Elezioni in Abruzzo, i 5 Stelle sono finiti?

Le elezioni regionali in Abruzzo hanno decretato la vittoria del centrodestra, con il 48,02 % dei voti espressi e Marco Marsilio nuovo presidente della Regione, davanti al 31,45 del centrosinistra e al 20,05 del Movimento 5 Stelle. Al di delle considerazioni nazionali, facendo confronti soltanto abruzzesi si tratta di un disastro totale per i 5 Stelle, che alle Politiche di un anno fa avevano il 39,9 (alle Regionali del 2014 il 21), mentre la composizione degli altri due schieramenti, fra liste civiche e personali, permette di dire qualsiasi cosa: che la Lega ha stravinto, che Forza Italia è in declino irreversibile, che il PD in quanto tale ha perso ma con varie alleanze centriste può vedere un po’ di luce, eccetera.

La sfortuna dei 5 Stelle è che i loro dati sono sempre confrontabili a quelli delle elezioni precedenti, dal momento che si presentano sempre da soli, mentre gli altri possono abbellirli, ma questo non toglie che perdere metà dei consensi impressiona non solo noi cresciuti un’epoca in cui si facevano ragionamenti sui massimi sistemi per spostamenti dello zero virgola (eravamo molto interessati, votando per i cosiddetti partiti laici). La domanda da porre agli analisti politici di Indiscreto è adesso una sola: il voto abruzzese segna per i 5 Stelle l’inizio della fine? In altre parole, perché dopo sei mesi di governo nazionale la gente (per lo meno la loro gente) si è stancata di loro ma non della Lega? Parliamo di due partiti che hanno più o meno difeso le loro idee di base e i loro provvedimenti bandiera… Non proponiamo ‘Di qua o di là’, ma solo queste domande.

Non c’è una risposta auspicabile: i 5 Stelle si possono criticare per l’ingenuità-ipocrisia dell’impostazione (pensare che le scelte, dalla TAV all’immigrazione, non abbiano contenuti ideologici ma solo tecnici) e per il livello di chi hanno portato al governo, ma Di Battista non ha torto quando dice che senza di loro in Italia ci sarebbe ben di peggio dei gilet gialli. Anche se questo ragionamento suona un po’ come un ricatto: siamo incapaci, ma sempre meglio della guerra civile. Senza dimenticare che la ‘buona politica’ fino al 2018 ha svenduto l’Italia portando nei posti di comando passacarte, leccapiedi, mignotte (anche, se non soprattutto, al maschile), portaborse e falliti vari, con buona stampa ma di livello culturale non troppo diverso da quelli che si sono conquistati un seggio con 70 click. La risposta può essere solo personale: pensiamo che i 5 Stelle siano in declino irreversibile che li porterà a prendere con decisione una delle due strade che hanno davanti (diventare una specie di Lega del Sud, un partito della spesa pubblica più di quanto già non siano, oppure una sinistra nazionale, alleata del PD ma più movimentista), in ogni caso a non essere più i 5 Stelle duri e puri.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.2/10 (5 votes cast)
Elezioni in Abruzzo, i 5 Stelle sono finiti?, 9.2 out of 10 based on 5 ratings

101 commenti

  1. L

    Ma nonostante i giovedì cremonesi? 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. U

    murillo
    “quella è la peggiore…. ahahha”

    beh.l’altro giorno quando parlavo di frankie hi-nrg e dell’aria di cremona che rende rompicoglioni mi riferivo,anche , a questo
    http://www.laprovinciacr.it/news/cronaca/194443/fra-rapper-e-assessore-pedala-la-polemica.html

    In effetti tra le poche cose buone fatte da questa amministrazione metterei il fatto di aver cercato di cambiare un po’la testa dei cremonesi in merito allo spostarsi in città.

    Anche se nel caso specifico del pezzettino di ciclabile oggetto della discussione frankie hi-nrg aveva ragione e quello era solo un regalo,inutile, alla FIAB

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. D

      Fiab che però in genere non è quel tipo di regali che vuole……ma Frankie quindi è ancora vivo?! Ed abita a Cremona?!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  3. E

    @Lore: io non sono tanto sicuro che il M5S possa diventare un partito così “solido” in futuro come da te ipotizzato.

    Perchè a mio modo di vedere la “platea di 5 milioni” aventi diritto del RdC scoprirà ben presto di essere una platea “molto inferiore ai 5 milioni”

    e che di questa “platea molto inferiore ai 5 milioni”, solo una parte di fatto percepirà i 780 euri nella loro totalità.

    bonus track, ci saranno molti furbetti a percepirlo (e chi magari è rimasto fuori e ne aveva diritto rosicherà, e non sarà “kolpa del Piddi”…)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    1. L

      Anch’io avevo capito che in realtà i 780 li riceveranno in pochi. Però più che altro vedremo cosa succederà tra M5S e lega quando qualcuno tirerà fuori il numero di quanti residenti in Italia stranieri prenderanno questi soldi (anche pochi, non importa). Quella sarà una prova importante da superare per questo governo, più di tav tap tan ecc ecc dove si sta andando verso il sentire comune (ovvero la maggioranza dell’elettorato in generale che non è certo contrario a queste opere e soprattutto l’elettorato di centro, di destra e principalmente leghista).

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
      1. E

        ma infatti

        sviluppare un progetto di RdC è un compito difficilissimo e delicatissimo – al di là di esserne a favore o contro – che necessita anni di studio dal’interno per capire “come” “con quali strumenti” e “a chi”

        il M5S lo ha presentato come un regalo a pioggia a chiunque ne faccia domanda, come fosse un bengodi (sempre con il consueto “semplicismo” con cui spiega tutte le cose…)

        ma quando il popolino laureato presso l’università della vita scoprirà che in tasca arriveranno 300 euro (quando arriveranno…) non ci saranno Soros, Piddi, Macron o Junker da incolpare…

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +2 (from 2 votes)
        1. D

          Già chiamarlo progetto fa ridere…

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 0 votes)
  4. U

    Dane
    non so di solito cosa vuole la fiab…qua parliamo di 1 km e mezzo di pista ciclabile che sbuca in quella che è ,di fatto, la tangenziale sud di Cremona e che scorre parallela alla pista ciclabile “naturale” rappresentata da Viale Po.

    L’idea che tutti si son fatti è che erano stati garantiti tot km di pista ciclabile e che questi concorrano a raggiungere il montepremi.

    Frankie Hi-nrg è vivo e lotta insieme a noi. Credo sia ormai una quindicina d’anni che vive qua

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. D

      Appunto, pezzetti di ciclabili fini a sè stessi solitamente sono la foglia di fico con cui le amministrazioni fingono di favorire la mobilità sostenibile, facendo incazzare i ciclisti (FIAB compresa) che sanno che di quelle ciclabili non se ne faranno un cazzo e serviranno solo ad aumentare l’odio nei loro confronti da parte degli automobilisti.
      Siccome l’avevi definita un regalo a FIAB ho precisato che più che altro si tratta di una polpetta avvelenata…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  5. U

    Dane
    Nel caso di Cremona ,e sottolineo che mi riferisco solo e soltanto a Cremona non c’e nessuna polpetta avvelenata.
    Fiab e amministrazione ,nella persona dell’assessore preposto, lavorano a stretto contatto. E , a mio parere, lo stanno facendo bene aldila di questo caso specifico dove si e tolto spazio ad una strada che di fatto e la tangenziale sud.
    Poi sulla “strada sud” c’e tutto un tema (che e l’altro fronte su cui frankie hi nrg e molto attivo) che le varie amministrazioni cercano di sbolognare ai successori visto che e di difficile soluzione (e la colpa principale e di chi 20-30 anni fa non ha pensato di intervenire visto che all’epoca c’erano piu margini di manovra)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi