Non mi sentivo desiderata

Non mi sentivo desiderata. Quante volte una donna ha spiegato in questo modo alle amiche la fine di una relazione? Tante, per quello che abbiamo potuto origliare in vari decenni: spesso da spettatori, qualche triste volta da comprimari. Ci può stare, quando questi discorsi arrivano da una donna. Ci può stare meno meno se arrivano da una bambina di 12 anni, tanto per ricollegarci alle recenti polemiche sulla statua a Montanelli.

La dodicenne fuori dalla metropolitana di piazza Conciliazione di cui ieri abbiamo ascoltato i discorsi del tutto involontariamente (ci eravamo fermati su una panchina per fare una correzione ad un articolo su Sarri, pensate la tristezza della scena), si stava sfogando con il classico coetaneo criptogay, quella figura sfortunata che oltre agli scherzi di maschi idioti e cattivi deve subire i discorsi di femmine che si sentono incomprese.

Vi risparmiamo i dettagli più hard e sottolineiamo soltanto la frase della ragazza-bambina (c’è chi teorizza che oggi chi dimostra 12 anni in realtà ne abbia 10) che ci ha colpito: “Non mi sentivo desiderata”. Visto che parlava al passato, quand’è che non si sarebbe sentita desiderata, a 9 anni? E non vogliamo nemmeno pensare da chi.

Questo brutto aneddoto di vita vissuta per arrivare a dire che tutto è in relazione al proprio sistema di valori ed i discorsi sul ‘Rispettare le altre culture’ sono profondamente ipocriti. Dovremmo rispettare l’infibulazione? O anche il semplice divieto di bere alcolici? Non solo nell’Italia del 2020 non possiamo calarci nell’Eritrea degli anni Trenta, ma non avremmo potuto farlo nemmeno nell’Italia degli anni Trenta.

Visto che il codice Rocco, del 1930, stabiliva l’intangibilità sessuale assoluta dei minori di 14 anni e anche in molti casi (espressamente previsto quello dell’insegnante con allieva o allievo, per non parlare di familiari o affidatari) dei minori di 16. Insomma, ricordare le porcate fatte da Montanelli e Pasolini nulla toglie al loro giornalismo e alla loro letteratura, ma sempre porcate rimangono.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (27 votes cast)
Non mi sentivo desiderata, 9.0 out of 10 based on 27 ratings

87 commenti

  1. Be’ se come leggo da più parti il fascismo dell’antifascismo di questi anni è il radicalchiccismo che nella sua versione istituzionalizzata è il tecnocratismo europeo (o globalista) allora direi che Pasolini potrebbe averci preso

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  2. sportello: ti sei intrappolato “da solo”, visto che hai scritto “imparando a giocare da solo”, non che “decida di imparare a giocare a scacchi da solo”.
    La tua espressione vuol dire quello che ho inteso io. Quello che intendi tu si esprime in altro modo, come nella tua replica.
    Vette altissime proprio, eh ma le ellissi….

    In attesa di sapere perché un cervello metallico non possa decidere cosa fare autonomamente in futuro, considerato che ci lavoriamo solo da 70 anni….ma qui non dico piu’ niente, visto che non lavoro gratis e, mi devi proprio perdonare, non credo tu abbia gli strumenti per dire qualcosa di interessante sull’argomento ne’ la disponibilita’ a imparare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 6 votes)
    1. Certo la prossima volta metto una trappola con scritto sopra trappola

      In futuro magari un’intelligenza artificiale ti manderà pure affanculo come già detto, in un futuro, più facile che se Geppetto sei tu nel frattempo intanto l’intelligenza artificiale impari a ragliare

      “Quale sarebbe il lascito di Pasolini?” Ti domandavi

      Sono sicuro che qualcosa pure Siri ti saprebbe rispondere senza concludere come te che siccome risponde è d’accordo con la risposta, ma questo è un limite tuo infatti non capisci di aver dimostrato a tutti di capire meno di Pinocchio

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 1 vote)

Lascia un commento