Ready Player One, Spielberg per i ragazzi di oggi

Raramente abbiamo atteso l’uscita di un film come quella di Ready Player One, merito del favoloso romanzo di Ernest Cline uscito nel 2010 che mescola fantapolitica e citazioni anni Ottanta ma non si può ricondurre a un genere specifico, nemmeno a quello definito ‘dystopian fiction’, se non per esigenze editoriali. E l’ultima opera di Steven Spielberg, riadattata come sceneggiatore dallo stesso Cline, non ha deluso anche se i temi forti del libro sono stati tenuti a margine in favore di due ore e rotti di spettacolo puro dedicato giustamente ai diciottenni di oggi più che a quelli di ieri.

Il punto di partenza è il 2045, in un mondo dove tutti sopravvivono in qualche modo (sarà per il reddito di cittadinanza) ma quasi tutti lo fanno abbastanza male, con la classica (in America) roulotte per white e non solo white trash che si è evoluta di poco. Unica via d’uscita dal reale è OASIS, un mondo virtuale in cui si può giocare, studiare, lavorare, guadagnare e in definitiva vivere. Il suo inventore, James Hallyday, è morto e la sua ultima volontà è stata quella di lasciare la proprietà di OASIS, quindi della prima azienda del mondo, a chi parteciperà a un gioco andando alla ricerca dell’Easter Egg (letteralmente uovo di Pasqua, che nel mondo nerd significa messaggio nascosto) contenuto in OASIS. Alla competizione partecipano ragazzi poveri come Wade Watts, direttamente da una baraccopoli di Oklahoma City, ma anche grandi corporation che di OASIS vogliono sfruttare soltanto il potenziale commerciale.

Non spoileriamo, visto che Ready Player One è appena uscito nelle sale e sta anche avendo un buon successo, ma non possiamo non sottolineare le due filosofie diverse, che poi sono anche la differenza fra letteratura e cinema, a maggior ragione oggi che al cinema ci vanno principalmente due categorie di persone: giovani tamarri con annessi pop-corn e cinquanta-sessantenni con maglione e/o giacca di velluto. In Ready Player One romanzo c’è la riflessione sul controllo e sulla divisione in classi, più una durissima critica al virtuale prendendo come età dell’oro l’ultimo decennio senza web, cioè gli Ottanta. Ready Player One film è invece per metà virtuale, con una grafica straordinaria che il settantunenne Spielberg cavalca con l’agilità di un ragazzino stando sempre un passo indietro rispetto al cattivo gusto. Un film che degli anni Ottanta cita poco (e pochissimo la grafica, ben lontana dal vettoriale) ma che usa certi meccanismi del loro cinema per giovani: lui e lei uniti nella battaglia contro il cattivo, che però è un po’ stupido e nemmeno in fondo cattivissimo perché alla fine riconosce la bravura dei nostri eroi. Importante l’assenza dei genitori castranti, visto che entrambi i protagonisti sono orfani, facile scorciatoia ma anche grande trovata dai tempi di Qui, Quo e Qua. Ambiguo il messaggio: i giovani buoni degli anni Ottanta, dei Cinquanta a cui quel cinema si rifaceva, ed evidentemente anche quelli del 2045 non vogliono cambiare le regole del gioco scritte dagli adulti, ma soltanto giocare. Limitare OASIS, dopo averne preso il controllo, significa in definitiva accettarlo.

Nel film Hallyday è una specie di genio visionario, mentre nel libro è un intelligentissimo imprenditore, evidente replica di Steve Jobs. Infatti nel libro molto importante è la figura di Ogden Morrow, il Wozniak della situazione che al cinema appare invece poco. Il giochino delle differenze potrebbe continuare all’infinito, ma visto che abbiamo amato il libro e ci è piaciuto molto il film non è poi così importante. Da sottolineare l’umiltà di Spielberg nel non autocitarsi e semmai omaggiando altri (Kubrick con Shining), nonostante lui sia un’icona della cultura pop anni Ottanta (e non solo), e la bravura degli sceneggiatori nell’allargare il ventaglio delle citazioni anche ai decenni successivi, costruendo così qualcosa di autonomo. Commovente la parte sulla cameretta del giovane Hallyday, ragazzino solitario che non aveva però alcuna voglia di esserlo, purtroppo trascurato il discorso sugli hikikomori. Questa la chiave del libro, del film, di tutto: il progresso tecnologico è buono, ma l’isolamento è cattivo. Alla fine siamo sempre noi a decidere quando accendere e quando spegnere la nostra disponibilità, in ogni epoca, anche se nel Medio Evo non c’era Netflix.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.4/10 (7 votes cast)
Ready Player One, Spielberg per i ragazzi di oggi, 7.4 out of 10 based on 7 ratings

4 commenti

  1. P

    Ero perplesso sulla mancata recensione da parte del direttore di un “manifesto” del genere a lui caro e per fortuna è arrivata. Ovviamente il libro è più profondo del film che per quanto ben fatto, come dice il boss, strizza l’occhio anche alla attuale generazione di adolescenti mentre la versione cartacea è quasi da specialisti degli anni 80. Mancano sullo schermo soprattutto quelle critiche velate ma acute alla realtà virtuale e all’isolarsi (nel libro nella fase di Wade “post Art3mis” soprattutto). Visto che è sostanzialmente un film d’azione consiglio se appena possibile la versione in lingua originale (anche x il libro)… Mi dicono che in italiano alcune espressioni “giovanili” sono assolutamente insopportabili

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  2. E

    Correzione pignola. Non Oklahoma City ma Columbus, Ohio. Per il resto, concordo con il Direttore. Film rivolto soprattutto a chi è oggi adolescente, ma la ricerca degli Easter Eggs anni ’80 ha divertito parecchio anche me. A me la conclusione è parsa paraculissima e un filino cialtrona (non posso rivelare nulla), però i personaggi sono, nel limite della verosimiglianza di un film di questo tipo, credibili e coerenti, anche pensando ai giovani che vedo tutti i giorni in classe, fuori dal mondo e contemporaneamente curiosi di costruirsi una vita diversa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Per una volta sono giustificato, nel libro la storia è ambientata a Oklahoma City… d’accordo sulla conclusione paracula, come se fosse un problema di quantità e non di modifica della natura dei rapporti (economici, politici, umani)… piaciuto davvero molto ai ragazzi maschi, che adesso dovranno restituire il favore facendo gli accompagnatori per Succede…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. E

    Un’altra caratteristica che trovo poi spesso in film/romanzi ambientati in un futuro non lontano è che lo straordinario progresso tecnologico si accompagna a crisi economiche (povertà diffusa) e sociali (scarsa considerazione dei diritti civili, per usare un eufemismo), secondo il cosiddetto schema high tech/low life. Miracoli tecnologici ma nessun vero progresso per le condizioni di vita. Non credo però che i miei studenti sedicenni colgano questo aspetto del film…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi