I telecronisti equilibrati di Italia-Brasile 1982

Italia-Brasile del Mondiale 1982: esiste qualcosa che non sia già stato detto o scritto sull’argomento? La risposta è no, ma il confronto con il presente vale sempre la pena di farlo, visto che il presente cambia. Ci riferiamo in particolare allo stile delle telecronache, perché se tutti ci ricordiamo quello di Nando Martellini non si può dire la stessa cosa del collega di Rede Globo, che trasmetteva in diretta la partita in Brasile.

A beneficio dei più giovani diciamo che all’epoca i telecronisti brasiliani venivano derisi dai giornalisti italiani ma anche dai normali tifosi, quando nelle varie nostre trasmissioni venivano mandati in onda spezzoni di telecronaca con il commento originale. Un po’ quello che accedeva nel ciclismo con i radiocronisti colombiani per Herrera e Parra. Ecco, riascoltandoli oggi, nel 2020, dobbiamo dire che li troviamo più sobri del medio commentatore di Milan-Sampdoria o di Ascoli-Cremonese.

Provate a riascoltare (noi l’abbiamo appena fatto su segnalazione di Paolo Morati) il racconto dei gol di quell’Italia-Brasile: al di là del fatto che il tono si alzasse anche per i gol di Paolo Rossi (adesso quando segna un’avversaria delle italiane sembra di essere ad un funerale), per le prodezze di Socrates, complice Zoff, e Falcão, complice Bergomi, l’entusiasmo era sì notevole ma, ripetiamo, molto inferiore a quello riservato oggi alla media spazzatura di campionato, non soltanto italiano. Visto che i cosiddetti ‘servizi’ quasi non esistono più, i notiziari mandano in onda in sequenza i gol con il commento originale e l’effetto è tremendo: una fila infinita di prodezze, azioni meravigliose, gesti atletici da consegnare ai posteri, con un tono da piazzisti.

Riguardando quelle immagini di Rede Globo, che per un certo periodo sarebbe poi stata anche padrona di Telemontecarlo, di assurdo c’è il jingle che partiva dopo ogni gol brasiliano e tutto sommato anche la firma del giocatore, idea peraltro ripresa da tanti altri (anche nel tennis). Ma i telecronisti brasiliani erano assolutamente dignitosi, quello che nel 1982 era macchiettismo oggi è la normalità.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.3/10 (15 votes cast)
I telecronisti equilibrati di Italia-Brasile 1982, 9.3 out of 10 based on 15 ratings

12 commenti

  1. ” e Falcão, complice Bergomi”

    E’ Scirea quello più complice secondo me. Scirea che anche nel primo gol sbaglia

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
    1. La deviazione però è di Bergomi, magari lo sapevano tutti ma io l’ho scoperto solo leggendo l’autobiografia di Bergomi…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 3 votes)
      1. Era abbastanza evidente anche in diretta, la deviazione. (Auto)biografia di Bergomi che contiene un madornale errore nel finale…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 1 vote)
  2. Effettivamente quando iniziarono a circolare i loro filmati prendevamo in giro i cosiddetti “telecronisti brasiliani” noi così abituati ai compassati Martellini e Pizzul. Straordinario secondo me il jingle con la voce effettata “Brasillll” molto più sincero dei teatrini odierni dove l’entusiasmo artificiale regna incontrastato. Gli highlights sono solo un ulteriore modo per vendere un prodotto spesso scadente.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  3. “La deviazione però è di Bergomi”
    ah si si..questo si

    Però è Scirea che prima va a farfalle..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  4. I telecronisti di oggi sono certamente peggiori, ma anche le esultanze dei calciatori non scherzano. Ogni gol viene celebrato con una coreografia sempre più “originale”, come se avessero bisogno tutti di una specie di sigillo identificativo per un prodotto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
    1. Propongo la ripubblicazione dell’articolo del Direttore: “L’esultanza di Panenka”!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
    2. Non c’entra molto, ma per me Caputi Bulgarelli i migliori di sempre

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +6 (from 6 votes)
  5. Per quanto possa valere le telecronache in Brasile sono rimaste più o meno invariate da allora.

    “Gooooooooooooooooooooooolllll” fino a perdere fiato è la norma.

    Dopo un po’ ci si fa l’abitudine.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  6. Rivedendo i goal, ma che papere i 2 portieri, soprattutto sui secondi goal: tiri centrali da bloccare in presa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  7. QUANTO SONO D’ACCORDO!

    Le telecronache di oggi sono insopportabili, urlate, esagerate, sopra le righe, in una parola fastidiose! Sembrano le televendite di Wanda Marchi.
    Se solo posso le zittisco, hanno superato ogni limite di decenza. Possibile che i vari Sky di turno non se ne rendano conto?!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  8. chicca vera il nome del video (“tragedia do sarria”)
    se una partita come questa è “tragedia”, Brasile-Germania cos’è?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento