I veri perdenti del decennio

La Juventus ha appena vinto il nono scudetto consecutivo, il trentaseiesimo della sua storia. E l’addio di James Pallotta alla Roma, in mezzo alle pernacchie ingenerose di quelli che poi ‘Signora mia, in Italia manca la cultura sportiva’, oggi esaltatori di Friedkin che dice esattamente le stesse cose di Pallotta nove anni fa, ci ispira una riflessione che si può anche non leggere. Come del resto la rubrica su Recoba, che potrebbe diventare quotidiana.

E andiamo con la riflessione. Negli ultimi nove campionati di Serie A la Roma di Pallotta e soci è stata la terza squadra d’Italia per numero di punti: 653, dietro alla Juventus (810) e al Napoli (680). Il quarto posto è molto più in basso, a quota 581, ed è della Lazio. Poco sotto Inter e Milan, quinte con gli stessi punti, 579. Seguono Fiorentina (516), Atalanta (497), Udinese (427) e Torino (405).

Non occorre essere storico (cit. Franco Rossi) per notare che 7 di queste 10 squadre hanno avuto in questi anni la stessa proprietà, una (la Fiorentina) l’ha avuta per 8 stagioni su 9 e soltanto Inter e Milan sono finite nel tunnel di due diverse ricostruzioni, peraltro nessuna delle due ultimata. Cosa vogliamo dire è evidente: una proprietà stabile, anche quando i proprietari capiscono poco di calcio e/o hanno il braccino corto, vale più di allenatori e giocatori.

Inevitabile il confronto con la classifica dal 1929 ad oggi, con le prime 10 posizioni in quest’ordine: Juventus, Inter, Milan, Roma, Fiorentina, Lazio, Napoli, Torino, Bologna, Sampdoria. Nell’ultimo decennio ad essere peggiori rispetto alla propria storia sono stati quindi Inter, Milan, Fiorentina e Torino (asterisco: un campionato è stato in B ma non è un’attenuante perché Cairo ne è presidente dal 2005), per non parlare di Bologna e Sampdoria.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.4/10 (12 votes cast)
I veri perdenti del decennio, 8.4 out of 10 based on 12 ratings

3 commenti

  1. allargherei il discorso ai “titoli” in generale. Con le italiane che in Europa League non battono chiodo da 20 anni, vincere una Coppa Italia (o perlomeno provarci) dà un senso non solo alla stagione, ma anche alla propria storia. Io credo che al di là di tutto il resto, su cui si può discutere, ai romanisti girino anche perchè, durante i 9 anni di Pallotta da “zero titoli” (ma una semifinale di Champions), la Lazio due Coppe Italia quantomeno le ha alzate

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  2. Non so se preferirei due coppe Italia alla possibilità di giocare una finale di Champions. E’ una cosa in scala mondiale la semifinale di Champions.

    Personalmente ricordo la semifinale con Cuper più della coppa Italia con Mancini.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 13 votes)
  3. Articolo che alla luce di ieri sera assume nuova dimensione! 😝

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento