Richard Jewell, cattive critiche per Eastwood

Richard Jewell è il nuovo film di Clint Eastwood: uscirà a dicembre e la nostra facile previsione, senza ancora averlo visto, è che per la prima volta dopo tanti anni il vecchio (89 anni) Clint sarà stroncato come regista. Perché magari il film sarà un capolavoro, ma non potrà negare la storia: cioè che Richard Jewell abbia rappresentato una delle più grande sconfitte per i media statunitensi e per i media in generale, che copiano acriticamente le notizie da quelle statunitensi.

Chi è Richard Jewell? Anzi, chi era? Richard Jewell era la guardia giurata dell’AT&T che nel 1996, durante le Olimpiadi di Atlanta, individuò uno zaino sospetto nel parco olimpico e fece evacuare l’area prima che la bomba esplodesse. Vista la potenza della bomba il bilancio delle vittime, un morto e un centinaio di feriti, fu quindi quasi un miracolo.

Sulle prime trattato dai media come un eroe, Jewell si trasformò rapidamente in uno dei sospettati senza che alcun magistrato o poliziotto avesse mai detto pubblicamente una cosa del genere. Tutto partì da un giornale di Atlanta, imbeccato da un’indicazione dell’FBI poi rivelatasi falsa (vero era che lo avevano e lo avrebbero interrogato, ma come tanti altri presenti sul posto: solo che lui era l’unico famoso), che pubblicò un articolo ripreso poi da giornali e televisioni nazionali, con il nome e la figura di Jewell citata anche in programmi di intrattenimento come quello di Jay Leno.

Nei suoi confronti ci fu un accanimento feroce, fra giornalismo e satira centrata anche sul fisico, che terminò soltanto quando fu catturato il vero attentatore: un estremista di destra, suprematista bianco anti-omosessuali e anti-aborto (mai stato chiaro perché fosse anche contro le Olimpiadi), che fu condannato nel 2005 a un totale di quattro ergastoli (in altra occasione aveva ucciso un poliziotto) ed è tuttora in carcere: bisogna precisarlo, visto che in Italia uno così sarebbe già in semilibertà fra finti pentimenti e nessuno che deve toccare Caino.

Ma intanto la vita di Jewell era stata rovinata e solo per poco avrebbe coronato il sogno di fare il poliziotto: non avrebbe fatto in tempo a godersi i cospicui risarcimenti di CNN, NBC, New York Post e altri, tutte cause stravinte o chiuse con accordi segreti, visto che è morto nel 2007 a 45 anni, fra malattie cardiache e diabete.

Qual è il punto? I punti in realtà sono due. Jewell non è stato vittima di un errore giudiziario: la sua posizione, come quella di tutti i presenti all’Olympic Centennial Park, fu analizzata dall’FBI (che lo tenne sotto controllo per mesi) e poi chiarita, arrivando addirittura al poligrafo (macchina della verità, per gli amici). Davvero si era insospettito per quello zaino abbandonato e aveva salvato centinaia di vite. Insomma, Jewell è al 100% una vittima dei media e non del sistema politico (all’epoca presidente era Clinton) o di chissà quale complotto.

Il secondo punto è ancora più esplosivo, ed è quello che porterà cattiva stampa a Eastwood. Jewell aveva la sfortuna di non far parte di alcun gruppo protetto dal politicamente corretto: non era nero, non era una donna, non era gay, non era handicappato, non era povero, non era un intellettuale. Era solo un uomo bianco di classe medio-bassa, con un lavoro che molti giornalisti disprezzavano (guardia giurata, nemmeno poliziotto), sovrappeso e non di poco. L’archetipo del tifoso della NFL o della NASCAR, secondo la rappresentazione di certi scrittori, o anche, per calarsi nell’attualità, di quello dell’elettore di Trump. Certo, molto dipenderà da come Eastwood tratterà la materia, ma la storia di Richard Jewell è questa: una persona normale che al momento giusto ha fatto la scelta giusta.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.5/10 (38 votes cast)
Richard Jewell, cattive critiche per Eastwood, 7.5 out of 10 based on 38 ratings

9 commenti

  1. Non conoscevo la storia, francamente agghiacciante.
    Secondo me Clint con sta roba invece fa centro pieno per l’ennesima volta.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 16 votes)
  2. vicenda a me sconosciuta, che mi lascia basito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  3. Il bello, si fa per dire, è che nessuno ricorda il nome dell’estremista di destra che mise la bomba e che è stato condannato a quattro ergastoli, mentre in tanti collegano automaticamente il nome di Jewell all’attentato. “Se i media ne parlano, qualcosa di vero ci deve essere…”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 18 votes)
  4. Insomma a volte è meglio farsi i cazzi, enormi, propri.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 14 votes)
  5. Un vero e autentico redneck, buon lavoratore, magari un po ignorante ma in senso buono, uno di quelli che fanno il tailgate party fuori dallo stadio di football e ti invitano con un six pack in mano se li guardi stupito perché sei italiano e fuori dallo san siro al massimo c’è il salamellaro… Quelli che la feccia radical shit disprezza con quell insopportabile senso di superiorità maturato tra Capalbio e la proiezione di un documentario di Veltroni…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 28 votes)
  6. storia ignota anche a me, che non puo che confermare il mio disprezzo per gran parte dei giornalisti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  7. Dacci oggi il nostro trumpismo quotidiano. Se il nuovo di Eastwood è come gli ultimi due, ci mancherebbe pure che ne parlassero bene. Il NY Post è noto per le sue posizioni ultra liberal, oltre che per il rispetto al millimetro della deontologia. Se il giornalismo è guidato unicamente dal mercato, e per chi non vive di reputazione è così, si offre quello che il lettore vuole. Quindi i fatti non esistono, si scrive solo per i tifosi (che sia calcio o politica non importa) e si sbatte il mostro in prima pagina perché la cronaca piace sempre e il lettore vuole il sangue, fregandosene completamente dei fatti. Di disgraziati mezzi indagati e trattati come colpevoli, tv e giornali italiani sono pieni ogni giorno, anche perché le procure italiane sono peggio dell’FBI. Il politicamente corretto conta davvero tanto, visto come è andata per i Central Park Five e per un bianco, sovrappeso, ma ricco che su di loro ha messo il primo mattone di una notevole carriera.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 21 votes)
    1. Ti prego, ripigliati!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 4 votes)
  8. Mai saputo nulla di questa storia fino a due anni fa quando a Cannes vidi sul catalogo di una casa di produzione un documentario in merito e ne lessi la sinossi.
    Restai perplesso già allora ma leggere la storia in maniera più completa è ancora peggio, Clint il solito fuoriclasse per tecnica e personalità, praticamente Michael Jordan…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)

Lascia un commento