I sopravvalutati Rivers e Leonard

Chi è più sopravvalutato fra Doc Rivers e Kawhi Leonard? I Los Angeles Clippers sono stati buttati fuori dalle semifinali di conference dei playoff NBA dai Denver Nuggets, che nell’ambiente asettico di Orlando hanno rimontato dall’1-3 grazie alle prove mostruose di Nikola Jokic e di Jamal Murray, ma anche ad un evidente crollo fisico della seconda squadra di Los Angeles, sul cui passaggio del turno avevamo puntato tantissimi soldi perché la pallacanestro ha una logica (e lo pensiamo ancora, nonostante tutto). Clippers nei momenti decisivi traditi anche da Paul George e soprattutto da Leonard, che dopo quelli con Spurs e Raptors il terzo anello voleva vincerlo da stella assoluta e riconosciuta da tutti quale è. Scottie Pippen era bravissimo, ma la pressione che sopportava Jordan era diversa.

Non crediamo che avrebbero battuto i Lakers nella finale di conference, ma questo non toglie che l’imputato principale dei Clippers sia Rivers, da 7 anni su questa panchina e che adesso detiene il poco invidiabile record di unico coach della storia ad essersi fatto rimontare tre volte nei playoff NBA un vantaggio di 3-1. Ed era già l’unico ad essersi fatto rimontare due volte… In queste ore più volte viene citata la famosa frase di Phil Jackson sulle squadre di Rivers (Jackson si riferiva ai Celtics) nei finali di partita e bisogna dire che anche restringendo il discorso al Rivers dei Clippers (ricordando la versione Paul-Griffin che si suicidò con i Rockets) il discorso ci sta.

E quindi? Abbiamo letto su giornali e siti autorevoli che Rivers non rischia, ovviamente qui da un bar italiano non possiamo fare previsioni più accurate. Visto che tutto viene ormai letto in chiave Black Lives Matter, è chiaro al 90% degli appassionati che se Rivers fosse bianco sarebbe già stato cacciato su due piedi da Steve Ballmer. Poi ci sono tante spiegazioni, secondo noi una valida è il clamoroso ridimensionamento di Montrezl Harrell, ma questo non toglie che Rivers si sia guadagnato la patente di underachiever. E non da ieri, visto che in molti nella NBA pensano che con i Celtics, pur vincitori dell’anello 2008, abbia sprecato una clamorosa opportunità di dynasty.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.1/10 (19 votes cast)
I sopravvalutati Rivers e Leonard, 6.1 out of 10 based on 19 ratings

22 commenti

  1. Direttore, mai scrivere un artivolo dopo che una scommessa e’ andata a donne di facili costumi 🙂
    Io avevo la doppia bet sulle due di LA. Confido nel fatto che il Re non tradisca.
    Per rispondere alla sua domanda sicuramente sopravvalutato Rivers.
    Di Leonard anche in questa prova negativa non si puo’ certo dire che abbia tradito il suo status
    di apprezzabile secondo violino quindi la visione che si ha di lui non e’ quella del sopravvalutato.
    Certo, lo si paragonava vcon chi e’ un’intera orchestra ma non e’ colpa sua.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 12 votes)
  2. Direttore piccatissimo
    Beli ma un colpo non si diceva che Kawhi (che da profano asserisco diventi fortissimo in contesti con un minimo di organizzazione) doveva venire alla corte del Re ? Come e finita poi ?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  3. Che Rivers sia un perdente mi pare ormai chiaro: l’unico titolo che ha vinto è stato con Boston dove aveva tutto il sistema NBA era dalla sua parte per far vincere i Celtics, in stile romane nei campionati del Giubileo.
    Leonard è un campione, ma non è sicuramente uno che deve farsi dare la palla in mano e giocare da solo. Bisogna capire se è lui che vuole giocare così o gli chiedono di giocare così.
    George è una pippa come Harden, insieme a Westbrook uno dei peggiore nei 4/4.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 9 votes)
  4. Direttore amarissimo (btw, a febbraio pure io avrei puntato qualche soldino su Clippers, meno male che non scommetto).

    Leonard comunque l’anello ai Raptors l’aveva vinto da primissimo violino. Lui se non altro aveva giá dimostrato.

    Su Rivers e PG13 (sopravvalutatissimo) invece concordo. A parte la roba sul razzismo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  5. McMillan licenziato da Indiana un minuto dopo l’eliminazione (fresco di rinnovo) é evidentemente caucasico.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 15 votes)
    1. Indiana meta perfetta per D’Antoni.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
      1. lo vedrei benissimo ai Pelicans, invece.

        Dicono che i favoriti siano i Sixers: secondo me ci azzecca poco. Anzi nulla.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 4 votes)
    2. Non hai capito, mi sa…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 1 vote)
  6. per quanto mi riguarda i Nuggets hanno giá vinto:

    https://www.instagram.com/p/CFNPRXKgTsN/?utm_source=ig_web_copy_link

    😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  7. @Leonto, non so , come Celestino V ha fato per viltade il gran rifiuto.
    E pensare che per lui il Re aveva gia’ apparecchiato un posto a Palazzo Baracchini come Ministro della Difesa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  8. Clippers che avrebbero beneficiato enormemente di una point Guard non necessariamente di primo livello, ma senza buchi tra attacco e difesa.
    La butto, lì, un Derrick White al posto di Beverley avrebbe fatto una signora differenza.

    Il discorso Rivers/BLM non era nemmeno quotato, dopo aver letto di Paradiso ostracizzato perchè poco schierato.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
    1. mancanza di playmaking evidente, ma avevano comunque il secondo offensive rating della lega, in stagione regolare.
      (che poi pure i Lakers giocano senza play, volendo).

      c’é un bel pezzo su UU (serio) che analizza bene la loro disfatta.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
      1. Lebron È un playmaker. Non è una point guard, ma è lo stesso capace di essere il playmaker primario di una squadra

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 2 votes)
        1. Lebron ha sempre la boccia in mano, diciamo così 😉

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +2 (from 2 votes)
  9. the31matrix

    coi raptors leonard era il secondo violino di van vleet forse 😂😂😂😂😂

    matrix hai visto come escono i sorci del re quando KD riposa..?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. Fantomaz: respect for Fred 😉

      Peccato che ormai sia già tutto apparecchiato per i gialloviola, così potranno commemorare degnamente il mamba.

      Però da spettatore il derby avrebbe avuto tutt’altro fascino.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  10. Il covid dorme tranquillo in Italia perche’ il suo peggior nemico (o quello che dovrebbe essere) ha spesso altro da fare
    che non curarsi di lui. <3

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  11. A kawhi quest’anno è stato chiesto un lavoro che non è il suo. Non è lbj, non è un playmaker. Il meglio in attacco lo da offball e infatti in campo il pallone lo portavano parker manu e mills a sas e lowry e van vleet a toronto. Inoltre non è un leader di spogliatoio, appunto non è lbj. Un leader non deve essere per forza il giocatore più forte della squadra ma deve avere almeno il talento e/o pedigree oer avere il rispetto e essere ascoltato dagli altri. Esempio classico derek fisher, non un fenomeno ma uno chedall’alto del suo pedigree clutch e dei suoi 3 anelli era il vocal leader di quwi lakers 2008/11.I leader a san antonio erano i 3 leggendari e a toronto lowry ibaka e gasol. Kawhi è un paul george molto più forte, e questo conduce all’altro problema. La seconda star è stata pagata tantissimo, praticamente gilgeous alexander gallinari e tutte le prime scelte fino al 2027, e non è complementare al gioco di Leonard, anzi parzialmente si sovrappone. Le qualità difensive perimetrali delle due star più beverley (cmq sopravvalutato anche in questo) sono valse nulla non avendo una benché minima difesa del canestro contro il joker. Senza contare che ogni volta che entrava lou will era un disastro. Rivers per me è sopravvalutato perché non ha un sistema né offensivo né difensivo, si affida troppo allo star power. Insistere con trez e sui raddoppi su jokic è stato un suicidio. Lo abbiamo visto con budenholzer, con d’antoni e ora rivers. La differenza nel coaching ai playoff la fa la capacità nel fare gli aggiustamenti corretti a serie in corso. Prendere a esempio vogel. Houston gioca micro ball? Fuori mcgee e howard praticamente tutta la serie. E questa è anche leasership e capacità di far capire a ciascuno il proprio ruolo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. Sono completamente d’accordo a metà.

      Con un Harrell vagamente presentabile e una difesa perlomeno decente (diciamo la metà di quella vista in RS) questa serie la vincevano in ciabatte.
      Ed in effetti erano 3-1 pur giocando maluccio e avanti di 20 in gara 6.
      Il collasso ha motivazioni tecniche fino a un certo punto..

      Denver é una bella squadra, con parecchio talento davanti, ma rivedibile in difesa.

      Sul coaching staff dei Lakers…mmmm..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  12. “è chiaro al 90% degli appassionati che se Rivers fosse bianco sarebbe già stato cacciato su due piedi da Steve Ballmer”

    C’entra un cazzo, ma sui social il trollaggio verso i Clippers da parte dei tifosi vip di colore dei Lakers, su tutti Snoop Dogg, è stato senza pietà solidarieta’ per il fratello nigga…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  13. Nel frattempo i Clippers hanno licenziato Rivers.

    Si vede che in queste ultime settimane si sarà schiarito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
    1. Troppe docce all’amuchina, nella bolla.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)

Lascia un commento