Sky e Netflix: conviene?

Sky e Netflix insieme? La risposta è sì, ma con l’asterisco. Nella sostanza a partire dal 9 ottobre 2019, quindi dopodomani, gli abbonati di Sky con decoder Sky Q e potranno abbonarsi anche a Netflix, pagando 9,99 euro al mese, tenendo tutto all’interno del mondo Sky con lo stesso telecomando e la stessa fattura (fattura Sky), senza barcamenarsi fra chiavette e altre manovre sul televisore.

Tutto bellissimo, quindi? Cominciamo con la parte finanziaria. Finora abbonarsi a Netflix per la visione su uno solo device alla volta costava 7,99 euro al mese (Base), su due (Standard, con HD) 11,99 euro e su 4 (Premium, sempre con HD) invece 15,99 euro. Per quello che ve ne può importare, noi siamo soddisfattissimi del nostro abbonamento Base per le nostre varie Suburra, Stranger Things, The Crown, Suits, eccetera.

La nuova offerta di Sky si chiama Intrattenimento Plus ed unisce quindi Netflix a Sky TV e Sky Famiglia, previo possesso di Sky Q e presenza in casa di una connessione Wi-Fi. Chi è già abbonato a Sky TV e Sky Famiglia pagherà 9,99 euro in più, nel caso desideri anche Netflix. Chi non è abbonato e ad esempio ha Sky solo per lo sport, può sottoscrivere Intrattenimento Plus per 15,39 euro al mese.

Bisogna precisare che l’abbonamento Netflix associato all’ambaradan di Sky è quello standard, quello da 11,99 euro al mese, quindi chi è già dentro al mondo delle serie Sky (e quindi ha Sky Tv) o a quello dei documentari (Sky Famiglia) avrebbe un risparmio, se così si può dire, di 2 euro al mese. Mentre chi come noi sta benissimo con il Base quei 2 euro li pagherebbe invece in più.

Evitiamo di citare gli altri sottocasi e le altre offerte, visto che non siamo finanziati né da Sky né da Netflix, e andiamo sulla prima domanda che ci siamo fatti: ma chi è già abbonato a Netflix? Avrà due possibilità: tenersi il vecchio abbonamento e vedersi Netflix aprendo la relativa app su Sky Q, oppure potrà/dovrà associare le sue credenziali Netflix all’offerta di Sky.

Come al solito, su Indiscreto non manca il nostro giudizio non richiesto. Al di là del fatto che noi non si abbia Sky Q, ma il vecchio decoder Sky. Tutti siamo in grado di confrontare due prezzi, ma le questioni sono secondo noi due. E per il momento sono più dubbi che affermazioni. Il primo: non è che coordinando i due abbonamenti faremo diventare l’abbonamento a Netflix rigido come quello di Sky, complicatissimo da gestire e soprattutto disdire?

Il secondo: tanti abbonamentini separati (Dazn, Eurosport Player, Deezer, Amazon Prime, solo per citare i primi che ci vengono in mente fra quelli che abbiamo, mentre quello Rai ci viene estorto con la bolletta elettrica e in quello Espn cadiamo solo nel periodo della pallacanestro di college) sono una seccatura. Per essere competitivi con loro stessi presenti in un’altra piattaforma dovranno abbassare i prezzi?

Comunque la linea di Sky e del nuovo amministratore delegato Maximo Ibarra, letta fra le righe, è evidente: sempre più piattaforma che aggrega e vende contenuti di altri (quando non direttamente operatore telefonico e web), sempre meno ‘Televisione’ intesa come gruppo di canali con una identità editoriale. Nell’orticello sportivo questo significa eventi e partite, più che storytelling e programmi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.6/10 (8 votes cast)
Sky e Netflix: conviene?, 6.6 out of 10 based on 8 ratings

18 commenti

  1. Se non ho letto male sul sito Sky l’abbonamento sarà quello da 16€ (parla di 4K e 4 dispositivi)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  2. Da abbonato Netflix e Sky, fatico a trovare valore aggiunto da questa operazione. Un di piu’, annunciato in pompa magna, che non mi sposta una virgola.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  3. da “abbonato” sky che scrocca il tutto alla suocera nel palazzo di fronte ignara dell’esistenza di multivision e mysky e soprattutto con necessità di utilizzare sky in montagna oltre confine il problema non si pone.. niente SkyQ.. netflix me lo pago e lo vedo sulla smart tv e dove voglio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  4. Segnalo che le IPTV, dopo una decina di giorni con interi paesi del Cremasco nel panico, sono già ripartite da una settimana, dopo aver inviato una mail scusandosi per il disguido e, per tale motivo, regalando 10 giorni di “abbonamento”. Mi hanno anche detto che la nuova app è molto più leggera e bella, assomigliando sempre più a Sky come funzioni.
    Conclusione: prezzi ancora troppo alti per uccidere la pirateria, esattamente come per le tasse e l’evasione.
    Rispondendo alla domanda: in Italia conviene sempre non pagare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
    1. Ma veramente?! Minchia, c’era gente che non dormiva la notte temendo il carcere e giornali che annunciavano maxi-processi tipo quello di Palermo! 😂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
      1. ma infatti la bolla è prontamente esplosa, al massimo avranno sequestrato un paio di computer.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 2 votes)
      2. Terrore di non vedere più tutto a quasi 0 e doversi riabbonare a Sky. Mi piacerebbe capire come potrebbero mai condannare il cliente finale e sulle base di quali prove.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -2 (from 2 votes)
        1. Beh, è tutto tracciato eh?! Pagamenti in nero per fruizione di prodotti video coperti da diritti…

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 0 votes)
          1. Ne dubito. Pagamento su prepagate intestate a non si sa chi fatti da non si sa chi. ID utente alfanumerico intestato non si sa a chi e di cui i “fornitori” non sanno niente. IPTV sulla quale ci sono anche programmi in chiaro e quindi devono dimostrare che stai vedendo qualcosa che non potresti. O ti colgono sul fatto oppure come fanno a condannare il singolo utente?
            Beccano Aziz che ritrasmette con 2 server e 50 prepagate piene di soldi e ok. Soldi arrivati da boh e utenti IP boh. Anche se sanno chi ha pagato (qualcuno ha usato carte proprie), da lì a dimostrare che vedano a scrocco?

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: -1 (from 1 vote)
            1. Cydella, ma che dici?! Ogni rivenditore ha il report di ciò che i clienti guardano minuto per minuto, gli buchi l’account ed hai tutti i dati.
              E andiamo, su…

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: 0 (from 0 votes)
              1. i provider hanno la lista completa degli accessi a un determinato IP da tutti i dispositivi che hanno usato quella linea adsl. non ci vuole niente a quel punto a risalire., volendolo fare…

                VN:F [1.9.22_1171]
                Rating: +3 (from 3 votes)
                1. Il provider può sapere i 2 IP in collegamento, ma quello del “fornitore” è visibile, nascosto, cambia ogni 2 minuti? Anche sapendo che 2 IP sono in collegamento, come è dimostrabile il contenuto tarocco se su quella piattaforma girano anche contenuti legalmente in chiaro?

                  VN:F [1.9.22_1171]
                  Rating: 0 (from 2 votes)
                  1. Cydella, ma cosa cazzo stai dicendo?! Rubi un quadro dal Louvre e quando arriva la polizia a casa tua non può dimostrare il furto perchè in cameretta c’hai appeso anche la crosta di tempera dipinta da tuo figlio per la Festa del Papà?! Ma sei serio?! 😀

                    Ti ho appena detto che i “padroncini” (cioè quelli che comprano la piattaforma con la possibilità di rivenderla ad utenti finali) hanno il controllo e il report di tutta la visualizzazione del cliente finale, se la polizia postale entra nel loro account becca tutti i collegamenti e arriva pure a casa del cliente finale, con in mano le prove che ha visto illegalmente programmi pay-per-view coperti da diritto d’autore e proprietà intellettuale. 😉

                    Altro discorso il “fornitore mobile”, ma di certo obiettivo della Guardia di Finanza non è quello di andare a stanare la mafia russa, posto che con un’indagine internazionale sarebbe comunque possibile anche quella, volendo (ci fosse una polizia UE).

                    Cydella, ti prego, esci da quel partito perchè ti stai toninellizzando! 😛

                    VN:F [1.9.22_1171]
                    Rating: +1 (from 3 votes)
                  2. se vogliono sapere a una certa ora chi era collegato ad un certo server lo possono sapere senza problemi, la lista è bella e che pronta, poi il resto sono cavilli da avvocato ma devi vedere fino a che punto funzionano. la polizia postale può andare senza problemi nella casa intestataria di quell’ip in quella determinato momento e fare quello che deva fare. al momento mi sembra più un problema da PM che dovrebbe imbastire una megadenuncia e la deve strutturare bene per non sbagliare.

                    VN:F [1.9.22_1171]
                    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. La nuova generazione pentastellata la fotti su tutto ma non sul diritto costituzionalmente garantito di poter stare ore davanti alla tv
    a guardare cose a scrocco 😀
    Aaaaaaaaaaaaaaahhhh la nostra generazione che l’ha presa nel culo per colpa di quelli prima!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
    1. Tranquillo, ho Sky perché ci troviamo bene con le funzioni del telecomando e le IPTV devono migliorare ancora un po’.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  6. @Banshee: voglio capire il giro tecnico della faccenda.
    Se uno passa da proxy che modifica l’IP, è possibile individuare il cliente finale vedendo la lista di chi è connesso al server che trasmette?
    L’ID cliente è un codice alfanumerico, quindi non c’è nessun riferimento all’utlizzatore, quindi anche se scoprono la lista di utenti, come possono da questa risalire al cliente?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. se passi per un proxy allora non possono risalire all’utenza adsl dell’utente, cioè potrebbero fare “l’intercettazione” in diretta ed è praticamente impossibile e poi troppo lungo e costoso per migliaia di utenti.
    se usi l’adsl di casa tua ogni accesso lascia una traccia sul file log sia del provider sia del server finale per cui possono sapere esattamente all’ora x quale utenza era collegata a quel determinato server. ti sequestrano gli apparati di casa e vedono quali di quelli erano connessi al server in quella certa ora.
    se poi prendono la lista degli ID clienti e vogliono sapere chi ci sia dietro ognuno di essi allora possono farlo solo vedendo chi ha fatto la ricarica postapay per quel determinato ID (se i pezzottatori hanno questa lista da qualche parte), se hanno pagato in contanti penso proprio non possano risalire a nessuno. però di certo ogni ID utente ha associato un indirizzo IP (o più visto che sono dinamici) che si è collegato per vedere i programmi.

    quello che voglio dire insomma è che sono operazioni lunghe e complesse (relativamente) ma assolutamente possibili da svolgere.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento