Briatore, Ferragni e noi

Flavio Briatore considera deficienti quelli che partecipano, pagando 650 euro, ai seminari di make up di Chiara Ferragni e del suo truccatore Manuel Mameli. Non sappiamo se Chiara Ferragni consideri deficienti quelli che pagano 150.000 euro per una serata al Billionaire, ma non è questo il punto. Ognuno con i suoi soldi, o con quelli dei propri genitori (come pare suggerire Briatore), può fare ciò che vuole e noi che in vita nostra abbiamo speso migliaia di euro per assistere ad eventi sportivi truccati, senza bisogno di make up, lo sappiamo meglio di altri.

Che Briatore abbia ragione o no non è insomma importante, mentre troviamo interessante il valore relativo che si dà al denaro. In un ristorante medio, non diciamo nemmeno quelli di Briatore, possiamo pagare un ordinario dessert anche dieci euro, finendolo in dieci secondi, mentre stiamo a fare grandi valutazioni pro o contro l’acquisto di un libro (un libro che ci interessa, se no nemmeno staremmo a valutarlo) da 9,90. La stessa ragazza che dà per un giorno di seminario 650 euro alla Ferragni e al truccatore magari esulta quando il suo datore di lavoro le aumenta lo stipendio di 12 euro al mese. Senza coinvolgere Briatore e Ferragni potremmo continuare all’infinito, con esempi facilmente applicabili a noi stessi: pensiamo di aver fatto un grande gesto dando un euro ad un artista di strada, poi consideriamo parte del gioco perdere 500 euro su Ajax-De Graafschap, l’ultima di Frank De Boer alla guida dell’Ajax. L’intero sistema della moda, soprattutto quella femminile, è basato su questa differente percezione: straccetti da niente che costano come mezzo stipendio di un bancario, soltanto per la sicurezza che sembra dare un marchio.

Briatore o Ferragni? Vi risparmieremo il ‘Di qua o di là’, saltando direttamente alla conclusione. La nostra, direttamente dal bar dell’economia, è che non esista il prezzo giusto di niente. Esiste soltanto il prezzo che in un dato momento e in un dato luogo un acquirente è disposto a pagare a un venditore. Bravo Briatore se riesce a far pagare 50.000 una bottiglia di Crystal, brava la Ferragni se riesce a farsi pagare 5.000 il seminario sui rossetti.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.3/10 (13 votes cast)
Briatore, Ferragni e noi, 9.3 out of 10 based on 13 ratings

15 commenti

  1. A

    Il discorso di Briatore se non sbaglio era anche più ampio sul fatto che chi aspira a diventare come la Ferragni non ha capito che uno su un miliardo ce la fa (poi bisogna vedere ancora per quanto considerato il target di riferimento) e che forse bisognerebbe puntare su lavori più concreti e meno effimeri di quelli basati sui social.

    Più che altro stupisce il video in cui si vede la Ferragni che anziché parlare a braccio fa una dichiarazione leggendo come una persona qualsiasi da un cartoncino, con anche qualche incertezza nella voce… e che vuole affermare che può anche fare la mamma oltre che l’imprenditrice… magari mossa studiata per far vedere che è una come loro… lei e il suo staff comunque geniali nell’inventarsi queste serate in cui spiegano come truccarsi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
    1. Il discorso di Briatore era più ampio, ma anche nel mondo Billionaire di Briatore ce n’è uno e gli altri fanno i camerieri o i pr… Come dicevano Frida e Agnetha, The winner takes it all

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
      1. A

        Lui infatti invitava a fare gli idraulici. Comunque a dirlo con forza era solo Agnetha, Frida qui solo corista…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 4 votes)
  2. M

    La Ferragni per il trotto e la Ferragni pure per il galoppo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 16 votes)
    1. A

      aspetto il commento tecnico di gobbo

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  3. c

    I €650 sono assimilabili a soldi per un corso di formazione di qualche ora, quindi una cagata pazzesca perché non ti insegna niente. I €150.000 sono per il divertimento, non per stare 2 ore a vedere come lavorano i camerieri del locale di Briatore.
    Briatore, anche in questo caso, ha perfettamente ragione: inutile che la gente cerchi il jolly per svoltare, ma meglio che si concentri su cose pratiche, molte volte infinitamente più remunerative.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 11 votes)
  4. C

    Briatore farebbe bene a non aprire mai la bocca, mai, su alcun argomento, in alcun contesto.
    Un sempliciotto che farfuglia e sbiascica, aggressivo, grossolano, ottuso, irritante, ridicolo per quanto fuori dalla realtà.

    Se invece lasciasse parlare solo i fatti uno potrebbe anche pensare: “cazzo che imprenditore”.

    Ma la voglia di dimostrarsi anche maestri di vita ne frega tanti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  5. prima o poi qualcuno si alzerà dalla folla e griderà: “La Ferragni è una cessa”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
    1. L

      Ma è così importante?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
    2. M

      Ok il de gustibus ma non sono per niente d’accordo. Secondo me è veramente bella.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 4 votes)
      1. la bellezza non è una questione di gusti, se no cosa vuoi insegnare cosa?, a meno uno non sia grillino dentro (e però tutti Charliehebdo col distinguo): se no Picasso varrebbe un Teomondoscrofalo, Fabrifibra Eminem, Zapata Icardi. Si parla di make up, non di trucco per carnevale. Se poi vuoi diventare come lei, a parte che una basta e avanza, con 650 euro, devi sapere che ci sono voluti dei milioni di investimento, a lei come a Briatore, per riuscire a venderti un corso a quella cifra o una boccia al Billionaire

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
  6. U

    Anche per me è bella. Lo è sempre stata,anche quando non era pompata

    Però mi attizza quanto un frigorifero

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  7. A

    Il discorso non sta nella bellezza ma nel personaggio che è diventata. E con le ragazzine (ma anche non solo ragazzine, vedi le intervistate in occasione del corso di make up, alcune delle quali facevano tenerezza per l’ingenuità delle dichiarazioni… ) che sono convinte di poter diventare e fare i soldi come lei. Ricordiamoci anche il caso della sua acqua brandizzata… quanto può durare tutto questo?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  8. A

    A proposito di eventi a pagamento, leggevo di recente della polemica sul biglietto per incontrare il lottatore The Undertaker a londra (circa 300 sterline)

    https://www.worldwrestling.it/news/wwe_news/wrestling/9095/la-wwe-ha-deciso-salta-l-incontro-di-undertaker-con-i-fan-a-londra/

    Altri mondi, altri personaggi. Ferragni o Undertaker?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento