Hammamet, la solitudine di Craxi

Gianni Amelio con Hammamet ha girato un grande film, riuscendo nella difficile impresa di mescolare fiction a realtà storica. Pur essendo un film su Bettino Craxi e sul suo finale di vita in questo paese della Tunisia prima di andarsene nel 2000, Hammamet rivendica quasi orgogliosamente l’essere un film cambiando tutti i nomi dei protagonisti e non nominando mai lo stesso Craxi, al massimo definito ‘presidente’ dai soldati tunisini della scorta e da qualche questuante.

Non è un film su Tangentopoli, bisogna dirlo subito, e nemmeno un film assolutorio. Il Craxi uomo di potere si vede per pochi minuti, durante il famoso congresso del PSI nell’ex sede dell’Ansaldo (quello della piramide di Panseca), mentre parla con il tesoriere del partito e si mostra del tutto disinteressato a qualsiasi questione etica riguardo al finanziamento dei partiti. Pensava che il ‘Così fan tutti’ sarebbe stata l’assicurazione sulla vita per tutti, ma non aveva calcolato l’attenzione selettiva della magistratura e dei media.

Il centro del film di Amelio non è comunque questo, ma la solitudine del protagonista che spogliato del suo ruolo muore già molto prima di morire biologicamente, stritolato da una vita familiare che non lo entusiasmava e che non aveva mai vissuto (notevoli le scene con la moglie davanti al televisore), desideri di rivalsa contro tutti, disprezzo per i tanti suoi beneficiati che gli voltano le spalle (intenso il momento in cui straccia la lettera in politichese, pensiamo di Giuliano Amato), imbarazzo per i tanti (fra questi una delle amanti, interpretata da Claudia Gerini e probabilmente ispirata a Patrizia Caselli, più che ad Anja Pieroni) che ancora lo vedevano come il Craxi di prima.

È un film sul privato ma anche sul politico, su un uomo con una visione del mondo e dell’Italia, al contrario di quasi tutti i leader odierni (Berlusconi compreso, per non allontanarci troppo da Craxi). Pierfrancesco Favino bravo ben al di là della bravura dei truccatori, azzeccati anche i personaggi di pura fantasia come Fausto, il figlio del tesoriere (ispirato ovviamente a Vincenzo Balzamo) che va ad Hammamet per vendicarsi, girare un film verità, capire perché suo padre si è suicidato, trovare la sua strada. Insomma, non lo sa nemmeno lui perché.

Fausto siamo noi, disorientati da situazioni contrapposte: la peggiore politica nell’Italia del dopoguerra, quella degli anni Ottanta che fece raddoppiare il debito pubblico (colpa anche di DC e PCI) scaricandolo sulle generazioni successive, ma anche una cultura molto diversa da quella del semplice consenso. Craxi-Favino, ma anche il Craxi-Craxi, hanno ben presente la differenza fra popolo e gente, fra una comunità con idee di fondo (magari sbagliate) e un insieme informe di individui che rispondono a stimoli.

Ecco, per Craxi (ma evidentemente anche per Amelio) la gente nel senso deteriore del termine sono quei turisti che riconoscono Craxi e lo insultano. Magari giustificati da quei media che ciclicamente si inventano un nemico pubblico numero uno (viene in mente Renzi), a suo tempo omaggiato, di solito un personaggio che rompe lo schema consociativo.

Di fatto coprotagonista del film, Stefania Craxi (interpretata da Livia Rossi) non ha avuto per Hammamet parole particolarmente calorose anche se dubitiamo che l’opera non abbia avuto una qualche forma di autorizzazione della famiglia, visto che è stata girata nella villa vera dei Craxi ad Hammamet. Non un film nostalgico, ma molto duro e malinconico sì. Da appassionato di Garibaldi l’ex segretario del PSI si sarebbe immaginata diversa la sua Caprera. Il suo amato socialismo liberale ispirato a Carlo Rosselli, purtroppo sempre minoritario, sarebbe rimasto un sogno.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.3/10 (15 votes cast)
Hammamet, la solitudine di Craxi, 9.3 out of 10 based on 15 ratings

5 commenti

  1. Può darsi che Craxi avesse una visione che portava verso il socialismo liberale ma mi pare fece pochino per realizzarla. Mi chiedo se il problema sia stato solo di contesto politico o anche di suoi limiti personali. Se sei De Gasperi e hai la maggioranza relativa del paese con te hai sicuramente più possiblità di realizzare la tua visione rispetto ad un leader sicuramente carismatico ma del terzo partito che non è mai andato oltre il 15%. Forse ad un certo punto, capendo che non avrebbe mai avuto la possibilità di diventare il leader di una sinistra unita contro la DC (Sentivo ieri Intini dire che questo era il progetto craxiano post ’89) si accontentò di fare l’uomo di potere

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +12 (from 12 votes)
  2. si trovò in mezzo ad un progetto internazionale e ne uscì con le ossa rotte. Ebbe problemi grossi con il pci che si vide usurpato a sinistra, e divenne indispensabile alla DC per governare tranquilli, se poi lo possiamo usare sto termine, visti i costumi dell’epoca.
    Non a caso dei socialisti sopravvisse solo amato, compasso, presente sul panfilo britannia nel 92 e, con ciampi, la peggior coppia che l’italia abbia mai avuto nell’economia.
    Quando arrivò tangentopoli, tutto fuorché casuale, ma mirata e precisa, per cambiare ed eliminare chi non era pronto a prostarsi. Visto il Craxi di sigonella, era chiaro il carattere dell’uomo, non certo un forlani con la bava alla bocca durante l’interrogatorio in tribunale.
    Poi si parla anche di un paio di telefonate infuocate prima del crac, con oltreoceano..
    Gli uomini di potere sono sempre soli in fondo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -13 (from 27 votes)
  3. Il PCI usurpato a sinistra non prese mai meno del doppio dei voti del PSI.
    Il complotto internazionale, se esiste colpì il risoluto Craxi così come l’accondiscendente Forlani, quindi perché non tenersi una DC pronta a prostarsi a tutto pur di mantenere il potere?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 22 votes)
    1. beh è chiaro, il pci pensava che con i solisti come ruota di scorta di poter puntare alla spallata o in subordine di erodere spazio sempre al psi senza un leader forte come Craxi.
      Perché non la Dc? Perché Prodi era molto più adatto allo scopo. quello che successe poi è chiaro. depauperare lo stato ed entrare nella trappola euro

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -10 (from 20 votes)
  4. Volevo segnalare che Bobo Craxi sta facendo una tournée di accompagnamento del film durante la quale, al termine della proiezione, resta con il pubblico in sala a rispondere alle domande. Non saprei bene come commentare questo fatto (che io comunque ritengo giornalisticamente interessante), ma certo non è un segnale critico verso il film da parte della famiglia, o almeno di una parte di essa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)

Lascia un commento