Cambio automatico o manuale?

Cambio automatico o manuale? Quali sono attualmente i vantaggi e gli svantaggi di queste opzioni? La premessa è che ormai il cambio automatico si è evoluto talmente bene e in modo efficace che non rappresenta più un’incognita tecnica. A maggior ragione per coloro i quali, ancora scettici, lo provano la prima volta e poi, incredibilmente, non ne possono più fare a meno.

Fra cambio manuale e cambio automatico le differenze sono abbastanza evidenti, le ricordiamo solo per non dare nulla di scontato. Per cambio manuale si intende un cambio che necessiti dell’intervento diretto del guidatore. Quest’ultimo, a seconda delle diverse situazioni di guida, dovrà scalare la marcia (con l’ausilio del pedale della frizione che non è previsto con il cambio automatico) per gestire i giri del motore e dosarne la potenza. Con il cambio automatico, invece, l’automobile è programmata per far sì che a seconda della velocità del veicolo, le marce e dunque i giri del motore vengano adattati di conseguenza.

La decisione da prendere è sempre e comunque soggettiva. Anche se i vantaggi del cambio automatico sono sempre più evidenti e continui. Basti pensare che adesso è disponibile anche sui furgoni (tipo Fiat Ducato) per favorire la comodità di utilizzo soprattutto in città. Il cambio manuale consente invece di avere una maggior libertà alla guida: così, a seconda del proprio stile, si può scegliere se allungare e dosare più o meno la marcia.

In termini di sicurezza sicurezza con il cambio meccanico è necessario spesso spostare la mano destra dal volante al cambio, con un rischio maggiore per la sicurezza in caso di brusche manovre. Il cambio meccanico implica anche una maggiore usura dell’auto perchè prevede un utilizzo intenso della frizione che nel corso del tempo si consuma e deve essere sostituita.

I consumi, in entrambi i casi (manuale o meccanico) dipendono interamente dallo stile di guida. Pertanto un uso calibrato del cambio manuale consentirà di risparmiare sul carburante. Il cambio manuale implica di sicuro la capacità di scalare le marce nel modo migliore. Ma si tratta di un dettaglio che non è sempre così scontato e in alcune circostanze, ad esempio nel traffico cittadino, tenere il piede sulla frizione e ingranare la prima per ripartire spesso risulta addirittura risultare stressante.

Il cambio automatico può essere anche adottato nella modalità «sequenziale». Usufruendo dello stesso dispositivo (selettore), è possibile ottenere un doppio utilizzo che consente una guida più sportiva e aggressiva. Sequenziale o no, il controllo sulla guida con il cambio automatico è molto più semplice e rilassante sulla base di impostazioni predefinite. L’autista avrà un minor controllo, ma sarà più semplice la partenza in salita e meno stressante muoversi nel traffico.

Anche per quanto riguarda la sicurezza, il cambio automatico è in grado di offrire maggiori garanzie. Ad esempio, come detto, non sarà più necessario staccare le mani dal volante per gestire le marce. Questo tipo di cambio, però, necessita di una speciale manutenzione. L’olio lubrificante deve essere sostituito di frequente e il sistema di raffreddamento ha bisogno di una revisione costante.

La voce consumi indica un lieve deficit se si sceglie un’auto con cambio automatico. Bisogna mettere in conto qualche spesa in più per il carburante, anche se esistono soluzioni più avanzate, come il cambio a doppia frizione, che consentono una maggior risparmio. Se viene metabolizzato in tempi brevi, a maggior ragione se abituati al cambio manuale tradizionale, l’automatico è in grado di assicurare una guida più rilassata anche nei centri cittadini dove le frenate e le ripartenze in coda, spesso davanti ad un semaforo, sono piuttosto frequenti.

Il cambio automatico ha ancora importanti margini di evoluzione perchè viene utilizzato per molteplici tipi di veicoli. Si diceva dell’equipaggiamento sui furgoni anche di importanti dimensioni. Inoltre la Toyota (prima protagonista assoluta nell’introduzione e nello sviluppo dei propulsori ibridi) da sempre equipaggia la sua flotta solo ed esclusivamente con un cambio automatico molto semplice ed efficace, in grado di ottimizzare questo nuovo binomio (motore termico-batterie elettriche) che sta avendo un successo e prospettive eccellenti. Il cambio manuale sembra ormai meno vincente e convincente. Anche pullmann e veicoli pesanti per il trasporto merci) si sono convertiti del tutto alla praticità e alla comodità dell’automatico.

Come abbiamo più volte scritto nella nostra rubrica, sull’auto si possono fare tanti discorsi razionali a colpi di cifre e di test ma alla fine è quasi sempre una questione di gusti. Quindi pur essendo la nostra idea in materia abbastanza chiara associamo a questo post anche un ‘Di qua o di là’ che più semplice non potrebbe essere: cambio automatico o cambio manuale?

Cambio automatico o cambio manuale?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...


VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.4/10 (9 votes cast)
Cambio automatico o manuale?, 8.4 out of 10 based on 9 ratings

11 commenti

  1. Cambio automatico molto comodo e molto da città, anche per questo la Smart è stata la mia auto più amata. Ma in un piccolo angolo del mio cervello anni Ottanta rimane una soluzione da handicappati, comunque non figa: è brutto dirlo, ma è così.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 16 votes)
  2. Il problema fondamentale del cambio automatico, e dell elettronica in auto più in generale, è che invecchia piu velocemente del resto dell’auto… Quindi tra dieci anni gireranno auto ancora in ottimo stato con quella componente elettronica ormai obsoleta… E se su una utilitaria o un auto per famiglie o da lavoro questo è ininfluente o quasi su una sportiva per esempio è deleterio… E la riprova è la grande differenza nelle quotazioni di sportive con almeno dieci anni di vita con o senza il cambio automatico (si veda per esempio una 997 con tiptronic , con pdk o col manuale)…. Per il resto è una gran comodità…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  3. Votato cambio automatico. Come dice il direttore, sembra una scelta da handicappati (e del resto io lo sono :-)), ma una volta provato un cambio automatico di livello è difficile tornare indietro. In passato avevo una Fiat con cambio automatico ed era un disastro, ma il cambio automatico a doppia frizione e 7 rapporti montato sulla Golf è un gioiello, anche moglie e figli patentati apprezzano. Unica controindicazione che mi viene in mente dopo due anni di utilizzo intensivo: in certi parcheggi in spazi ridottissimi avere a disposizione la frizione può essere comodo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 12 votes)
  4. Passato o futuro? Scale o ascensore? Carretto o macchina? Tubo catodico o schermo piatto?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  5. Tortelli cremaschi o marubini?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  6. è tanto complicato usare il manuale?!?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 11 votes)
  7. Manuale tutta una vita. Chi usa l’automatico e morto dentro e dovrebbe abbandonare l’uso dell’autovettura.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 16 votes)
  8. Mi sembra una battaglia anacronistica, siete vecchi dentro. Cambio automatico superiore in tutto almeno per le auto, e per favore non spariamo cazzate da pubblicita’ anni 90 sul piacere della guida. Altrimenti torniamo alle emozioni del cavallo senza sella.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 17 votes)
  9. Meglio vecchio che morto eh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  10. Dipende!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  11. Il cambio automatico ormai è meglio in tutto, guida comfort e guida sportiva, però capisco che uno possa comunque preferire il manuale.
    Le sensazioni saranno sempre diverse

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)

Lascia un commento