La scoperta di Raffaella Carrà

C’è qualcuno che si è sorpreso per il lungo e approfondito articolo che il Guardian ha deciso di pubblicare su Raffaella Carrà? Nel caso non lo capiremmo, consapevoli che ci sono personaggi del nostro spettacolo – come appunto la signora Pelloni – che hanno lasciato un segno enorme non solo in Italia. Personaggi che non a caso intercettano sia il gusto popolare sia quello delle nicchie di culto. Peccato che a volte vengano (ri)scoperti da chi è (o si sente) più serio decisamente fuori tempo massimo, magari soltanto perché ne parla un quotidiano inglese.

Titolato con tono celebrativo, “Raffaella Carrà: the Italian pop star who taught Europe the joy of sex”, il pezzo è costruito come un’analisi del personaggio Carrà, i suoi costumi e le sue canzoni capaci di cambiare atteggiamenti e posture del pubblico. Il tutto partendo dall’uscita del film Explota explota del regista uruguagio Nacho Álvarez che ha come colonna sonora e filo conduttore della storia proprio una rilettura dei successi della Carrà, osannata in terra iberica e in Sud America quanto e forse più che in Italia.

Da lì l’autrice Angelica Frey ha approfondito il fenomeno Raffaella andando ad analizzare non solo lo stile Carrà, i suoi abiti ma anche i testi delle canzoni. Da Ma che musica maestro al Tuca tuca, da A Far l’Amore Comincia Tu che in inglese divenne Do it, do it again entrando anche nelle classifiche britanniche, in tedesco Liebelei, in francese Puisque Tu L’Aimes, Dis Le Lui e in spagnolo En el amor todo es empezar, fino a Tanti auguri la definizione che viene data per alcuni brani è di “sex-positive pop anthems”.

Scatenata sui ritmi di Rumore, Fiesta e Ballo Ballo, Raffaella Carrà è di fatto stata ed è certamente molto altro, dai fagioli dei quiz telefonici alle carrambate tra parenti, avendo però sempre mantenuto un sano impeto entusiasta e buonumore combinato con una professionalità impeccabile e la voglia di osare e mettersi in gioco senza farsi troppi problemi.

Insomma, una star – la ricordiamo tra l’altro intervistata da David Letterman nel 1986 e non sappiamo quanti altri artisti italiani lo siano stati – capace di trasmettere un’immagine libera ma senza intenti maliziosi e retropensieri, a cominciare dal famigerato ombelico scoperto che 50 anni fa tanto scandalizzò l’Italia, per non parlare del già citato Tuca tuca con Enzo Paolo Turchi. Episodi che il magazine spagnolo SModa di El Pais ha ricordato di recente in un articolo, a conferma di una celebrità a tutto tondo. Altro che influencer, altro che fenomeni sconosciuti oltre Chiasso e Mentone.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.3/10 (15 votes cast)
La scoperta di Raffaella Carrà, 9.3 out of 10 based on 15 ratings

21 commenti

  1. “Que cuerpazo!” disse a cena un mio cliente spagnolo qualche anno fa, ricordando la giovane signorina Pelloni.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  2. Fuoriclasse

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  3. milleluci, con la Carrà, Mina e Dapporto, l’ultima varietà televisivo di livello che ricordi 1974. passa il tempo eh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 9 votes)
  4. Non mi ha stupito l’articolo perché manco me ne sono accorto, comunque di, hanno scritto un articolo perché qualcuno ha fatto un film con quella colonna sonora e nel mondo della musica L leggetevi di serie A han cercato di vederci chiaro per capire chi fosse .
    Curiosa invece la tematica sessuale, in un personaggio che é sempre stato sensuale come un abat-jour (forse solo Kay Sandwick e Caterina Balivo ho trovato così trasparenti…).
    In ogni caso uno di quei pezzi d’Italia che fu che non mi mancano…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -9 (from 17 votes)
    1. la Balivo ha un seguito incredibile, a me non piace molto ma è invece molto apprezzata.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 4 votes)
      1. Magari è apprezzata perché è brava, non lo so perché non la seguo.
        Certo che esteticamente sembra Olivia di Braccio di Ferro…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -7 (from 13 votes)
        1. la Balivo è una delle top rated in tema di piedi (almeno così si dice in quell’ambiente, a me ahimè ancora incomprensibile)

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: -1 (from 3 votes)
          1. la balivo come malesani. gente che ha vinto la lotteria senza un perché

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: -2 (from 4 votes)
            1. mi sembra che ha fatto un matrimonio al top garantendosi a vita una posizione di alto livello.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +1 (from 3 votes)
          2. ecco non volevo entrare nello specifico ma è così. (lo dico da non feticista dei piedi)

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: -1 (from 1 vote)
          3. Ah ok, quindi la Balivo è una raccomandata a causa del marito importante ed ha come caratteristica più sexy i piedi.
            Lo dicevo io, spiace per Meno Uno…

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 6 votes)
            1. in pratica si.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: -1 (from 3 votes)
            2. Ma tu guarda la combinazione! A proposito di Carrà e di piedi, un mio parente molto stretto che negli anni 70 lavorava in Rai mi raccontò che un giorno era alla bouvette a prendere un caffè, quando all’improvviso le sue narici furono assalite da un orribile puzzo di piedi. Si voltò e a un paio di metri da lui c’era la nostra Raffaella nazionale in tutto il suo splendore…

              P.S. Provo una sincera sensazione di vergogna per aver scritto questo commento.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +1 (from 5 votes)
              1. Magari aveva appena finito una prova di danza, può essere? Non lo so chiedo perchè è un caso non così remoto….lo preciso perchè è una cosa piuttosto consueta nel ballo e chi non lo sa fatica a capirlo scandalizzandosi di una cosa che ad esempio non scandalizzerebbe nessuno riguardo uno spogliatoio di calcio.
                Ricordo una volta una minchiona, probabilmente gelosa dei fisici delle ballerine, che nei corridoi della Scala mi sciroppò un pippone infinito su come le ballerine da vicino fossero meno eteree di come apparissero da distanza, e che lei lo sapeva perchè una volta incrociatele mentre uscivano dal palco per recarsi nei camerini era rimasta sconvolta dall’odore di piedi e sudore che emanavano.
                Dopo 4 ore di prove sulle punte, aaahhh signora mia, dove andremo a finire…

                VN:F [1.9.22_1171]
                Rating: +2 (from 6 votes)
    2. Ah! Ah! E invece io sono qui proprio da due giorni che mi domando sbalordito: «Ma come mai il prestigioso Guardian ha dedicato un lungo e approfondito articolo a Raffaella Carrà?». E non so darmi pace. Tiè!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 3 votes)
  5. Dandy: dobbiamo sempre ricordare il sanremo con eminem e i dodici rapper zozzi di fronte ai parrucconi dell’ariston, top 2 momenti televisivi ever, giusto dietro allo scazzo mosca-squitieri-sgarbi al processo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
    1. I rumble tra D’Agostino e Sgarbi dove li mettiamo? Sgarbi che indiscutibilmente è nella top 5 ever della Tv italiana con Mike Pippobaudo Fiorello e il Signor Giancarlo.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 7 votes)
    2. Transu, che gran momento epico di televisione!
      La più grande edizione di Sanremo di tutti i tempi, con il coreografo Japino messo a curare la peggior regia di sempre giusto perché era l’amante di, Eminem che con 12 gorilla urla parolacce davanti a papaveri col parrucchino e amanti impellicciate.
      Poi, siccome ogni eroe ha bisogno di bardi e aedi che ne propagandino il mito, ci fu la puntata di Domenica In con l’interprete tipo la Olga di Mai Dire Gol che traduceva in diretta mentre trasmettevano la replica per discutere del sessismo e del razzismo nei testi di Eminem.
      Un condensato dell’Italia, della RAI, della politica, in una sola serata.
      Mirabile…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 14 votes)
      1. “great performance…ehm ehm…veramente…”
        “my mic is off”
        “si si ciao ciao bye”

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +3 (from 5 votes)
  6. Signor Giancarlo numero uno

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 7 votes)
  7. Va bene tutto ma riguardatevi su youtube mosca-squitieri-sgarbi (con biscardi a pomparli, max biaggi senza nessun motivo in platea, i trans con la parrucca da vecchi, Sandro Curzi mvp in contumacia), Shakeaspeare non avrebbe scritto una scena migliore manco lavorandoci 50 anni.

    RIP pasqualone, insegna agli angeli a fare della retorica insopportabile.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)

Lascia un commento