Guai a Biraghi

Guai ai vinti. Quindi all’Inter e ancora di più a Cristiano Biraghi. L’eliminazione dei nerazzurri dalla Champions League è stata infatti accompagnata dalla solita ossessione del giornalista collettivo, cioè il ritorno del fascismo. Fascismo in questo caso rappresentato dai parastinchi di Biraghi, con la scritta ‘Vae Victis’ e un elmo spartano sopra un tricolore.

Tre cose che non c’entrano niente fra di loro, né con il fascismo. ‘Vae victis’ è la presunta frase di Brenno detta ai Romani che da sconfitti dovevano pagare al condottiero dei Galli un tributo in oro. L’elmo spartano ha conosciuto una seconda giovinezza da quando 300 ha rilanciato il mito delle Termopili, ma anche prima è stato abusato nello sport (quante squadre di college o di high school, Michigan State in testa, si chiamano Spartans?). Il tricolore, va be’, è il tricolore: la Repubblica Cispadana era fascista?

Tre cose che però indubbiamente appartengono ad un immaginario di destra, appartenente alla maggior parte degli atleti visto che lo sport agonistico veicola messaggi di destra: vittoria-sconfitta, gloria-oblio, onore-disonore, compagno-avversario, eccetera. Ci sono sportivi di vertice con idee politiche di sinistra, ovviamente, ma nella parte di vita che riguarda lo sport i loro valori sono quelli di destra. I valori di Brenno e ancor più degli antichi Romani, prima del declino che quello sì dovrebbe ricordare il presente, i valori degli Spartani, i valori decisamente più liberali ma pur sempre di destra del Risorgimento (per quanto il tricolore sia di età napoleonica). Non puoi farti tagliare una gamba allo Spielberg e poi dire che i confini non esistono.

Detto che non conosciamo Biraghi nemmeno alla lontana e che quindi in teoria il laterale sinistro dell’Inter potrebbe anche simpatizzare per le Sardine, facciamo un discorso generale e diciamo che rispetto agli anni Settanta non è cambiato niente. Essere di destra è ancora considerato dai media e dalla cultura ufficiale qualcosa di trasgressivo, maleducato, da cattivi. Per questo tanti giovani lo sono in maniera istintiva, quasi naturale, anche contro i propri interessi e le proprie convenienze borghesi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.7/10 (31 votes cast)
Guai a Biraghi, 6.7 out of 10 based on 31 ratings

16 commenti

  1. La semitizzazione del mondo in atto comporta prima il disprezzo, e poi la successiva rimozione di tutto il patrimonio valoriale-storico-culturale dell’uomo indoeuropeo. Un ripassino delle primissime pagine de Il Mondo Nuovo di Huxley per comprendere meglio… Biraghi suo malgrado è finito al centro di un meccanismo più grosso di lui. Guai ai Vinti, goym!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -16 (from 38 votes)
    1. Semitizzazione? Sarà il caso che ci decidiamo, il mondo non lo stanno islamizzando?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +8 (from 18 votes)
  2. Ottimo articolo, sono d’accordo. E comunque il simbolo degli spartani se non sbaglio è quello degli skin di sinistra, quindi non può in nessun modo essere considerato un omaggio al fascismo.

    E identificare il tricolore col fascismo è vomito puro. Senza voler sempre omaggiare la mia seconda patria, ma qui ci sono bandiere ovunque e a prescindere dall’orientamento politico tutto sono felici di esporre i colori nazionali. #Progresso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 16 votes)
  3. I media e la cultura ufficiale, chi sarebbero ? Repubblica e il Corriere ? Neanche tanto il Corriere, visti certi editorialisti. E le vite in diretta, Barbara D’Urso, Uno Mattina perché non lo sono ? Eppure arrivano a molte più persone, anche persone molto meno già schierate di loro. E perché non è media Libero e la sua Nilde Iotti zoccola e la patata della Raggi, per la quale vanno sacrosantamente a processo. E non sono media anche Travaglio, il distruttore di zucche, il direttore di giornale che si è fatto un attentato da solo ? No, i media e la cultura ufficiale sono di quelli che si occupano di Biraghi, cioè di chi non la pensa come me. Solo così si può erigersi ad eroi senza macchia e senza paura.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +28 (from 44 votes)
  4. “i media e la cultura ufficiale alle prese col pericolo fassismo” perfettamente descritti dai Simpson

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  5. Ma davvero questa è una questione da prendere seriamente? Mi volete forse dire che qualche giornale ha sul serio avuto da ridire sui parastinchi di Biraghi? Certo, sarebbe stato meglio che Biraghi avesse scelto come motto un “ars longa vita brevis” oppure un “o tempora o mores”, entrambi perfetti per la situazione attuale dell’Inter e del calcio italiano in generale, ma non possiamo lamentarci di questo salutare recupero della cultura classica. Forse il giornalista collettivo attende il momento in cui qualche calciatore farà riferimento nei parastinchi ai protocolli dei savi di Sion, visto che il numero 88 è già stato usato.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 9 votes)
  6. Sinceramente non capisco una cosa: quindi essere di destra e essere fascisti sono la stessa cosa? Non può esistere una destra che non sia fascista?
    Per quanto mi riguarda, ben venga una destra che rispetti i valori della Costituzione e con cui cui si possa confrontare e che si possa (spero) sconfiggere per via elettorale. Ma i fascisti che tornino nelle fogne, unico luogo degno di loro.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +25 (from 41 votes)
  7. Aaah il solito ipocrita temino, tutto di sx, di una dx costituzionale, liberale, ragionevole bla bla… che in realtà significa semplicemente una dx minoritaria e innocua…
    Invece appena diventa di massa e di maggioranza viene subito catalogata come fascista, populista, razzista ecc ecc .

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 28 votes)
  8. Il problema è che per certa gentaglia non c’e differenza tra destra e fascismo. O meglio non c’e differenza tra quelli che non la pensano come me e i fascisti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 18 votes)
    1. Il problema è che per certa gentaglia non c’e differenza tra destra e fascismo.

      Sono purtroppo d’accordissimo.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
  9. Mi fate un esempio di destra maggioritaria che sia stata accettata come non-fascista dai media?
    Mi viene in mente giusto Renzi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 12 votes)
    1. Obama! (esclamazione)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 2 votes)
    2. quella britannica, quella francese, quella tedesca e anche i repubblicani negli states. tutti dichiaratamente antifascisti e proiettati nel futuro, non le zucchine di mare nostrane.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +15 (from 25 votes)
  10. Resta un parastinco abbastanza kitsch

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
    1. Resta pure una pippa 😄

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 11 votes)

Lascia un commento