Il senso di Dzeko in Roma-Juventus

Edin Dzeko il 6 ottobre sarà ancora un giocatore della Roma? In molti dicono di sì, noi pensiamo che ci siano ancora chance per il no e non soltanto per l’accordo verbale fra la Juventus e Silvano Martina, l’indimenticato (soprattutto da Antognoni) portiere che del bosniaco è l’agente. A Dzeko stanno ancora pensando la stessa Juventus, e le parole di poco fa di Pirlo lo hanno confermato, e l’Inter, con Conte che da un anno lo ritiene come importanza secondo solo a Lukaku.

La cronaca dice che Dzeko guiderà la Roma nella partita con la Juventus, quasi certamente con la fascia di capitano, e dopo le polemiche di Verona non sarebbe potuto essere altrimenti: la Roma società è al momento allo sbando (‘fase di transizione’ in giornalistese), non può permettersi un disastro in campo anche se in molti vorrebbero dare una spallata a Fonseca, convinti che Allegri (fra l’altro fan di Dzeko, al contrario di Fonseca) muoia dalla voglia di rimettersi in gioco per vivacchiare in attesa del solito nuovo stadio degli ammerregani.

La realtà dice che Dzeko ha 34 anni e che da 9 stagioni, cioè da quando passò dal Wolfsburg al City, guadagna cifre notevolissime: chi lo conosce bene assicura che a parità di ingaggio l’ultimo giro voglia farlo in Champions League ed evidentemente non sta pensando alla Lazio (il contratto per i prossimi due anni con la Roma prevede di fatto 8 milioni netti a stagione…), quindi sono possibili sorprese dell’ultimo minuto.

Una certezza è però assoluta: Juventus e Inter più che ad accontentare i loro allenatori stanno pensando a come non rafforzare la principale, in senso storico, rivale. Dal punto di vista delle società, anche se non da quello di Pirlo e Conte, sarebbe in fin dei conti accettabile uno Dzeko che rimanesse alla Roma. Ma come esserne certi?

Detto questo, si ripropone uno dei temi fissi di Indiscreto: tutte le squadre ormai sembrano l’Arsenal e non è certo un complimento. Vale per la Roma deromanizzata come per club meno ‘etnici’ e con progetti che durano tre mesi. Come si fa a giocare contro la Juventus sapendo che il tuo capitano al 90’ firmerebbe volentieri il contratto con la stessa Juventus? Poi deridono i ragazzini che preferiscono gli eSports.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.3/10 (22 votes cast)
Il senso di Dzeko in Roma-Juventus, 8.3 out of 10 based on 22 ratings

5 commenti

  1. Per me la Juve in questo momento non ha i soldi per togliere Dzeko alla Roma solo per non farlo prendere all’inter. Bisognerebbe vendere bene douglas costa per una manovra del genere, oppure vendere uno degli Invendibili ( Khedira sui cui i mitici “giornalisti” un giorno danno un interessamento del PSG, l’altro del Man U, oppure Bernardeschi ). In ogni caso sarebbe meglio prendere un terzino serio…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  2. Se miracolosamente vende Duglas la Juve va su una seconda punta. Mi sembra verosimile la voce su Correa. Impensabile Dzeko a fare il quarto del reparto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  3. La Juve ha appena preso Morata, l’Inter ha dovuto riscattare Pinamonti… i piccioli non li ha nessuno delle due…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  4. Perché è un professionista?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  5. Il calcio mercato deve finire prima dell’inizio della stagione. Fine del problema. E io abolirei anchhe il mercato di gennaio. Una volta poteva avere un senso, se ti si infortunava un titolare potevano essere problemi, ma oggi con le rose di 30 giocatoori….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento