Scarpe fuori dalla porta, la lezione di Holly e le nostre pattine

Girare per la casa senza le scarpe che si sono usate in strada: una norma elementare di igiene che in Italia negli ultimi decenni quasi nessuno ha osservato e che è tornata di moda grazie alla comunicazione terroristica e ansiogena sulla questione Covid (tasso di letalità dello 0,14%, secondo l’OMS di qualche giorno fa, quindi quasi come l’influenza stagionale che non supera lo 0,10). Tutta questa isteria collettiva, come l’ha definita il professor Palù in un’intervista che nel clima attuale sarà dimenticata, avrà almeno l’effetto positivo di migliorare le abitudini igieniche.

L’usanza di togliersi le scarpe usate fuori, prima di entrare in casa o subito dopo l’ingresso, l’abbiamo per la prima volta vista in una puntata di Holly e Benji, una delle prime, quando i ragazzi della Newppy (non stiamo a spiegare cosa fosse la Newppy, chi non sa non sa) in visita a casa di Holly lasciano appunto le scarpe all’ingresso. L’abbiamo scoperta noi ignoranti, ma in realtà in Giappone è praticamente la regola: vale sia per i residenti in una casa sia per gli ospiti, che possono rimanere senza scarpe a meno che i padroni di casa non forniscano scarpe da interno.

Nell’Italia in cui siamo cresciuti, non migliore di quella attuale ma certo meno ansiosa, con i genitori che erano vecchi abbastanza per avere vissuto la guerra da bambini, esisteva qualcosa di simile nelle case piccolo borghesi ma con ambizione di elevarsi. Quale italiano sopra i 40 anni non ricorda le pattine? Erano pezzi di stoffa di vario tipo che all’ingresso venivano consegnate agli ospiti, che ci potevano camminare sopra con le calze o direttamente con le scarpe. A volte queste pattine avevano la forma di megaciabatta ed erano decisamente più funzionali.

Certo non il massimo dell’eleganza, senza contare il fatto che lo scopo non era tanto l’igiene quanto preservare pavimenti a cui immancabilmente poco prima era stata data la cera (esiste ancora una donna che dia la cera?). Nel corso degli anni le pattine sono progressivamente sparite, di sicuro qualcuno le usa (sono in vendita anche su Amazon) ma non ci è più capitato di vederle. Comunque per i motivi sbagliati facevamo una cosa giusta.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.2/10 (29 votes cast)
Scarpe fuori dalla porta, la lezione di Holly e le nostre pattine, 7.2 out of 10 based on 29 ratings

25 commenti

  1. Credo di non aver camminato in casa con le scarpe mai nella mia vita

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 13 votes)
  2. Nei miei quasi dieci anni di vita in Bosnia Erzegovina (ma la stessa cosa accade in tutti i paesi balcanici e nell’Europa orientale), in tutte le case in cui entravo le scarpe si lasciavano fuori di default, impensabile entrare anche con calzature leggere estive tipo infradito, te le devi togliere e mettere quelle che ti offrono i padroni di casa. Questa abitudine, di togliere le scarpe all’ingresso, è ormai entrata nella mia vita quotidiana ma non riesco ancora a fare il passo successivo, vale a dire chiedere agli ospiti che entrano a casa mia di fare altrettanto. Ci sto lavorando.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 13 votes)
    1. La seconda cosa fino a qualche mese fa era davvero impossibile, a meno di non voler passare per fanatici: magari questo neocoraggio di chiedere all’ospite di togliersi le scarpe sarà l’unico lascito positivo di questo schifo. E io in casa ho sempre camminato senza scarpe o con la seconda vita di vecchie scarpe da tennis… italianizzando il tutto, le pattine potrebbero davvero tornare.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 6 votes)
  3. Capitato la prima volta in Austria a casa di un’amica, c’era una gtossa scatola all’ingresso piena di ciabatte e quando entravi dovevi toglierti le scarpe e pescare dal mazzo la ciabatta che ti andava bene. Non il massimo dell’igiene a pensarci bene. Essendo mia moglie malata di pulizie da quando son sposato penso di non aver mai portato le scarpe in casa, covid o non covid.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  4. Mi sembrerebbe un atteggiamento di profonda maleducazione chiedere ad un ospite di togliersi le scarpe.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 17 votes)
  5. Giurerei di aver letto questo articolo almeno altre tre volte, magari mi confondo con la metà citazione delle pattine.
    In ogni caso, fumo, animali e scarpe fuori di casa, da ben prima che arrivassero gli anime o la moda del feng-shui, futon e radicalchicate e pur guardando i borghesi dall’alto. Ricordo quando scoprii con orrore che a casa di un amico stavano in casa con le scarpe e ci si sdraiavano pure sul divano.
    Per lo stesso motivo sempre odiate le pattine, generalmente ossessione di casalinghe represse col marito parvenue (i pavimenti in marmo una delle trashate medie più insopportabili degli anni 70-80 assieme agli arredi marroni e agli accessori arancioni…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -14 (from 26 votes)
  6. Mai usato le pattine, mai chiesti agli ospiti di togliersi le scarpe. Non mi ci vedo proprio a chiedere a qualcuno di togliersi le scarpe se entra in casa; d’altronde se la casa ha un livello di pulizia adeguato ci sta pure che ci cammini con le scarpe. Una volta sola mi è stato chiesto di toglierle ed ero ad una festa scalzo (perché non volevo mettere delle ciabatte che non sapevo neanche chi le avesse usare prima di me): non sono mai più tornato a casa di quella persona. Impensabile poi nella casa in paese in cui ognuno di noi entrava e usciva di casa 30 volte al giorno.
    Mi stupiscono i commenti e la diffusione della pratica tra gli utenti di Indiscreto ma penso che in generale sia poco diffusa come cosa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 16 votes)
  7. mai usate le pattine, che conosco solo per “Segni particolari: bellissimo”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  8. Ognuno faccia quello che vuole ma nei limiti del rispetto altrui.. Casa dei miei, condominio molto signorile con appartamento a due accessi, quello principale e quello di servizio sulla scala.. Arrivano vicini nuovi che accumulano scarpe sull’ingresso con evidente effetto schifo.. La mamma non ha il coraggio di farlo notare ai nuovi vicini per non sembrare già acida in partenza…. Serata in famiglia con cena e fratellanza varia, si beve un po, esco da casa e guardo la distesa di scarpe, mia mamma scuote la testa, le strizzo occhio, la Faccio rientrare , apro sportello pattumiera e ci incanalo tutto lo scarpame abbandonato… Strano ma vero da allora le scarpe dei vicini hanno trovato una collocazione più normale.. PAOLO

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 16 votes)
    1. Hai fatto BENISSIMO!!!
      Alla faccia di quel barbone di Meno Uno…

      Ps: io tra l’altro sto per fare lo stesso con alcuni scooter di condomini…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 10 votes)
  9. In casa sempre in ciabatte
    Scarpe più usate riposte nel mobiletto in ripostiglio, il di più in cantina (quelle che praticamente non si usano). Le figlie le tengono nel mobiletto nelle rispettive camere.
    In caso di ospiti “numerosi”, quando se ne vanno passo lo straccio (do’ i’ cencio)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
    1. IN CANTINA?! 😳

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  10. le carpe le facciamo togliere anche agli ospiti, coi bambini piccoli sempre per terra è il minimo. e lo stesso a fine serata passo lo straccio per pulire la “zona di cambio”. mia moglie, rumena, ovviamente è altrettanto fanatica.
    gli unici a cui non lo chiedo sono quelli con cui non ho confidenza, medici, tecnici etc.
    quando vedo gli amici entrare con le scarpe da fuori e passeggiare tranquillamente per casa mi viene da vomitare, considerando il lerciume medio dei marciapiedi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  11. Per chi ha bambini lo trovo giusto, per le ragioni esposte.
    Io appena entro in casa lavo le mani (sempre fatto, a prescindere da sto cazzo di virus) e tolgo le scarpe.
    Scarpe fuori dalla porta mai se abiti in un palazzo, inconcepibile per me.
    Eventuali ospiti non gliele faccio togliere, se poi gli puzzano i piedi?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  12. Il vero uomo piuttosto che mettersi le pattine si congeda subito sull’uscio andandosene sdegnosamente.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  13. In casa senza scarpe è una delle regole principali regole non scritte della societa svedese sia che tu sia in casa tu che in casa di altri: è talmente forte e interiorizzata/automatica che non serve neanche dirlo ai tuoi ospiti (o fartelo dire nel caso sia tu l ospite), in pratica, appena entri in casa, contemporaneamente al toglierti cappotto/giacca, guanti, cappello, ecc… ti togli anche le scarpe che lasci appunto nell ingresso assieme al resto (non a caso, nella maggior parte delle guide turistiche sulla svezia, quando danno consigli sulla cultura e vita sociale locale menzionano sempre questo consigliando spesso appunto anche di indossare calzini in buono stato), se hai gente a casa quindi è facile che, a un certo punto, la zona ingresso sia piena di scarpe
    Regola delle scarpe che è cosi forte e insita nella cultura locale che si applica anche ad altri luoghi, come ad esempio scuole (di quasi tutti i gradi) e asili, posti nei quali è molto facile trovare un cartello che ricorda la cosa come ad esempio questi:
    https://heddaundervisning.files.wordpress.com/2017/11/skogrc3a4ns.jpg
    https://www.ockelbo.se/Global/Bilder/360×180/360-Skofri-skola-4.jpg

    in italia, praticamente quasi stato (almeno parlando di casa mia) con le scarpe ma quasi sempre in ciabatte (che sono anche piu comode per il piede)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Paiono prodotti dell’Ikea

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 1 vote)
  14. In casa senza scarpe è una delle regole principali regole non scritte della societa svedese sia che tu sia in casa tu che in casa di altri: è talmente forte e interiorizzata/automatica che non serve neanche dirlo ai tuoi ospiti (o fartelo dire nel caso sia tu l ospite), in pratica, appena entri in casa, contemporaneamente al toglierti cappotto/giacca, guanti, cappello, ecc… ti togli anche le scarpe che lasci appunto nell ingresso assieme al resto (non a caso, nella maggior parte delle guide turistiche sulla svezia, quando danno consigli sulla cultura e vita sociale locale menzionano sempre questo consigliando spesso appunto anche di indossare calzini in buono stato), se hai gente a casa quindi è facile che, a un certo punto, la zona ingresso sia piena di scarpe
    Regola delle scarpe che è cosi forte e insita nella cultura locale che si applica anche ad altri luoghi, come ad esempio scuole (di quasi tutti i gradi) e asili, posti nei quali è molto facile trovare un cartello che ricorda la cosa come ad esempio questi:

    in italia, praticamente quasi stato (almeno parlando di casa mia) con le scarpe ma quasi sempre in ciabatte (che sono anche piu comode per il piede)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  15. cartelli all ingresso delle scuole svedesi

    https://heddaundervisning.files.wordpress.com/2017/11/skogrc3a4ns.jpg

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  16. Curioso che proprio stamani, dopo aver letto questo post, abbia pestato una merda per strada.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. Va beh, dai, mica vorrai essere così snob da toglierti le scarpe prima di entrare a casa come quei fighetti che stanno sul cazzo a Meno Uno?!..,

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 6 votes)
  17. mia madre dà ancora la cera in casa

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. Se passa le cera e poi la toglie, si sta allenando a karate.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
  18. Usanza nordeuropea che odio, tollerabile soltanto se in casa hai la moquette.

    P.S.: Mia moglie dà ancora la cera in bagno (incluso giro di lucidatrice)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento