Genitori da buttare

5 Aprile 2011 di Libeccio

di Libeccio
Il suicidio di Leonardo, la bellezza del calcio giovanile, la fortuna di DiBenedetto e le sprangate per Balotelli.
1. La squadra schierata da Leonardo nel derby era votata al suicidio in partenza.
Infatti nel disegnare la squadra Leonardo ha dimenticato completamente il centrocampo, composto soltanto da Motta che è un lento costruttore e quasi nullo in interdizione e da Cambiasso che da solo poco o nulla poteva contro le folate agili e improvvise del Milan. Il gol preso a freddo e con un Inter stranamente imbambolata hanno fatto il resto. Anche la riluttanza delle punte a coprire quando il Milan ripartiva ha destato sorpresa, se solo si pensa a cosa facevano Eto’o, Pandev e Snaijder l’anno scorso. Con il totale distacco con cui Leonardo tratta la parte difensiva ben difficilmente l’Inter vincerà qualcosa di importante.
2. Alcune notizie della settimana calcistica che ci hanno colpito: a) alcuni genitori che aggrediscono un ragazzo di colore durante una partita tra allievi al grido: ”negro di merda”. Il ragazzo secondo loro era troppo bravo e i loro figli troppo seghe. Insopportabile dal loro punto di vista; b) Una partita di pulcini viene interrotta dalla forza pubblica perché sugli spalti si scatena una rissa generale tra i genitori che facevano il tifo; c) I cazzotti volati tra De Laurentis e Lotito alla cena dei presidenti che seguiva una riunione di Lega sui diritti tv. A ragionarci bene sono tre diverse facce della stessa medaglia: zero in cultura sportiva. Anzi, zero in cultura. Viste le basi ideologiche del nostro calcio, i giocatori di serie A sono più educati di quello che ci aspetterebbe. 
3. Sul Sole 24 ore è stato scritto un pezzo sul nuovo (forse) proprietario della Roma, Thomas Di Benedetto, in cui si evidenzia il fatto che in realtà al di là delle partecipazioni sportive non è ben chiara quale sia l’origine della sua fortuna finanziaria. Benissimo: ma almeno la Consob ha qualcosa da dire considerato che la Roma è una società quotata in borsa? Sempre su Di Benedetto: in alcuni giornali si legge che l’Ambasciatore Usa a Roma non lo avrebbe ricevuto. Su altri invece si legge che è stato ricevuto dall’Ambasciatore con tutti gli onori. Siccome non stiamo parlando di un’opinione ma di un presunto fatto, a chi credere?
4. Pare che a Balotelli abbiano sfasciato la fuoriserie a sprangate come ritorsione per atteggiamenti non proprio simpatici da lui assunti dentro una discoteca di Manchester. Sapete bene quanto noi stimiamo calcisticamente Balotelli e quanto forte sia stato il dispiacere quando il ragazzo è stato spedito in GB. Cominciamo però a capire le ragioni dell’Inter nel disfarsene, anche se la giovane età e la classe giocano ancora a favore di Balotelli e di chi voglia scommettere su di lui. I trent’anni arrivano comunque presto, per chi sta alla scrivania ma soprattutto per un calciatore.
Libeccio

(in esclusiva per Indiscreto)

Share this article