Nessuno tifa Djokovic

Novak Djokovic ha battuto 6-4 4-6 2-6 6-3 6-4 Dominic Thiem nella finale degli Australian Open e spendere 4 ore della nostra vita insieme a due campioni è sempre per noi emozionante. Non stiamo a raccontare una partita che tutti gli appassionati di tennis hanno visto e di cui al pubblico generalista frega poco, salvo poi insorgere se in caso di morte di Djokovic in elicottero non gli venissero dedicate tutte le prime pagine.

Non è la prima volta in cui Djokovic riesce a portare a casa una partita in cui sembrava sotterrato dall’avversario, non è la prima volta in cui Thiem gioca alla pari e anche oltre con uno dei tre monumenti viventi del tennis, tre fenomeni che tutti abbiamo avuto la fortuna di vedere al massimo in momenti relativamente vicini.

Non sarà l’ultima volta, nonostante il diciassettesimo Slam, l’ottavo a Melbourne, in cui un trionfo di Djokovic verrà accolto da una generale indifferenza tranne che in Serbia e in qualche sacca di tifo hipster, tipo uno di Vimodrone che soffre per il Burnley o uno di Foggia che sa a memoria le advanced stats dei T-Wolves.

Perché Djokovic non suscita sentimenti forti in chi segue il tennis, né pro né tutto sommato nemmeno contro, tranne quando gioca contro Federer e Nadal? Qualcuno l’ha spiegata con il fatto che la Serbia non sia un grande mercato, come se la Svezia di Borg, la Romania di Nastase o la Cecoslovacchia di Lendl lo fossero. Di sicuro questa considerazione è stata decisiva nella collaborazione con Becker, terminata a fine 2016 dopo tanti Slam (6) vinti, pur senza un vero apporto tecnico del tedesco.

Sì, scriviamo sempre le stesse cose. Ma non è che il gradimento di Djokovic sia molto aumentato, da quando nella testa di tanti ha tolto a Federer un’uscita di scena trionfale a Wimbledon. E non è colpa nostra se tutti ritengano che la rivalità sia Federer-Nadal, nonostante sia lo svizzero sia lo spagnolo ritengano Djokovic il loro vero rivale.

Forse Djokovic è quello dei tre grandi a sembrare psicologicamente più simile a una persona normale, bisognosa di consenso e approvazione, anche se ovviamente non ha nulla in comune (come l’istrione di Aznavour) con noi e non è meno ossessionato dal tennis di Nadal e Federer.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.9/10 (32 votes cast)
Nessuno tifa Djokovic, 6.9 out of 10 based on 32 ratings

27 commenti

  1. Purtroppo ho visto solo fino al terzo set, e sembrava davvero che Thiem potesse farcela; clamoroso il suo turn su rovescio lungolinea dopo l’arrivo di Massu (benedizione aver lasciato allenatore pallettaro). Sentito del break di djoko nel quarto avevo già capito finale purtroppo.
    A mio modesto avviso Thiem continua a fare troppa fatica. Comunque probabile che cominci a vincere a breve a vincere slam (ecco magari quest’anno prepara gli us open).
    Dopo la vittoria a Wimbledon djoko mi sta quasi simpatico. Un conto è l’indifferenza del pubblico generalista, un altro è che quasi tutti gli appassionati ti tifino contro (brutti i cori di wimbledon, beceri quelli alle finals, dove per me ha quasi perso apposta contro fed).
    Insomma la maledizione di djoko, che forse diventerà il più vincente ma tutt’altro che amato (connors ci godeva quasi di essere “odiato”, a lendl fregava un tubo, lui ne è sicuramente dispiaciuto) mi fa quasi tifare per lui. quasi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  2. Esatto si dicono sempre le stesse cose.

    Le “colpe” di Djoko sono di non essere personaggio e di avere un gioco noioso.

    Probabilmente la sua grandezza sarà riconosciuta maggiormente quando smetterà.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. aggiungerei anche perchè è arrivato dopo, quando la rivalità federer-nadal aveva già scritto pagine memorabili… come si dice “Chi tardi arriva, male alloggia”

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +8 (from 8 votes)
  3. “salvo poi insorgere se in caso di morte di Djokovic in elicottero non gli venissero dedicate tutte le prime pagine.“

    Maledetti hacker🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 7 votes)
  4. La Serbia non c’entra niente. Nadal e Federer sono arrivati prima, sono uno l’opposto dell’altro per stile di gioco, Nole gioca a fare il simpatico causando antipatia, Djokovic fa il gioco che fanno tutti, solo molto meglio. L’omologazione non attira il tifo. Abbiamo capito che tra le libertà di espressione è esclusa la libertà di commentare negativamente le prime pagine dei quotidiani, pena la definizione di demente incapace di leggere due righe consecutive più presa in giro successiva off-topic.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +19 (from 31 votes)
  5. Perché è il terzo ,enorme ,incomodo che non poteva rastrellare tifosi (titoli Si) in quanto questi erano già impegnati a gustarsi la più meravigliosa rivalità di tutti i tempi e cioè quella Federer-Nadal. Bella, bellissima ad esempio la finale di Wimbledon 2019 ma quelle 2007 e 2008 erano un altro sport proprio.
    Poi proprio essere più vicino alla persona normale non lo identifica con nessuna caratteristica caratteriale o di temperamento specifica: Federer è infatti il talento celestiale , Nadal quello che mentalmente è tecnicamente ha osato sfidare gli dei migliorandosi giorno dopo giorno e mostrando una forza mentale senza precedenti.

    Magari ne vincerà 22-23 ma in quanto ad accaparrarsi tifosi arriva semplicemente tardi.
    Di sicuro sul carro serbo non saliró neanche per sbaglio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 12 votes)
  6. Boh.. perchè il gioco di nadal è meno noioso di quello di djoko? 10 anni fa sul rosso poi.
    Perchè nadal , ma anche Federer, sono personaggi?
    A pelle risulta più simpatico Nadal o Djoko? La versione crepuscolare di Federer è amato da tutti, e ha sempre atteggiamento
    esemplare (come gli altri due peraltro) ma quando stradominava non era simpatico neanche ai suoi genitori.
    Insomma, per me è inspiegabile che djoko non abbia il giusto merito sia dai media che dai tifosi che la sua straordinaria carriera merita

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. Murillo nello storytelling sul tennis Roger è il buono, Rafa il villain.

      Nole al massimo è l’intruso.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 9 votes)
      1. matrix, ah beh se la mettiamo sullo storytelling…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 4 votes)
        1. Beh ma non forse è così?

          Pure io sono convinto che Djoko non riceva i giusti meriti e che non abbia niente da invidiare agli altri 2.

          Ma per il pubblico generalista Roger è il campione senza macchia dal gioco celestiale e dal comportamento inappuntabile.
          Rafa è l’antipatico muscolare dai 1000 tic e dalle esultanze sopra le righe.

          Nole purtroppo non ha sufficienti caratteristiche distintive per entrare nella disputa.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +3 (from 3 votes)
          1. A certi livelli non puoi pensare che sia solo il numero di trofei o il tuo tennis a fare la differenza. Contano sfumature come quelle ricondotte al cd storytelling appunto. È Maradona che è qualcosa di diverso da Messi che avrà vinto venti volte di più. Ma se accade che gli altri amano l’altro è perché probabilmente l’altro ti da anche qualcosa in più.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +6 (from 8 votes)
            1. Belisario, perfetto. Solo un tifoso juventino sfegatato, ad esempio, può considerare leggendaria la serie ancora in corso di millanta scudetti consecutivi. Sono vittorie che non lasciano nulla nel cuore e nell’immaginazione della gente, come i gol di CR7. E non sono solo sfumature. Io posso pure pensare, e lo penso, che questa Juventus sia una delle più forti squadre della storia del campionato italiano, come pure posso pensare, e lo penso, che Djokovic sia già ora il più forte tennista di tutti i tempi e lo sarà ancor più quando, certamente entro il prossimo anno, supererà Nadal e Federer negli slam vinti, ma le emozioni come la simpatia per un giocatore e l’entusiasmo per una vittoria hanno bisogno di un contesto che, mi dispiace dirlo, non c’è mai stato con Djokovic.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +3 (from 9 votes)
  7. >>>Federer è infatti il talento celestiale , Nadal quello che mentalmente è tecnicamente ha osato sfidare gli dei migliorandosi giorno dopo giorno e mostrando una forza mentale senza precedenti

    amen.

    e federer ha acquistato molti tifosi tra la gente comune nella sua seconda giovinezza, quando un po’ la vecchiaia e un po’ gli altri due lo hanno portato a dover elevare ulteriormente il proprio gioco: non sapete quanti prima lo bollavano come quello “che non suda” (contrapposto quindi al Nadal che macinava km su quel fondocampo)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  8. Djokovic è Merckx (Anche se per ora è ancora dietro come trofei).

    Federer e Nadal sono Coppi e Bartali.
    Dov’è che c’è più iconicità e più leggenda?

    Purtroppo per Djoko l’entrare nel cuore della gente è qualcosa che lo hai o non lo hai. E non comandi i sentimenti altrui. Magari ci soffre e non gli si può neanche rimproverare di battere i piedi e di urlare “ooohhh cagatemi per favore!” ma arriva tardi e quei due hanno rappresentato “troppo” già molto prima di lui.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 10 votes)
  9. Non so se avete notato oggi sugli spalti di Melbourne quel tifoso di Djokovic con la maglietta con la scritta “Serbia against the world”. Quella scritta rappresenta un comune sentire del popolo serbo su cui si è costruito un nazionalismo molto peculiare, che unisce al tradizionale armamentario di tutti i nazionalismi un vittimismo secondo il quale nel corso dei secoli (e quindi ben oltre Djokovic) tutte le altre nazioni non solo e non tanto hanno trattato con sufficienza e disprezzo i serbi, quanto piuttosto non ne abbiano mai riconosciuto i meriti storici, a partire proprio da quella famosa battaglia del campo dei merli contro i turchi. Ecco, non so quanti altri popoli mettano a fondamento della loro identità nazionale non una vittoria ma una sconfitta, quasi come se in Italia festeggiassimo ogni anno Caporetto. Non voglio certo dire che dietro la scarsa simpatia verso Djokovic ci siano ragioni storiche antiserbe, però certo la storia del suo popolo può aiutare a capire certi atteggiamenti del tennista.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 13 votes)
    1. Ma poi storicamente quando si incontrano Serbia e Austria nascono sempre belle paginette di storia 🙂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 9 votes)
  10. Adoro leggere i commenti dei fedtard (ma anche i naDOPER) con la bava alla bocca che ce l’hanno a morte con Djokovic perché non ha ancora smesso di prendere a calci il nonno svizzero ed il dopato spagnolo. LOL #butthurt

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 21 votes)
  11. Cazzarola, saltata di nuovo la serratura della gabbia…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  12. “La Serbia non c’entra niente. Nadal e Federer sono arrivati prima”
    Non c’è molto altro da aggiungere. Questione quasi solo cronologica.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  13. Menzione d’onore solo per il nick

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  14. “Sono vittorie che non lasciano nulla nel cuore e nell’immaginazione della gente, come i gol di CR7”.
    Che anni meravigliosi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 15 votes)
    1. Come volevasi dimostrare.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)
  15. Avete già detto tutto. In più aggiungerei che anche gli mancasse uno slam, quando finirà, djokovic sarà il più grande di tutti (adesso per esempio ha anche in tasca i record di settimane al n1). Della storia.
    Poi l’epica è incarnata dagli altri due… E una finale tra i due ha sempre e avrà sempre un fascino diverso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. E no caro Leo, proprio tu scrivesti che chiunque avesse superato Federer sarebbe stato il goat (su mia specifica domanda). Non cambiare le carte in tavola 😉
      Se dovesse superare tutti sarebbe lui il goat.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  16. Parli di Nadal? Sì probabilmente l’ho scritto, ma non pensavo che djokovic si avviasse a detenere anche il numero 1 per il maggior lasso di tempo. Insomma record numero 1, record finali master, se avrà vinto uno slam in meno o un mille in meno avrebbe comunque troppe cose dalla sua…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
    1. Al grido di “tutti ma non Nadal”. Fortunamente quello che cinterà alla fine sarà solo il numero di Slam, mantra che ha accompagnato qualsiasi forum
      sul tennis dal 2003 a oggi.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
      1. Mauro provo talmente tanta ammirazione per Nadal che derubrico il tuo a trollaggio… 😜

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento