La tattica di Allegri

L’intervista concessa da Massimiliano Allegri a Mario Sconcerti, pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, andrebbe mandata ad ogni nerd di quelli che infestano le redazioni e che non saprebbero scrivere dieci righe di calcio senza i vari Opta, Wyscout, eccetera. Sintetizziamo brutalmente il pensiero di Allegri: i calciatori intelligenti e messi al posto giusto dall’allenatore sono superiori a qualsiasi tattica preparata a tavolino, l’allenatore vero si vede alla domenica.

L’allenatore esonerato (con esonero trasformato in ‘anno sabbatico’ da chi è più realista del re) dalla Juventus dopo cinque scudetti consecutivi, che si sta godendo un anno di studio e in sostanza di nulla prima di rientrare in pista, fa l’esempio della difesa del Napoli: Albiol era inferiore a Manolas sull’uomo, ma leggeva bene lo sviluppo delle situazioni, cosa che il greco e Koulibaly non fanno.

Allegri ne ha anche per il guardiolismo da esterofili, impossibile senza Messi, Iniesta e Xavi (ed infatti lontano da Barcellona è cambiato anche Guardiola), per il calcio orizzontale predicato in televisione ma non praticato da Sacchi (quel grande Milan andava in porta dritto per dritto, certo non prediligeva il tiki taka), per chi pensa di allenare con gli algoritmi, per i dirigenti che troppo spesso si dividono in manager che non sanno di calcio e uomini di calcio che non hanno studiato.

Interessanti e inediti i suoi consigli dati in estate a Giampaolo, durante un ritrovo con Galeone a Pescara: “Al Milan non puoi fare una squadra di fighetti perché ti spaccano in due. Se non hai il fantasista centrale dei tuoi sogni, niente ti vieta di mettere due mediani”. In poche parole sintetizzati tanti dibattiti Suso sì-Suso no.

Allegri ce l’ha chiaramente con quelli che chiama ‘professori’, lui preferisce i maestri e fra i maestri inserisce Mancini, quello attuale, molto diverso dal Mancini di inizio carriera. Di certo la sua idea di cosa debba essere un allenatore di Serie A è molto chiara: né un distributore di maglie, come lui spesso viene descritto, né uno che riduca il calcio a qualche formula. Ci vuole sensibilità, ed Allegri in carriera l’ha quasi sempre avuta tranne forse che nell’ultima stagione alla Juventus, quando è arrivato male al momento decisivo.

Rimane un grande allenatore anche se nessun giornalista si abbevererà ai suoi dogmi, visto che non ne ha. Curiosamente il suo pensiero ha molto in comune con quelle del suo nemico mediatico Adani, che quando parla di ‘calciatori con conoscenze’ dice le stesse cose di Allegri.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.9/10 (19 votes cast)
La tattica di Allegri, 8.9 out of 10 based on 19 ratings

68 commenti

  1. Bella sintesi sulla capra.

    Ps: ma il titolo del corsport di ieri e le conseguenti polemiche? Mi aspettavo un di qua o di là…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  2. “…..per i dirigenti che troppo spesso si dividono in manager che non sanno di calcio e uomini di calcio che non hanno studiato….”

    Solo io ci vedo un neanche tanto vago riferimento alla coppia di “indossatori” ?
    Si vede che sono proprio cattivo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
  3. Concordo su tutto, anche sul fatto che Allegri ha sbracato nell’ultimo periodo alla Juventus, succede a tutti. Vediamo cosa farà dopo, a me sembra semprte dica cose sensate

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  4. “i calciatori intelligenti e messi al posto giusto dall’allenatore sono superiori a qualsiasi tattica preparata a tavolino!
    Che è la cosa che qui dentro si dice da sempre, peccato che Emanuelson trequartista lo metteva lui in campo..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +18 (from 18 votes)
  5. “Concordo su tutto, anche sul fatto che Allegri ha sbracato nell’ultimo periodo alla Juventus, ”

    Veramente ogni volta che e andato in difficolta ha sbracato. Anche prima dell’anno scorso.
    A gennaio 2017 ,dopo la sconfitta a firenze, ha sbracato.
    Poi si e giocato il tutto per tutto,rischiando, con quella sorta di 4-2-3-1 con mandzukic largo a sinistra e siamo arrivati a cardiff.
    Invece di cogliere la lezione ,e ritornato nel suo corto musismo.

    Lo scorso anno e bastata una sconfitta ininfluente col manchester per far arretrare il baricentro di 30 metri (istruttiva l’intervista a chiellini dell’altra sera).

    Ha ragione ovviamente quando si schiera contro i segaioli ultimouomistici
    Ma non basta a riabilitarlo come allenatore. Resta un mediocre

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 12 votes)
    1. Averne di mediocri così. Ha vinto al Milan, ha vinto alla Juve, ci ha riportati stabilmente nelle zone alte della champions league. L’uniche partite di champions league persa veramente male è quella con l’ajax, tutte le altre è arrivato a giocarsele fino alla fine. Come tutte le persone al mondo fa degli errori, col senno di poi avrebbe sicuramente potuto fare di meglio, ma trovami un allenatore che è stato 5 anni sulla stessa panchina di una squadra top, sono pochissimi.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 8 votes)
  6. Per me chiunque sorteggiato a caso tra gli utenti qui dentro non avrebbe fatto peggio della hapra.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 18 votes)
    1. Sicuro?
      Anche Leonto? 😀

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 5 votes)
      1. Leonto è un maestro di tattica (nonché esperto di portieri).

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +5 (from 7 votes)
  7. É giá arrivata la risposta dei nostri amici di Ultimo Uomo:

    https://www.ultimouomo.com/allegri-intervista-corriere-della-sera/

    😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  8. Ad Allegri è mancato quel quid speciale per vincere la CL e diventare il più grande mister nella storia della Juventus. Al di là del fatto che quei Barcellona e Real Madrid erano quasi impossibili da battere (in finale non c’è riuscito nessuno), rimane comunque il fallimento in finale due volte su due.

    Il giudizio su di lui è difficile. Non ha mai avuto la squadra più forte in Europa né il gioco migliore, ma per colpa sua o della società o di altro? Innovazioni come il 4-2-3-1 sono stati colpi di genio o botte di culo? Perché l’elogio del corto muso e la difesa prima di tutto sempre? Grande mister, stratega e tattico eccellente ma non grande motivatore?

    Forse non lo sapremo mai, o forse sì.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  9. Il quid si chiama non cagarsi addosso o per essere fini braccino. E arrivato in finale demolendo il Barca nei quarti mettendo Dani Alves e Cuadrado insieme in campo ma ehi caghiamoci addosso non possono giocare insieme in finale. E caghiamoci addosso a bernabeu dove in contropiede potevamo fargliene altri 2 ma no facciamoci chiudere in area che ideona. E Bayern dove li stavamo distruggendo togli morata on fire e metti mandzukic infortunato. Lo dovevamo cacciare dopo Berlino, altro che fargli vincere 5 scudetti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 12 votes)
    1. Non ti offendere, ma secondo me dai veramente troppe cose per scontato. Secondo me ci avrebbero demoliti anche con Cuadrado in campo

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 9 votes)
      1. Probabile ma te la giocavi senza rimpianti da grande squadra.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 6 votes)
  10. Secondo me andava cacciato dopo Cardiff, che è stata la fine ufficiosa del suo ciclo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  11. Penso anch’io che l’intervista debba essere letta, in quanto perfetto esempio di supercazzola. Come Ibra si è ritagliato l’immagine da bullo, Allegri lo fa con l’allenatore semplice ed italianista. Dice cose quasi tutte false nell’intervista, come ricostruisce con puntualità ultimouomo. Aggiungo altre cose. Allegri non è affatto l’allenatore della domenica. Ha sempre preparato le partite sui difetti dell’avversario, modificando lo stile di gioco della Juve in base ad un attento studio dell’avversario. Mandzukic all’ala e Dybala arretrato sono innovazioni tattiche (la prima riuscita, la seconda meno) che smentiscono Allegri stesso, sui giocatori giusti al posto giusto. Il discorso su Guardiola è il solito, legittimo e diffuso odio del calcio italiano verso quel tipo di gioco. Il Barca per meriti dei giocatori e di Guardiola, è stata la più bella espressione da me mai vista del calcio totale, che non è certo nato con Guardiola, fatto prima e dopo di lui da altri. In Italia lo abbiamo visto al suo meglio recentemente con il Napoli di Sarri, ma anche in realtà minori a volte con successo, altre meno, come per altri tipi di gioco. Lo stesso Ajax che ha fatto fuori la Juve segue quel filone, che è proprio da più di 50 anni e con Schone e Tadic, non Xavi e Messi. Che a molti, compreso Allegri, piaccia più un calcio verticale è normalissimo, solo che quello praticato da Allegri nelle grandi partite di Champions è stato difesa e contropiede, quello di Klopp è un calcio offensivo ma verticale. Due robe diversissime. La denigrazione dei nerd è la tipica autodifesa del giornalismo sportivo italiano. Che difende la propria sciatteria, coglionando chi usa dati oggettivi e non luoghi comuni assortiti, con opinioni tagliate con l’accetta, che vengono stravolte la settimana dopo. L’uso di statistiche avanzate, non di quelle grezze, è parte essenziale delle analisi nello sport americano, ma anche di quello inglese sul calcio. Da noi vige l’analisi vittoria bravo, pareggio benino però, sconfitta incapace.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 29 votes)
    1. Giustamente qui i nerd alla Ultimo Uomo vengono presi per i fondelli – e mi ci metto pure io – però, Todd, hai ragione al cento per cento quando dici che sono gli unici (o quasi, c’è anche Indiscreto) che hanno colto le supercazzole di Allegri. La sua prima risposta è particolarmente idiota, ma non migliora molto nelle altre. P.S. complimenti per il nickname, finalmente nella sesta stagione cominciamo a scoprire qualcosa del tuo passato…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
    2. Ottimo commento.

      Come diceva qualcuno: strenght in numbers..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 8 votes)
  12. Forzature diffuse del Conducator, ma cosa deve stare a spiegare uno con quel curriculum. Avere Salah e Mané è ovviamente cosa diversa dall’essere costretti al Paracarro. Fortunatamente, e inevitabilmente, decidono sempre e solo i calciatori. E il mister deve semplicemente gestirli e indirizzare le partite. Quello che Allegri ha fatto nove volte su dieci. Sempre e solo Grazie.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 10 votes)
    1. poi c’è chi con salah e allisson arrivava secondo e terzo in A e chi invece fa finale e vittoria di CL e 200 punti in 2 anni di Premier League…

      se la differenza la facessero solo i giocatori, non si capirebbe perchè Gattuso è arrivato a 1 punto dalla CL e Pioli si conta i punti per arrivare a 40 e salvarsi…

      il curriculum di allegri comunque riportiamolo per intero: primo allenatore della storia a non vincere il campionato con Ibra in squadra!
      Uno che preferiva Van Bommel a Pirlo e che ha vinto con la Juve perchè non poteva perdere, mentre per lo scudetto milanista deve ringraziare Fini e quel picio di Benitez che ha preferito mettersi contro i senatori dell’Inter (senatori che giocando solo 6 mesi avevano praticamente rimontato il Milan di Allegri…)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 15 votes)
  13. “il curriculum di allegri comunque riportiamolo per intero”
    Attendiamo il curriculum senza macchia.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)
  14. https://www.facebook.com/ilaria.cecot/videos/10218537444539267/
    Le sardine Fvg partono da qui. Pd e Sel nulla c’entrano. Partono davvero dal basso. Poi Pd e Sel cercano di metterci il cappello. Questo credo accada ovunque.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  15. Il calcio non e il segaiolismo dei nerd tutti statistiche e catene di destra di ultimo uomo ne il cortomusismo del miracolato di livorno.

    Se da una parte abbiamo gli expected goals dall’altra abbiamo il passivo aspettare degli eventi.

    Il calcio e un’altra cosa ,mi verrebbe da dire una via di mezzo.
    E’triste vedere ridotto il dibattito a una sfida tra allegristi e ultimouomisti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  16. Ahaha quei poveracci di Ultimouomo che si sono sentiti toccati dalle parole di Allegri. Ahahahaha. Che sfigati.
    La prima domanda che mi viene da fare è come mai tutti questi esperti di tattica, di numeri e di statistiche passano il tempo a scrivere logorroici articoli (che gli procureranno quanto dal web, 5 euro a pezzo?) invece di fare i big money con le scommesse.

    In secondo luogo la questione Allegri. Il buon Massimiliano ha delle colpe ma non era un incapace. Poteva ad esempio provare qualche soluzione offensiva , specialmente in campionati già vinti a febbraio. Poteva inventarsi qualcosa di meglio rispetto all’arretramento di Dybala. Poteva e doveva osare di più ed essere più lucido in alcuni momenti importanti che qualcuno ha elencato sopra.

    La verità è che a mio avviso Allegri è un ottimo allenatore , con una soglia di sopportazione non troppo alta ed un pessimo comunicatore che in questo settore non ha nessuna soglia di sopportazione. Sono anche convinto che sia uno che ami il calcio e che provi un fastidio proprio fisico nel vedere questo approccio filosofico-dottrinario nei confronti del pallone. Italia-Germania del 1970 poteva essere prevista e letta preventivamente anche dal più grande ultimouomista di tutti i tempi? E Milan-Liverpool 2005?
    Comprensibile il suo fastidio quindi, che è lo stesso che provo io quando vengono sventolati gli scudetti dei bilanci ad esempio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 9 votes)
  17. Strano…fino a 6 mesi fa era un incapace

    Cacca pipi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  18. Ultimouomo non racconta di calcio. Allegri si.
    E’ poi legittimo che il racconto di Allegri possa non piacere. A me il suo calcio troppo speculativo non ha mai convinto.
    Lo adoravo quando perculava mezza sala stampa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 11 votes)
  19. Le statistiche in uno sport a punteggio basso, praticamente nullo, non contano un cazzo. Come fare statistiche sull’evento estremo, il dato anomalo. Da dementi!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
    1. Vero sulla singola partita.
      Non è vero se il campione è più sostanzioso.
      Non vedo per quale motivo il calcio debba essere trattato come un unicum.
      Come tutte le cose numeri e statistiche vanno saper letti e interpretati.
      I numeri spiegano fenomeni ben più complessi della pedata 😉

      PS. sono convinto che gli staff abbiano a disposizione montagne di dati di cui noi non siamo a conoscenza.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 4 votes)
  20. Zanetti completava passaggi al 100%, vuoi mettere con quella sega di Pirlo che faceva un assist e sbagliava gli altri lanci? E Materazzi che ha il 100% di realizzazione in finale mondiale? Mica come Ronaldo che pascolava tutta la partita, poi prendeva il pallone dal suo portiere e andava a fare goal. Vuoi mettere con Zamorano che pressava a tutto campo?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
    1. Non é la statistica ad essere sbagliata, al massimo é come la si interpreta.

      Se il calcio fosse un gioco completamente casuale (come il super enalotto) come fai a dire che tizio é meglio di caio?
      O che la squadra A é piú forte della squadra B?
      Messa in questi termini una squadra di macachi dovrebbe avvere le stesse chances di vittoria di una composta da palloni d’oro, no? 😀

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 6 votes)
      1. No, lo dici perché vedi le partite, di sicuro non in base alle statistiche. In base a quali statistiche Picasso è meglio del mio imbianchino?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +5 (from 5 votes)
        1. Non saprei.
          Picasso batte le punizioni? 😀

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 2 votes)
          1. Se lo facesse lo farebbe con percentuali migliori di CR7.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +11 (from 11 votes)
  21. “sono convinto che gli staff abbiano a disposizione montagne di dati di cui noi non siamo a conoscenza.”

    Il passaggio di Pirlo a Grosso nella semifinale mondiale viene contato 1 come il passaggio di Gilardino a Del Piero nella stessa partita

    Pesano uguali? Qual e l’algoritmo che mi distingue i 2 passaggi tra di loro?

    I dati nel calcio possono servire per fare analisi quantitative mi vien da dire…ma la qualita come la misuri?
    Il calcio non e il basket dove c’e ripetitivita e quindi puoi ragionare anche sulle probabilita.

    Se tiri 2 volte e la metti all’incrocio vinci la partita e non c’e statistica che tenga o che ti spieghi perche hai vinto o perso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. Magari c’é la statistica dei tiri all’incrocio…

      Comunque non vi devo convincere, so che é una battaglia persa (magari il tempo sará galantuomo).

      PS: lo sai che la pensi come Allegri? 😀

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 5 votes)
      1. Quindi dici che a Firenze lo sanno che chiesa son due anni che tira quanto cristiano Ronaldo e segna quanto Bonucci? E quindi NON è un attaccante?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +6 (from 6 votes)
        1. si potrebbe dirgli di non tirare così spesso…

          oppure invece di fare l’offeso chiedere al babbo-procuratore come si calcia un pallone, visto che il buon Enrico di gol se ne intendeva…

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +3 (from 5 votes)
          1. Basta guardare 2 partite e la classifica cannonieri.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +4 (from 4 votes)
            1. ma devi vederti troppe partite.

              ricordati il leicester che scoprì Kantè perchè aveva numeri impressionanti come km percorsi a partita e come contrasti tentati e vinti…

              i numeri ti permettono di scremare da 100.000 giocatori ai 4 angoli del mondo a una decina di nomi. poi a quel punto entra in gioco l’occhio umano (10 giocatori si possono seguire, i 100.000 di cui sopra ovviamente no).

              Nel caso di chiesa, chiaramente se mi serve un esterno offensivo da 15 gol all’anno, non lo prendo.
              ma se operassi alla vecchia maniera dovrei perdere per esempio 10-15 settimane a seguirlo partita per partita per cominciare a capirne pregi e difetti (e così per ogni nome sull’ipotetica lista alla voce esterno offensivo). con le statistiche invece posso “filtrare” tra chi fa quei numeri, escludendo subito Chiesa…

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: -3 (from 7 votes)
  22. Lo so che Allegri la pensa come me
    Ma cosa c’entra?
    Ti serve la statistica dei tiri all’incrocio per sapere se un tiro e finito all’incrocio?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  23. Bella raga, mi stavo dimenticando la statistica principe della Serie A: Ricky Alvarez miglior dribblatore, peccato che dribblasse a centrocampo e in orizzontale. Showtime!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
    1. nah… in realtà ci sono statistiche che ti dicono anche dove esegui il dribbling e in che senso (in avanti, in orizzontale ecc)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 4 votes)
      1. E uno ha bisogno delle statistiche per capire che Alvarez fa dribbling inutili e Robben no? Basta ricordarsi i goal delle partite prima, dato che i goal sono eventi rari, quindi le statistiche nel calcio sono inutili.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +5 (from 5 votes)
        1. ma perchè tu ti basi su robben e alvarez che sono stati televisti allo sfinimento anche dagli zulù in africa. Così come non c’è bisogno delle % da 3 per sapere che Curry è uno che la mette da oltre l’arco, anche senza supporto numerico (che ti quantificano quanto Robben è più forte di Alvarez invece di un generico “più forte”).

          le stat ti servono nel momento in cui vai ad acquistare qualcuno fuori dal solito circuito dei top campionati. chi prendo? Be’, sai… mi servirebbe un tizio così e non collì, che sappia fare questo e non quello. Chi osserviamo tra 10.000 giocatori in giro per il mondo, tutti emeriti sconosciuti e pochissimi televisti, che giocano in quel ruolo? proviamo con questi 10 perchè hanno le caratteristiche che ti servono.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: -7 (from 9 votes)
          1. Se guardi una partita di basket senza vedere il punteggio, non avresti la minima idea di chi sta vincendo, figuriamoci sulle %. Siccome in una partita di basket ci sono 100 attacchi/difese a partita, allora sì che hai bisogno delle statistiche, per capire chi far tirare, come, da dove, ecc. Nel calcio non ti serve una statistica per capire che Inzaghi non doveva tirare da fuori area: bastava guardarlo 2 volte.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +7 (from 7 votes)
  24. “che ti quantificano quanto Robben è più forte di Alvarez invece di un generico “più forte”

    Ma non diciamo puttanate

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  25. Gobbo,
    ti vogliono fare arrivare in forma al pranzo di Natale 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  26. Ma scusa Andrea, che differenza c’è, concettualmente, tra l’analista che elabora le statistiche e la rete di osservatori di quando le merendine erano più buone?
    Entrambe le modalità servono a scremare, non è che negli anni ’80/90 i direttori sportivi andassero ad osservare 10mila giocatori.
    Oggi ci si fida più dei numeri che dell’occhio dell’ex calciatore o dell’ amico allenatore dell’oratorio . Ma non mi pare che una volta venissero scoperti meno talenti di oggi.
    Vorrei capire come Tare abbia pescato Luis Alberto, Strakosha e Milinkovic. Mi piacerebbe sapere come mai l’Udinese al tempo delle stats peschi meno bene di prima (Magari è solo perché Pozzo quelli buoni prferisce mandarli in Inghilterra per venderli meglio)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. servirebbero appunto per evitare la raccomandazione dell’amico (in buona fede? o degli arraffoni alla gigi e andrea dei giorni nostri?), anche perchè non tutti hanno l’amico in Vattelapeschia o gli passa per la testa di mandare un osservatore in Ndocazzostan, tipo il Genk che ha per centravanti titolare un tanzaniano… e non è nemmeno il solito francese che ha scelto la nazionale dei nonni emigrati! Questo giocava (wikipedio…) prima proprio in Tanzania e poi in Congo nel Mazembe…

      il calcio è ormai così globalizzato che non basta più mandare un osservatore in argentina per essere sicuro che non ti sfugga il “next big thing”. Ecco perchè ti servono le statistiche per affinare una ricerca potenzialmente infinita!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  27. “Ecco perchè ti servono le statistiche per affinare una ricerca potenzialmente infinita!”

    Io vorrei sapere l’algoritmo che mi avrebbe consentito di scoprire che razza di talento fosse Pirlo standomene seduto a casa mia

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. Non corre, non contrasta, sbaglia tanti lanci, di testa non ne becca una, subisce pochi falli, pochi goal, … l’algoritmo sentenzia che è una merda.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 7 votes)
    2. Se parliamo di Pirlo non aveva funzionato nemmeno osservarlo direttamente “alla vecchia maniera”, visto che veniva schierato trequartista castrando le sue potenzialità.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 7 votes)
  28. Bene
    tempo risparmiato.
    Meglio cosi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  29. “visto che veniva schierato trequartista castrando le sue potenzialità.”

    Ni..perchè fino ad un certo punto aveva funzionato. Poi da trequartista non avrebbe avuto la carriera che ha avuto

    I numeri ti possono dare delle conferme ,possono essere utili se faccio ricerche quantitative (il caso di kante al leicester forse) ma finche non ci saranno numeri che pesano la qualità nel calcio (e sottolineo nel calcio) saranno una componente minima ,ma minima minima, nelle valutazioni di un calciatore

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  30. Andrea, che c’entra la raccomandazione interessata dell’amico arraffone?
    Una volta funzionava così: l’amico (o l’osservatore che stipendiavi) ti segnalava il giocatore , lo andavi a vedere e decidevi che fare. Immagino che alla decima segnalazione a cazzo dell’amico magari l’undicesima non la cagavi. Non avevi scout in Tanzania? Magari il giocatore lo compravi dalla squadra belga che l’aveva preso a dodici anni in Tanzania.
    Poi mi pare che il calciomercato attuale sia farcito di trasferimenti fatti solo per muovere i soldi e quindi il mercato degli arraffoni fattura molto più di un tempo nonostante l’avanzata delle stats e dello scouting scientifico.
    Ma al netto di questo, vogliamo parlare dei soldi buttati letteralmente nel cesso dalle squadre meglio organizzate al mondo, cioè le inglesi, che immagino producano miliardi di dati ma alla fine comprano a mazzi sperando di beccarne uno buono su dieci comprati?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
    1. e aggiungo che il next big thing non lo becchi certo con le stats, perchè quella categoria lì, il talento da fuoriclasse, non lo scopri con l’analisi quantitativa ma molto più facilmente con il passaparola, conoscendo le persone giuste e seguendo i campionati giusti.
      Lo conferma il fatto che di fuoriclasse usciti da campionati improbaibli mi viene in mente giusto Salah. Alla fine, nel 99% dei casi il bacino da cui vengono fuori i più forti è sempre quello: Sudamerica ed Europa (contando tra gli europei i nazionali africani nati e cresciuti nel vecchio continente)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  31. oh, pensatela come volete, pace… una volta mi incazzavo, ora me ne frego. Più che spiegarvi come andrebbero utilizzate le statistiche avanzate (cioè non le solite grezzissime gol fatti, presenze…) nel calcio non posso.

    Continuate pure, se vi fa felici, ad utilizzare il passaparola, a mandare gli osservatori ai 4 angoli del mondo, ad utilizzare le VHS se proprio vi piacciono i disturbi magnetici e la bassa qualità della immagini… chi sono io per impedirvelo? contenti voi, contenti tutti!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 7 votes)
  32. “Più che spiegarvi come andrebbero utilizzate le statistiche avanzate (cioè non le solite grezzissime gol fatti, presenze…) nel calcio non posso.”

    veramente non hai spiegato. Ti sei limitato al “con le statistiche avanzate possiamo scoprire il prossimo Pirlo in Tanzania”

    Bene. Io ti chiedo come,utilizzando le statistiche avanzate, avessi potuto scoprire Pirlo a Flero stando comodamente seduto sul mio divano.

