Recoba e Franco Rossi

Per noi ogni pretesto è buono, se si tratta di parlare di Alvaro Recoba o di Franco Rossi. Quindi nella puntata di oggi stravinceremo, parlando sia di Recoba sia di Franco Rossi. Il grande giornalista, scomparso sette anni fa e al quale con Enzo Palladini abbiamo dedicato un libro (A cena con Franco Rossi) commercialmente disastroso ma emozionante come pochi altri, per diverse stagioni ebbe una notevole influenza su Massimo Moratti. Più per gli acquisti che per alcune cessioni da lui, e non solo da lui, giudicate scellerate anche con il senno del momento: Roberto Carlos, Pagliuca, Seedorf, Ronaldo…

Fra gli acquisti per così dire approvati da Franco Rossi c’era anche Recoba, non perché Franco seguisse il campionato uruguaiano (giustamente si vantava di commentare soltanto le partite che davvero guardava, per questo prendeva a male parole chi gli chiedeva opinioni sulla Serie B o sul 3-3-1-3 del Volendam) ma perché il suo amico Luis Suarez gliene aveva parlato in maniera entusiastica.

E, come abbiamo già scritto, Suarez fa parte di quella categoria di ex campioni per i quali quasi ogni giocatore del presente è indegno di giocare a calcio, figuriamoci nell’Inter visto che per definizione nessuno è mai ‘da Inter’ (qualsiasi cosa voglia dire). Insomma, le eccezioni del Suarez osservatore sono state nel corso degli anni poche, fra queste Recoba. Una volta lo abbiamo sentito dire buone cose di Iniesta, ma giusto perché era Iniesta.

Va anche detto che Recoba aveva tutto per piacere a Franco Rossi, compreso un luogo di nascita secondo alcuni non certo (per qualche anno circolò la leggenda che fosse peruviano o cileno, certo non spagnolo come da passaporto falso degli anni successivi), e che quindi di base iniziò a parlarne e scriverne bene, criticando Simoni per il suo scarso impiego. Inevitabilmente i suoi giudizi sul Chino risentivano dei suoi rapporti del momento con Moratti, quindi quando Moratti non gli dava retta per questo o quel brasiliano segnalato (Kleberson?) Recoba da fuoriclasse assoluto diventava automaticamente un giocatore come tanti.

Con l’arrivo di Roberto Mancini all’Inter, nel 2004, la situazione mutò di nuovo, perché fra Mancini e Moratti (o meglio, fra Mancini e chiunque altro nell’universo, anche se stesso) Franco avrebbe sempre scelto Mancini. Che Recoba lo faceva giocare pochissimo, contando sul fatto che anche Adriano, Martins e all’epoca ancora Vieri fossero nel cuore del presidente, ma che almeno all’inizio provò a fargli far un salto di qualità fisico, con una preparazione e un’alimentazione mirate. Tempo sprecato: le versioni di Mancini e di Recoba sono così diverse che ci sembra impossibile che la verità stia a metà strada.

Lì Recoba perse un treno importante, perché Mancini aveva ed ha fra i suoi pregi quello di comprendere i calciatori fuori dagli schemi. Li valorizza se si lasciano valorizzare, ma è durissimo, più di altri tipi di allenatore, quando ha il sospetto di essere preso in giro: per questo Recoba con lui ha sempre avuto poco spazio, fino alla cessione al Torino nel 2007, Vieri è stato salutato nel 2005 ed Adriano è progressivamente uscito dai radar fra alcol, depressione e amici di Adriano.

Tornando a Recoba e Franco Rossi, è quasi inutile dire che i giudizi sempre più duri di Franco contribuirono al raffreddamento dei suoi rapporti con Moratti, che pur rispondendo alle sue telefonate aveva ormai scelto altri giornalisti e altri consiglieri (nessuno però mai all’altezza del barista di Forte dei Marmi che nell’estate 2009 perorò la causa di Sneijder). Ad un certo punto Recoba diventò il passato per entrambi, prima che loro stessi si mettessero a marciare su quella che gli storyteller definiscono memory lane. Chiudendo con una brutale sintesi, potremmo dire che Recoba era un vero giocatore da Franco Rossi, di quelli ideali non per vincere le partite ma per parlare tre ore di fila di calcio, che in fondo è l’unica cosa che ci interessa. Quanto ci mancano, tutti e due.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.4/10 (28 votes cast)
Recoba e Franco Rossi, 9.4 out of 10 based on 28 ratings

14 commenti

  1. Direi che questo post dà nuovamente la misura dell’incapacità di Moratti: il barista, il postino, il taxista, l’amico del figlio, … tutti più ascoltati di chi lui pagava per fare quel lavoro. Un miracolato dalla vita.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 21 votes)
  2. In quasi vent’anni di presidenza secondo me ci sta che abbia ascoltato una volta questo, una volta quello… Se mi metto nei suoi panni, con la gente che quotidianamente mi parla della mia squadra e mi dà suggerimenti vari, qualcuno prima o poi lo ascolterai. Passi vent’anni a ignorare il mondo? Fatico a credere che non sia capitato anche agli altri presidenti di lungo corso di aver preso qualche spunto dalla gente comune.

    Sarebbe stato strano per Thohir…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 20 votes)
  3. Sì ma che ne pensa il dottor Erekin di Recoba?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  4. Tra i fenomeni brasiliani sponsorizzati da Franco Rossi chi si ricorda del mitologico Fabio Rochemback?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
    1. Lo ricordo benissimo, fu oggetto di una discussione accanita tra me e Franco in merito.
      Io preferivo Thiago Motta, ai tempi qualche giornale parlo di un interessamento del Milan e lui sosteneva che Rochemback fosse meglio, soprattutto perché molto più mobile.
      Comunque non sembrava per niente male anche Rochemback, come non sembrava male nemmeno Vampeta (altro suo pallino) che non ho mai capito perché non abbia mai giocato nemmeno un minuto…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -8 (from 12 votes)
      1. Vampeta giocò pochissimo ma qualche presenza la fece, supercoppa contro la Lazio, prima di campionato contro la Reggina e i primi turni di coppa Uefa, semplicemente un giocatore troppo poco dinamico per il calcio europeo di alto livello, andava bene solo in Brasile
        fu comunque la migliore plusvalenza morattiana, visto che ne demmo metà al PSG in cambio di Dalmat e metà al Flamengo per avere Adriano

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 5 votes)
        1. io la ricordavo un po’ diversa: era in comproprietà tra noi e il PSG e per riaverlo dal Brasile diedero due giovani, Ronaldinho ai francesi e Adriano a noi

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 2 votes)
          1. non so se la mia memoria mi inganna, ma la prima apparizione di Vampeta (in Lazio-Inter di supercoppa) fu positiva. lo ricordo non come un crack ma comunque come uno che aveva contezza dell’uso del pallone
            poi boh…

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +2 (from 2 votes)
          2. Ronaldinho era del Gremio, mica del Flamengo

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: 0 (from 0 votes)
  5. Meno Uno: e non ho neanche descritto la cena luculliana teatro della discussione!…

    Axel: beh, praticamente ha giocato qualche partitella di precampionato, il Vampeta visto in nazionale pareva tutt’altro che un giocatore poco dinamico.
    Sono rimasto con la curiosità…

    Andrea, il solito culo di Moratti!…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -10 (from 12 votes)
  6. Mi sento in vena di professare il mio recobismo:

    Per gli amanti delle statistiche, circa 14000 minuti di Inter ha fatto 71 gol e 29 assist, cioè è stato decisivo ogni 140 minuti (=una partita e mezzo). Non un cesso anche considerando il contesto in cui ha giocato, non esattamente stabile…

    Per gli amanti del cinema c’è questo

    https://m.youtube.com/watch?v=Gy3fZhWdLEQ

    Credo svariati di questi gol starebbero nella top ten di Gesù Cristo da Nazaret, avesse giocato a calcio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 7 votes)
    1. Ah, quando uno segna o fa un assist è decisivo per definizione?! Interessante…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 4 votes)
  7. Chiudendo con una brutale sintesi, potremmo dire che Recoba era un vero giocatore da Franco Rossi, di quelli ideali non per vincere le partite ma per parlare tre ore di fila di calcio, che in fondo è l’unica cosa che ci interessa. Quanto ci mancano, tutti e due.

    Fantastico 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 12 votes)
  8. Si, ecco, poi volendo riassumere in maniera sintetica senza perdersi in troppe chiacchiere si potrebbe semplicemente dire che Rossi considerava Recoba un fenomeno incompreso finché non ha avuto per la prima volta notizie dirette di cosa faceva in allenamento.
    Da un allenatore.
    Il suo amico Mancini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 9 votes)

Lascia un commento