Alfredo Biondi e i liberali di una volta

Alfredo Biondi è stato un protagonista nella Prima e anche nella Seconda Repubblica: la sua prima legislatura da deputato del PLI, Partito Liberale Italiano, iniziò nel 1968, l’ultima da senatore di Forza Italia si è conclusa nel 2008. Ministro in governi presieduti da Fanfani, Craxi e Berlusconi, l’avvocato Biondi era per molti aspetti l’archetipo del liberale italiano: borghese, orgogliosamente minoritario, garantista, con il gusto della provocazione intellettuale (nel suo caso anche calcistica, da tifosissimo del Genoa, che anche difese in più occasioni).

La sua morte, avvenuta a 92 anni, ci consente di ricordare l’epopea dei liberali italiani, finita con la Prima Repubblica: non solo per Tangentopoli, ma soprattutto perché dagli anni Novanta in poi quasi tutti si sono autodefiniti liberali, anche i peggiori statalisti e manettari. Tutti liberali uguale nessun liberale: anche perché i voti veri si prendono da persone, di destra o di sinistra, lontanissime da questa cultura (anche da qualsiasi cultura, ci permettiamo di aggiungere visto che non siamo a caccia di consensi) e alla ricerca di uomo, un partito, un’ideologia, un movimento che li faccia sentire protetti. Gli ultimi mesi hanno del resto dimostrato che basta un virus perché la maggioranza rinunci volontariamente alle libertà più banali.

Il PLI, fondato nel 1922, fu messo fuorilegge dal fascismo nel 1925 e sarebbe rinato come partito quasi vent’anni dopo, con Luigi Einaudi e Benedetto Croce. A seconda dei segretari, nel dopoguerra ha flirtato con la Democrazia Cristiana o con la sinistra, ma per questioni che oggi ci appaiono sfumature. Da ricordare che da una scissione fra i liberali nacque nel 1955 il Partito Radicale. Di sicuro non è mai stato un partito di massa e nemmeno con l’ambizione di esserlo, anche se con Giovanni Malagodi arrivò a valere il 7% dell’elettorato. In tempi più vicini a questi, con meno della metà dei consensi, fu solo una ruota di scorta del pentapartito, e quindi anche a noi che in un’occasione li abbiamo votati evocano ormai più Altissimo di Einaudi, più De Lorenzo di Croce. Comunque averne, di italiani come Alfredo Biondi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.1/10 (16 votes cast)
Alfredo Biondi e i liberali di una volta, 7.1 out of 10 based on 16 ratings

5 commenti

  1. Da ragazzo quando leggevo i risultati elettorali mi affascinavano per il nome, il simbolo, e le percentuali minoritarie da zona retrocessione che pure non gli lesinavano la paetcipazione al governo. Passavano per un partito elitario, votato da benestanti. Il primo nome che mi evoca il PLI è quello di Zanone, Biondi lo associo piu a forza Italia. Ci sarebbe bisogno di un PLI oggi? Concettualmente si, ma coi tempi che corrono signora mia probabilmente toccherebbe percentuali ancora piu basse.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  2. non lo avesse scritto geppetto, avrei lanciato io per primo il ricordo legato soprattutto alle maratone dei risultati elettorali, che mi affascinavano sia in tv che nelle paginate dei quotidiani (a casa della nonna a studiare il mattino di padova e le percentuali dei partiti nei singoli seggi di quartiere).

    da bimbo “tifavo” per il PRI e rammento la delusione per lo scarso risultato (alle europee?) di quello che ai miei occhi doveva essere una sorta di dream team PRI-PLI

    più che zanone io ricordo altissimo. e più che le sue proposte i dentoni nelle vignette di forattini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  3. Memorabile lo storico scontro con Giovanni Trapattoni, che così chiosò: “Prima di conoscerla avevo di lei un’altra [e, sottinteso, più alta] opinione”.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  4. Giornalista e Bettino Craxi: si dice che i socialisti hanno voluto autoaffondare il governo.
    Craxi: Chi lo dice è un cogl***e
    Ma lo dice Altissimo
    Allora è un Altissimo cogl***e

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  5. Biondi chi? Quello del decreto salvaladri?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 7 votes)

Lascia un commento