Cosa non va in Tommaso Paradiso

Fra Tommaso Paradiso e il popolo del web sceglieremo sempre l’ex frontman dei TheGiornalisti: questa è la premessa. Detto questo, cos’è che ha scatenato una valanga di critiche e di offese contro Ricordami, il suo nuovo singolo? Canzone che a noi non piace, anzi diciamo pure decisamente brutta, accettabile solo nei punti che ricordano Mamma Maria dei Ricchi e Poveri, pochissima cosa rispetto ai tanti capolavori tipo Felicità Puttana o Sold Out, sempre ben presenti nelle nostre playlist da viaggio in auto.

Ma la logica dice che una canzone che non ti piace la ignori, al massimo la disprezzi, di certo non perdi tempo a commentarla. Nel caso del musicista romano siamo invece oltre il solito schemino ‘Hai avuto successo, quindi ti massacro’ che in Italia ha più successo che altrove per ragioni culturali e quasi etniche: tutti noi siamo cresciuti convinti di essere circondati da raccomandati e gente che ci vuole fregare, quindi il successo è sempre qualcosa di cui sospettare. E da sminuire una volta che non c’è più.

Tommaso Paradiso non è soltanto un cantante di successo, ma ha due altre caratteristiche che mandano fuori di testa la critica ed un certo tipo di pubblico. La prima è che pur con una storia familiare difficile viene da un ambiente borghese, come del resto anche tantissimi che se la tirano da maledetti (Achille Lauro, per dirne uno) o da gente del ghetto senza aver mai visto un ghetto nemmeno in cartolina: non se ne è mai vergognato ed ha sempre affermato che il suo immaginario è quello di Venditti (l’amico Enrico, pur apprezzandolo, sostiene invece che sia uno storpiatore di pezzi degli Stadio). La seconda è che non è minimamente politicizzato, nelle canzoni e nelle dichiarazioni: il fatto di essere di sinistra (è simpatizzante di Zingaretti) non è abbastanza, il popolo di Twitter lo vuole più arrabbiato e attento al sociale.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.5/10 (59 votes cast)
Cosa non va in Tommaso Paradiso, 6.5 out of 10 based on 59 ratings

26 commenti

  1. Fortuna che Bersani è uscito dal lungo silenzio. E torniamo alle cose serie.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  2. mmm no, dissento Direttore

    cominciamo da un assunto: Tommaso Paradiso ad oggi ha “numericamente” (in senso di album venduti e biglietti acquistati) un buon passato grazie al gruppo TheGiornalisti e un presente onestamente ancora tutto da capire (e anche un futuro incerto, direbbe Tonino Carotone, ma questo vale per tutti noi). Sono usciti due o tre singoli di Paradiso “in quanto solista” senza carne nè pesce (anzi, quest’ultimo è brutto davvero) che comprensibilmente instillano un po’ di dubbio sulla sua resa qualitativa post-TheGiornalisti. Però, abbiamo ancora tempo per giudicare.

    il massacro a Paradiso (oddio, massacro…) per una canzone che scriverebbe anche Gigione però ha delle fondamenta onestamente solidissime: le major, assieme ad un certo tipo di popolo del web (di cui ho già parlato tempo fa in un vecchio post…) lo hanno assunto a Maitre A Penser di una certa generazione 16-40 mischiando in un pentolone spleen, scazzo, leggerezza, adolescenza adulta e adultismo adolescente, instagrammismo, voglia di ritrovare l’amore eterno ma nel contempo scopare con tutt* con qualche spruzzo di hipsterismo + product placement a volontà. Insomma, La Locura 2.0, direttore. E – peggio ancora – Paradiso crede davvero di essere tutto questo (nel Lazio direbbero “se la sente calda”) rendendo il tutto così aulicamente ridicolo (avete presente la traccia “Domande Bizzarre” di Elio e Le Storie Tese, quando dialogano con Bisio? Ecco, questo è Paradiso)

    E quando i nodi (magari temporaneamente) vengono al pettine è normale che poi gli si chieda conto di tutta la sovrastruttura che gli è stata costruita. Se avessimo preso i TheGiornalisti per come sono (un gruppo simpatico, che fa musica simpatica, senza voler per forza vederli come Coloro Che Spiegano la Generazione di Giuovani) anche le critiche per “Ricordami” sarebbero state più miti.

    Ah, il movimento di beatificazione di Paradiso è lo stesso movimento che ha eretto a RIVOLUZIONARIO un cantante che non sa cantare ma che sa vestirsi da giullare per “scardinare il sistema” (facendolo nel Tempio del Sistema a beneficio del Sistema stesso, come Dylan a Newport si si…)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +34 (from 44 votes)
  3. Io sceglierei sempre il popolo del web invece perche’ di sicuro tra milioni di persone uno migliore di Tommaso Paradiso (che conosco per l’orecchiabile Riccione) lo trovo di sicuro.

    Seconda cosa: la critica feroce c’e’ sempre stata. Vasco ci ha costruito un’impero sulle critiche dei suoi haters, idem Battisti, idem Battiato, idem chiunque.

    Terza cosa: per criticare Paradiso per tutte quelle cose bisogna conoscere tutte querlle cose di paradiso. la domanda e’: ma chi cazzo le sa tutte quelle cose di un giovane non piu’ giovanissimo, con la barba, che fa canzoni del cazzo come ce ne sono a centinaia in italia ed in Europa?

    Quarta cosa: il non essere politicizzato e’ carattersitica del 95% dei cantanti italiani. Benvenga. Sia mai che in Italia si dica o si faccia qualcosa di impegnato (magari anche di destra eh, sarebbe cosa benvenuta). Quindi se era una scusa per dire che lo si critica perche’ non schierato a sinistra possiamo stare sereni.

    Quinta cosa; aveva gia’ detto tutto Thecarbayon sopra e quando apri troppi fronti e ti poni come emblema della macrogenerazione piu’ indolente di tutti i tempi (quella che pensa che se sei anciora acasa a prendere 800 euro al mese lavorando 10 ore al giorno e’ colpa di chi ti ha preceduto e non tua perche’ ti fai cagare in testa e sei li a tampinare le dicooteeni su Instagram quando hai suoerato i 40) sei attaccabile su tutti quei fronti. Ma comunque sempre meglio che lavorare. Che non rompa i coglioni lui e chi lo difende.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 22 votes)
  4. Il popolo di Twitter fondamentalmente non conta un cazzo.
    Il problema è che crede di contare molto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 14 votes)
  5. Io inizio a credere che gli hater siano fondamentali per l’esistenza di un personaggio, e che le shistorm vengano fatte partire direttamente dai social media manager. Prendiamo per esempio il caso Gucci, copio e incollo quello che ho scritto su Facebook l’altro ieri:
    “Il 4 di luglio Calvin Klein schiera in campo la modella nera, grassa, lesbica, transgender ma, a parte qualche attivista LGBT (e il sottoscritto, che aveva fatto un posto al riguardo), nessuno batte ciglio. Niente, non gli è riuscito lo stunt pubblicitario. Tristezza pari al finto dissing tra Madonna e Marcelo Burlon, una delle cose più tristi che mi ricordi.
    A fine agosto Gucci umilia CK, facendogli vedere come si fa, riuscendo a far parlare del marchio per giorni ( siamo al quarto o quinto mi sembra ) schierando in campo una modella truccata male apposta!
    Il tocco di classe per me sono le sopracciglia non curate.
    5 giorni di follia alimentata ad arte dai social media manager di Gucci immagino, non mi stupirei se il body shaming lo avessero fatto partire loro con qualche profilo fake o pagando qualcuno, imparando dai SMM di Salvini su come si appicca un fuoco social e lo si alimenta.”

    Io inizio a sospettare che gli haters facciano parte della campagna promozionale, anche nel caso di Tommaso Paradiso, perchè ormai non puoi avere successo senza nessuno che ti “odi”.
    Detto questo, la canzone non la ho sentita, se fa cagare è un motivo in più per spingere sul marketing, con una canzone come Felicità Puttana non c’era bisogno di tanto marketing perchè era perfetta.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +23 (from 25 votes)
    1. Infatti, lo sono sempre stati e sempre lo saranno.
      Mi stupisce che una cosa che e’ sempre stata necessaria per il successo venga vista come negativa e come nata
      solo ora che esistono i social e Twitter.
      Per fortuna se ne sono accorti anche coloro che gestisocno la comunicazione. Sta partendo Ballando con le stelle? Via di frase pseudosessista
      da parte di uno dei concorrenti e ti fai dieci giorni di polemiche e di pubblicita’ gratuita che ti fanno da traino per gli ascolti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
  6. Tutto molto interessante, e scritto benissimo, bravi, su una canzone oggettivamente orrenda.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  7. Quando il popolo del web se la prende con degli sconosciuti dovremmo riflettere sul cyberbullismo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  8. stavolta ha ragione Pelucchetti.

    In particolare su SMM e shitstorm costruiti a tavolino per farsi pubblicità (la politica in questo è un passo avanti a tutti).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  9. Al netto del sarcasmo di Jeremy, ha detto tutto Carbayon.
    Niente da aggiungere se non che ha ragione Belisario quando dice che distende che lo si odi per tutte quelle cose lì fa ridere, visto che parliamo di uno sconosciuto di cui non siamo certo stati suoi vicini di casa o compagni di scuola (qual’è il passato familiare difficile?! Ma chi cazzo la conosce la sua famiglia…). Ancor più ridere far passare il concetto che lo si odi perché non schierato sia perché in realtà è schierato eccome e sia perché lui e il suo ex-gruppo rappresentano facilmente il più grande partito italiano.
    E niente, neanche oggi siamo riusciti a parlare di musica e musicisti…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 14 votes)
  10. se mi ricordo bene la faccenda Paradiso se n’era andato sbattendo la porta asserendo che le canzoni dei TheGiornalisti erano sue al 90% ed era stufo che non si riconoscesse la cosa (con uno degli ex-compari che sui social rispose “Millantare per millantare io ho scritto tutte le canzoni dei Rolling Stones, va bene?”), adesso la sua carriera solista sta dimostrando che forse esagerava un tantino e la cosa gli si è ritorta contro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 9 votes)
    1. Praticamente come se Angelo Colombo se ne fosse andato dal Milan perché non gli riconoscevano i meriti delle vittorie rossonere…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 8 votes)
      1. Beh effettivamente quel milan ebbe il suo tommaso paradiso. Inutile dire chi sia, dopo 30 anni ce la fa ancora a peperini….

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +6 (from 6 votes)
  11. Ma è parente di Maurizia?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +15 (from 15 votes)
  12. Eh ma gli eiterz…

    https://youtu.be/btCxtpgsc_A

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  13. Comunque quella che mi piace di più di Paradiso è “Tra la strada e le stelle”, era in quel periodo in cui sembrava che potesse fare una canzone bella ogni dieci minuti. In ogni caso, ad averne di Tommaso Paradiso, a scrivere le canzoni è bravissimo. Anche Luca lo stesso di Carboni che ha scritto lui è bellissima

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  14. Ma come? Paradiso ha avuto anche la benedizione, tramite duetto, dell’artista che senza se e senza ma rappresenta il bene e ora lo odiano perché non rappresenta il bene?
    Gliel’avevo detto io che intenstando la canzone ai Barbudos, anziché ad un più riconoscibile JovaTommà il popolo di Twitter se ne sarebbe dimenticato in fretta

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. Ma chi è che rappresenta il male?! Chi è che si veste da pírla?!
    Ragazzi, potete essere un po’ meno Spike?! Per rispetto di chi non segue la Serie B…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. Di culto l’avatar dell’autrice dell’ultimo tweet…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  16. Comunque dando un’occhiata all’hashtag #ricordami c’è anche un 20% di gente a cui la canzione piace, cioè, io ci metterei un miliardo di firme perché il mio eventuale disco piacesse al 20% del popolo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
    1. Si ok ma poi ci andrebbero al concero del Francesco Sarcina dei poveri?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
      1. Jer non lo so ma pensavo di trovare migliaia di tweet in cui si dicevano cose tipo”Tommaso da quando ti inculi le mucche scrivi delle canzoni di merda” e invece il tweet medio gli da del Mirko dei BeeHive.
        Forse non ho avuto la pazienza di scorrere fino a trovare i tweet più bastardi ma ho l’impressione che il concetto di shit storming sia un po’ troppo per descrivere quello che è successo

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +3 (from 3 votes)
        1. Non avevo dubbi, parliamo di uno sconosciuto che vuole farsi pubblicità a tutti i costi. Poveretto

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +3 (from 3 votes)
  17. ma infatti non c’è stata nessuna shitstorm su Paradiso
    semmai un gruppo (ampio) di ascoltatori che hanno sottolineato la debolezza della canzone
    ma qualcuno l’ha vista come Lesa Maestà…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  18. Non si dove scriverlo ma… Quanto è brutta la versione di rimmel di Tiziano ferro? Vuota e senza senso. Ma non si è risentito prima di registrarla?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)

Lascia un commento