con soddisfazione.
    Il cibo è una necessità prima di essere un interesse.

    P. S.
    Le sedie delle pizzerie italiane – indipendenti o catene – fanno cacare. E in generale quelle di quasi tutti i ristoranti.
    Pensano che ti stanno vendendo solo roba da mangiare e invece siamo lì quasi sempre per qualcos’altro…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 10 votes)
  11. peggior pizza mai provata, pure sotto le pizze cameo, ma magari sono stato sfortunato.

    nelle grandi metropoli ormai trovi 1,2,7 pizzerie che fanno pizza napoletana di livello paragonabile a quella che si trova in italia.

    menzione per new york dove trovi una varieta’ incredibile. Io non davo due lire a Rubirosa e invece mi piacque molto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  12. Ci sono andato una volta non ricordo dove. Dopo una fetta l’ho buttata, e avevo una fame pazzesca. Ero abituato all’idea della pizza che ti dà gioia a mangiarla, come il gelato per i bambini. Con quella pizza non c’eravamo proprio.

    Si può dire che la pizza è il gelato degli adulti? Una cosa seria anche senza essere napoletani..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  13. Mai mangiata, ma sulla pizza sono abbastanza talebano quindi se devo andare di junk food di sicuro non vado
    sulla pizza ma magari su un triple whoopper+patatine+due double cheese di mcDonalds.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  14. Il fatto che molti utenti confermino che per mandarla giú servano almeno 2 litri di coca/birra non depone a favore della leggerezza dell’impasto 😀

    Se proprio, continuo a preferire la piú scrausa delle margherite da asporto dell’egiziano all’angolo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  15. da amante della pizza napoletana (banshee, che voglia di tornare!)… promuovo pure io a pieni voti pizza hut, pur avendola frequentata solo in quel di londra e in una prima fase di visite abbastanza turistiche nella capitale inglese.

    poi, da vero uomo indiscreto, mi sono dedicato solo a localini misconosciuti di quartieri in espansione immobiliare per poter dire “io ci andavo prima che timeout lo segnalasse fra i 50 locali più trendy di cucina indiana con influenze sudamericane e camerieri gay”

    mentre tutti citate donald e ivana, io conquisto le simpatie dell’ala intellettualoide con le parole di david byrne in “nothing but flowers”:

    This was a Pizza Hut
    Now, it’s all covered with daisies
    You got it, you got it

    (da provinciale polentone in visita nella capitale morale: quella di spontini non può lontanamente assomigliarci?)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
    1. Il pur apprezzabile Spontini è più simile a un trancio da panetterie di ottimo livello che a Pizza Hut… al di là del fatto che non abbia varianti e che uno dei plus di Pizza Hut (soprattutto per noi di una volta) sia proprio la composizione della pizza, con relative discussioni…. presto un articolo sulla buonissima pizza al tegamino torinese, cugina alla lontana della Pan Pizza di Pizza Hut….

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)
    2. Quella di Spontini e’ ideale per riempirti lo stomaco tipo pitone che inghiotte un bue indiano 😀

      Da tossico di formaggio, la prendo sempre con doppia mozzarella. Se senti gridare, e’ il mio colesterolo.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 4 votes)
  16. Mah, se si tratta di sopravvivere o si e’ mezzi ubriachi alle tre del mattino, quelle troiate vanno benissimo. Segnalo New York Pizza, commestibile e unta al punto giusto, con i pizzaiolo marocchini che parlano di Juve Ajax mostrando i tre denti rimasti come extra servizio.

    Ma chi ci va da sobrio o potendo mangiare pizza vera, dovrebbe restituire il passaporto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  17. per quanto mi riguarda l’unica pizza hut che ricordo volentieri è quella di dj otzi dopo innumerevoli doppiette di kleines bier + schnaps alla pera williams durante gli apres ski

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  18. Boh, io mangio di tutto ovunque però non capisco perché si debba mangiare la pizza all’estero e in particolare sti troiai.
    Detto questo lunedì ero a pranzo con un cliente a greve e ho letto nel menù pizza al tegamino. Non sapendo cosa fosse ho chiesto al cameriere e mi ha spiegato. Ecco mi ha messo la stessa tristezza che mette spizzico al direttore… Boh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. Appena emigrato lo dicevo anch’io.

      Dopo sei anni, mi sono arreso.. ogni tanto ci vuole.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
      1. Filo, se non ricordo male vivi ad Amsterdam, giusto?
        Anch’io nei momenti di astinenza prolungata da pizza preferivo New York Pizza ad altre opzioni.
        Poi ho scoperto due ottime pizzerie italiane: FuocoVivo e Le 4 Stagioni. Se non le conosci già (e se sono ancora aperte) te le consiglio.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 2 votes)
        1. Giusto, e grazie per le dritte.

          Di solito vado alla Zoccola del Pacioccone e da Eatmosfera, anche se gli amici sono affezionati a Pazzi. Recentemente hanno aperto Nnea, eccellente pizzeria napoletana dove non capiscono l’italiano se hai l’accento del nord.

          Incredibile come ogni italiano abbia preferenze diverse.. se chiedi a 10 italiani dove mangiare la pizza, ottieni 15 risposte diverse.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 2 votes)
          1. ci vuole una puntata di Little Big Italy…

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +1 (from 1 vote)
          2. A natale ho mangiato in un posto di merda vicino piazza dam, finto italiano. Orribile, pure ai belgi ha fatto schifo. Cazzi loro perché lo hanno scelto loro Invece consiglio l’all you can eat asian vicino al palazzo reale. Quello meritava.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 0 votes)
            1. Il posto asian si chiama MIU. Il posto di merda non ricordo purtroppo

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: 0 (from 0 votes)
              1. Ci mangiai una volta con una rumena, non male.

                La prossima volta che passi chiedi pure, ormai mi sto facendo un PhD in ristoranti..

                VN:F [1.9.22_1171]
                Rating: +1 (from 1 vote)
                1. Non male la rumena o il ristorante? 😄

                  VN:F [1.9.22_1171]
                  Rating: +4 (from 4 votes)
                  1. Entrambi 😀

                    VN:F [1.9.22_1171]
                    Rating: +1 (from 3 votes)
                2. In ristoranti eh che non fumo e vengo con la consorte LOOOOOOOL comunque vorrei fzrmi un we quest’estate visto a Natale ho visto solo puttane coffee shop e negozi con i belgi. Orrore i musei, che cazzo vai a vedere? Dei quadri?!? Testuali parole. Le bestie

                  VN:F [1.9.22_1171]
                  Rating: +4 (from 4 votes)
                  1. Se vieni con la moglie, direi una giornata in citta’ con tour dei canali in barca per fare le foto, pranzo e cena in ottimi ristorante, poi giro alcolico nei migliori locali (ne vale davvero la pena). Il giorno dopo giro nel pittoresco villaggio di Giethorn, e magari un salto al mare a Scheveningen o Bloemendaal o Castricum o Nordwijk a bere vino bianco al beach club.

                    Se i giorni sono tre, vale la pena di farsi un giro a Rotterdam in centro, con aperitivo su rooftop con vista sui grattacieli.

                    Qua si beve molto, ma fa parte dell’esperienza olandese.

                    VN:F [1.9.22_1171]
                    Rating: 0 (from 2 votes)
                    1. I musei non hanno bisogno di presentazioni, consiglio anche quello di Banksy. Tanto sono tutti nello stesso piazzale.

                      VN:F [1.9.22_1171]
                      Rating: +1 (from 3 votes)
                    2. Mi basta il Belgio per il bere. Giro in barca gia fatto vorrei girare veramente i musei e vedere le zone fuori dal casino di zona Dam

                      VN:F [1.9.22_1171]
                      Rating: 0 (from 0 votes)
                    3. Post quotabile, ma non Scheveningen nè Rotterdam, l’han dovuta ricostruire e l’han ricostruita male… se passi da ste parti scrivimi, la mia mail dovresti averla ancora…

                      VN:F [1.9.22_1171]
                      Rating: 0 (from 0 votes)
          3. E difatti per me Nnea è tutto marketing, posto rumorosissimo e pizza nient’altro che ok.
            Estmosfera non ha il forno a legna, non credo serva aggiungere altro.
            Fuocovivo prima pizza Dutch è ancora oggi una delle migliori. Pazzi molto buona, consiglio Pizza Beppe (quello in Centuurbaan non quello in Nassaukade). In zona west (dove abito) sono buone anche Faam e la Piccola Baracca (posto diciamo chiacchierato, se segui le news locali sai perché).
            Come Delivery Io mammeta e tu imbattibile nel rapporto qualità prezzo.
            In generale Amsterdam come capitale Europea nettamente sopra media per quantità e qualità delle pizzerie italiane (mille volte meglio di Parigi che conosco bene…)

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: -1 (from 1 vote)
          4. Ad amsterdam conoscevo un bel posto chiamato daportarevia

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 0 votes)
  19. Sentito ieri al tg e mi sembrava strano trattandosi di un colosso, e infatti…
    Mangiata anch’io a Londra e pensavo peggio sinceramente
    Ma la riproverei solo se non avessi alternative

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  20. io quando sono all’estero e voglio buttare via mesi di dieta e palestra in una sera digito su internet “Man vs Food + nome città” e mi ci fiondo…..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  21. Capiamoci se si tratta di buttare qualcosa nello stomaco ci può anche stare (nell Inter Rail del 1992 ho mangiato cose che voi umani non potete nemmeno immaginare, ricordo ancora adesso con terrore l’odore dell’Appenzel mangiato una sera in Svizzera), se si tratta di andare a mangiare “pizza” non vado da Pizza Hut, anche se poi finisce anche peggio che ad andare da Pizza Hut; sempre nell’Inter Rail del 1992 arriviamo a Copenhagen dopo quasi un mese di viaggio e dopo quasi un mese di esperienze nutrizionali alternative (traduzione: si mangiava al risparmio fra supermercati, street food che allora non si chiamava street food ma baracchini, prodotti da panetteria a basso costo, catene low cost ed altro); la voglia del caro vecchio cibo di casa avanza ed i prezzi danesi (tremendi anche nei supermercati) ci indirizzano verso la cara e vecchia pizza (se dobbiamo salassarci salassiamoci per del cibo decente); incrociamo Pizza Hut che propone anche una pizza dedicata a Joe Montana (ed anche da tifoso dei Cowboys come fai a resistere al più grande di sempre?); stiamo per entrare quando l’orgoglio patriottico ci trattiene e ci indirizza verso una pizzeria italiana il cui proprietario è sufficientemente scuro per risultare credibilmente originario del Sud Italia; entriamo dentro e dopo dieci minuti di sbavate sul menu ordiniamo affettati della casa (sognando prosciutto di Parma, soppresse calabre, finocchiona e altre delizie) e pizza Margherita (visti i prezzi era già tanto); morale della favola ci arriva un piatto di salumi con dentro il salume cotto tipo Cracovia ed un salame che il porco l’aveva visto in cartolina da piccolo e una pizza con un formaggio bianco che assomigliava vagamente alla mozzarella (diciamo che avevano un parente in comune ai tempi di Harold I Bluetooth) ed il prezzemolo invece dell’origano. Quell’Interrail era stato foriero di bestemmie fra una rapina subita ad Amsterdam (da italiani…), svalutazione della lira del 25% durante il viaggio ed altre avventure notevoli ma penso che in quella pizzeria abbiamo abbondantemente doppiato il numero di bestemmie dette in tutto il mese.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 12 votes)
    1. Ma poi Inter-Rail com’era finita? 🙂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 11 votes)
      1. 3-1, decisivo Baggio dalla panca con una doppietta!

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +3 (from 5 votes)
    2. fatto InterRail nel 90 e 91, esperienza favolosa!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  22. mangiata una volta in America, tanto per poter dire “ho mangiato da Pizza Hut” (un po’ come avvenuto quando andai da Subway…)

    ovviamente parliamo di una cosa totalmente diversa dalle nostre pizze tradizionali, quindi che nessuno si sogni di dire “eh, ma quella di Starita era migliore” 🙂

    giudizio? pensavo peggio, probabilmente non ci tornerei, ma di sicuro (attenzione, questo si) migliore di uno Spizzico che oggettivamente mi mette una tristezza unica (ed è carissima). Vorrei provare Domino’s, ma solamente per poter apporre una bandierina sul mio personalissimo Barone Rosso Gastronomico.

    ps: a Stoccolma durante un epico Interrail andavo spesso a mangiare pizza in un posticino nascosto in Gamla Stan. Perchè lo facevo? non perchè fossi impazzito, ma perchè nel ristorantino ti offrivano un “free buffet di verdure” assieme alla pizza, e di fatto rappresentava l’unica fonte “economica” (metto tra virgolette, perchè a Stoccolma di economico non c’era molto…) di approvvigionamento di vitamina C e di cibo simil-sano

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  23. “Ci mangiai con una rumena.”

    Prima o dopo?
    Fa tutta la differenza del mondo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
    1. Prima, e vorrei dichiarare che non era una delle (tante) che lavorano in vetrina.

      Altrimenti altro che Sushi…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 3 votes)
  24. Mangiata ad Almeria, poi più. Non la ricordo come una cosa memorabile, ma è passato del tempo. Come altri l’ho mangiata durante un interrail. Saluti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  25. Occhio che i piu

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  26. Occhio che i piu giovani qui dentro potrebbero davvero chiedere in che campionato gioca il rail, e perché fa venir cosi fame guardarlo giocare contro l’inter…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  27. Pizza Hut snobbata in favore di Domino’s, fornitore per eccellenza in quanto più vicino al campus e dunque con tempi di consegna umani. Sarà che sono passati più di trenta anni ma non ricordo di essermi offeso nel mangiarla anche se la scoperta dell’esistenza di una loro pizza hawaiana (cotto e ananas) mi fece rabbrividire. Qualche volta alternato con Franco’s pizza (piccola catena basata per lo più nella Dade county) che però ricordo ancora come accettabile solo in caso di fame chimica.

    So che può scatenare ilarità ma best ever una pizza mangiata a Tallinn in un locale gestito da un italiano e pizzaiolo egiziano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Miglior pizza della mia vita mangiata a brema in pizzeria italiana condotto da una indigena del luogo stopper del werder femminile. Pizzaiolo napoletano che mi fa pizza “per italiani’ diversissima da quella abituale per clienti crucchi.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  28. Ma ovvio che la pizza di Pizza Hut non sia una vera pizza, ma direi qualcosa quasi di focaccioso. E ovvio che ci vai tendenzialmente perché in carenza di carboidrati da tapico italiano all’estero. E fa egregiamente il suo lavoro a prezzi modesti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  29. franco manca sourdough pizza tutta la vita, non diciamo eresie pliiiiiis

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  30. Secondo voi qual è il miglior cibo da strada?
    Io per esempio se devo pranzare al volo non vado mai sulla pizza, che mi piace consumare seduto al tavolo, ma sempre su kebab, panino al lampredotto o panino salsiccia, con bicchiere di rosso se siamo a zero gradi o giù di lì oppure birra ghiacciata per tutto il resto delle stagioni. Luglio e agosto se devo mangiare in strada al caldo piuttosto non pranzo 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  31. Ottimo anche il gyros ma da noi si trova male…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  32. A Londra negli ultimi 10 anni c’è stata una proliferazione di pizzerie che fanno un ottima pizza, anche se poi per gli ignoranti resistono sempre le varie Pizza Hut, Domino, Zizzi’s, Pizza Express (che partì come piccola pizzeria indipendente).

    Molto buone Franco Manca (in particolare l’originale nel Brixton Market), Pilgrim Pizza, Porchetta. più altre pizzerie indipendenti locali (tipo Pellone). Poi ci sono le pizzerie ‘storiche’ italiane che hanno aperto una filiale, tipo Da Michele o la spezzina La Pia. Per chi vuole in target più alto, raccomando O’Ver, a Borough.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Peruzzi, subito dietro la stazione di Leicester Square.
      Pizza con salame piccante e ‘nduia extra strong (sono calabresi, ci vanno giù pesante)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  33. Come ha detto Jeremy Pizza Hut non è Pizza, al di là delle questioni religiose (è grazie a tali associazioni a delinquere che molti americani spacciano la pizza per un invenzione loro…) è la classica merda che si mangiano stranieri del terzo mondo (gastronomico e no) o italiani all’estero in astinenza.
    La cosa grave sarebbe mangiarla in Italia da italiani, un po’ come Starbucks, o un po’ come quei radical-chic italiani che mangiano quelle merdate del terzo mondo per darsi un tono cosmopolita (in questo momento tra le donne va molto bulgar & quinoa, una roba tipo il mangime per galline cucinato tipo pastone per maiali…).
    “Eh ma là le mangiano!…”
    Sorridi, sei su Grazie ar Cazzo Channel!
    Dagli Culatello di Zibello, Barolo e cannoli siciliani, poi vediamo se si mangiano quella merda…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 13 votes)
    1. Guarda, questa purtroppo e’ una delle peggiori frustrazioni quando hai a che fare con i Barbari (B maiuscola).

      Quello che da noi e’ considerato eccellente a volte non lo e’ per ”loro”.

      Credo che ogni italiano all’estero abbia aneddoti da condividere, a diversi livelli di squallore.

      ”Ecco qua! Maccheroni con sugo di radicchio e speck!”

      ”Grazie, mi passi il ketchup???”

      ”Ecco qua! Spaghetti al nero di seppia allo scoglio!”

      ”Grazie, che salsa ci aggiungo? Ah hai solo il pesto? Va bene, dai…”

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  34. Leo, nella categoria il Gyros è il top del top, ne avessi uno vicino casa lo mangerei un giorno è un giorno no, anche solo a merenda, per dire.
    Il kebab (che ho conosciuto in vita mia solo dopo il gyros) lo mangio ma lo vivo come una sorta di imitazione. Ecco il kebab sta al gyros come Pizza Hut sta alla vera pizza…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
    1. Tra kebab e Gyros passa la stessa differenza che passa tra Batistuta e Van basten. Due categorie diverse ma due campioni.
      Pizza Hut vs pizza siamo a Piovani vs Gullit.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 4 votes)
    2. Pensa che a Bruxelles c’è una strada vicino alla grand place (vicino significa vicino, tipo Via Torino Piazza Duomo) integralmente occupata da ristoranti gyros greci. In uno ci siamo stati con Poli. Niente di speciale ma mille volte meglio di quella pizza di merda. Quando faccio un giro a Bruxelles facile che mangiamo la..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  35. A Dublino ho trovato delle ottime pizze ma in generale sto odiando andare a mangiare fuori perche’ non esiste che in due ci diano un tavolino
    1×1 senza un accenno di tovaglia e con coppia di personaggi al tavolo a fianco che ciarla dell’ennesimo viaggio fatto a zanzibar o di come Dublino
    sia la patria del famigerato diversity and inclusion.
    Andare a mangiare fuori deve essere un’esperienza mistica nel senso che dopo mangiato devi avere i tuoi 40 minuti in cui fissi il vuoto pensando
    al senso della vita, soprattutto facendolo in silenzio.

    Non posso avere la stessa postura/postazione di uno che sta bevendo una birra se sono al tavolo ad ingozzarmi. Se mangio ho bisogno di spazio e che non mi invadano la zona di comfort.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 9 votes)
  36. Come darti torto! Solo a casa con la famiglia al mare, mi sono appena sparato tre etti di spaghetti aio oio e peperoncino con mezza bottiglia di barolo e doppia grappa nardini. Alla faccia di tutti i pastoni del mondo!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
    1. Tre etti??? Facile poi fare il Figo dicendo di esserti bevuto una bottiglia di barolo, mezza serviva solo per mandare giù il cibo!
      Cmq la mia è solo invidia, ti avrei fatto volentieri da sparring partner, anche se sto mangiando ottimi spaghetti ricotta pomodorini e melanzane a un bar qua vicino al lavoro. Accompagnati da una tristissima bottiglietta di acqua frizzante ma tutto non si può avere…

      Dane lo abbiamo anche mangiato insieme sui navigli il gyros!
      Ora il greco c’è anche a prato, anche se sottoforma di ristorante… Per fortuna ancora non è arrivata la sbobba alla quinoa anche se abbiamo una sorta di somalo con spruzzate francomarocchine dove non ho idea di cosa si mangi ma immagino pastoni e roba varia (ma il cous cous buonissimo me lo faccio a casa con moscardini e pomodoro).

      Vabbè buon pranzo a tutti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
      1. Leo quando varchi l’appennino fermati in vald’arda e ti ospito volentieri :-). Finita la grappa sono passato al nocino fatto in casa, sarà un pomeriggio lunghissimo…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 1 vote)
        1. Mi vai già a genio, non mancherò! Magari mando la famiglia da gobbo a Misano Brasile se gli dà ospitalità…

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +1 (from 1 vote)
          1. I miei sono a piombino:-). Siccome sono proprio in ferie, sto guardando un vecchio cd della gazzetta che racconta il campionato 1978-79. Novellino, Palanca, il primo Becca, Vannini…c’è da stropicciarsi gli occhi. Fra un po’ vado a tagliare la coppa…

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +2 (from 2 votes)
            1. Attento che lì vicino c’è Cecco… Un tipo losco

              Ps: mandali a mangiare in centro storico, una chicca.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +1 (from 1 vote)
  37. A Torino vedo Starbucks sempre pienissima di ragazzini, cosi’ come McDonalds.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. Transu, tutto spiegabilissimo: quando i fans di Starbucks vogliono risponder alla tua domanda “ma come fate a bere quella merda?!” la prima argomentazione che portano è che “c’è il wi-fi!…”

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  38. Persino a me (potreste darmi qualunque roba spacciandola per caffè ) fa schifo starbucks

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  39. Ecco in Belgio ci andrei per bermi ogni tipo di birra, roba che non toccherei quasi cibo per essere sicuro di avere spazio in corpo…
    Tipo l’oktoberfest a vent’anni (due litri a colazione e due a pranzo 😀).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. l’Oktoberfest é un’esperienza mistica.
      Va fatta almeno una volta nella vita.
      Rigorosamente entro i 30anni peró. Dopo no se puede.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
      1. Quattro anni a fila, sempre a dormire in macchina con partenza il venerdì sera dopo lavoro e rientro la domenica dopo pranzo, due volte con la twingo! Scene bellissime.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
        1. Nove anni di fila, in camper o in tenda. Ein prosit!

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 2 votes)
          1. Anni? Io 2001-2004

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +1 (from 1 vote)
            1. 99-07. Poi tante altre volte “fuori stagione”. Quest’anno saltato causa covid, ci torneremo la prossima primavera!

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +1 (from 1 vote)
    2. Alla seconda szi a terra. Devi mangiare per forza la birra belga non è pisciazza

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  40. “Leo quando varchi l’appennino fermati in vald’arda”
    ricordati il passaporto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  41. Gobbo: non vanno per il caffe’.

    Dandy: visto che ormai il wi-fi e’ a prezzi stracciati la scusa non regge. E’ un posto pulito, illuminato bene (cit.).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  42. Come cazzo si fa ad andare al mare in toscana?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  43. Krug, contieniti, ti prego

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  44. Jeremy sì dai era per dire che in Belgio verrei esclusivamente per la birra, lo metto insieme alla Scozia tra le prime mete da fare appena i figli non verranno più con noi… Giro delle abbazie trappiste e giro delle distillerie di scotch… What else?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  45. Matrix: se parli di esperienza mistica DEVI farlo DOPO i 30 anni, prima è solo cazzeggio inconsapevole e son capaci tutti…

    Leo: il giro dei produttori di Scotch sulle isole è irrinunciabile!

    Transu: hai ragione, avevo sottovalutato il ligh-design, scusa…

    Krug: ricordati che ci leggono anche i bambini…..tipo il nipote di Cecco, ecco…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento