Gli ultras del Napoli meglio dei tifosi

A più di tre settimane dalla morte di Daniele Belardinelli nessuno sa ancora chi l’abbia ucciso, nonostante gli scontri prima di Inter-Napoli siano avvenuti a pochi metri da un commissariato di Polizia, in una zona piena di telecamere, con tante riprese amatoriali e ancora più testimonianze. Però il recente arresto di Nino Ciccarelli, uno dei fondatori dei Viking della Curva Nord interista nonché protagonista poco immaginario del romanzo ‘Il Teppista’, è un buon pretesto per un punto della situazione. Perché il giudice per le indagini preliminari Guido Salvini ha dato un’interpretazione dei fatti un po’ diversa da quella del mainstream mediatico, ipotizzando una battaglia concordata fra ultras interisti e ultras napoletani della Curva A, arrivati a Milano staccati dal resto della tifoseria. Nella nostra modestia lo avevamo scritto il giorno dopo i fatti e non perché fossimo sul posto, visto che eravamo già a San Siro per la partita (che evidentemente non interessa gli ultras, altro tema da segnalare a chi parla di ‘abbassare i toni’), ma perché da anni l’Italia si è adeguata al resto d’Europa, con gli scontri veri che non avvengono più allo stadio ma in zone lontane e su appuntamento.

A dirla tutta, i due chilometri di distanza fra via Zoia e lo stadio che i cantori dell’impianto di proprietà vorrebbero abbattere, sono pochi per gli standard di oggi: un parcheggio della Lidl, una piazzola per camion, una discarica, posti del genere. Funziona così in Germania, in Olanda, in Russia, nell’Inghilterra del mitico ‘modello inglese’. In altre parole, è molto difficile che un incolpevole passante possa subire dei danni, anche se purtroppo in qualche caso è accaduto. Stando a tutte le testimonianze raccolte dai magistrati e da ciò che circola, gli scontri di Milano si sono fermati non appena i napoletani si sono accorti che Belardinelli era a terra ferito. Nessuno pensava davvero che stesse morendo, infatti quando è stato trasportato al pronto soccorso era ancora cosciente, ma era già chiaro che fosse grave. In questi casi l’etica ultras impone che ci si fermi, eventualmente per riprendere in un altro momento, e i napoletani l’hanno di sicuro rispettata, al di là di chi avesse investito Belardinelli. Ci sembra giusto sottolinearlo, in un mondo in cui chi piange per primo è convinto di avere ragione, come dimostrano i folli sviluppi del caso Koulibaly, con il Napoli e molti suoi tifosi ‘perbene’ a pretendere una sorta di giustizia sportiva privata. In ogni caso restringere alla curva interista le responsabilità dei buu a Koulibaly è negare l’evidenza, cioè lo stesso comportamento tenuto anche da molti tifosi interisti ‘perbene’, cretini che i pur lodevoli video di Zhang non potranno rieducare. Certo gli ultras consumano poco e gli altri magari ti comprano la terza maglia, ma non allarghiamoci.

Questa storia ha però anche altri aspetti originali, come la divulgazione, mezzo secondo dopo la sua deposizione, del nome dell’ultras interista che ha denunciato i suoi presunti capi. Ma come, facciamo mille pistolotti contro l’omertà e poi sbattiamo in prima pagina il nome di un ragazzo (21 anni) che ha collaborato con la giustizia? Senza contare il fatto che degli interrogatori milanesi è uscito tutto, a partire dai nomi degli interrogati, mentre degli indagati napoletani non sappiamo nemmeno le iniziali. Insomma, una sorta di gestione federalistica della privacy e della giustizia: ognuno fa come gli pare. Con il risultato grottesco che i compagni del morto sono in carcere mentre quelli dei presunti assassini rimangono a piede libero.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.8/10 (17 votes cast)
Gli ultras del Napoli meglio dei tifosi, 8.8 out of 10 based on 17 ratings

8 commenti

  1. c

    Domanda: dato che domenica Inter-Sassuolo è a porte chiuse perché una istituzione privata ha deciso così, impedendomi di godere di uno spettacolo per il quale ho pagato, come si fa a chiedere il rimborso del biglietto?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. A

      hai avuto un mese per iscriverti ad una delle elementari che entrerà a S. Siro xD

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +9 (from 9 votes)
  2. M

    Ancora! Ma frega a qualcuno che è morto sto parassita della società?!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -9 (from 19 votes)
  3. I

    La morte di Belardinelli ed i “bu razzisti” sono strettamente collegati tra loro. Ignorare il loro collegamento mi fa riaffiorare pensieri da dietrologia spicciola dei quali vorrei sbarazzarmi (per una migliore qualità della vita, la mia). 15 giorni prima nel PSV giocava Rosario, un discreto centrocampista coloured, poi è stato il turno di Fofana dell’Udinese. Come si dovrebbe giustificare la mancanza di attenzioni a sfondo razzista verso i suddetti? Forse perchè il razzismo non è la vera motivazione?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -6 (from 10 votes)
  4. M

    Meglio gli ultras dei tifosi? Siamo sicuri? I “tifosi perbene che pretendono una sorta di giustizia privata” più di scrivere quattro innocue stronzate sui social non possono, li si piglia doverosamente per il culo e tutto finisce lì, nessuno ne esce in prognosi riservata. Invece delle grandissime teste di minchia che si danno appuntamento da napoli varese e nizza per mazzolarsi sulla pubblica via sarebbero migliori solo perché si sono frenati una volta appurato che un valoroso commilitone della fazione opposta era conciato maluccio? A parte che è assai probabile non si sia trattato di nobile tregua, ma più banalmente di fuggi-fuggi generale, se anche fosse andata come impone l’etica ultra’ (ahahahaaaa…) queste merdine sono davvero migliori del peggior tifoso vittimista da twitter? Ma manco per il cazzo, so’ pure vigliacchi: se davvero volete giocare alla guerriglia urbana, fatelo fino in fondo, non è che al primo caduto ci si caca sotto e si torna da mammà, troppo comodo, bisogna subito pareggiare il conto arrotando un nemico con il suv – questa sì che sarebbe un’etica, orribile, sanguinaria, omicida ma pur sempre un’etica – altrimenti datevi al risiko, tuttalpiù al paintball se siete tipi atletici.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 12 votes)
    1. La vera certezza è che se non ci fosse stato il morto ma ‘solo’ dieci accoltellati (da una parte e dall’altra) che poi nemmeno sarebbero sarebbero andati al pronto soccorso, e soprattutto se Zielinski non si fosse mangiato il gol della vittoria, questa partita sarebbe già stata dimenticata. Non sono d’accordo sull’etica: meglio infierire sull’avversario moribondo, come vorrebbe il pubblico lobotomizzato stile Rollerball?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +8 (from 8 votes)
  5. M

    Notavo che ora il nemico non sono soltanto i Savoia, ci sta pure Nizza….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
    1. A

      il Nizzardo Garibaldi conquistò Napoli per conto dei Savoia, tutto torna!

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +10 (from 10 votes)

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi