Puro cashmere, Maurino Di Francesco e il calcioscommesse

Quando siete tristi e non avete i soldi per drogarvi il consiglio è quello di riguardarsi Puro Cashmere, con protagonisti Mauro Di Francesco e Paola Onofri, fra i tanti film folli girati negli anni Ottanta l’unico a non correre il rischio di essere rivalutato. Poche righe su Wikipedia, nessuna scena su You Tube, introvabile e forse nemmeno esistente il dvd: è per questo ci teniamo cara la registrazione fatta su Iris e siamo consapevoli che le nostre parole possano essere comprese soltanto da pochi eletti. Non c’è scena, a partire da quelle d’azione, davvero lisergiche, che non sia da leggenda. A partire dalla sigla, dove sulle note di One step dei Kissing the pink appaiono Maurino (nel film si chiama Giuliano) e una divina, paradisiaca, Anna Galiena (nel film Manrica). Lei lascia lui per mettersi con il suo amico Jody (Antonio Cantafora, icona dei B-Movie anni Settanta) e lo invita a una sua festa, dove Giuliano si presenta sfoggiando orgoglioso il suo maglione di cashmere nuovo, il cui disegno è quel terribile azzurro a rombi che tutti abbiamo almeno visto.

Alla festa si sta incupendo, quando conosce Liliana (Paola Onofri), ex di Jody anche se Giuliano lo scoprirà più tardi, che gli macchia il maglione nuovo. Lei si offre di mandaglielo in lavanderia e lui la accompagna in quella che crede sia la sua casa, ma che in realtà è la casa di Appignani, un trafficante di Roma (dove è ambientato il film) che usa un negozio di elettrodomestici come copertura. Sulle prime Maurino-Giuliano, che come professione è un rivedibile maestro d’asilo, non riesce a recuperare il suo prezioso maglione, commovente ricordo di un’Italia in cui in casa si stava con il maglione (adesso il nonno ipocondriaco e il nipote che vuole stare in maglietta tengono il riscaldamento a palla, non accettano che d’inverno faccia freddo), poi glielo porta Liliana prima di scomparire e di essere inseguita sia dagli improbabilissimi sgherri di Appignani sia da un’altra banda.

La parte memorabile, davvero da sballo, del film, è la storia di calcioscomesse in cui Liliana e Giuliano si trovano coinvolti. Praticamente a casa di Appignani tale Rodrigues, portiere pseudoportoghese dello Sporting, e tale Milton, attaccante pseudoinglese dei Wolves, si mettono d’accordo per taroccare Sporting-Wolves di Coppa dei Campioni, che si giocherà a Madrid (Ma perché? Sarà la finale?), una farsa messa in piedi da una banda che opera nel Totonero e il cui capo è Jody. Giuliano riesce con un po’ di fortuna a sostituire il finto fotografo che a bordocampo deve fare i segnali a Milton e Rodrigues. E a seconda della posizione del maglione di cashmere sulla valigetta da fotografo i due disonesti calciatori si impegnano o no. Sporting Lisbona e Wolverhampton non hanno querelato… Le scene di calcio sono divertentissime, in un film dichiaratamente di serie B che però coglie alcuni tic e luoghi comuni del tempo.

Tutto è solo un pretesto per lasciare mano libera allo straordinario Di Francesco, unico sottovalutato del gruppo Abatantuono, e tante inquadrature a Paola Onofri, che i più ricordano protagonista in molti programmi televisivi, mentre noi che parliamo alla pancia del paese (ferrarista, quindi) la ricordiamo anche come fidanzata di Ivan Capelli. Tornando a Puro Cashmere, è incredibile come sia rimasto fuori dal circuito della rivalutazione, in cui invece c’è un’altra opera di Biagio Proietti come Chewingum. Forse per questo lo amiamo particolarmente: un film onestamente senza pretese, per vite onestamente senza pretese come le nostre.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (10 votes cast)
Puro cashmere, Maurino Di Francesco e il calcioscommesse, 10.0 out of 10 based on 10 ratings

15 commenti

  1. J

    Ricordo il titolo (finto) del Corriere dello Sport: “Sporting – Wolves: giganti contro”.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  2. D

    Cashmere e Chewingum (la Stragallina!…) due film che mi riportano a quando anche la visione dei film di serie B aveva un senso.
    Curioso il fil rouge delle scommesse che, con le dovute differenze, lega i due personaggi interpretati da Di Francesco.
    Il finto titolo del Corsport di assoluto culto, pura classe che asfalta Criscitiello che tuona perché la Lazio cede Spizzichino…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  3. E

    Direttore, mea culpa mea maxima culpa
    ma ho sempre ritenuto Di Francesco come… boh… non è mai riuscito a farmi davvero ridere, l’ho sempre trovato come “forzato”
    probabilmente questa antipatia è dovuta al suo ingresso nei “Ragazzi della Terza C” totalmente in forma insensata
    una intervista a massimo giuliani di qualche (qualche…) anno fa spiega molte cose sulla terza serie di quel telefilm…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. Be’, la terza serie dei Ragazzi della Terza C era tutta un po’ forzata, non fosse altro che perché non erano più al liceo… in un episodio si vede addirittura Ugo Conti… Di Francesco mi fa ridere quasi sempre, di pura presenza, come Boldi o (restringendo il discorso alla televisione) il Mago Forest… Maurino monumentale da protagonista (Sapore di Mare 2, Puro Cashmere) e anche in ruoli minori (come nei Fichissimi, quando fa il collega parcheggiatore di Jerry Calà), di sicuro troppo legato a un’epoca a una maschera. Ma Lawrence Olivier e De Niro possono avere i miei applausi, non le mie emozioni…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 7 votes)
      1. D

        I Fichissimi filmone che mi ha consumato, anche a me Maurino ha sempre fatto ridere anche solo per come presentava la sua maschera da antitesi del Dogui, Boldi invece non mi ha mai smosso e lo considero il predecessore della comicità demenziale…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +5 (from 7 votes)
    2. D

      Fuori l’intervista a Giuliani!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  4. K

    Questa?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. D

      ??? 🤔

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  5. j

    Di Maurino ricordo la battuta da vittima « ue fantino dei cani » in il Ras del quartiere

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. A

      io me lo ricordo come somaro mannaro in attila…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  6. g

    “…..un film onestamente senza pretese, per vite onestamente senza pretese come le nostre.”

    Game, set and match per il Direttore.

    PS: è un bel Direttore

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  7. C

    Scusate ma solo io MDF me lo ricordo completamente ubriaco / fatto a Telelombardia (o Telenova?) dire che gli interisti sono dei tifosi di merda?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. D

      Me lo ricordo benissimo, visto in diretta ma non andò così. Era su Telelombardia, si parlava dei casini societari e di spogliatoio dell’Inter (tipo adesso…) e lui (apparentemente un po’ alticcio, col viso rubizzo e la parlata biascicata) se ne venne fuori con “questo perché l’Inter è una squadra di merda…”
      Lui presumo intendesse dire che non era una società seria ed organizzata, ma chiaramente quelle parole in bocca ad un milanista ebbero un effetto dirompente. Ravezzani (era Telelombardia) mandò la pubblicità dopo la quale si scusò col pubblico e preciso che Maurino era stato allontanato e scortato a casa perché nel frattempo la tv era stata subissata di mail e messaggi di insulti e minacce…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  8. M

    Calvin…
    ” In questi ultimi anni Mauro ha avuto dei problemi di salute abbastanza seri, una grave cirrosi(per il troppo alcool) con conseguente trapianto di fegato.A tale proposito ha detto:”«Eh, fuori tutte le notti, ho cominciato a bere a 10 anni e ho smesso a 55. Faccio un appello a tutti i ragazzi: lasciate perdere, l’alcol è peggio della droga. Non riducetevi come me, sono un miracolato dopo il trapianto di fegato. Ora voglio fare il testimonial dei donatori di organi»

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi