T’appartengo, l’età di Ambra

T’appartengo cantata da Ambra: esiste qualcosa che faccia più prima metà degli anni Novanta, a parte il cardigan di Kurt Cobain e Beverly Hills 90210? La canzone portata al successo dalla stella di Non è la Rai, poi attrice, ma che l’Uomo Indiscreto conosce soprattutto come fidanzata di Allegri, compie 25 anni e dobbiamo dire che questo quarto di secolo è passato in un attimo.

T’appartengo ed io ci tengo – E se prometto poi mantengo – M’appartieni e se ci tieni – Tu prometti e poi mantieni – Prometto, prometti“: impossibile dimenticare, per chi c’era, alla fine sedimentati nella memoria rimangono quasi soltanto i tormentoni. Però forse non tutti ricordano che T’appartengo non è stato soltanto un singolo, ma anche un album di straordinario successo quando ancora si compravano i dischi.

Non è per dire, ma fra Italia ed estero (esiste anche una versione spagnola), T’appartengo vendette quasi mezzo milione di copie e creò l’inevitabile dibattito sulla musica usa e getta oltre che sul lolitismo (Ambra aveva 17 anni, ma già da 2 era il volto di Non è la Rai: ci sembra incredibile non avere mai proposto un ‘Ambra o Pamela?’). Un certo successo, intorno alle centomila copie vendute, avrebbero avuto anche secondo e terzo album, Angiolini e Ritmo vitale, con la carriera musicale chiusa con il quarto, InCanto.

Certo è che T’appartengo aveva Ambra al massimo della sua influenza sulla vita degli adolescenti italiani, senza trascurare la sapiente mano di Franco Migliacci nella produzione. Pur essendo connessi alla pancia del paese, non si tratta della nostra musica preferita: certo in confronto alla trap, che in qualche punto peraltro ricorda, è un capolavoro. Ma il successo va rispettato ed Ambra è stata molto brava a sopravvivere a quello di Non è la Rai con tutte le scelte, anche quelle sbagliate, fatte nel resto della carriera. Adesso giura.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.0/10 (10 votes cast)
T'appartengo, l'età di Ambra, 8.0 out of 10 based on 10 ratings

16 commenti

  1. T’appartengo cantata da Ambra: esiste qualcosa che faccia più prima metà degli anni Novanta, a parte il cardigan di Kurt Cobain e Beverly Hills 90210?

    Whats’up dei four no blondes.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 15 votes)
    1. anche le boyband alla Backstreet Boys e le “cugine” delle Spice Girls fanno subito anni 90.
      o il mullet. o DooM (altra icona che ha appena compiuto 25 anni e che sprizza anni 90 da tutti i pori)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 3 votes)
      1. Però Spice Girls e Backstreet Boys rimandano a una fase leggermente diversa, la seconda metà degli anni ’90. Non che ci sia una differenza abissale, ma il biennio ’95-’96 è quello in cui internet cessa di essere una cosa per nerd e inizia a insediarsi nelle nostre vite. Nella seconda metà dei ’90 ci fu un’improvvisa fiducia nella tecnologia e, in un certo senso, nel futuro (poi arrivò un certo martedì di settembre).

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
        1. Andrea è dell’87 😉

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +1 (from 3 votes)
  2. >>>dobbiamo dire che questo quarto di secolo è passato in un attimo.

    ecco, questa è una cosa su cui ragiono sempre e mi sembra di vivere nella post-storia dell’eterno presente: 25 anni fa era il 1994. cos’è cambiato da allora? qualcosa, okay, ma fondamentalmente?
    prendiamo invece il quarto di secolo precedente: tra il 70 e il 94 invece è praticamente un altro mondo, non parliamo poi tra il 44 ancora in piena seconda guerra mondiale e il sopracitato 70 (e il quarto di secolo che passa tra la fine della prima e la fine della seconda guerra mondiale?)…

    anche in ambito calcistico: tra l’82 e il 98 (il primo e l’ultimo mondiale di Bergomi, tanto per prendere un esempio) sembra siano trascorsi molti più anni dei 16 effettivi, se ripensiamo invece al primo e il secondo mondiale francese sembrano meno della metà dei 20 trascorsi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. nei primi anni 90 ci fu l’esplosione del calcio africano (Camerun a Italia 90, Nigeria a USA 94 per esempio) grazie alla superioritá fisica dei coloured rispetto ai bianchi.
      Oggi che non c’é piú questa superioritá (senza entrare nei motivi) il calcio africano* é tornato ad essere marginale.

      *A meno di non considerare la Francia in questo ambito 😀

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
  3. il grunge accidenti, il grunge!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. be’, essendoci Kurt Cobain era ridondante scriverlo…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
      1. no è che me n’ero scordato io nel ricordare gli anni 90. mea culpa.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Se penso alla musica anni 90 Ambra non é esattamente il primo nome che mi viene in mente 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 9 votes)
  5. “25 anni fa era il 1994. cos’è cambiato da allora? qualcosa,ma fondamentalmente?”

    Beh oddio…direi un sacco di cose.
    Internet e la rete hanno rivoluzionato parecchio.
    Pensiamo al conto on line..la mail…..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. Davvero mi chiedo come fosse possibile lavorare in un ufficio (ma pure qualsiasi impiego del terziario) prima dell’email.
      Sembra di parlare della preistoria.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +6 (from 6 votes)
      1. A cavallo del 2000 nel tessile si lavorava ancora tantissimo col telefono, la mail era riservata giusto al commerciale estero e a qualche comunicazione ultraformale. Io che adesso sono costretto a mandare mail dall’auto per qualsiasi cazzata rimpiango quando si usava alzare il telefono e mi chiedo invece come sia possibile continuare così e andare oltre.
        Tant’è che se fate un corso per fare email oggi scoprite che si sono ribaltati gli schemi e i relatori consigliano di essere colloquiali ma sintetici e di usare termini diversi da quelli classici degli anni 2010. Proprio appunto come una telefonata.
        Insomma questione di punti di vista.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
      2. beati loro altrochè
        nessuna mail o whatsapp delle 23:50 “eh sai sarebbe urgente”

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 4 votes)
  6. Una email non era e non è qualcosa di radicalmente diverso rispetto alla posta tradizionale. Esige cmq un tempo di produzione e un tempo di lettura congruo, un rispetto di alcune convenzioni formali e una attenzione linguistica sorvegliata. Altre forme di comunicazione “elettronica” hanno regole e conseguenze del tutto diverse. Pensate solo per un momento (“the horror! the horror!”) se Indiscreto si trasformasse in un gruppo whatsapp…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  7. ogni tanto sono in salotto e mia moglie mi manda un’email dalla camera da letto 🙂

    l’email deve essere al massimo di 3 righe, al massimo alleghi dei file

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -9 (from 9 votes)

Lascia un commento