    Oppure,sempre utilizzando le statistiche avanzate (solo quelle eh..solo quelle) avessi potuto decidere di prendere un aereo per andare in Olanda a visionare Robben piuttosto che andare in Argentina per visionare Alvarez.
    Ma ,soprattutto,usando le statistiche avanzate vorrei capire di quanto (l’hai detto tu eh..) Robben è più forte rispetto ad Alvarez.

    Solo statistiche,solo numeri,comodamente seduto al mio divano con il pc in mano .Senza andare su youtube…

    Fino ad allora avremo ragione noi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
  33. Con le statistiche avanzate (ma molto avanzate eh) puoi al limite andare a vivisezionare più facilmente rispetto a prima un calciatore che già conosci.
    Credo molto di più nell’abbinamento con le tecnologie video per andare ad analizzare certi comportamenti di un giocatore o di un gruppo di giocatori

    Quindi al limite parlerei di post-valutazioni…affinamenti..miglioramenti

    Ma le valutazioni di un giocatore con le statistiche avanzate mi dite come si fanno?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  34. “Non corre, non contrasta, sbaglia tanti lanci, di testa non ne becca una, subisce pochi falli, pochi goal, … l’algoritmo sentenzia che è una merda.”

    Prima di tutto devi decidere che giocatore vuoi e di conseguenza quali sono le caratteristiche che ti servono, se cerchi un giocatore con le caratteristiche qui sopra non cerchi sicuramente un Pirlo.
    Non troverai mai un giocatore senza alzarti dal divano, ma se sai cosa stai cercando farai meno viaggi a vuoto.
    Il fuoriclasse non lo puoi trovare da bambino perchè non ci sono statistiche avanzate nelle giovanili.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  35. Puoi leggere tutte le statistiche che vuoi ma se ti serve un calciatore che faccia la differenza lo puoi trovare solo vedendolo. Non c’è statistica ad esempio che possa indicare un determinato tipo di movimento che faceva Pirlo per essere sempre libero di ricevere o di girarsi su una mattonella quando era pressato a centrocampo. E ad esempio analizzando le stats tra lui e Pjanic potresti concludere che sono lo stesso tipo di giocatore mentre vedenbdoli scopriresti che a Pjanic quelle due cose mancano proprio.
    Le stats le puoi usare per la classe operaia magari.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  36. Quindi nei campionati minori africani hanno una o più persone che filmano, prendono appunti e poi elaborano le statistiche avanzate di ogni giocatore in modo poi che gli scout italiani possano farsi un’idea dei giocatori.
    Sono un po’ perplesso.
    E se poi truccano le statistiche !? Oh truccavano sulle età, che è ben più facile , però insomma

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
    1. Per me vanno direttamente su Football Manager 😀
      Meno sbattimento.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  37. Andrea, non ho scritto che le stats non servono a nulla, ho scritto che possono fare un ottimo lavoro di scrematura per limitare il numero di profili da visualizzare per una tipologia di calciatore che non sia un fuoriclasse. Ho scritto che una volta questo lavoro lo facevano gli osservatori pagati o amici che fossero e che mi pare che lo facessero bene come le stats, che dalla loro hanno il fatto di essere più facilmente gestibili e probabilmente meno costose.
    Ho scritto che sono inutili per scovare il potenziale fuoriclasse, perchè lì, trattandosi di profili che risultano evidenti anche all’osservatore più disattento e ignorante, la conoscenza e il passaparola fanno prima, almeo credo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  38. Qualche anno fa ( tre mi pare) montolivo aveva il record di palloni recuperati.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. l’ultimo anno che ha giocato da titolare. E mi ricordo che qui si scriveva che faceva delle ottime partite da mediano

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
      1. qui, chi ? fuori i nomi.. saran stati gli interisti per percularci al massimo.
        dall’infortunio del 2014 è stato una sciagura

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
        1. Lo scrissi io sicuramente, dopo 4 o 5 partite simili giocae dal capitano. Dissi qualcosa del tipo: Ottima partita da mediano recuperatore di palloni ma poi bisognerebbe sapere che farne di quei palloni

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento