Pelé o Maradona?

Pelé, nato Edson Arantes do Nascimento, compie oggi 80 anni, Diego Maradona fra una settimana esatta ne fa 60. In segno di rispetto ci rifiutiamo di fare storytelling su questi due fenomeni, con il brasiliano che di fatto ha passato il testimone all’argentino: quando nel 1977 si chiuse il triennio ai Cosmos di Pelé, il diciassettenne Maradona aveva da poco esordito nella nazionale di Menotti, che poi crudelmente non l’avrebbe convocato fra i 22 del Mondiale vinto in casa, per non dire in caserma (ci stiamo comunque arrivando e senza nemmeno i militari).

Pur appartenendo ad epoche diverse, Pelé e Maradona sono secondo noi confrontabili, con l’asterisco che Pelé ha lasciato ai posteri immagini televisive di minore qualità e quindi nella storia scritta da You Tube parte penalizzato. Entrambi devono la loro fama planetaria a ciò che hanno fatto con la maglia delle rispettive nazionali, pur avendo vinto (Pelé più di Maradona) anche a livello di club. Ma sinceramente, chi è fuori da San Paolo che celebra le Libertadores del Santos o fuori da Napoli gli scudetti di Maradona?

La Champions League e la visibilità martellante di campioni dei grandi club hanno poi cambiato questa percezione: nessuno dubita della grandezza di Messi o Cristiano Ronaldo perché non hanno vinto un Mondiale. E le nazionali, soprattutto in Europa e ben prima della situazione attuale, sono per molti diventate quasi un peso, una tassa da pagare al passato. Paradossalmente stanno esaurendosi in un periodo in cui il nazionalismo gode di buona salute.

Entrambi molto intelligenti, Pelé e Maradona, Pelé è di sicuro cresciuto di più culturalmente negli anni ed ha saputo cavalcare il sistema meglio di quanto abbia fatto Maradona, che del resto è stato più amato dagli appassionati neutrali anche per questo. Per questo il nostro ‘Di qua o di là’ è definitivo: dopo Maradona il calcio mondiale non ha più avuto un’icona globale condivisa, prima di Pelé tutto era necessariamente basato sul sentito dire. Ci sono solo loro due, quindi: Pelé o Maradona?

Pelé o Maradona?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.1/10 (12 votes cast)
Pelé o Maradona?, 8.1 out of 10 based on 12 ratings

46 commenti

  1. Maradona.

    Però siamo nel Gotha. Più definitivo di tette o culo.
    Domani chiude indiscreto e fa la RIVOLUZIONE?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  2. Bisognerebbe avere visto Pelé dal vivo, non con l’occhio della regia, ah già ma su Indiscreto vedere le partite non conta 🙂
    Cmq Recoba

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 16 votes)
  3. Recoba.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 14 votes)
    1. buongustai 😀

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  4. Maradona

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  5. Ho votato Pelè, ma avrei voluto votare Jairzinho. Vederlo in televisione a Messico ’70 per me è stato come vedere dal vivo per la prima volta una donna nuda.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 15 votes)
  6. Pelè avrebbe vinto il Mondiale con l’Argentina ’86? Probabilmente no.

    Maradona avrebbe vinto il Mondiale con il Brasile ’58, ’62 o ’70? In scioltezza.

    Il caso è chiuso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 23 votes)
    1. Pelé non avrebbe vinto con l’Argentina nell’86 perché non avrebbe segnato di mano contro l’Inghilterra e di conseguenza sarebbero stati eliminati. Con il Brasile del ‘58, ‘62 e ‘70 almeno un mondiale lo avrei vinto anche io! 😂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +14 (from 20 votes)
  7. pelè

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  8. Ad integrazione per aiutarvi a scegliere:
    https://storielibere.fm/slow-foot-maradona-e-megle-pele/

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  9. Se fossero stati compagni di squadra, tipo Batman e Robin, chi sarebbe stato Batman e chi Robin? Secondo me si capisce già dalla foto…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  10. Pelè una roba troppo lontana, Maradona é stato per me bambino anni80 la magia del pallone.
    Per come intendo appunto la bellezza del calcio in senso assoluto, il genio é Diego.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 8 votes)
  11. Scelta mistica.

    Pelé, prima ancora di essere un volto o un corpo, sono quattro lettere, un suono universale, a metà fra global brand e racconto omerico.
    Potrebbe anche non essere mai esistito. In quelle immagine sfuocate si vede a malapena il pallone e come nel cinema muto si basa tutto sulla suggestione, sull’incanto.

    Tutta la sua storia è fatta di elementi fiabeschi.
    Diventa uomo e campione in Svezia, il luogo più estraneo al suo mondo, il luogo più distante dalla sua terra a livello ambientale e culturale. E’ il protagonista assoluto del Maracanà, non uno stadio qualsiasi ma il più grande del pianeta, un anfiteatro sterminato, è lì che segna il suo millesimo gol, un numero mitologico, che supera ogni realtà, figuriamoci la statistica degli almanacchi. In Messico riappare dal buio della tv in bianco e nero per offrire in technicolor, al pubblico di cinque continenti, giochi di prestigio in una squadra di maghi. E poi a New York, la città del business e dello show se mai ce ne fosse una, in un club dal nome fantascientifico, avviene la trasfigurazione da calciatore a icona del calcio.

    Non bisogna averlo visto giocare per credere che sia stato il migliore di tutti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 24 votes)
    1. Disamina perfetta: Pelè è pura retorica. Non era così favoloso, è che lo disegnavano così (quasi-cit.). Difatti era secondo già ad un suo compagno di nazionale, come riporta chi li ha visti giocare.
      Era bellissimo, il corrispettivo afroamericano del principe azzurro biondo con gli occhi di ghiaccio, e per questo è stato cavalcato, una sorta di BLM positivo ante-litteram.
      Maradona è la realtà, il ragazzino che va in campo e quando fai le squadre con pari e dispari sai già che vincerà la squadra in cui c’è lui indipendentemente da chi siano i suoi compagni.
      Le classifiche e i paragoni non contano niente, anche perché non si possono fare.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 18 votes)
  12. Per me il migliore di ogni epoca non esiste. Quindi Pele’ migliore del decennio 60-70 e Maradona migliore del decennio 80-90.
    Dovendo scegliere prenderei Maradona perche’ ha vinto sempre con squadre nettamente inferiori a quelle in cui ha giocato O Rey
    ed aveva la caratteristica fondamentale di far salire di livello i compagni di squadra (cosa che accade solo se un vero leader sa toccare i tasti giusti
    per convincerti di questo).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 10 votes)
    1. Si, dopodichè va detto che Maradona quasi preferiva aver compagni di livello inferiore, e rarissimamente è andato d’accordo con gente del suo rango.
      E questo è un po’ un limite che sarebbe interessante analizzare…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 9 votes)
  13. Garrincha. (Di professione faccio il medium, è Franco Rossi che scrive)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 15 votes)
  14. Maradona. Punto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 11 votes)
  15. Ah se devo rifarmi a storie miti e leggende nettamente Garrincha.
    Il mio imprintig con pallone é stato con Platini Maradona Zico Socrates Falcao Rumenigge…
    Tutti in serieA.
    Nostalgia canaglia.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  16. chi ha sconfitto i nazisti con una rovesciata da semi-infortunato?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +18 (from 20 votes)
  17. Penso che quello che ha fatto Maradona al Napoli è alla sua Argentina non lo ripeterà mai più nessuno. Tutti grandi campioni ma tutti dietro al Dio del calcio. Pelé è secondo a Maradona. Voto senza dubbi Diego Armando Maradona.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
  18. Ne abbiamo gia’ discusso, copio/incollo:

    Semplicemente impossibile fare paragoni dato che il calcio del 1960 e` proprio uno sport diverso anche solo da quello del 1980.

    I filmati dicono di uno strapotere fisico ancor prima che tecnico, poi ti rendi conto che e’ anche tecnico perche’ fa le cose al doppio della velocita’ degli altri.

    Maradona mi ha sempre impressionato di piu` per la tecnica superiore ma appunto puo’ essere che fosse solo un calcio diverso (gia` terreno e palloni son diversi), anche ronaldo da lima a dir la verita’, in singola azione.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  19. comunque, per chi dice che Pelè ha giocato solo in Brasile contro squadre improponibili… basta guardare cosa ha fatto a 30 anni (quando tutti lo davano già per finito) in finale contro l’Italia e in special modo contro un feroce marcatore a uomo come Burgnich (no, dico BURGNICH! non certo l’ultimo degli zonisti di oggi che si perdono chiunque…)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
    1. Andrea, ma che stai a di’?
      Quella roba sul non aver giocato in Europa è retorica al contrario, saranno in 2 o 3 a dirla, Pelè finito a 30 non l’ha mai detto nessuno e te la sei inventata, dopodiché in partita ha fatto quel gol è toccato 2 palloni.
      Non esageriamo nè da una parte nè dall’altra…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 12 votes)
      1. ho letto (non posso certo dire ricordo perché non ero nato quindi mi scuserete) che nel ’70 se non cambiavano CT per mettere Zagallo, Pelè non avrebbe giocato i mondiali di Mexico perché per Saldanha era vecchio e mezzo miope causa età…

        che poi ha giocato un mondiale sontuoso, dai… gol con stacco imperioso in finale, in semifinale la finta per saltare Mazurkiewicz in uscita a valanga, quell’altro quasi gol diventato “la parata del secolo” di Gordon Banks (certo che i messicani avevano il “del secolo” facile 😛 )

        se parliamo del 62 sono d’accordo, ma nel ’70 no!

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
        1. 1) Non so dove l’hai letto ma è una cazzata.

          2) Era il numero 10 di una squadra stellare che ha vinto il Mondiale, non era certo li perché rubava il posto. Però giocate centellinate, mondiale sontuoso è un’altra cosa ma è ormai impossibile parlare di Pelè senza cedere alle leggende metropolitane ed alla retorica…

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 4 votes)
          1. basta googlare: “Un altro aspetto problematico riguardava Pelé:[4] secondo Saldanha “O Rey” non era in grado di vedere correttamente e perciò considerava a rischio la sua partecipazione ai Campionati Mondiali”

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 2 votes)
  20. Confronto impari. Pelè evidentemente più completo, fosse anche solo per il colpo di testa e non di mano. Le vittorie con gol e giocate decisive lungo un’era chiudono ogni discorso. Come pure il gol sbagliato più bello di sempre.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 12 votes)
  21. Beh, in effetti Maradona (che era meno completo anche di Scifo, Recoba e Nedved…) gol decisivi non ne ha mai segnati…

    Ps: eh ma la mano de Dios! Invece segnare il record di gol grazie a partite esibizione con gli avversari pagati per fare da sparring partner, vincere intercontinentali corrompendo l’arbitro o vantarsi di Mondiali vinti dalla tribuna grazie a compagni più decisivi di lui graziati incredibilmente da una squalifica è tutt’altra cosa, ovvio…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 17 votes)
  22. Non ricordo tra le caratteristiche peculiari di Pelè il calcio di punizione quindi direi che facciamo pari con il colpo di testa

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  23. Pelè è avanti anche lì. Dietro solo al Pernambucano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 11 votes)
  24. Pele’ avanti sulle punizioni ahaahaa, al talebano ruga ancora quella punizione a due in area dipinta come nessun altro poteva o potrebbe tuttora fare…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
    1. Confonde Pelè con Rivelino, ormai è completamente in cortocircuito…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 9 votes)
  25. In realtà se cerchi gol punizione Pelè viene fuori un link con la classifica citata da Marco. Onestamente da lettore avido di calcio pensavo Pelè manco le tirasse le punizioni. Vedo su youtube immagini di Pelè che tira delle saracche fortissime che si infilano in porta. Comunque non cambio idea, al campetto mi prendo Diego non lamentandomi per la sfiga se devo scegliere per secondo e mi capita O Rei

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
    1. Appunto, saracche dal limite di cui l’80% in partite esibizione. Con quel metro possiamo dire che Nedved e Matthaus sulle punizioni erano superiori a Mihaijlović.
      Già il fatto che al primo posto ci sia Juninho ti dà l’idea della ridicolaggine della classifica.
      Insomma, Pelè un fenomeno ma le argomentazioni tirate fuori dai lovers attengono sempre alla retorica.
      Lo storytelling prima dello storytelling…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 10 votes)
  26. Comunque Marco, “confronto impari” non si può sentire

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  27. Nella mia idea di calcio e nel mio immaginario (perdonatemi), entrambi sono superati da due olandesi, uno è il papero d’oro e l’altro il più sopravvalutato centravanti mai visto in Italia. Però la pura gioia del calcio che ho sempre visto in Maradona e l’idea di un Pelé certo enorme ma (posso dirlo?) un po’ a servizio del potere calcistico, mi fa votare per l’argentino.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 7 votes)
  28. “Pele’ avanti sulle punizioni ahaahaa”
    “Confonde Pelè con Rivelino”
    Come conferma il sempre ottimo Paper, da una parte chi sa e si informa, dall’altra gli insipienti, e pure arroganti. Evitiamo di sparare sulla crocerossa. Sì Paper, confronto impari è lessicalmente eccessivo al primo impatto, ma il tema è anche la lunghezza della carriera.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  29. Se i sapienti sono quelli che ridono di Dagospia quando riporta un articolo del Corsera e poi si basano su classifiche apocrife da cazzeggio web, meglio non sapere.
    Già detto, da una parte fatti reali che abbiamo toccato con mano, dall’altra la retorica da Globetrotter…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  30. Ps: tra l’altro la cosa bella di sta classifica puramente numerica (dove il portiere Ceni viene prima di Baggio e Mihajilović) redatta da AS con criteri wikipediani, è che cercandola su Google il primo link che la riporta è Passione Inter.
    E Recoba?!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  31. Certo, le universalmente notorie saracche (alle mie latitudini si dice caracche) di Pele’ contro il Ponte Preta, il Dancing days e la schiava Isaura…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 7 votes)
  32. Agevoliamo per la crocerossa. Sarà stato il pallone leggero.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  33. Bellissimo quello contro il Ciranda de pedra. Cose giuste. O forse era il Sonia Braga. Tanta roba in ogni caso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  34. In porta Garcia Ignazio Barroso detto u carcamagnu.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  35. L’ingiusto Art che sorvola sui decisivissimi gol contro Haiti e Honduras…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)

Lascia un commento