Qatar 2022 nonostante tutto

Esiste una reale possibilità che il Mondiale 2022 venga tolto al Qatar, se la testimonianza di Platini prenderà una certa piega? La risposta è al 99% no, se Gianni Infantino ha dormito dopo la certificazione della corruzione di 16 membri dell’Esecutivo FIFA su 24, fra quelli che nel 2010 votarono questo orrore.

Non si è arrivati a tanto nemmeno con l’Argentina della giunta militare. Il caso della Colombia 1986 (Mondiale assegnato nel 1974 e riassegnato, al Messico, nel 1983) non c’entra, perché lì c’era un paese al collasso che aveva rinunciato di sua volontà. Insomma, speriamo di ripartire puliti con il Nord America 2026 e magari con un bell’Argentina-Uruguay 2030.

Sarebbe però semplicistico ridurre alla sola corruzione il discorso Qatar. Che ha un progetto ad amplissimo raggio, partito quasi vent’anni fa, per staccare l’immagine del paese da quella che nel resto del mondo si ha dei paesi arabi, cioè di un Medio Evo con più soldi. Fra il progetto Aspire e le tante nazionali dai passaporti taroccati è chiaro che nulla come il calcio e i media (Bein Sports, collegabile al discorso Platini-Sarkozy e fondata da Al Khelaifi, il presidente del PSG) può mettere un paese sulla mappa della civiltà. In altre parole, non molleranno l’osso tanto facilmente nemmeno se Infantino dovesse stupirci con un atto di coraggio.

2. A proposito di Mondiale, l’Italia femminile sta ottenendo risultati di pubblico pazzeschi. Bisogna ammetterlo, anche se abbiamo retto soltanto pochi minuti di Italia-Brasile. I gusti personali non ci devono però far dimenticare la realtà: 32,8% di share su Rai 1 e e 3,6 su Sky Sport, per più di 8 milioni di telespettatori medi complessivi. Cose quasi da Italia ai Mondiali maschili. E l’ottavo di finale con Cina o Nigeria potrebbe fare ancora meglio… Potenza del nome Italia, che spesso sottovalutiamo perché non ha veri tifosi ma soltanto turisti del tifo. Ha però una quasi unanimità di spinta mediatica e popolare, anche se per le donne è onestamente più facile perché il marchio Italia prevale su quello personale e di club. Non puoi tifare contro chi non conosci.

3. Gli Icardi sono partiti per le loro vacanze in Giappone e Polinesia, coscienti del fatto che il 7 luglio a Lugano all’Inter converrà convocare il centravanti argentino, se non vorrà fornirgli appigli, deboli ma non debolissimi (anche se il caso Pandev-Lotito era diverso), per svincolarsi facendo causa. L’incontro Marotta-Wanda non c’è stato, a quanto risulta, ma i telefoni non mancano e su una delle linee calde è stato ricordato all’amministratore delegato dell’Inter il suo comportamento di esattamente dodici mesi fa, quando era dall’altra parte della barricata ma con il medesimo progetto: portare Icardi alla Juventus. Nel 2019 l’ipotesi non sarebbe sgradita agli Icardi, ma alle proprie condizioni. Sarebbe fra l’altro l’unica exit strategy che consentirebbe, con il relativo (conosciamo persone che fanno tutti i giorni tre ore di treno e non vanno oltre i 2.000 euro al mese) pendolarismo di Icardi di continuare a vivere a Milano e di mantenere stabile una situazione familiare abbastanza complessa. Cambiare la residenza di minori figli di genitori divorziati, a maggior ragione all’estero, non è uno scherzo e rischia di riaprire conflitti. Insomma, ci sono i selfie pro-Instagram con il culo e i tatuaggi in favore di specchio ma ci sono anche situazioni più pesanti.
 
4. Totti scompare per un mese a Ibiza, per riposarsi dalle fatiche della conferenza stampa al CONI. Viene dato per scontato un suo approdo in Nazionale, ambiente che da giocatore ha frequentato tanto ma con una certa freddezza. Al di là delle belle parole di Gravina nei suoi confronti, è chiaro che per il dopo-Oriali ci sono da parte di Mancini altre preferenze. Oggi forte dei risultati è in grado di ‘consigliare’ Vialli, fra qualche mese chissà. Certo è che la Nazionale usata come un taxi in vista del vero obbiettivo, dai tempi di Sacchi per arrivare appunto a Oriali, non è un bello spettacolo.
 
(16.30 di mercoledì 19 giugno 2019. Le rubrica calcistica di Indiscreto dà appuntamento a lunedì prossimo)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.7/10 (10 votes cast)
Qatar 2022 nonostante tutto, 9.7 out of 10 based on 10 ratings

11 commenti

  1. Ad Ibiza dove? Anche io sono a Ibiza fino a fine luglio…se mi dite dove è vado a fargli una foto!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 11 votes)
    1. L

      Sappi che ti proporrò come uomo indiscreto 2019!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 5 votes)
  2. K

    “anche se abbiamo retto soltanto pochi minuti di Italia-Brasile”

    Io invece l’ho vista tutta e non mi è dispiaciuta; chiaramente non ho visto un livello simile a quello degli uomini ma non ho visto ‘sto abominio che tanti descrivono; alcuni grandi colpi (il colpo di tacco della brasiliana ed il salvataggio d’istinto del portiere italiano per me veramente notevoli), discreta corsa (per dire mi sembrava più lenta la partita di Under 21 maschile Serbia – Austria vista dal vivo qualche giorno fa), grande garra. Uniche note stonate l’arbitraggio, veramente dilettantesco, e l’insopportabile retorica (l’ho vista su Sky, ma penso che sulla Rai non sarà stato diverso).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 11 votes)
  3. c

    Non si è arrivati a tanto nemmeno con l’Argentina della giunta militare.
    Quindi mondiali ottenuti con la corruzione e magari pilotati nella vittoria finale? Ahia, la vedo male.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. Ottenuti con la corruzione non lo so, furono assegnati nel 1966 quando in Argentina c’era una dittatura (con Ongania uomo forte) ma non quella che avrebbe organizzato i Mondiali perchè in mezzo c’era stato qualche anno di semidemocrazia. Di sicuro svolti in un clima di intimidazione mai visto nella manifestazione, né prima né dopo. Vittoria argentina da asteriscare

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +11 (from 15 votes)
  4. g

    Ho visto tutte e tre le partite dell’Italia donne e ieri sera non mi sono piaciute.Concordo pero’ con Krug: lo spettacolo non e’ assolutamente indegno.Per motivi personali seguo il calcio femminile da piu’ di 30 anni, anche se a corrente alternata,e posso dire che adesso si gioca veramente ad altri livelli in confronto ad anche 15-20 anni fa. I ruoli si sono tutti evoluti sia tecnicamente che fisicamente (anche se il ruolo del portiere ha ancora ampi margini).Poi basta guardare i risultati per capire che, a parte la Thailandia, non ci sono squadre che puoi ottoazerare a piacimento. Il successo di pubblico televisivo un po’ stupisce anche me, perche’ il calcio femminile, se seguito con gli occhi tarati sul calcio maschile potrebbe far storcere un po’ il naso. Comunque la Vittoria con l’Australia e’ stata pivotal, non solo per la qualificazione, ma anche per trascinare il pubblico ( se l’Australia ci treazzerava subito, non lo so mica….).
    In negativo, per me, la nuova linea arbitrale con le nuove regole che stanno riducendo il calcio ad un gioco per ballerine, con la regola sul fallo di mano che e’ veramenete criminale.E questa e’ la linea che sara’ applicata anche al calcio maschile….Basta guardare il gol annullato all’ Italia under 20 contro l’Ucraina.

    Il Mondiale in Qatar e’ un crimine contro l’umanita’.Umanita’ intesa per quei poveracci che costruiscono le infrastrutture a 55 gradi, in condizioni di semischiavitu’ (Hanno processato dittatori all’Ajia per molto meno)….Di sicuro il Qatar e’ un paese, ricco si’, ma che definire civilizzato secondo i nostri canoni e’ un po’ difficile. E’ utopico sperare che la FIFA ripari al danno con l’unica cosa onorevole da fare.Non ci resta, come dice il direttore, che aspettare un nuovo ,pulito, inizio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 13 votes)
  5. D

    1) Aaahhh, la vittoria argentina da asteriscare, che però dal punto di vista tecnico è stata più regolare di England66 (per non parlare della buffonata dell’ultimo Mondiale brasiliano, con una squadra di brocchi portata in semifinale in braccio…).
    Poi il militare in divisa fa sempre più paura di una vecchia imbalsamata che vive alle spalle dei sudditi e saluta la folla senza nemmeno piegare il polso…

    2) A proposito di retorica, a me è arrivata la petizione Change.org che chiede per le calciatrici stipendi uguali a quelli dei calciatori.
    Non ridete e non vomitate, per cortesia…

    3) Ma nel senso che uno (coi figli) è partito per il Giappone e l’altra per la Polinesia?!

    4) In un paese dove ogni posto pubblico viene utilizzato come poltronificio a beneficio del voto di scambio, non possono essere diverse le dinamiche federali del passatempo nazionale…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 20 votes)
  6. R

    è stato ricordato all’amministratore delegato dell’Inter il suo comportamento di esattamente dodici mesi fa, quando era dall’altra parte della barricata ma con il medesimo progetto: portare Icardi alla Juventus

    Durissimo (pluricit.). Saluti e baci al fu accredito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 13 votes)
    1. D

      Sto giro non gli fanno manco più attraversare Piazza Axum, lo fanno fermare dai vigili in via Civitali…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 5 votes)
  7. C

    Tutto giusto sul Qatar, purtroppo pecunia non olet.
    ‘su una delle linee calde è stato ricordato all’amministratore delegato dell’Inter il suo comportamento di esattamente dodici mesi fa, quando era dall’altra parte della barricata ma con il medesimo progetto: portare Icardi alla Juventus.’
    Ahpperò! Quando noi tifosotti da bar seduti in poltrona abbiamo paventato che Marotta potesse essere un cavallo di Troia siamo stati presi per patetici dietrologi, mi fa piacere che il surriscaldamento di alcuni telefoni importanti diano la dignità di ‘legittima suspicione’ alla tesi da bar.
    Misterioso il comportamento dell’A.D. nerazzurro. L’Inter ha già in casa 2 punte più una promettente riserva che è Pinamonti, per contro ha un centrocampo evanescente, sarebbe logico cercare centrocampisti di valore, tipo Rabiot a parametro zero(ah! no! ci ha la mamma rompipalle), invece rincorre attaccanti alle soglie della pensione o dal costo spropositato con annesso stipendio spropositato. Mah!?
    Sul successo dei mondiali al femminile dico che è un puro fenomeno mediatico. Il battage è assillante, i malati di football, nelle sere d’estate guardano pure le ‘partite del cuore’, finiti i mondiali il calcio femminile tornerà ad essere uno sport di nicchia.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  8. Se Icardi ha bisogno di dritte sul pendolarismo Milano – Torino, gli giro il numero del mio capo che la fa tutti giorni 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento