Last Christmas degli Wham

26 Dicembre 2021 di Stefano Olivari

Anche in questo Natale una delle canzoni di maggior successo è stata Last Christmas, il pezzo degli Wham che deve la sua fama sia alla musica scritta da George Michael sia al celeberrimo video girato nel 1984 ed ambientato a Saas-Fee, in Svizzera, nel Canton Vallese. Nessuna rivelazione: la scritta Saas-Fee è evidente sulla funivia su cui il gruppo di amici sale dopo l’arrivo di George e della sua nuova fidanzata. Sì, perché quella quella vecchia, interpretata da Kathy Hill, adesso (adesso nel Natale 1984) sta con Andrew Ridgeley, cioè l’altro degli Wham.

La bella mano di Andrew Morahan, regista fra le altre cose di uno degli Highlander e di un curioso film (Goal III – Taking on the World) con il Mondiale 2006 sullo sfondo, ci mostra l’arrivo dei ragazzi allo chalet, con la ex di George Michael turbata dal rivederlo e lui anche, con flashback dell’anno prima (Last Christmas, va da sé) che scatta automatico: inseguimento sulla neve, regalo di una spilla di diamanti, serate forse nello stesso chalet davanti al caminetto con il fuoco acceso e probabilmente tutto il resto, almeno nella fiction.

A proposito della spilla, non solo la ragazza (ma la nostra formazione culturale anni Ottanta suggerirebbe un’altra parola) se l’è tenuta ma l’ha anche regalata a Ridgeley, che se l’è appuntata alla giacca come una medaglia tipo Kutuzov. Da sottolineare anche l’atmosfera nelle scene di gruppo: quasi tutti nella media si annoiano e forse rimpiangono di non essere rimasti a casa a godersi il calcio del Boxing Day.

La cosa che ci ha sempre colpito di Last Christmas è che canzone e video sono nostalgici nei confronti del tempo, vissuto o perduto non fa differenza, ma lontanissimi dalla lagnosità per la fine di un amore, cioè la base del 90% dei testi delle canzoni. Ed infatti alla fine il gruppo prende la funivia in direzione opposta e tutti si salutano sorridenti ed abbracciati alla nuova fidanzata-fidanzato: 100% di etero, del resto i dischi andavano venduti, ma con una composizione razziale molto avanti rispetto ai tempi, ben sintetizzata dalle leggendarie Pepsi & Shirlie.

Di culto anche la presenza di Martin Kemp, per un video che conferma una delle poche nostre idee: se dovessimo reincarnarci vorremmo essere Andrew Ridgeley. O Ringo Starr, o al limite Mauro Repetto. Rimane il fatto che Last Christmas vada dritto al cuore degli anni Ottanta e quindi anche al nostro, con George Michael a lanciare più di un segnale (quando dice ‘A man undercover‘ chi vuol capire capisca) e a commuoverci per il suo talento.

Once again this Christmas, one of the most successful songs was Last Christmas, the Wham song that owes its fame both to the music written by George Michael and to the very famous video filmed in 1984 and set in Saas-Fee, in the Swiss canton of Valais. No revelations: the writing Saas-Fee is evident on the cable car on which the group of friends climbs after the arrival of George and his new girlfriend. Yes, because the old one, played by Kathy Hill, is now (now in Christmas 1984) with Andrew Ridgeley, the other one from Wham.

The fine hand of Andrew Morahan, director of, among other things, one of the Highlanders and of a curious film (Goal III – Taking on the World) with the 2006 World Cup in the background, shows us the arrival of the guys at the chalet, with George Michael’s ex upset at seeing him again and him too, with flashbacks of the year before (Last Christmas, it goes without saying) that automatically trigger: a chase in the snow, the gift of a diamond brooch, evenings perhaps in the same chalet in front of the fireplace with the fire burning and probably all the rest, at least in the fiction.

Speaking of the brooch, not only did the girl (but our 1980s cultural background would suggest another word) keep it, she also gave it to Ridgeley, who pinned it to his jacket like a Kutuzov-type medal. Also worth noting is the atmosphere in the group scenes: almost everyone in the average group is bored and perhaps regrets not staying at home to enjoy the Boxing Day football.

The thing that has always struck us about Last Christmas is that the song and video are nostalgic about time, lived or lost it makes no difference, but far from the whining about the end of a love affair that is the basis of 90% of the songs’ lyrics. And in fact at the end the band takes the cable car in the opposite direction and everyone says goodbye smiling and hugging their new girlfriend-boyfriend: 100% straight, after all records had to be sold, but with a racial composition far ahead of its time, well summed up by the legendary Pepsi & Shirlie.

The presence of Martin Kemp is also cult, for a video that confirms one of our few ideas: if we were to be reincarnated, we would want to be Andrew Ridgeley. Or Ringo Starr, or even Mauro Repetto. The fact remains that Last Christmas goes straight to the heart of the eighties and therefore also to ours, with George Michael sending out more than one signal (when he says ‘A man undercover’ who wants to understand understand) and moving us with his talent.

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)

 

Share this article