Trapattoni e gli allenatori dei giornalisti

Giovanni Trapattoni compie 80 anni e non c’è bisogno di spiegare cosa abbia fatto da giocatore e da allenatore ai massimi livelli. Una carriera fortemente voluta, quella da calciatore del Milan, con le speranze nel settore giovanile rossonero che andavano di pari passo con un lavoro (vero) fin dall’età di 14 anni in un tipografia, come compositore. Una carriera esplosa quasi per caso quella da allenatore, visto che fra i suoi discepoli il Rocco direttore tecnico preferiva nettamente Cesare Maldini, ma nell’incredibile estate del 1975 (quella che avrebbe portato all’esonero di Giagnoni, inviso a Rivera) Trapattoni era di fatto l’unico disponibile visto che Maldini era impegnato con il Foggia e nessun allenatore in carriera voleva venire in un Milan dove comandavano un po’ tutti (ma soprattutto Rivera).

E molto casuale fu nel 1976 il passaggio alla Juventus in sostituzione di Carlo Parola. Agnelli non aveva le idee chiarissime e non le aveva nemmeno Boniperti, che per settimane portò avanti quello che oggi tristemente si definirebbe ‘casting’. Dopo i primi colloqui strafavorito era Bersellini, all’epoca alla Sampdoria, ma all’Avvocato non dispiaceva l’emergente Castagner. Poco sopra le boutade giornalistiche parevano Liedholm, Pesaola, Angelillo e Trapattoni, mentre Boniperti a un certo punto fece trapelare l’idea della soluzione interna, cioè Bizzotto, ex vice di Parola, secondo l’idea che quella Juventus per perdere lo scudetto (che peraltro aveva appena perso contro il Torino di Radice) avrebbe dovuto impegnarsi. Trapattoni non aveva alcun potere contrattuale ed era seriamente preoccupato per il suo futuro, visto che nonostante una buona stagione chiusa al terzo posto il Milan lo aveva salutato (già fatta la scelta di Marchioro) e offerte non ce n’erano, per un uomo che fino a quel momento era stato di fatto un allenatore in seconda. Boniperti vide giusto, convincendo anche l’Avvocato, e lì nacque il Trapattoni allenatore.

Che come i profeti di altre scuole ideologiche aveva un ottimo rapporto con i giornalisti, utili nel sottolineare i meriti della squadra nelle vittorie e i demeriti dei singoli giocatori nelle sconfitte, visto che nel calcio si può sostenere qualsiasi tesi. Ha quasi sempre allenato squadre forti, vincendo quello che si poteva vincere e in molti casi un po’ di meno, fallendo con una Nazionale che aveva nel fiore degli anni Buffon, Cannavaro, Nesta, Totti, Del Piero e Vieri. Il dualismo con Sacchi nasceva anche dai punti di contatto: abbiamo vinto noi (a volte io), hanno perso loro. Nemmeno lo dicevano in prima persona, bastavano le grandi e meno grandi firme a randellare i giocatori che non capivano. Insomma, un allenatore come tanti ma fortunato nel salire sui treni giusti. Dalla sua ha però sempre avuto il fatto di essere una persona a posto, solo sfiorata dall’ordinaria sporcizia del calcio.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.2/10 (10 votes cast)
Trapattoni e gli allenatori dei giornalisti, 8.2 out of 10 based on 10 ratings

95 commenti

  1. j

    Vorrei ricordare solo due cose del trap interista: 1. All’inizio dell’anno dello scudetto la sua formazione prevedeva baresi al posto di Matteoli 2. Inter bayern 1 a 3.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)
  2. b

    A me invece piace ricordare l’esperienza di Cagliari. Allenatori di quel calibro che hanno il coraggio di misurarsi con la provincia ce ne sono stati pochi.
    La nazionale è stata purtroppo una macchia perdonatagli troppo facilmente

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +12 (from 14 votes)
  3. s

    Ne ricordo una terza. Samp Inter 1-1 Samp in 10. Inter in controllo. Mette pizzi per vincere. 3-1 Samp e a fine anno scudetto Doriano.

    Trap amato da tutti, difficile nel mondo del calcio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 6 votes)
    1. f

      Ne ricordo una quarta: Malmoe-Inter…. Ritorno in Coppa Campioni dopo un decennio, andata in trasferta non giocata per difendere lo 0-0, lo schifo al ritorno e uscita al primo turno… Una delle più cocenti delusioni calcistiche di francesco1974 adolescente

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  4. D

    Jeff mi ha anticipato, mi tocca limitarmi ad aggiungere Juve-Arsenal.
    Le stimmate…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 9 votes)
  5. C

    Uomo troppo onesto, determinato, affabile, intelligente da poter essere giudicato per i suoi errori tattici di allenatore.

    Uno nato nell’Italia degli anni Trenta, col minimo sindacale di scolarizzazione, che da cinquantacinquenne inizia ad affrontare sfide personali fino alla vecchiaia in giro per l’Europa (vere, verissime, non pensioni dorate al caldo), beh, uno così è un esempio per chiunque.

    Un gigante.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +48 (from 52 votes)
    1. Perfetto

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 6 votes)
  6. t

    Quoto soprattutto l’epilogo.
    Personaggio trasversale proprio perché è sempre sembrato, al di là dei giudizi come allenatore, una brava persona.

    Edit: bene Coffee qui sopra.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 10 votes)
  7. b

    Jeff, sull’esperienza all’Inter, io ricordo diversamente, cioè che dopo un buon inizio con baresi e berti in mezzo, il Trap retrocede Matteoli da fantasista di panchina a regista titolare e l’inter vola

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  8. C

    L’anno dei record lo ricordo bene, ho visto quasi tutte le partite a S.Siro. Ok il Trap ma la squadra era fortissima: un Matthaeus in stato di grazia. Berti e Bianchi e molti altri all’apice della loro carriera e che non ritorneranno mai più a quei livelli. Ricordo anche la partita con il Malmoe la stagione dopo: l’unica mia partita di Coppa dei Campioni vista allo stadio persa malamente, con uno Zenga in forma mondiale (nel senso che ha fatto una cazzata sul gol in stile Italia 90) e Muraro inserito nel finale per cercare di ribaltare il risultato!!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  9. C

    Muraro???

    Una carriera di livello con un piccolo neo: non ha mai allenato Ambu

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. K

      Penso volesse dire Morello…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  10. U

    Allenatore che e nella leggenda bianconera,secondo solo ad Allegri in questa speciale classifica delle leggende.
    D’altronde come si fa a discutere l’allenatore dei record?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  11. D

    Scusate, eh?! Persona per bene, pane e salame, quello che volete, però che sia stato uno dei più sopravvalutati allenatori della storia si può dire o siamo in zona nazionalpopolarismo Indiscreto?!
    No, perché Coffee ci ha regalato uno di quei post strappalacrime che fanno il pieno di rating ma Trapattoni è sempre sembrato il ragazzo di campagna arrivato in città.
    Memorabile la sua risposta quando gli chiesero degli shoot-out…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 14 votes)
  12. M

    Di quella partita di Sant’Ambrogio contro il Bayern vorrei ricordare il fatto che ha messo Morello per la rimonta tenendo in panchina Diaz.

    Allenatore un po’naif Ma gli voglio bene lo stesso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
    1. D

      Veramente c’era in panchina Díaz?! Io ricordo che l’unico alibi in quella partita erano un po’ di infortunati, oltre a Morello ricordo l’ingresso di un altro Primavera (mi pare Paolino, quello che fini al Cagliari…), può essere?!
      Ho ricordi confusi, la cosa che ricordo bene però fu la vicenda nella mia scuola. Liceo Classico in centro (da cui sarei scappato a fine anno per raggiungere il Paese dei Balocchi…), con la particolarità di un sistema di interfono per comunicati che si sentivano in ogni aula grazie a gracchianti altoparlanti. Solitamente veniva utilizzato per annunci da parte della Presidenza, al posto delle normali “circolari” portate in classe dalla bidella e lette dai professori; di puro culto le performance del Preside, ovviamente non di Milano (e neanche di Bolzano…), che esordiva sempre con lo stesso incipit: “Shcusate che vi faccio un comunigaaath…”
      Però anche per gli studenti era possibile facendone richiesta in Presidenza accedere al microfono, solitamente vi facevano ricorso attivisti politici, membri del consiglio studentesco e cazzari vari da centro sociale per annunci di manifestazioni o eventi di vario tipo.
      Parentesi: quel Liceo era una roccaforte comunista (lì maturai, o meglio sviluppai, il mio odio atavico per comunisti e radical-chic…) e milanista (e per chi è cresciuto nella Milano di quegli anni sa che le due cose non erano del tutto scollegate, e che due coglioni con Milan-Cavese più poetica della volgare Milan-Steaua segno dell’arroganza del suprematismo capitalista che quando Gabriello Carotti scendeva in campo San Siro si trasformava in una piccola Rosario ecc.).
      Chiusa parentesi, arriva Bayern-Inter, 2-0 per i nerazzurri, la cavalcata del cicognone che per un anno riuscì a convincere tutti di essere un giocatore di calcio, ecc. La mattina dopo, lo sconcerto: durante la lezione di francese, ad un certo punto dall’altoparlante sopra la lavagna il gracchìo che anticipa la voce di un comunicato, tutti si aspettano l’avviso di uno sciopero dei Cobas per sabato o la manifestazione contro Pinochet e invece…………..UN PIPPONE REVANCHISTA INFINITO DA PARTE DI TIFOSI INTERISTI!!!
      “Dopo anni bui (???…e i milanisti cazzo dovevano dire che arrivavano dalla serie B?!)…dopo anni di sfottò (!!!…cazzo, salvate la minoranza nerazzurra del Manzoni!)…finalmente l’orgoglio nerazzurro…ecc., ecc.”
      Non vi dico la faccia della prof di francese, un’attempata signora alla Rococò, di quelle col talleur verdone o bordeau e la camicia con lo jabeau e il bordo di pizzo, e il pince-nez al posto degli occhiali da comuni mortali! Pareva la signorina Rottermeier che entrando in camera sorprende Heidi e Clara darci di strap-on sulla madia Luigi XVI!
      Il bello del comunicato però fu il finale, che chiariva il vero fine del comunicato: “…ci ritroviamo quindi tutti in cortile per manifestare il nostro orgoglio e bla bla bla…” La scuola infatti riempiva una costruzione sviluppata sui 4 lati con al centro un cortile che, in assenza di una vera palestra (a parte un locale allargato adatto solo a fare ginnastica e riscaldamento), ne rivestiva le funzioni con un campo da basket/pallamano/calcetto e due campi di pallavolo alle estremità.
      Alla ricreazione quindi tutti nei corridoi per sporgersi dalle finestre che affacciavano sul cortile ad osservare cosa sarebbe successo ed oplà: 7 tifosi 7 (su 1300 studenti nell’Istituto…) sventolanti bandiere nerazzurre con una manciata di sodali della minoranza etnica a farvi compagnia con sciarpe e applausi mentre dalle finestre altri interisti commentavano manifestando la propria contrarietà all’iniziativa (“…facciamo la figura degli sfigati per colpa di tre pirla!…ma la vicepreside che cazzo gli ha detto quando han fatto richiesta?!…”) e la maggioranza milanista a sfotterli dalle finestre (“Poi ci dite cosa avete vinto!” la frase più riferibile).
      Una settimana, 15 giorni dopo, non ricordo, il ritorno a San Siro. Catenaccio del Trap, Bayern all’arrembaggio, culo crucco, sfiga interista, rimonten e via.
      Non vi dico l’accoglienza della maggioranza milanista alla minoranza interista il giorno dopo a scuola…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 9 votes)
      1. M

        Non era Paolino, era il “socio” Ricco, credo anche lui finito al Cagliari.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
        1. f

          Rocco

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +1 (from 1 vote)
  13. C

    Se non ricordo male, i tre gol del Bayern furono segnati tra l’uscita di Brehme per infortunio e l’ingresso del suo sostituto (non mi ricordo chi fosse). Colpa anche del ritardo con cui intervenne la panchina interista!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  14. U

    Forte del 2-0 dell’andata non gli parve vero di poter far uscire il trapattoni che era in lui.
    Fuori Diaz e dentro Beppe Baresi dal primo minuto.
    In effetti mi e sempre sembrato uno realmente innamorato del calcio (altrimenti sarebbe finito a sdottorare in tv come l’invasato che odia il calcio e invece ha allenato squadre di secondo livello) e una persona corretta.
    Tra l’altro visto di persona 1 anno fa per un torneo giovanile qua a cremona e aveva una vitalita pazzesca (“e pensate che ho fatto 10 anni di juve..quelli ti centrifugano..senno a quest’ora ne dimostrerei 40”). Mandorlini quasi commosso nel salutarlo (“tenetevelo stretto questo e un grande allenatore”…si e visto trap..si e visto).

    Pero ragazzi..come allenatore era un disastro totale eh..incarnava tutti i difetti che hanno caratterizzato il calcio italiano nel suo periodo d’oro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  15. Credo innamorato del gioco e dello spogliatoio
    A Firenze sospendeva regolarmente l’allenamento a metà per fare la partitella e giocare anche lui , così mi venne riferito
    Se valutiamo il suo lavoro dai precetti tattici che ha portato chiaro che lo stiamo ipervalutando , se lo valutiamo dall’entusiasmo e dal sapersi rapportare con campioni e situazioni con personalità ingombranti in varie fasi della sua carriera ne esce un gigante

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
    1. D

      Si, si, sospendeva l’allenamento, diceva proprio “basta lavorare, che palle! Facciamoci la partitella…”
      Roba seria, mica il calciotennis di Gattuso, eh ma il rating di Coffee…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -4 (from 6 votes)
  16. K

    Ma che Diaz, porco Diaz.
    Diaz c’era nell’anno dello scudetto dei record, lo vendettero al Monaco per prendere la Pantegana Bionda.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  17. Krug
    L’anno di Augentaler è proprio l’anno dei record quindi c’era Diaz

    Pentiti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  18. Rating di Coffee impressionante

    Che stadio è quello della foto ?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  19. K

    “però che sia stato uno dei più sopravvalutati allenatori della storia si può dire”

    Penso che qualcuno (io, io, io) l’ha già detto più volte.

    Se posso farei un distinguo fra il Trapattoni allenatore durante la settimana, bravissimo a migliorare i suoi giocatori (ad esempio penso a Cabrini in primis ma anche tanti altri), ed il Trapattoni in campo, una iattura colossale, con i senatori in primis Bettega a sacramentare al grido di “Giovanni stava per combinarne (o ne ha combinata) un’altra delle sue…”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  20. U

    Krug
    A che ore passa il pullmino per il centro diurno per anziani?
    🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. K

      Gobbo suvvia non essere molesto che poi la Pro Senectute questa estate non ti porta a Misano Brasile e ti lascia marcire fra le zanzare… 😉

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 4 votes)
  21. K

    Pardon, siccome si parlava di Inter – Malmoe sono rimasto sclerotizzato su quella partita.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  22. U

    A misano brasile ci si va gia per il ponte di pasqua…altro che aspettare l’estate

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. K

      Un sogno…
      Sto contando i giorni…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  23. U

    Lo stadio e il Cibali di Catania
    Esordio di platini in italia mi pare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. Grazie Gobbo
      Non collegavo le case e la gente pensile sopra la curva

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  24. U

    In effetti credo ci fosse qualche problema con la sicurezza..ma niente di cosi grave eh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. Folklore Gobbo
      A Licata se non erro cascarono dentro il palasport

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  25. U

    Non ci sono piu i tutto esauriti di una volta..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  26. C

    Peraltro proprio a Catania accadde uno degli episodi più incredibili della storia del calcio italiano.

    1983, poco prima dell’inizio della partita fra Catania e Perugia il custode del Cibali, dileggiato da alcuni spettatori, imbracciò il fucile e iniziò a sparare all’impazzata verso le tribune: 1 morto e 32 feriti.

    Prese solo 13 anni di galera perchè era stato provocato…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. E

      bravo Coffe, bel ricordo
      anche se – magari sbaglio – ero a conoscenza di una versione un po’ più dark della storia: alcuni simpaticoni avevano preso di mira lui (e fin qui vabbè) ma soprattutto la combo moglie/figlia, quando iniziarono ad andare sul pesante nei confronti proprio del suo mondo femminile il custode ebbe un leggerissimo gesto di stizza…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  27. r

    Quanto siete vecchi 😛

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  28. U

    “Peraltro proprio a Catania accadde uno degli episodi più incredibili della storia del calcio italiano.”

    12 Giugno 1983. Ultima di Serie B
    Ero a Varese perchè alla Cremonese bastava vincere per andare in A contro una squadra già salva

    Giungevano notizie incontrollate…da strage allo stadio a partita sospesa e data persa a tavolino al catania

    Pare fosse normale che gli occupanti della curva pisciassero sulla casa del custode

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  29. C

    All’epoca mi colpì molto il fatto che ci fosse un custode che abitava proprio dentro lo stadio…

    Oggi non possiamo evitare di annotare che la partita venne giocata comunque…e se non erro pure in orario!
    (non dico che fosse giusto…anzi, tutt’altro…diciamo solo che negli anni è cambiato leggermente il mood intorno al calcio…)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  30. Toh Gobbo
    https://goo.gl/images/2HX3o5

    Quel giorno c’ero anchio

    Questo per schivare le accuse di razzismo , perché nella civilissima Vicenza era norma comprare il biglietto a prezzi stracciati dei parterre e poi farsi issare su in curva …. col rischio di annaspare nel vuoto …

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  31. U

    “e se non erro pure in orario!”
    Ni..perche appunto era volata a 3 con catania e como a pari punti dietro di 1 alla cremonese

    Ci furono i fisiologici 5-6 minuti di ritardo..per sapere i risultati delle avversarie
    🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  32. U

    “Quel giorno c’ero anchio”

    La partita che precedette la grande inculata (una delle tante) col pisa “pareggiamo a vicenza che tanto siamo gemellati e poi col pisa in casa ed e fatta”
    Dovevo esserci anche io ma un qualche battesimo e comunione ci costrinse a rinunciare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. Il Vicenza retrocedette , prendendo il celeberrimo gol di Fiorini all’olimpico

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
      1. K

        E non vi hanno ripescato come al solito?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 2 votes)
        1. il Vicenza non doveva neanche essere in B quell’anno ma in serie A dopo un annata strepitosa col grande Bruno Giorgi
          Invece fu declassato in B per un peccato veniale (fu comprato il capitano del Piacenza nello spareggio di C) risalente a due anni prima

          L’annata di Giorgi fu anche quella in cui il Vicenza vinse 4-3 all’Olimpico e Malgioglio sputo sulla maglia davanti la curva laziale

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +1 (from 1 vote)
          1. K

            Noi quell’anno ci beccammo un punto di penalizzazione per non fare lo spareggio con l’Empoli per salire in A e quattro punti l’anno dopo.

            E l’anno dopo ancora altri 5…

            Così, giusto per gradire…

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +2 (from 2 votes)
  33. U

    “All’epoca mi colpì molto il fatto che ci fosse un custode che abitava proprio dentro lo stadio…”

    io rimasi colpito dal fatto che prendessero di mira il custode,visto che la custode dello zini di Cremona ,la Signora Carla Bonazzoli oggi 94enne, è un’istituzione da noi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  34. U

    Leonto
    Si si..il famoso pareggio che sta bene a tutti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  35. C

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  36. M

    Nettamente superiore a Lippi sotto tutti gli aspetti. Primo fra tutti il fatto di non essere associato a Calciopoli.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
    1. Ha la sola macchia di Bologna-Juve ma li fu real politik da parte juventina , ciò non toglie che dovevano andare in B

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 6 votes)
  37. D

    Cioè, era così pirla che non si accorgeva di come i suoi aggiustavano le partite nel 1980?! Un altro Gonde insomma, minchia tutti da lì vengono…

    Ps: Meno Uno fu uno degli sbandieratori della ricreazione, com’è piccolo il mondo!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 8 votes)
  38. m

    a proposito
    https://www.gazzetta.it/Calcio/19-03-2019/france-football-classifica-migliori-allenatori-sacchi-3-ancelotti-8-33030970308.shtml
    1 michels
    2 ferguson
    3 sacchi
    8 ancelotti
    12 trap

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  39. L

    Il trap resterà per sempre legato a Firenze per via di quel maledetto infortunio del bati… il Leo sedicenne era convinto che con il re leone avremmo portato a casa quello scudetto.
    Col senno di poi oggi dico di no.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  40. U

    Dolcetti come è messo in quella classifica?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  41. U

    Posto che gia e una vaccata farla sui giocatori figuriamoci sugli allenatori una classifica che vede conte al 49esimo posto e liedholm nemmeno nei 50 e chiaramente fatta da degli incompetenti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  42. m

    non c’è neanche allegri.
    uno posticino al maestro di vita milutinovioc potevano darlo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  43. U

    Come? nemmeno l’allenatore leggendario?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  44. m

    menotti, bilardo, low.. c’è telè santana ma non felipao-
    mi piacerebe da matti vedere come fanno ste classifiche

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  45. m

    non c’è lo stimato in ogni dove Sven goran

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  46. m

    quarto cruyff come allenatore? e non c’è vujadin … aaaaahhh
    male male

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  47. C’è Otto Rehhagel per fortuna

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. m

      proprio una fortuna…
      hiddink che ha insegnato calcio dovunque per 30 anni ,sotto zidane che ha allenato tre anni una squadra alla quale ha fatto 0,5% di lavoro .. però il carisma di zidane

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +6 (from 6 votes)
  48. U

    Eh vabbè..rehagel.
    Capaci tutti a vincere con un giocatore come bratseth

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. m

      soprattutto con karagounis

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 5 votes)
  49. m

    Gilbert gress assenza pesante

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  50. m

    Manca beckenbauer

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. Giustamente

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
      1. m

        raymond goethals?

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento