Se parte Donnarumma è colpa di Berlusconi

Quando i media a reti unificate scrivono una cosa, tipo che Donnarumma sarà il dopo Buffon alla Juventus, non è perché per forza questa cosa sia vera ma perché chi ha dato l’input (in qualche caso, altri hanno copiato da chi ha avuto l’input e altri ancora ci sono arrivati con la logica), quindi non certo un Mino Raiola consapevole che il tempo lavora per lui, desiderava vedere l’effetto che avrebbe fatto la notizia. I tifosi del Milan sono da qualche mese disorientati, mentre i suoi ultras ormai da anni non rispondono più a logiche calcistiche: in altre parole, non ci sono gruppi con i forconi sotto Villa San Martino o nella angosciante piazza davanti a Casa Milan, a chiedere di tenere i migliori come accadde in altri tempi e luoghi con Kakà. Traduzione: il Milan cederà già a gennaio alcuni pezzi pregiati, ma fra questi non ci dovrebbe essere Donnarumma anche se un bene informato (non siamo noi, quindi…. del resto non scriviamo quasi più di calcio) ci assicura che tutto sia già molto più avanti della già ‘avanti’ parole di Marotta.

Questo Galliani a fine corsa, con la poltrona della Lega già pronta e il quadro politico sistemato (Agnelli che adesso è pro-Tavecchio, cioè una delle più geniali operazioni dell’amministratore delegato del Milan, anche per l’incredibile favore fattogli con la Christillin), può tranquillamente mettere la faccia su una o più operazioni che sono salva Fininvest, più che salva Milan: il sogno impossibile è tirare fuori 50 milioni di euro maledetti e subito da Bacca e De Sciglio, forse la realtà imporrà anche una terza cessione. E veniamo al closing, in un momento in cui molti personaggi importanti del mondo del calcio (l’ultimo è Lippi) quasi apertamente sfottono Berlusconi e mettono in dubbio la definizione dell’operazione. Gli accordi con la Sino Europe, la società veicolo di investitori che appaiono e scompaiono, prevedono che avvenga entro la fine del 2016: la data ideale, se la Sino Europe fosse una cosa vera, sarebbe quella della seconda convocazione dell’assemblea dei soci del Milan, il 13 dicembre.

A questo punto Berlusconi si è infilato in un vicolo cieco: si è impegnato a vendere il Milan e tutti i comportamenti, anche privati, delle persone a lui vicine lo dimostrano, ma chi lo deve comprare non ha ancora un assetto definito e quindi potrebbe esserci un periodo di transizione più lungo del previsto, durante cui pur cambiando di mano il pacchetto azionario nessuno metterà soldi veri nel Milan e la gestione corrente dovrà autofinanziarsi. Questa quindi la nostra scommessa: closing effettuato in qualche modo nei tempi previsti a metà dicembre, breve transizione di Galliani, cessioni di De Sciglio (Juve o altro) e Bacca (Premier League), Donnarumma esposto sul mercato internazionale e poi pieni poteri a Fassone, con l’impegno ad investire nel Milan 350 milioni in 3 anni destinato ad essere congelato, ridimensionato o annullato. Un’operazione che anche senza fare ipotesi estreme, tipo i lampeggianti della Guardia di Finanza in direzione Arcore, Berlusconi ha condotto malissimo per il Milan ma bene per sé stesso e la Fininvest, al momento. Il mondo è pieno di gente vera interessata al Milan, anche se forse non alle strategie personali di Berlusconi, quindi l’eventuale cialtronaggine dei cinesi sarebbe da imputare a Berlusconi così come i tre assurdi anni di Thohir andrebbero messi in conto a Moratti. Poi l’editoriale standard sarà su Raiola avido e sull’ingenuo Donnarumma (strepitoso Mihajlovic che al Corriere della Sera ha spiegato come il presidente volesse in campo Diego Lopez) deportato a Torino fra le lacrime, anche perché il giornalismo sportivo non si è ancora liberato del mito di Berlusconi e in generale di quello del carismatico patron che vede e provvede.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.9/10 (10 votes cast)
Se parte Donnarumma è colpa di Berlusconi, 9.9 out of 10 based on 10 ratings

21 commenti

  1. A

    Direttore nel quadro che lei prospetta la cessione di Donnarumma mi pare l’ultimo dei problemi
    poi oh, sono cazzi del Milan, magari è la volta che vanno in B in leasing

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  2. r

    bah.. anche questo articolo sembra ispirato al mito del patron deux ex machina che fà e disfa secondo piani e strategie nascoste al popolo bue.
    Il quadro fatto non mi convince.
    Tanto maca poco e quindi vedremo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
    1. La strategia è una sola: ricevere i soldi (di chiunque siano) in Italia nella modalità preferita, quindi attraverso un’operazione (come appunto la vendita del Milan) dove anche grandi cifre rientrino nel campo dell’opinabile. Se anche stavolta ha recitato, ha recitato molto bene perché anche l’ultimo dei peones sta preparandosi al dopo Silvio, cosa che non avveniva l’anno scorso.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  3. s

    forza zhang portaci gigio e messi 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 6 votes)
  4. C

    Donnarumma alla Juve non ci va sicuro, né con Berlusconi (non mi pare che nel 2017 o 2018 sarebbero comunque soldi che intascherebbe Fininvest) nè con i cinesi (chiunque essi siano, nessuno smonta un motore nuovo da 40-50 milioni da una macchina che solo accendendola vale dieci volte tanto).
    A meno che i cinesi non siano Berlusconi stesso.
    E allora vale tutto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 11 votes)
  5. l

    Brovarone dice che gli dicono che fassone ai tempi dell’Inter non avrebbe dato a Raiola quanto raiolanpensava di dover avere

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. A

    l’unica garanzia è che Buffon sarà titolare di Juve e Nazionale fino al 2018 quindi fino a quel momento non se ne parla ma due anni nel calcio sono lunghi e può succedere di tutto, anche perché le grandi non sono copertissime (il Real ha Keylor Navas, il City Bravo, il Barcellona Ter Stegen e Cillessen, il PSG Trapp), ci si mette niente a liberarsi un posto per Gigio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
    1. f

      L’Inter ha Handa….

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  7. r

    appunto Direttore, cessione pura e semplice; nel momento in cui gli hanno assicurato che c’erano i soldi lui ha firmato e venduto.
    Per il resto (interregni, cessioni eccellenti, transizioni, Galliani, Donnarumma ecc.ecc.) ci andrei pianissimo.
    Mia personalissima sensazione è che il deux ex machina sia cinese e non italiano.
    Detto ciò, ripeto, ci siamo ormai e quindi vedremo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  8. G

    Se vendono Gigio bestemmio in diretta qui su Indiscreto….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  9. Ma quindi il Milan che coi soldi governativi della Cina doveva comrpare CR7 e Messi diventerà la brutta copia dell’Inter di Thoir, ho capito bene?! 😀

    Ma cos’ha detto di scandaloso Marotta?! Io avevo letto solo sul televideo “Donnarumma?! Ci teniamo Buffon…” 😕

    Ma solo a me viene in mente la cessione di Collovati?! 😛

    p.s.: Axel, pensa che leggendo di sfuggita avevo letto erroneamente “le grandi sono copertissime”, poi ho visti i nomi e son scoppiato a ridere… 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 9 votes)
  10. s

    già me lo vedo:

    “mi scuso per quel post, ero un ragazzino e volevo guadagnare punti agli occhi dei tifosi del Milan. In realtà sono cresciuto col mito di Julio Cesar e avevo il poster della squadra del triplete in cameretta. Forza Inter!”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. m

      Che poi il mito di julio cesar vale anche per la juve….monumentale difensore troppo in fretta dimenticato…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 5 votes)
      1. s

        ciao Mino 😀

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  11. M

    Prima volta che non sono d’accordo con una singola riga di un pezzo del direttore.
    Gli unici e ripeto gli unici che in questa vicenda sono stati sempre affidabili sono stati Alessandro Jacobone e i Milanisti Non Evoluti
    Quindi tradisco Olivari e mi fido di loro che sono ottimisti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  12. Post del direttore agghiacciante
    Il tutto è principalmente per il buco legato a premium?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  13. Comunque i soldi di bacca e de sciglio ci servono x il il gallo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  14. C

    Votato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  15. m

    Axel scrive una cosa correttissima. Se la Juve vuole Donnarumma deve avere il coraggio di pensionare subito Buffon. Altrimenti sarà giustizia divina che tra due anni non vada oltre Sportiello (o uno così).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  16. Purtroppo, anzi per fortuna, si scrive nel presente e non nel futuro e quindi ci si espone al rischio di essere smentiti dai fatti. La mia schedina milanista nel presente è quindi: sì al closing o semi-closing in qualche settimana, no a investimenti cinesi ‘obbligati’ (i famosi 350), uno o due veri ma non Donnarumma venduti a gennaio, Galliani via in ogni scenario tranne in quello del tavolo ribaltato. P.S. Nella Sino-Europe starebbe per entrare anche un italiano, sia pure di osservanza cinese.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. C

      Direttore, giusto per capire meglio: i soldi delle cessioni a gennaio chi li intasca?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi