Segui Indiscreto anche qui

Google +1

Da Wenger ad Amedeo Goria

Dominique Antognoni

di

Indiscreto | 26 giugno 2012

Gli stranieri che vengono ad abitare in Italia hanno rispetto agli italiani diversi handicap, ma  almeno un vantaggio gigantesco: non sono cresciuti guardando i programmi della Rai. Non essendo legati a quelli di un passato mitizzato, nemmeno dal punto di vista affettivo, non tollerano nemmeno quelli del presente. Probabilmente non esiste nulla di più lontano dal 2012 della redazione sport del carrozzone statale, secondo chi è costretto a guardarli i programmi di approfondimento sono qualcosa di obbrobrioso, un misto micidiale fra il tavor e la sagra degli orrori che va al di là anche della bravura di alcuni (pochi) singoli. Certo, nessuno ne parla male pubblicamente perché i ‘colleghi della carta stampata’ ancora ambiscono ad una collaborazione, un invito, un commento, un’assunzione, per cui cane non morde cane. Visto che nessuno della Rai ci chiamerà mai (ci sentiremmo offesi se solo pensassero di rivolgersi a noi), possiamo parlare serenamente e dire che per fortuna sulla piattaforma Rai ci sono le reti tedesche Dar Este e Zdf che trasmettono le partite. Fidatevi, le immagini sono le stesse, Cristiano Ronaldo segna uguale con il commento in tedesco oppure in arabo. A proposito di arabo, qualche giornio fa in Marocco seguivamo le partite degli Europei su Al Jazeera, che punta tantissimo sullo sport. : Al di là dell’entusiasmo quasi infantile dei commentatori (al gol di Pepe non smettevano mai di dire ‘Pepepepepepepepepepepepe’) siamo rimasti choccati nell’intervallo di una delle tante gare quando abbiamo visto in studio niente meno che Arsene Wenger e Arrigo Sacchi. Che, incredibile, analizzavano le partite e proponevano le loro chiavi di lettura. Abituati all’Italia e alla Rai, visto che le partite dell’Europeo in italiano le danno solo lì, l’entusiasmo infantile si è impadronito anche di noi. Wenger e Sacchi che parlano di calcio! Il confronto con gli opinionisti Rai, da Collovati a D’Amico, è stato imbarazzante. E parliamo dei concetti espressi, non del nome o del curriculum. Non avevano davanti una specie di madonnina illuminata, come in Rai, ma un normale giornalista in giacca e cravatta. Non si stupivano delle prove di Lewandowski o di chiunque altro perché, incredibile, conoscevano i giocatori delle 16 nazionali in campo. Azzardavano giudizi, più o meno interessanti ma pur sempre qualcosa che andasse oltre la partita. Detto questo, adesso che siamo tornati in Italia e abbiamo ripreso il solito tran tran televisivo, ci rendiamo conto che il problema dello sport Rai non sono gli opinionisti, per quanto tristi siano (l’unico vivo è Zazzaroni): quelli si possono sempre cambiare in un minuto, se ce ne fosse la volontà. Il problema della Rai è l’inamovibilità di giornalisti che non sembrano più bravi di quelli della più scalcinata tivù locale: ci rifiutiamo di credere che in Italia non si trovi niente di meglio di Varriale o Amedeo Goria.

Dominique Antognoni, 26 giugno 2012
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (17 votes cast)
Da Wenger ad Amedeo Goria, 10.0 out of 10 based on 17 ratings

25 Commenti a Da Wenger ad Amedeo Goria

  1. spike

    26 giugno 2012 at 15:40

    VENDETELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!

    non se ne può più di “mia avevano detto che lewandowski era statico” o “il tiro con le onde” ecc.ecc.

    VENDETELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  2. ricca

    26 giugno 2012 at 15:42

    VENDETELAAAAAA!!!!!! (cit.)

    adesso leggo il pezzo.. :-)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  3. Paperogha

    26 giugno 2012 at 15:54

    ma se la vendessero i giornalisti assunti con contratto a tempo indeterminato mica li possono licenziare…
    a meno che, con una parte del ricavato non gli si paghi la pensione anticipata

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  4. Giorgio Bestetti

    26 giugno 2012 at 16:08

    VENDETELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  5. Carlo Calabrò

    26 giugno 2012 at 16:33

    Il “tiro ondeggiante” di D’Amico è un capolavoro che rimarrà ineguagliato, credo. Persino il telecronista al suo fianco (Lollobrigida? Rimedio?) lo ha vagamente perculato in diretta. Pezzo condivisibile quasi in toto, tranne che nell’accenno a Zazzaroni come unico opinionista “vivo” del lotto. Zazza è, parere mio, uno dei più impresentabili.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  6. Arthur Dent

    26 giugno 2012 at 16:58

    Sottoscrivo ogni singola virgola,manca solo qualche insulto di cuore a D’Amico.
    Quasi dimenticavo:
    VENDETELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  7. spike

    26 giugno 2012 at 17:37

    going viral ;)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  8. Andrea

    26 giugno 2012 at 17:44

    @Carlo Calabrò: vagamente? appena l’azione si è esaurita gli ha detto: “adesso però mi spieghi che è il tiro con le onde!”

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. Dane

    26 giugno 2012 at 20:35

    Oh, per acrità, d’accordo su tutto (a “Madonnina Illuminata” son caduto dalla sedia dal ridere…), eh?! Ma che per bastoanre la Rai si debba rivalutare l’Arrigo Sacchi opinionista proprio no, dai… :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  10. Luke Holywater

    26 giugno 2012 at 20:48

    …mi sa che non ascoltate i commenti “tecnici” di Dossena …. mi costringe a trasmigrare sul canale 545 (piattaforma satellitare sky) a me! che di tedesco conosco due parole due!Però la pronuncia dei nomi è corretta …si capiscono..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. Dane

    26 giugno 2012 at 21:00

    Dossena è quello che “i mancini battono male i rigori”…..in Sudamerica ancora ridono…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  12. Paolo Sacchi

    26 giugno 2012 at 21:54

    Oltretutto è anche il linguaggio, stucchevole e pedante, tristemente patriottico, peraltro ormai trasversale nello sport italiano, che dovrebbe far riflettere, soprattutto rispetto a come la comunicazione sportiva viene trattata in altri paesi rispetto all’Italia. Le interviste a fine gara (Rep d’Irlanda) ai giocatori con domande ‘tecniche’ arrivate da un attore e da un bambino “terremotato” (un momento di rara pateticità) sarebbero impossibili su un qualsiasi altro canale europeo.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  13. Nicolizard

    26 giugno 2012 at 22:08

    Standing ovation! Grandissimo Dominique. L’altra sera prima ancora del fischio d’inizio avrei voluto togliere l’audio!

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  14. Italo Muti

    26 giugno 2012 at 23:51

    Dominique,

    good one, applausi sparsi con convinzione.

    Si vede che il resort fa bene alla creatività.

    Varriale, D’Amico, Dossena, Bartoletti,

    ed è subito noia

    Si va tutti al poligono? Allenamento ;)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  15. Dane

    26 giugno 2012 at 23:56

    inutile, la Rai é un prodotto vecchio, fatto da vecchi per i vecchi…..li guardi mentre tromboneggiano in studio e te li immagini incapaci anche solo di spedire una mail con allegato…..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  16. Andrea

    27 giugno 2012 at 01:01

    intanto su la7 mi son rivisto Ita-Ger dei mondiali tedeschi con il commento di Pizzul… OH, me la sono fatta con la mano sui coglioni perchè il buon vecchio Bruno faceva il falso profeta (capirai, ha registrato il commento 1 anno dopo la partita!) dicendo “italia che sembra più in palla”, “meglio gli azzurri”… hai visto mai un caso di sfiga a posteriori?

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  17. Dane

    27 giugno 2012 at 10:48

    Ecco, io avrei evitato, sinceramente, vist’anche che Pizzul è una garanzia in questo senso: http://www.youtube.com/watch?v=1DHnGfugA8Y&feature=player_detailpage#t=128s

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  18. Paperogha

    27 giugno 2012 at 11:44

    Non toccatemi lo Zazza che ha osato dire guardando la Madonna Illuminata “Ho avuto l’illuminazione” :-)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. Ekstrom

    27 giugno 2012 at 13:44

    Anch’io capirò una parola di tedesco su 5, ma ormai sono stabile su ZDF e Das Erste..

    Anche solo per la asciuttezza con cui il telecronista lascia spazio ai rumori dello stadio intervenendo solo per dire il nome del giocatore.

    Mi ricorda la Tv svizzera di una volta, che ormai da anni purtroppo non prendo più..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  20. Andrea Biagini

    28 giugno 2012 at 18:22

    A me Dossena piace, parla un po’ troppo ma è competente, anche se porta un po’ di sfiga (dopo l’errore dal dischetto di Montolivo ha vaticinato “ai rigori spesso chi sbaglia per primo vince…”).
    Sul resto il peggiore in assoluto per è Collovati. Fateci caso, per lui tutti i difensori centrali del sistema solare “sono vulnerabili se presi in velocità”. Ma BASTAAAAAAAAA

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  21. Ekstrom

    28 giugno 2012 at 19:10

    Beh, a me è bastato passare da ZDF alla Rai per vedere i rigori e sentire (al rigore PANENKA di Sergio Ramos) “il nostro Pirlo ha fatto scuola”

    AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!

    Ma se all’estero questo rigore viene chiamato “Panenka”, ci sarà un motivo??

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  22. Dane

    28 giugno 2012 at 19:19

    @Andrea Biagini: Collovati è il continuare di quella tradizione di frasi fatte dei telecronisti Rai inaugurata negli anni 80, da “completamente avulso dal contesto di gioco” a “mischia furibonda”… ;-)

    @Eks: bèh, per Pirlo avevano parlato di “rigore alla Totti”, per il prossimo si tratterà di “rigore alla Sergio Ramos”… :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  23. Cuore di Tenebra

    28 giugno 2012 at 20:06

    @Ekstrom: ti assicuro che la TV svizzera è rimasta esattamente come te la ricordi. Rispetto alle cronache Rai, altro pianeta, nonostante la saltuaria presenza di Eranio che abbassa la media :-)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  24. leo

    3 luglio 2012 at 16:31

    No peggio D’Amico, per lui basta siano italiani per non aver nulla da invidiare a un Messi… Inascoltabile

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  25. spike

    4 luglio 2012 at 16:33

    Visto il teatrino sulle nomine Cda

    VENDETELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Devi autenticarti per commentare Clicca qui per farlo