Trappola per Ben Johnson

Ben Johnson è nel linguaggio comune quasi sinonimo di doping, nonostante quasi tutti gli 8 finalisti dei 100 metri alle Olimpiadi di Seul fossero o siano poi stati legati a vicende di doping. Per questo 9,79 – 100 metri di vergogna è un documentario da vedere, attualmente è in programmazione su Sky Sport e a maggior ragione si trova sull’on demand.

Girato nel 2012 da Daniel Gordon e prodotto da ESPN (titolo originale 9.79*) , il documentario è basato su The dirtiest race in history, il bellissimo libro di Richard Moore (molto duro con Primo Nebiolo, fra l’altro), e strutturato su interviste parallele agli 8 finalisti: Ben Johnson e Carl Lewis dominano la scena, ma sono molto interessanti anche le parole di Calvin Smith e Desai Williams, oltre a quelle di Ray Stewart, Robson da Silva, Dennis Mitchell e Linford Christie.

Il più avvelenato, a decenni di distanza, è giustamente Smith, ex primatista mondiale con 9″93 (nel 1983 aveva battuto il record di Jim Hines che durava da 15 anni): con un antidoping serio la medaglia d’oro sarebbe andata a lui, con l’argento a Da Silva e il bronzo a… nessuno. Di certo Johnson era per i media generalisti un ottimo ‘cattivo’.

Le due vicende più clamorose sono la positività all’efedrina di Carl Lewis ai Trials statunitensi in vista di Seul e soprattutto il ruolo di Andre Jackson, conoscente di entrambi e presente nella saletta dell’antidoping: la tesi del libro, più che del documentario, è che Johnson fosse dopato ma non per le sostanze poi trovate a Seul. In altre parole sarebbe stato incastrato, per riportare in alto il più mediatico Lewis, che nel documentario appare impostato in maniera imbarazzante.

Tutto può essere, ma è difficile che la IAAF abbia ordito un complotto contro il canadese di origine giamaicana (anzi, fino a 14 anni proprio giamaicano) che ha distrutto una rivalità che faceva la fortuna di tutti, ma principalmente dell’atletica mondiale. Verosimile, che non significa vera, l’intenzione degli statunitense di far cogliere in flagrante Johnson, probabilmente condannato in maniera giusta ma per un test sbagliato.

Nel documentario esce in fondo bene la figura di Charlie Francis, l’allenatore di Johnson, dei cui metodi aveva scritto proprio su Indiscreto il professor Vittori. Francis operava senza problemi ai confini del doping, però mai avrebbe messo a rischio la carriera di Johnson, che a un certo punto mettendosi nelle mani del dottor Astaphan volle esagerare. L’aspetto curioso di tutta la vicenda, ripetiamo, è che Johnson fu incastrato per uno steroide anabolizzante, lo stanozololo, che non assumeva, mentre ne usava (come ammesso da Francis) altri. Una finale sporca, in ogni senso, ma i primi 20 metri di Johnson sono qualcosa che mette i brividi anche alla centesima visione.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.0/10 (9 votes cast)
Trappola per Ben Johnson, 8.0 out of 10 based on 9 ratings

7 commenti

  1. Qualcuno sa che fine abbia fatto Valerio Bonsignore?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Farà collezione di medaglie olimpiche…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 3 votes)
  2. ma dov’ero quando uscì il pezzo di vittori?

    sempre restando in tema atletica (su cui il direttore è sempre in formissima)… ho letto di una polemica bragagna/tortu. a naso il primo forse ha sconfinato, ma ha anche espresso una critica legittima… ambientino permaloso e livoroso pure quello

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. L’antefatto è un giudizio espresso da Bragagna non in telecronaca ma in un’intervista al sito Atleticalive.it, in cui (peraltro in maniera sfumata e non offensiva) dice che arrivato a questo punto Tortu non sta progredendo e che dovrebbe seriamente pensare ai 200, se vuole una medaglia ai Mondiali o alle Olimpiadi… in altre parole una critica al padre-allenatore Salvino… per me, con tutti i pianeti allineati (o se cade il testimone a qualcuno di forte), la grande arriverà dalla 4 per 100 con Tortu, Jacobs, Lai e magari Desalu

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 7 votes)
    2. Entourage di Tortu troppo permaloso il che dà l’idea del provincialismo di certi sport in Italia, dove appena uno esce dall’ombra si sente guappo di quartiere.
      Critica di Bragagna però magari fondata ma anche in questo caso mi pare ci sia troppa nevrastenia. Aspettiamo almeno una prima tappa, altrimenti mi pare come quando si bocca un terzino fluidificante di talento al primo contrasto perso: “Non sa marcare, meglio metterli ala…”
      Minchia, camomillatevi tutti…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 8 votes)
  3. Concordo con Sartorati, gli articoli di atletica leggera del Direttore sono sempre acqua fresca. Confesso che mi mancano quelli di Simone Basso anche se ogni tanto qualche bella discussione sul ciclismo (grazie sopratutto a Dane) salta fuori. Personalmente ero un tifoso di Johnson e quel giorno impazzii di gioia. Ancora oggi è lui il mio primo ricordo di Seul, e poi a debita distanza la vittoria dell’antipatico (a me. per lo meno) Bordin.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  4. La vittoria di Bordin per me è stata la più bella dell’atletica Italiana di ogni tempo.

    La prima olimpiade dopo i boicottaggi…la corsa che sembra sempre essere lo sport per tutti e di tutti…la sensazione che tutto fosse frutto solamente di sudore e impegno, la fatica scolpita sul volto, la sua figura barbuta e allampanata da fachiro, il suo sorriso negli ultimi cento metri dentro cui è contenuta una vita di allenamenti, la compostezza sul traguardo…e poi il bacio alla terra, che per ogni maratoneta, per ogni corridore è l’unica compagna per migliaia di chilometri.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 13 votes)

Lascia un commento