Italbasket con l’onore delle armi, che erano fionde

Oscar Eleni prigioniero nella pagoda della gru gialla di Wuhan senza le parole giuste per convincere i falsi confuciani del gioco e del tubo a giustificare una battaglia persa nel fango che ci lascia senza seta in questo mondiale.

Con la Spagna che stava per andare a fondo quando i suoi palloni gonfiati hanno perso palloni, Rubio ben 7, hanno sbagliato l’impossibile, Marc Gasol un solo canestro ala fine prendendo i ferri, ci siamo fermati alla quasi impresa. Ci abbiamo messo tutto quello che avevamo, poco in verità se nella partita decisiva segni 60 punti, fai 4 su 20 da 3.

Ma il meglio è stato dato in difesa anche se dopo la fuitina iniziale (15-5) abbiamo sottovalutato Llull e uno dedi fratelli Hernangomez, l’orgoglio della squadra spagnola che non è davvero parente di quelle che hanno conquistato medaglie importanti.

Peccati di gola, inaridimento del gioco aspettando gli acuti dei tre tenori: Belinelli mai in partita, Datome bravo fino a quando ha avuto gambe, Gallinari tenuto dalla difesa spagnola come la Vergine di Norimberga. Aculei sulle braccia, nella testa. Peccato. Tutti decorosi, tutti colpevoli. Era l’occasione per andare oltre il fiume azzurro, siamo invece affogati nelle acque limacciose della Chicago cinese.

Resta l’amarezza, ma se fossimo tutti sinceri allora dovremmo dire che il nostro basket produce questo. Uno dei migliori in battaglia è stato Paul Biligha. Tutti sapete che nelle finali scudetto è stato tenuto a sedere per ordine presidenziale, per punirlo dell’incauta trattativa con Milano quando ancora c’erano partite importanti da giocare.

Non c’erano tante carte nelle mani di Sacchetti che doveva bluffare anche con se stesso per tenere alto il morale di una squadra che in Cina ha messo il saio, dopo aver giocato da sbruffona nel torneo di Atene, ma il tardivo recupero fisico di Gallinari e Datome ha rubato la poca personalità che già avevano i loro compagni.

Aspettare che risolvessero tutto loro era esagerato, peccato che i gregari abbiano dimenticato le borracce quando serviva, peccato che nel turbolento finale contro la Spagna tutti fossero fermi ad aspettare l’illuminazione che non arrivava mai e dal più 4 a 4’20” dal gong siamo diventati tutti fraticelli senza mano e senza testa. Dodici punti nell’ultimo quarto sono diventati le briciole di una serata cinese finita fra lanterne rosse dalla luce fioca.

Mettersi ad un tavolo e ragionare e chi, fra i colleghi spioni di Sacchetti darà tutta la colpa a lui sa benissimo cosa ha dato a questa Nazionale: giocatori impreparati in stagione che in Nazionale non potevano diventare quello che non saranno mai: gente di qualità. L’amarezza ci impone di essere brevi e le pagelle finali nascono da una partita giocata gagliardamente in difesa e poveramente in attacco:

DELLA VALLE 6: meglio di altre volte in attacco, ma in difesa sempre carta velina.

BELINELLI 5.5: aspettavamo che facesse luce, ma è sempre arrivato tardi.

GENTILE 6.5: ha fatto quello che doveva, spegnendosi come tutti appena la palla è diventata più pesante.

BILIGHA 7: chiedergli di più sarebbe ingiusto.

VITALI 5: mai pervenuto.

GALLINARI 6.5: era il faro, ha fatto strada, ma quando le onde si sono alzate è sparito pure lui.

HACKETT 6: bella difesa sul bullo Rubio, poco attacco purtroppo.

BROOKS 5: anche lui mai pervenuto.

TESSITORI sv: attimi senza  vedere mai la Terra.

DATOME 6.5: ha tirato fuori il meglio nella partita più importante, ma anche lui è andato a sbattere sugli scogli della difesa spagnola, unica cosa decente di chi ci ha battuto e buttato fuori.

SACCHETTI 6: quello che gli ha passato il convento Nazionale era pane raffermo. Ha cercato di farlo diventare qualcosa di meglio, ma poi alla fine si è trovato con niente in tavola. Peccato per lui e per tutto il nostro basket.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.3/10 (17 votes cast)
Italbasket con l'onore delle armi, che erano fionde, 8.3 out of 10 based on 17 ratings

120 commenti

  1. U

    Nel frattempo l’argentina sta portando la serbia ad un finale punto a punto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. t

      E mi sa che l’Argentina la porta a casa.
      Serbia deludentissima.
      Sasha DJ allenatore sopravvalutatissimo (che spreco, con questo ben di dio di roster)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  2. t

    partitina di Campazzo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  3. A

    oh mamma… la serbia che alla prima difficoltà si è sciolta vergognosamente…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. t

      non arrivare a medaglia con questa squadra puó essere considerata un’impresa.
      (rimane l’upset ma onore agli argentini che hanno fatto una partita pressoché perfetta. Chapeau).

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  4. r

    Impressionante come gli argentini abbiano mangiato in testa a Jokic e compagni di reparto sui due lati per tutto il secondo tempo.
    Scola meraviglioso

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  5. r

    Noi critichiamo Sacchetti, ma il guru Djordjevic con quella corazzata dovrebbe dare delle spiegazioni…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. t

      su DJ mi ero esposto a inizio mondiale 😉

      (il suo score con i club é abbastanza eloquente)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  6. U

    “Scola meraviglioso”

    Il basket è un gioco per intelligenti

    🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  7. L

    Argentina basket nazionale meravigliosa. Punto!
    Incredibile come all’efficienza del basket e del rugby si contrappongano i disastri dell’AFA.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  8. A

    Jokic mi sembra afflitto dalla stessa malattia di Antetokoumpo: credi di essere un dio solo perchè domini a livello di RS in NBA, poi quando la palla scotta, quando la partita finisce punto a punto capisci che di polenta ne devi mangiare ancora tanta… avranno la forza mentale di migliorarsi o si “accontenteranno” di essere schifosamente ricchi e fare i guappi della guapparia?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  9. t

    Meno male che la Serbia era imbattibbbbile, avrebbe dato 20 punti agli USA, ecc. Eh ma il sorteggio non ci ha aiutato.

    Distrutti da un 40-enne che gioca in Cina.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. t

      peró adesso dovresti dirci chi ha scritto che la Serbia era imbattibile e avrebbe dato il ventello agli USA 😉

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 4 votes)
  10. U

    “No, sto dicendo che i giocatori andrebbero impiegati per quello che sanno fare.”

    Ho capito Matrix. Stai dicendo che mancano i giocatori che ad alto livello sappiano fare i play,le guardie,le ali,i pivot

    Se non è una contraddizione rispetto a quanto dicevi ieri…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
    1. t

      solo play e centro.
      guardie e ali ne abbiamo fin troppe.

      Quale sarebbe la contraddizione? Sto ripetendo a sfinimento che abbiamo dei buchi enormi a roster.

      A me sembra contraddittorio dire che non abbiamo giocatori di alto livello e poi lamentarsi perché non gettano il cuore oltre l’ostacolo.

      Te lo ripeto: se mi serve un terzino é meglio prendere D’Ambrosio che non CR7.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  11. U

    “solo play e centro.
    Sto ripetendo a sfinimento che abbiamo dei buchi enormi a roster.”

    glielo spieghi tu al tuo omonimo che ieri affermava “Il problema é che dietro c’é il nulla.”

    Stai dicendo che ci mancano 2/5 del quintetto base (e non voglio sembrare il vecchio trombone amante delle merendine tirando in ballo la storia sull’asse play-pivot eccetera eccetera eccetera).

    Se ti occupi tu di questa cosa ,cioè spiegarglielo e soprattutto farglielo capire, mi ritiro nei miei appartamenti per fare quello che tra poco mi inviterai a fare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  12. t

    oggi sono in modalitá (coach) zen e provo a risponderti con calma 😀

    il dagli al Beli o dagli al Gallo mi sembra guardare il dito e non la luna (affermare cioé che abbiamo giocatori scarsi e/o che non ci mettono cuore).

    Copincollo un commento di ieri:

    “Non è SOLO un problema di squadra costruita male.
    Non è SOLO un problema di mancanza di seconde linee.
    Non è SOLO un problema di avere dei buchi enormi a roster.
    Non è SOLO un problema di sopravvalutare i big (già considerare Hackett un big…)
    Non è SOLO un problema di avere allenatori mediocri.
    Non è SOLO non avere giocatori che superano i 2 metri.

    Questa (non) squadra ha un milione di problemi”.

    Puoi decidere tu quale siano i problemi piú gravi e quali i secondari.

    PS. perché dire che abbiamo buchi a roster e dire che mancano le seconde linee sarebbe in contraddizione? Sono curioso.
    Quale delle 2 affermazioni contesti?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  13. R

    Il problema di Sasha è quello che solitamente capita a quelli come lui una volta che si piazzano davanti al pino, da giocatore è stato un genio, non può insegnare cose che per lui sono innate, scontate, banali. Vedremo cosa combinerà Jasi fuori dal giardinetto di Kaunas…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  14. R

    Purtroppo scomparso Maltinti, personaggio senza il quale Pistoia non avrebbe mai potuto assaporare la pallacanestro di vertice. Appassionato vero, a differenza di tanti altri magliari che continuano ad imperversare. Grave perdita.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  15. t

    Segnalo il pezzo del Direttore sul Guerino (concordo in particolare quando parla di classe media deludente, pick&roll inoffensivo e mancanza, anche in prospettiva, di un lungo internazionale).

    PS. Se Spagnolo diventerá un grande giocatore (speriamo) sará perché é emigrato da bambino.
    Segnalo anche Procida (classe 2002 di Cantú) molto interessante.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento