Le dimissioni di Malagò

In un paese civile Giovanni Malagò si sarebbe già dimesso dalla presidenza del CONI. In uno un po’ meno civile non si sarebbe dimesso, ma i media ed in particolare quelli sportivi avrebbero chiesto con forza le sue dimissioni, in mezzo ai vari servizi sull’esordio di Sanchez e Rebic.

Perché non si era mai visto il presidente di un Comitato Olimpico Nazionale chiedere al CIO di minacciare sanzioni contro il suo stesso paese. Nel caso specifico, questo Malagò non l’ha scritto ma a farlo ci hanno pensato i tanti giornalisti di area, con l’esclusione degli atleti italiani ai Giochi di Tokyo e con l’annullamento di Milano-Cortina 2026.

La lettera spedita da Malagò lo scorso 31 luglio è stata rivelata da Repubblica, scoop di Marco Mensurati, ripresa da pochi e commentata da pochissimi. In certi casi, davvero irrecuperabili, si è pubblicata soltanto la reazione imbarazzata e imbarazzante di Malagò ad una notizia che i lettori o telespettatori non avevano mai avuto.

Il motivo della stizza di Malagò è noto, al di là della gestione dei biglietti omaggio all’Olimpico (comunque un notevole strumento di potere e pubbliche relazioni: vedremo uninchiesta di Vespa e Floris, fra i principali beneficiari di quei biglietti?) e della guerra che gli stanno facendo le principali federazioni. La legge delega con cui Giorgetti e Valente, quindi Lega e Cinque Stelle, hanno riservato al CONI soltanto la preparazione olimpica (come avviene in Gran Bretagna e in decine di altri paesi), dando a Sport & Salute, società del ministero dell’Economia, il compito di distribuire gli altri soldi alle federazioni secondo criteri più trasparenti di quelli del passato.

Ma al di là di questo, il fatto che l’operazione mediatica ‘Italia fuori dalle Olimpiadi’ (in ogni caso una stupidaggine infondata, anche se per due giorni i titoli sono stati questi) avesse alla base lo stesso presidente del CONI ci sembra enorme. A fine luglio il governo Lega-Cinque Stelle non sembrava saldo, ma nemmeno sul punto di cadere, di sicuro Malagò se avesse potuto prevedere il ritorno in sella del più amico (ed in ogni caso più conservatore) PD si sarebbe risparmiato questa lettera. Va anche detto che come ministro dello Sport c’è ora un pentastellato, Spadafora, poco sensibile al cosiddetto partito CONI, quindi Malagò è in ogni caso chiuso in un angolo. Chissà cosa ne pensa adesso di lui Federica Pellegrini, una dei tanti atleti strumentalizzati attraverso la paura, infondata, di perdere le Olimpiadi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.2/10 (21 votes cast)
Le dimissioni di Malagò, 8.2 out of 10 based on 21 ratings

21 commenti

  1. Questo qua era il personaggio principale, insieme a montezemolo, della campagna a favore delle olimpiadi di roma?
    Per fortuna ha vintobil partito del no a tutto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +25 (from 29 votes)
  2. Ma Bologna-firenze 2032?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
    1. Plato-Pechino 2032

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 13 votes)
    2. @ Leo: Ma Bologna-Firenze 2032?

      Impossibile disputarle per le code a tratti tra Roncobilaccio e Barberino del Mugello.

      È da più di quaranta anni che quotidianamente lo ripetono…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 11 votes)
  3. Basta col no a tutto. Pauperisti!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 9 votes)
  4. Carlos le code non ci sono più 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. @ ricca:

      Grazie per l’aggiornamento 🙂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
    2. È finito Expo?!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 9 votes)
  5. Carlos ora c’è la direttissima 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  6. @ Leo: era una delle poche certezze della vita che avevo, mi hanno tolto anche questa…sulla Salerno-Reggio Calabria come siamo messi?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. Carlos è ancora una certezza. Firenze Nord/Barberini coda certa dalle 16:45 fino a tarda sera) È che quei due (l’avvocato e l’industriale) sono dei ricchi nobili e si muovono in elicottero.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 5 votes)
  7. Io l’ ho presa quest’ estate , direzione nord e mi è sembrata un’ottima autostrada , e non ho fatto un minuto di coda

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Era ottima già nel 2014. Mi ricordo che si scorreva benissimo e l’asfalto era quasi tutto rinnovato. La cisa è l’autostrada più disastrosa che abbia mai fatto. Un incubo.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  8. Salerno -Reggio Calabria ormai ottima già da qualche anno; migliore di tante altre autostrade.
    I tratti vecchi (comunque senza interruzioni) sono del tutto residuali

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  9. ed è anche gratuita!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. Come al solito in Terronia paga Pantalone…

      Ps: questa l’ho scritta solo per quel pirla di E. G.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 6 votes)
  10. Cecco, veramente lui ha parlato di code tra barberino e roncobilaccio, cioè il tratto appenninico.
    Leggi bene

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
    1. e vabbuò
      comunque sempre in elicottero vi muovete voi due

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 4 votes)
  11. Un appunto. Pensare che i poteri a Sport&Salute abbiano lo scopo di rendere più trasparenti i trasferimenti alle federazioni, mi sembra molto ingenuo. La società è del ministero dell’Economia, quindi della politica. L’intento principale è entrare nelle federazioni a caccia di voti. Poi, forse, si sprecherà qualche soldo in meno, ma forse, più probabilmente no.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
    1. Assolutamente perfetto!
      Hanno chiuso le fauci a quel verme solitario del CONI ma hanno messo il pallino nelle mani della politica.
      Al di là del magna magna, immaginate le rappresaglie in caso di una mezza dichiarazione politica di un tesserato o un dirigente federale.
      Chi sa cosa ne pensano quelli che si lamentano del troppo spazio fagocitato dal troppo populista calcio adesso che i finanziamenti sono in mano a chi è sempre in cerca di voti…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +6 (from 8 votes)
  12. Viene da piangere solo a provare a pensare che uno sputi nel piatto in cui mangia in questo modo, arrivando persino, per interesse personale, a sputtanare i suo Paese…..a volte ci vorrebbe, per questa gentaglia, Kim Jong-un.
    Perchè non vale la pena perdere tempo con questo qui, con questo Malagò….un colpo di cannone e via….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)

Lascia un commento