Esselunga, supermercato batte web

Poco fa da cittadini modello dei poteri forti, muniti della nostra Fidaty Card, abbiamo provato senza successo ad ordinare la spesa online presso Esselunga.it. La piattaforma della nota catena di supermercati, fondata dal leggendario Bernardo Caprotti insieme ad altri soci (fra i quali Nelson Rockefeller, miliardario e futuro vicepresidente degli Stati Uniti sotto Gerald Ford), ha infatti un orizzonte temporale di due settimane e nelle prossime due settimane non c’è un solo orario di consegna disponibile.

Basta saperlo, nessun problema, ci metteremo in coda in via Washington come abbiamo fatto la settimana scorsa. Però è significativo che un’azienda perfettamente organizzata e che certo non ha problemi di approvvigionamenti non riesca a stare dietro alle consegne nell’Italia e nella Milano del coronavirus. Era ovvio che il consigliare-ordinare alla gente di stare in casa avrebbe portato a questo, come dimostrano anche i tempi ormai allungatissimi nelle consegne a domicilio di altri supermercati ‘fisici’, da Carrefour a Pam, oltre ovviamente ad Amazon Prime.

Il collo di bottiglia non è certo la piattaforma, ma la struttura delle consegne tarata per una popolazione che nel 2019, facendo la media fra varie fonti, ha acquistato online circa il 6,5% dei beni di largo consumo acquistati in totale. Ecco, passare dal 6,5 al 50% (il 50 lo stiamo sparando, metà della gente che conosciamo a Milano sta comprando online) in pochi giorni non è facile per chi distribuisce. Alla fine, dal nostro punto di vista, ci si mette ancora di meno a mettersi in coda davanti al supermercato fisico, dove la situazione è tutt’altro che drammatica (come tempo si recupera dentro buona parte di ciò che si perde fuori, di solito), con l’accortezza di farlo una volta alla settimana. Testimonianza diretta stamattina, di fronte al Gigante di Rho, una ventina di persone con buon ritmo, come del resto ieri al Simply di via Novara: le tragedie sono altre.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.5/10 (26 votes cast)
Esselunga, supermercato batte web, 7.5 out of 10 based on 26 ratings

17 commenti

  1. avendo la possibilità di un Carrrfuuuuuur h24 a qualche km da casa (tra i monti tocca prendere l’auto) lunedì sera alle 23 eravamo in 6 compreso cassiera e sicurezza

    mentre Iperal a fianco, che fa spesa on-line, non dava nemmeno accesso al sito per la registrazione

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  2. be’, anche amazon (e non parliamo dei principali siti online…) ha sospeso le spedizioni e le stesse poste non consegneranno più i pacchi che non siano “beni di prima necessità” perchè sono ingolfati…

    addirittura l’Europa ha chiesto a Netflix e YT di nascondere le risoluzioni più elevate di 720p perchè anche le bande internet sono sovraccariche…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  3. Direttore deve collegarsi a mezzanotte in punto, quando scatta una nuova data, sperando che il sistema non crashi per i troppi accessi e insistere finché non ce la fa per potersi accaparrare un posto al 4/5 aprile..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
    1. rimangono sempre due settimane di attesa però

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 1 vote)
    2. Non riesco proprio a capire perché le prenotazioni siano comunque limitate a 2 settimane. Per i prodotti a lunga conservazione a me andrebbe bene una consegna anche a 30 gg. Quindi vorrei avere la possibilità di prenotare comunque. Intanto il pagamento al supermercato lo faccio subito e quindi che problema c’è. Servizio da migliorare. Ad Amazon ordino e la merce molte volte mi viene consegnata prima della data pattuita, anche adesso.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Il problema che ho visto io è piuttosto della pagina che fa continuamente refresh e non ti permette di terminare la lista, che non può ovviamente essere breve per ovvi motivi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  5. Spesa ordinata una volta la settimana via whatsapp al negozio d’alimentari del paese e ritirata di prima mattina senza un minuto di coda. A volte abitare in un minuscolo paese di provincia può avere i suoi vantaggi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
    1. Anche l’Esselunga fa quel servizio, però dava appunto il problema di cui sopra, per cui ho dovuto andare all’arrembaggio…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -3 (from 7 votes)
  6. Ma infatti per quello dico che a volte il “piccolo” è un vantaggio…il ridotto numero di clienti impedisce il crearsi di colli di bottiglia. Ne risente al massimo la varietà della spesa ma in fondo in questo periodo chissenefrega…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
    1. D’accordo su tutto, era solo per spiegare come i colli di bottiglia possano essere vari, che io la consegna a casa non l’avevo presa manco in considerazione fin dall’inizio (non spiego il perché che poi partono i gnegnegnè delle code di paglia, va beh…).

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -8 (from 8 votes)
  7. Comunque per dire, il Comune di Firenze sta creando una rete di negozi che vogliono fare servizio a domicilio.
    https://www.comune.fi.it/spesadovecome/

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  8. Spesa online neanche presa in considerazione
    Al C4 vicino casa, praticamente l’unico dove posso andare, al massimo ho fatto un’ora di fila, dentro c’è poca gente e ti puoi muovere a distanza di sicurezza
    L’ultima volta la solita anziana che ci metteva mezz’ora a scegliere due mele di merda ha fatto incazzare il direttore, ma visto il periodo un po’ di tensione ci può stare
    Per il resto direi pochi problemi, le corsie sono sufficientemente fornite
    Un po’ troppo caro ma pazienza, ci si adatta e si compra le cose indispensabili

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  9. nella mia zona non c’è ma mi dicevano bene di supermercato24…oppure provare andare nelle pagine fb dei piccoli esercizi della zona

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  10. Il negozietto Parma Più a 50 metri da casa sempre vuoto e porta pure la spesa a casa, la Crai a Ombriano (frazione di Crema) ti porta la spesa a casa se gli fai ordine via mail.
    Le uniche code fuori dai supermercati più grandi sono indotte in maniera artificiale e demenziale, dato che settimana scorsa erano sempre vuoti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  11. Ieri sono andato al supermercato verso le 18. Non c’era un’anima. E per le strade puoi fare i drift che fai piacere alle pattuglie cosi almeno vedono quzlcosa di diverso del nulla

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  12. in campania chiusura domenicale e oggi code lunghissime già alle 8 del mattino quando ancora dovevano aprire.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  13. Per l’angolo del Chissenefrega, io stasera sono andato al Supermercato alle 19: entrato subito, nessuna coda, in un’ora ho fatto la spesa richiestami da 5 nuclei familiari, alle 20,10 ero fuori.
    Magari le code dipendono anche dagli orari scelti…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)

Lascia un commento