Lakers e LeBron campioni dell’antibasket

I Lakers hanno vinto il diciassettesimo titolo NBA della loro storia, il dodicesimo da quando si sono trasferiti da Minneapolis a Los Angeles (come Brandon e Brenda Walsh, per i sempre più numerosi nostalgici dei Novanta), battendo 106-93 i Miami Heat in gara 6 delle Finals, chiudendo alla grande playoff che sono stati comunque di altissima intensità e bellezza, nonostante l’assenza del pubblico. La bolla Disney ha strafunzionato, anche in senso sanitario.

MVP delle NBA Finals è stato nominato LeBron James, prima stella nella storia della lega a vincere da protagonista titoli con tre squadre diverse: gli Heat, i suoi Cleveland Cavaliers e appunto i Lakers, squadra costruita onestamente intorno lui e ad Anthony Davis, trascinatori di un manipolo di comprimari di lusso. Una squadra con uno staff tecnico di primo livello, da Vogel agli assistenti, fra i quali gente del carisma di Jason Kidd e Lionel Hollins, ma che ha giocato una pallacanestro da NBA deteriore.

Del resto già nell’estate 2019 Vogel dichiarava che i suoi Lakers avrebbero avuto come filosofia quella di isolare in attacco LeBron e Davis, per fargli giocare uno contro uno con spazio e tenere larghi i gregari, al di là delle scelte contingenti, small ball (la migliore) o la versione con Howard. Scelta intelligente, anche per farsi assumere e mantenere il posto, ma qualità di gioco lontanissima da Heat, Raptors e Celtics (quella fra Toronto e Boston la serie più bella del 2020, con garasei da lacrime).

È ovvio che l’uomo copertina sia LeBron James, beneficiario di un metro arbitrale folle nonostante tutta la tecnologia a disposizione. È uno dei tanti campioni della lega che sarebbero penalizzati da un arbitraggio tecnico, o almeno rispettoso dello spirito del gioco: non c’è bisogno di troppi replay per confrontare la pulizia di Jimmy Butler con le sue partenze in palleggio, i suoi passettini per creare separazione da step back, il suo farsi largo a spallate da culturista con arbitri che ingoiano il fischietto perché James conta piedi Adam Silver. In questo senso è davvero paragonabile a Michael Jordan: vale un po’ meno dal punto di vista commerciale, ma di più da quello politico. E su quello sportivo la discussione sul GOAT è aperta: forse James non ci emoziona perché l’abbiamo visto per la prima volta a 35 anni (nostri) mentre Jordan a 15, bisogna dirlo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.9/10 (18 votes cast)
Lakers e LeBron campioni dell'antibasket, 8.9 out of 10 based on 18 ratings

52 commenti

  1. Direttore da applausi.
    Spero che la discussione non sfoci in uno svilente haters vs lovers, Lebron giocatore non è in questione.
    La vexata questio è che basket si gioca e cosa gli viene concesso.
    Mi spiace per gli Heat che onestamente hanno mostrato il basket migliore a Disneyland.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 15 votes)
  2. Pochi commentano il lato difensivo dei Lakers, che sono stati costruiti scegliendo il contorno tra buoni difensori che potessero adattarsi un po’ a tutto, sacrificando l’attacco lasciato in mano a due mostri.
    Ovvio che non potessero giocare un attacco fluidissimo, con quei due sono tornati agli isolamenti anni 90.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  3. Non avendo visto un minuto, giusto non commentare. Ma immagino che a 35 anni non possa avere imparato a giocare a pallacanestro.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 20 votes)
    1. Se dici che non sa giocare a Basket allora non lo ha mai visto nemmeno un minuto in tutta la carriera.
      Può non piacerti, ti puoi lamentare che sia protetto dagli arbitri (cosa comune a tutti i grandi del passato) ma non riconoscere la sua enorme intelligenza cestistica (che supera le sue doti fisiche sovraumane) è disonestà pura.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 15 votes)
  4. Direttore che non ricordavo così duro su passi e LeBron… Ma insomma I passi li fanno tutti o no?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
    1. Lebron non fa passi, cammina proprio
      fra magic e lui l’abisso a favore dell’uomo di -lansing

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 13 votes)
  5. Noioso ripetersi. La pallacanestro è uno sport in cui batti l’avversario in palleggio, non palleggiando dopo che l’hai battuto di corsa. Non è protetto dagli arbitri, ma da un regolamento che ha trasformato un gioco meraviglioso in un cesso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 22 votes)
  6. Passi in partenza sdoganati da lustri e a 360 gradi. LeBron anche in questo è il migliore nell’approfittarne e abusarne. Nel carniere però c è anche qualcosina d’altro direi, visione di gioco, cremoni spaventosi, ball handling, passaggi, versatilità, si sottolineano solo le spallate senza vedere le mazzate che prende. L’haterismo è sempre divertente, ma ci sono anche dei limiti da osservare sennò si sfocia nella malafede.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 14 votes)
  7. Ma infatti secondo me la discussione interessante (c’è tantissima gente qui che di basket ne capisce eccome) sarebbe questa: il basket di area FIBA e area NBA è “migliorato” nel corso degli ultimi 20/25 anni o no?
    Perchè quando io guardo il calcio, il rugby, il tennis, lo sci etc, vedo che grazie ad aumentate capacità fisiche / tecnologiche / tecniche / regolamentari il gioco è evoluto e la qualità è migliore, dove per qualità intendo il livello della performance atletica e tecnica, il coinvolgimento dello spettatore, l’armonia del gioco individuale e d’assieme.
    Guardo alla pallacanestro di area NBA in primis ed area FIBA in secundis e vedo un qualcosa di declinante.
    La froza bruta tende a prevalere sulla tecnica individuale, il gioco d’assieme non è più tale, c’è una ripetitività e una mancanza d’inventiva logorante per lo spettatore che ritrova i medesimi modelli applicati a ripetizione a tutti i livelli, insomma piattezza.
    In area FIBA va leggermente meglio ma si continua ad abusare del tiro da 3 punti e del pnr come inizio di ogni gioco.
    In sostanza per ci si trova in un canale che tende ad inaridare questo sport rendendolo molto meno godibile rispetto a 20 anni fa.

    Qualcuno condivide qualcosa o dissente in toto?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +17 (from 21 votes)
    1. Ti rispondo su alcuni punti.
      La tecnica individuale è molto aumentata, solo che , siccome è aumentata di molto la velocità del gioco, non è facile da vedere. Facevo tempo fa l’esempio dello sci in cui il gesto tecnico per andare più veloce su piste più difficili deve necessariamente essere migliore, però ad occhio sembra più bello un gesto tecnico più lento fatto su piste meno ripide (oppure nel nuoto dove vedi “belle nuotate” a rana e delfino che poi non sono efficaci perchè eseguite con gesti lenti).
      Per quello che riguarda il flusso di gioco, se hai giocatori che “leggono” meglio il gioco e migliori tecnicamente hai meno bisogno di eseguire lunghi schemi per trovare vantaggi (e alla fine ti sembra che vinca la forza bruta per chiudere le azioni senza accorgerti che non basta senza tecnica), motivo per cui sembrerebbe che in Europa le squadre siano meglio allenate perchè hanno azioni che non si concludono troppo presto.
      In Europa il pnr viene molto usato perchè spesso è l’unica maniera per saltare l’avversario quando invece dovrebbe venire usato per trovare un abbinamento difensivo favorevole.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 5 votes)
  8. Buona notte Direttore, e’ un discorso a dei sordi. Se un adulto gioca contro dei bambini, e’ ovvio che il vantaggio fisico si traduca in visione di gioco, passaggi, ecc, dato che gioca a un’altezza diversa, con una velocita’ diversa, ecc.

    Anche i bambini possono avere vantaggi con i passettini e le spintarelle, peccato sia inutile. Vedi harden che e’ tutelato quanto james, ma e’ un mediocre che a inizio carriera faceva il sesto uomo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  9. Poli no, non sono d’accordo e lo abbiamo scritto anche sul post sul tennis, quello che è avvenuto nel basket sta avvenendo in tutti gli sport cosiddetti “giochi” tra stravolgimenti di regole e miglioramenti delle prestazioni fisiche… Gli atleti stanno migliorando e saranno battuti anche i record di bolt e ledecky, ma la tecnica no, e le regole vanno verso l’idea di continuità e velocità del gioco senza preoccuparsi del rispetto del gioco. E tecnicamente questo fa sì che non venga fuori niente di nuovo, oppure viceversa il fatto che tecnicamente non venga fuori niente di nuovo fa sì che si vada in questa direzione?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
    1. Scusa, ma hai scritto una cosa che mi fa venire l’orticaria.

      Cos’è (per te) il rispetto del gioco?
      E quale gioco si deve rispettare? La tua idea, quella della generazione di tuo padre oppure quella di Naismith (che è lontana anni luce anche dalla tua)?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 8 votes)
      1. Boh, parlando di altri sport, per esempio il calcio, lo stravolgimento della regola del fuorigioco rispetta la regola stessa? Per me no. Il fatto che ormai in area e in generale l’attaccante non può essere toccato rispetta il gioco? Poi a te l’evoluzione magari piace, ad altri no. Non capisco perché ti inalberi.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +6 (from 8 votes)
        1. Non è che mi inalbero, è che non esiste lo “spirito” del gioco.
          Le regole sono in continua evoluzione (all’inizio non si poteva palleggiare, pensa te) e ci si adatta.
          A ben vedere poi il basket sarebbe un non “contact game”, quindi il fatto che l’attaccante non si possa toccare è più affine allo spirito originario.
          E se vogliamo esagerare dobbiamo dire che la regola del fuorigioco in se è uno stravolgimento del gioco del calcio.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +3 (from 5 votes)
        2. Si ma non sono valori assoluti.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +2 (from 2 votes)
  10. LeBron che indossa il 23 di Jordan è come quello che indossa la maglia di Che Guevera. Per me la discussione sul GOAT inizia e finisce qui.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 17 votes)
    1. Bisogna vedere anche il Che faceva passi in partenza.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 11 votes)
  11. Tyu tyu durissimo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  12. Il basket non e’ uno sport di contatto? Allora ogni volta che Lebron penetra commette fallo sul difensore.

    Non esiste lo spirito del gioco, ma se diventa tutto un tiro da 3 piu’ schiaccioni in campo aperto con rincorsa tanto vale giocarlo a porte chiuse, e i rating lo certificano.

    Non capisco che ci voglia ad ammettere che l’nba sia diventata solo uno spot promozionale per le stars senza contenuto tecnico se non in partite senza importanza (chissene di celtics-raptors se poi tanto sono rullate al turno successivo?). E no, non lo era all’epoca di Jordan, visto che lo sodomizzavano in campo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 14 votes)
  13. Incredibile come non si colga che se fai passi a pallacanestro, se cioè non dimostri capacità di battere l’avversario correttamente in palleggio, si passi direttamente alla pallamano, lo sport più semplice del mondo, in cui il portiere fa l’orsetto al lunapark.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 13 votes)
  14. La state prendedno malissimo, io ve lo dico.
    MP meno male che almeno sul maiorchino sei felice e focused.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)
  15. Ma lì parliamo di uno sport in cui non esistono spintine, devi prenderti tutto da solo. Solo chi ignora può essere non focused.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  16. non capisco come si possa non riconoscere la grandezza di Lebron, uno dei pochi atleti della storia la cui fama è superiore persino al popolarissimo sport che pratica

    secondo me influisce il fatto che è negro e anti Trump, dimostrazione che i “cortocircuiti” non sono esclusiva di radical chic et similia

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -8 (from 26 votes)
  17. Razzzismo!!! Direddore!!! Chiudiamo Indiscredo! Viva la pata negra!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 16 votes)
    1. La prima volta che è stato detto che LeBron faceva passi Trump doveva ancora fare the apprentice…. 🤣 🤣 🤣

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +19 (from 19 votes)
    2. perchè, adesso è sopravvalutata anche la pata negra?? sarai mica vegetariano…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 10 votes)
  18. E’ stato detto qualcosa su Dwight Howard? Grandissimo giocatore caduto in disgrazia che alla fine ha vinto l’anello nella squadra in cui era cominciata la sua caduta… Oltretutto coi suoi Magic perse in finale contro i Lakers. Una delle uniche due finali nella storia dei Magic. Una con Shaq, l’altra con Howard…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. Finale persa dai Magic contro i Lakers che fu un autentico furto in gara 1/2, ma poi col 4-1 hanno legittimato.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
      1. era gara 2! tripla dei supplementari di Fisher allo scadere se non ricordo male… poi uno dice perché tifa “Beat LA!”

        G1 come al solito Lakers scafati che azzannano i pivelli che non sanno cosa significa giocare le finals…

        Orlando che giocava una pallacanestro celestiale, run and (van)gun(dy) seconda solo IMHO a quella dei Suns di D’Antoni e con un Turkoglu da spellarsi le mani!

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  19. Mah grandissimo giocatore. Fisicatissimo sicuramente, per il resto alquanto limitato, specie sopra la cervice.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  20. Domanda da un milione di dollari: e adesso?

    La bolla è stata un successo, ma difficilmente replicabile.
    Comunque non se ne riparlerà prima del 2021.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  21. Nei suoi anni migliori era il miglior centro dell’Nba. All-Star per 8 anni di fila.. Miglior quintetto NBA per 5 anni di fila.. Miglior difensore della stagione per 3 anni di fila.. Finalista.. Oro olimpico…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  22. Miglior difensore in stagioni in cui circolavano Iguo e Artest? Boh, mai avuta questa percezione. Per me molto fumo e poco arrosto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  23. A proposito di bolle sei positivi nel roster di Putin, coach compreso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  24. Howard ormai è il classico enforcer.

    Entra solo per fare il gioco sporco: ruzzate, trash talking, un flagrant qua e là.

    Per una prima scelta assoluta (come AD, come Lebron) un po’ pochino forse.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  25. @Poli: manco io sono d’accordo sul calcio evoluto, mi pare anzi in un momentaccio a livello tecnico
    quelli che saltano l’uomo si contano sulle dita di una mano, tant’è che passa per dribblare lanciare la palla avanti e arrivarci più veloce dell’avversario, il difendere ormai fa ridere, le partite andata e ritorno vedono continuamente ribaltoni perché nessun giocatore sa più reggere la pressione e appena qualcosa va storto si sbraca, vediamo ai massimi livelli (semifinali mondiali, quarti di Champions) risultati che una volta erano esclusiva di tennis e hockey, agli ultimi mondiali il 70% dei gol veniva da rigori, palla inattiva o autogol, portieri che vengono pagati 80 milioni perché sono bravi coi piedi e poi prendono gol su un tiro ogni due

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 13 votes)
  26. Non so se sto dicendo una cavolata, ma ogni volta che il centro della squadra è anche il leader della sua squadra, quello è un grande giocatore… Da Yao Ming a Ewing.. Sono sempre fortissimi… Howard lo è stato per otto anni ai Magic, poi è andato via e ha smesso di essere il leader.. Ed è calato..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  27. Quella gara 2 la buttarono totalmente via i Magic perche’ disegnarono una giocata meravigliosa sul punteggio pari a meno di un secondo dalla fine
    ma Courtney Lee sbaglio’ un alley oop semplicissio. Andando sullo 0-2 avrebbero vinto il titolo al 100%.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  28. Anche nelle prima finale contro i Rockets era successa una cosa simile. Nick Anderson ha sbagliato 4 liberi consecutivi a pochi secondi dalla fine, in vantaggio di tre punti… Poi Houston ha pareggiato e vinto ai tempi supplementari. Da lì non c’è più stata storia…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  29. Tocca quotare Transumante e Marcopress: se consenti irregolarità fisiche ad Hulk è chiaro che sembrerà il migliore anche dal punto di vista tecnico, se sorvoli sul palleggio che è alla base del gioco perchè misura l’abilità del giocatore nel compromesso tra tecnica, coordinazione ed atletismo stai parlando di un altro sport. Lo spirito del gioco esiste eccome.
    A me James come strapotere ricorda Lomu, a cui però non solo non veniva concesso il passaggio in avanti ma al contrario gli arbitri gli fischiavano contro tutto ciò che potevano (non erano abituati a quel mostro e lo sport business non era ancora esploso trasformando All Blacks, Lakers, Lebron, CR7/Messi, ecc. in quelle baracconate che sono oggi, tra copioni recitati dagli arbitri e palloni d’oro dati a cazzo…) e gli avversari lo picchiavano vergognosamente con anche tante canagliate (ecco, a proposito di baracconate, il Mondiale di Mandela grida vendetta…)
    Se nel calcio fosse stato concesso a Bierhoff di schiacciare con le mani come un pallavolista probabilmente sarebbe stato tra i più grandi di sempre, il divieto di tocco con le mani e l’obbligo di usare i piedi (o al massimo la testa) lo rende inferiore a Van Basten.
    Lebron James è CR7 a cui ad ogni cross in area viene concesso di segnare di mano in fuorigioco spostando l’avversario con una manata in faccia, e grazie al cazzo che la stessa cosa viene concessa anche a Dybala ma non ottiene gli stessi risultati!…
    In questo senso il discorso sul GOAT è chiusissimo, altro che aperto. E per motivi spiegati nell’articolo stesso, che invece ritiene aperto il discorso per motivi del tutto extrasportivi. Ma allora per mettere in discussione il titolo di Lebron basta portare Chiara Ferragni a fare un terzo tempo al campetto del Parco Sempione…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +12 (from 22 votes)
  30. Che anni meravigliosi (cit.)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 12 votes)
  31. Beli, curiosità. Ma tu giochi/hai giocato a pallacanestro? Anche a livello campetto eh. Perché non puoi non renderti conto della complessità della vicenda con un divieto di passeggiata. Hai visto i video? Lo vedi che manca proprio il senso della pulizia?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
  32. LeBron vada al campetto a prendere ripetizioni da press.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  33. Può passare quando vuole. Andiamo al 2. Palla mia. Fade away e ciao.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. Della serie… Ora gliela insegno io la volee a Sinner… 🤣 🤣 🤣

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)
  34. Il bello è che è così abituato ad andare oltre il regolamento ( progressivamente annacquato per favorire lo stile di gioco che lui ha lanciato) da avere maturato la faccia di bronzo di protestare se ogni tanto, quando va di pura spallavspetto o fa sei passi, gli fischiano contro.
    E ancora peggio se lo sfiorano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
    1. Come Inzaghi ai tempi d’oro della Giuve che se non gli davano rigore su simulazione o gli fischiavano il metro di fuorigioco correva dal guardalinee con le sue scene isteriche…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 8 votes)
  35. Cmq ormai ognuno di noi sogna un video di marcopress che fa un fade away in faccia a LeBron… Non glielo puoi chiedere tramite gazzetta? O Tranquillo… Magari ci sta… Tipo quando il rapper di amici fece il tunnel a nedved 🤣🤣🤣

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  36. 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  37. Scena esilarante, dopo il fade away solo rete trash talking all’insegna di kaluuu e leggendario.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)

Lascia un commento