William o Harry?

William o Harry? O se preferite, il duca di Cambridge o il duca di Sussex? Fra i due figli di Carlo d’Inghilterra, ma soprattutto della principessa Diana, c’è in questo momento una certa freddezza e per una volta non è un’invenzione dei tabloid (quelli disprezzati da chi preferisce copiare i comunicati stampa) ma una situazione reale, con William che ha dichiarato il suo scarso gradimento per le recenti interviste rilasciate dal fratello e dalla moglie Meghan Markle.

A William non è piaciuto soprattutto il modo in cui Harry ha parlato dei propri problemi psicologici e del trauma non ancora superato per la morte della madre (nel 1997, quando Elton John cantava Candle in the wind, lui aveva 13 anni e William 15), non perché quel trauma non ci sia stato ma perché sono cose private. E del resto i reali d’Inghilterra sono pagati tantissimo proprio per fare i reali, non per sfogarsi come la gente comune o come un ospite della D’Urso.

Chiaramente la testa pop di noi sudditi è andata ad una presunta antipatia fra cognate, Kate Middleton e appunto l’attrice di Suits, ma troviamo interessante anche la differenza di caratteri fra i due fratelli. William condannato, si fa per dire, ad essere l’erede al trono fin dalla nascita (è il secondo nella linea di successione alla Regina Elisabetta, dopo ovviamente il padre Carlo, ormai settantunenne), Harry più libero.

Uomini diversi anche se hanno avuto un’educazione simile, in scuole prestigiose ma accessibili a qualunque inglese di ceto sociale alto, per poi frequentare l’accademia militare ed essere oggi ufficialmente militari, in mezzo ai mille impegni di rappresentanza: William aiutante di campo della Regina (che è il capo dell’esercito britannico), Harry tenente della Royal Navy.

William è sempre stato alla larga da situazioni compromettenti, mentre Harry è stato più libero di sbagliare e nel corso degli anni i giornali non hanno mancato di segnalare festini e travestimenti vari (famoso quello nazi). Il ‘Di qua o di là’ è riservato a noi sudditi, a prescindere dal re, noi che ad ogni giro in Inghilterra regaliamo, anche a noi stessi, tazze con l’effigie di Diana e cioccolatini raffiguranti Kate. William o Harry?

William o Harry?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
William o Harry?, 10.0 out of 10 based on 1 rating

21 commenti

  1. “……a noi sudditi, a prescindere dal re, noi che ad ogni giro in Inghilterra regaliamo, anche a noi stessi, tazze con l’effigie di Diana e cioccolatini raffiguranti Kate…..”

    Direttore, ma perche’?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +17 (from 17 votes)
  2. Premesso che il gossip sui reali è una delle eredità più trash degli anni ‘80 (coi reali di Inghilterra e Monaco a dominare i tabloid, quanto mi hanno rotto i coglioni con la storia che Grace Kelly è morta perché in realtà al volante c’era Stefanie ubriaca, fossimo stati ad oggi le “visualizzazioni web” sarebbero seconde solo alla finta morte di Elvis che in realtà è vivo e fa l’asceta in India…), voto Harry tutta la vita.
    Proprio perché è sempre stato lo scapestrato fuori dagli schemi mentre William il classico perfettino da prendere ad esempio, con la differenza che Harry (altro che libertà!) le proprie responsabilità se le è sempre prese senza nascondersi nè imboscarsi: famosa la polemica di quando voleva partire per l’Afganistan e si incazzò quando la coalizione occidentale glielo vietò per non renderlo un facile bersaglio da parte dei talebani, mentre il fratello fa l’aiutante di campo di sto cazzo chiuso nel palazzo di una vecchia che non ha mai neanche giocato a soldatini (vero che non siamo più ai tempi di Napoleone, ma le cariche militari dei reali non possono essere una buffonata: a partita di irrequietezza, 100 meglio Harry di un Savoia qualsiasi, pur al netto delle differenze…).
    Poi, che il gossip ricada sulle cognate è fisiologico perché ne riproducono lo schema: Meghan è una turbolenta parvenue tutto fuorchè santa ma Kate è la classica arrivista che ha studiato il proprio matrimonio a tavolino come in una storia d’altri tempi e si vede lontano un miglio che le rode il culo di essere stata privata del ruolo di principessina predestinata da una cognata 100 volte più mediatica di lei a cui basta un cappottino a doppiopetto per oscurare la cognata che con finta e studiata nonchalance si reca a fare shopping spingendo il passeggino come una mamma borghese qualunque.
    Tutto questo al netto del carattere da nerd di William, in confronto al più atletico Harry…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 26 votes)
  3. Dane aggiungiamoci che Harry ha anche subito le voci di un presunto altro padre…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. presunto? è uguale

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 13 votes)
  4. I John e Lapo inglesi
    Dico Harry perché William con quei capelli sembra mio zio, 74 anni da pochi giorni
    Ma perché non se li rasa?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 14 votes)
    1. Penso la stessa cosa ogni volta che lo vedo, ed ho fatto lo stesso commento l’altra sera quando guardavo il tg con la mia bella.
      Credo sia una questione di etichetta, conoscendo certi meccanismi…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  5. William non ha potuto vivere tutto quello che ha potuto vivere Harry, per ovvi motivi. Harry non ha potuto vivere tutto quello che ha potuto vivere William, per altrettanto ovvi motivi. Voto Harry per simpatia spontanea, ma son due personaggi che mi mettono una profonda tristezza, quindi 100 a zero per l’Emanuele Filiberto della situazione che può, se vuole, fare il concorrente ad amici vips piuttosto che a Sanremo…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
    1. Per cortesia, Emanuele Filiberto dovrebbe essere arrestato per oltraggio alla bandiera ogni volta che esce di casa…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +21 (from 21 votes)
  6. William ricorda di più Diana nei lineamenti, Harry nei comportamenti (soprattutto in quelli recenti), scelta difficile… forse William, perché Harry in fin dei conti è stato leggermente più libero di vivere… Ovviamente nel mio cuore vincono i giornali popolari inglesi, chi si lamenta di essere fotografato può dimettersi (c’è chi lo ha fatto da re) e godersi la bellezza di una vita normale: la coda alla posta, l’abbonamento a Sky, queste cose qui…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 10 votes)
    1. un giro sulla 9’0-91…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
    2. Io scelgo Harry ma quella dei paparazzi è una giusta argomentazione contro lui e consorte, anche perché lui non ha mai vissuto altre vite ma lei ci è passata da quella fase della vita in cui pregava di essere fotografata e finire sui giornali.
      Adesso che non ha più bisogno di taxi perché “ha messo cappello” fa quella che vuole essere lasciata in pace…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 7 votes)
  7. mater semper certam pater numquam
    le ragioni ce le aveva tutte

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  8. scelgo Harry, se non altro perchè s’è divertito di piu’

    detto questo, ammetto che mi stia molto più sulle scatole Meghan, che ha trasformato il suo matrimonio reale in un matrimonio celebrato ad Harlem

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  9. Maximilian De Robespierre.

    E se non basta pure Marat e Danton…

    Non riesco veramente a capacitarmi del perchè nel 2019 si debba mantenere una simile masnada di parassiti…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 11 votes)
    1. Ma come?! L’identità, la tradizione, la patria!
      Del resto, se ci sono paesi che mantengono Lapo e John…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  10. “Del resto, se ci sono paesi che mantengono Lapo e John…”

    Non mi capacito nemmeno di questo, eh…

    Però ecco, se c’è una cosa di cui tutto sommato vado fiero del mio Paese è del voto del 2 giugno 1946.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
    1. Leggi sotto Transumante.
      Al netto che esser sudditi ufficialmente è in fondo meno peggio che esserlo nei fatti…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  11. Li mantengono con piacere perche’ la regina e’ un ottimo capo di stato, amata o almeno rispettata da tutti, e la famiglia, per esempio, non scappo’ durante la guerra.

    Ma volete mettere con l’uomo delle istituzioni Napolitano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 17 votes)
    1. Ok, la Regina mi sta bene, ha un ruolo istituzionale per cui non condivido l’ereditarietà ma cmq è un limite mio.
      Ma tutto il resto della famiglia?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 5 votes)
  12. “Al netto che esser sudditi ufficialmente è in fondo meno peggio che esserlo nei fatti…”

    “Ma volete mettere con l’uomo delle istituzioni Napolitano.”

    Facciamo a capirci; noi l’uomo delle istituzioni Napolitano ce lo eleggiamo, se non direttamente almeno attraverso quelli che abbiamo inviato a rappresentarci in Parlamento e dopo sette anni ne mettiamo un altro, li si prendono tutti i primogeniti della famiglia da qui all’eternità; domani la Regina abdica e si ritrovano, escludendo incredibili sorprese, Carlo, che non dubito sarà un ottimo uomo delle istituzioni ma che è completamente sputtanato per motivi inerenti la sua vita privata. In Spagna Juan Carlos è riuscito a dilapidare in pochissimo tempo una popolarità difficilmente costruita nel tempo, pure in Belgio la famiglia reale ha avuto i suoi bei problemi; mi dispiace, io mi tengo il mio Presidente della Repubblica, male che vada fra sette anni (o poco più se butta male) me lo tolgo dai coglioni.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 8 votes)
    1. Krug, tu tra 7 anni non ti levi dai coglioni un cazzo di niente.
      Per il resto, nella mia prima risposta ero ovviamente sarcastico e ti davo ragione, quello che dico è che sistemi diversi non sono migliori, ma anzi hanno i medesimi problemi se non peggiori proprio perché in contraddizione coi principi originari. 😉

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)

Lascia un commento