Jan-Michael Vincent e gli uomini di quel mercoledì da leoni

Era morto da un mese per infarto, ma solo da poco si è appreso della scomparsa di Jan-Michael Vincent, il protagonista di culto di uno dei film più di culto della storia, ‘Un mercoledì da leoni’. Una delle opere che a John Milius valsero la qualifica di fascista non perché trattasse temi politici, anche se sullo sfondo c’era la guerra in Vietnam, ma perchè proponeva uomini maschili. Non caricaturali come sono i supereroi, ma anzi piuttosto tendenti all’anti-eroe, anarchici, solitari, insoddisfatti, amareggiati, disillusi: tutto ciò che un uomo dovrebbe essere per differenziarsi da un consumatore o dal sottoscrittore di un mutuo. Va anche detto che in ‘americanese’ il termine fascista viene a volte usato come sinonimo di anarchico di destra, ciò che era Milius, oggi forse anche più di ieri. Anche se la qualifica esatta sarebbe genio, come provano i tanti film diretti o scritti (fra questi Apocalypse Now). Insomma, non proprio l’immaginario dei film di Veltroni.

Nel capolavoro di Milius il personaggio interpretato da Vincent è quello di Matt Johnson, uno dei tre amici (gli altri sono Leroy e Jack) californiani che vivono negli anni Sessanta la loro giovinezza fra feste e surf. Nel suo sport Matt può essere considerato un campione, ma in un’era appena prima del professionismo: passaggio ben rappresentato dall’amico-guru Bear, che prima costruisce tavole artigianali e poi diventa un industriale del settore, ma che intuisce le inquietudini dei ragazzi. Matt e Leroy riescono a imboscarsi e a non partire per il Vietnam, Jack accetta il destino e parte. La loro vita è scandita dalle grandi mareggiate che colpiscono la California, ma soprattutto dalla non accettazione della vita stessa.

Quello che più si lascia vivere è Matt, senza scivolare verso il basso ma anche senza uno scopo. La vita li divide, come accade anche per i migliori amici, il surf li fa riunire quando viene annunciata una mareggiata di proporzioni enormi, nel 1974. La scena in cui i tre ormai ex ragazzi si presentano sulla spiaggia per surfare, riuniti da una sorta di telepatia, è fra le più commoventi di sempre. C’è tutto: la celebrazione dell’amicizia, l’accettazione e al tempo stesso la non accettazione del tempo che passa, il senso del limite, la nostalgia di cui ti accorgi già quando le cose stanno accadendo. E in Matt che alla fine regala la tavola al ragazzo c’è il mondo. Per questo Jan-Michael Vincent, da giovane vagamente somigliante a Gianni Bugno, si era già da più di quarant’anni guadagnato l’immortalità.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.7/10 (7 votes cast)
Jan-Michael Vincent e gli uomini di quel mercoledì da leoni, 9.7 out of 10 based on 7 ratings

6 commenti

  1. m

    Bella recensione.
    Mio film preferito senza neanche pensarci. E a differenza di altri ogni volta mi emoziona e in modo diverso.
    nostalgia canaglia

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  2. L

    Dopodiché fece Conan il barbaro. Oltre il culto. Genio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  3. j

    Due capolavori, due film lirici anche se Conan potrebbe sembrare una fumettata e basta.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  4. J

    Bella recensione, che mi ha fatto venire voglia di andare a cercare il DVD. Per la precisione (Cit.) gli altri due amici erano interpretati da Gary Busey (rimarchevole in “The Buddy Holly Story) e William Katt (il Ralph Supermaxieroe dei pomeriggi di Canale 5).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. L

      Beh anche e soprattutto pappas, ne parlavamo giusto qualche giorno fa…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 4 votes)
  5. j

    https://youtu.be/_UogN5YbRts

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi