Albero di Natale vero o finto?

San Nicola per Bari, Sant’Ambrogio per Milano e l’Immacolata per tutta l’Italia sono i giorni in cui di solito si fa l’Albero di Natale, lo scriviamo anche se chiaramente l’Uomo Indiscreto vive nel futuro e non ha tempo per rispettare queste stupide tradizioni: lui lavora (così dice), pensa, crea, produce, fa sesso (forse mentre è sul Muro del Calcio). Comunque noi piccolo borghesi, riposto nel cassetto il gilet giallo ma pronti a rimetterlo contro la tassa sulla Panda, siamo di fronte al solito dilemma: albero di Natale vero, quindi tolto da una foresta (magari non da noi materialmente), o albero di Natale finto, a prescindere dalla qualità? Un ‘Di qua o di là’ fra i meno stupidi mai proposti, visto il successo avuto quattro anni fa da ‘Albero o presepe?’, che diede la vittoria con il 61% all’albero.

Per una volta siamo onesti perché ogni anno cambiamo opinione e quindi possiamo elencare facilmente gli argomenti a favore di entrambe le opzioni. A favore dell’albero vero c’è spesso la sua bellezza, anche se per gli alberi alti è a volte meno vero che per quelli bassi, ma rigorosamente sempre il senso di autenticità e di calore che danno: ancora nel 2018 è bello accorgersi della differenza fra una cosa vera e una finta. Senza contare la ritualità dell’andare a sceglierlo e portarlo a casa, in questo caso i buoni sapori di una volta erano davvero buoni. A favore dell’albero finto c’è evidentemente il prezzo: un albero vero di quelli belli difficilmente si trova a meno di 100 euro e sono 100 euro che vanno spesi ogni anno, mentre un albero finto di quelli bellissimi anche quando costa di più viene comunque ammortizzato nel corso degli anni.

Da non trascurare il discorso temperatura: se la propria casa è fredda o si ha la possibilità di collocare l’albero in giardino può essere preferibile il vero, ma se si vive in condomini popolati da vecchi rincoglioniti che accendono il riscaldamento in agosto allora l’albero vero rischia di non arrivare al giorno di Natale. E fare ogni giorno il bollettino degli aghi caduti è un dolore… A favore dell’albero finto c’è di sicuro il non toccare boschi e foreste, anche se qualcuno con abile marketing promette ai clienti di ripiantare gli alberi, non facendolo quasi mai ma sollevandoli dal senso di colpa ambientalista.

A favore dell’albero di Natale, vero o finto che sia, c’è che si tratta di una traduzione antichissima, forse di origine celtica, affiancata agli aspetti religiosi del Natale ma che non la religione c’entra zero. È un simbolo dell’Occidente, prima ancora che del Cristianesimo, e lo faremo almeno fino a quando non ci sarà la sharia (quindi fino al 2050, stando ad alcune proiezioni demografiche). Quest’anno abbiamo scelto il finto, che ci ripromettiamo di usare anche in futuro, ma la domanda vale sempre: albero di Natale vero o finto?

Albero di Natale vero o finto?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.0/10 (5 votes cast)
Albero di Natale vero o finto?, 8.0 out of 10 based on 5 ratings

27 commenti

  1. L

    Albero finto. Già fatto (anche perché solitamente la moglie comincia a rompere i coglioni da 20 novembre per farlo).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  2. E

    Finto!

    ps. primo!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
    1. D

      VOTATO!…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  3. B

    finto, piccolino perchè la casa è piccola e già “piena”.
    ah quest’anno fatto il primo come in tanti che conosco, con una settimana di anticipo: ci siamo rotti di aspettare quando dappertutto piovono panettoni e lucine!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  4. Presepe

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 7 votes)
    1. L

      A me faceva incazzare quando col babbo si metteva la lucina celeste nel laghetto di stagnola, quella verde nella borraccina, quella arancione nel fuocherello poi si arrivava magari alla strada e spuntava la lucina fucsia o quella viola… E che ce ne facciamo???

      Vabbè ora per fortuna o per codardia non lo faccio più ed evito di mettere e togliere le luci dieci volte prima di trovare la combinazione giusta.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 4 votes)
  5. P

    Finto.

    Le ragioni sono tutte di natura pratica, non ultimo il tentativo di renderlo meno attraente per i gatti.

    Piuttosto, sto notando che siamo in molti ad averlo fatto in anticipo: cosa c’è nell’aria quest’anno?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  6. C

    Votato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  7. I

    finto, ma non è ancora il momento.
    fondamentale il presepe

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  8. A

    fatto finto da una decina di giorni… onestamente non capisco perchè farlo così in anticipo, si rischia di arrivare cotti al 25…

    però capisco anche che i negozi sono passati dai costumi da mare ai panettoni per cui fanculo a tutto e tutti!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  9. Finto, fintissimo, con lucine incorporate: preso settimana scorsa come investimento per il futuro. Sottoscrivo anche la motivazione gattofila, ovviamente. Anche se in passato non sono stati risparmiati alberi finti, nemmeno quelli con la pericolosissima (per la tossicità) neve, che infatti ho regalato… comunque è vero che quest’anno i preparativi sono iniziati prima, anche da parte di chi non ha alcuna motivazione commerciale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
    1. L

      I miei gatti (come il figlio piccolo) sono in compenso molto pericolosi per le palline… Poracce…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  10. A

    albero finto!

    tradizione che quest’anno torna nel salotto sartorati, confidando nell’acquisita maturità di zoe e piperita, le nostre amate (sicuro più di tanti bipedi) gatte.

    in maniera molto superficiale quest’anno ci è tornata la voglia dopo aver ammirato l’ultimo piano di macy’s interamente dedicato agli addobbi.

    per l’angolo degli aneddoti segnalo una variante a labero vero/albero finbto.

    quando ancora ci si riuniva tutti per la vigilia, c’era un mio parente che si vantava della sua parsimoniosità e del proprio fiuto per i piccoli risparmi (mai capito quali vantaggi porti fare una fatica della madonna non per cambiare tenore di vita, ma per accumulare dieci euro in più).

    ero ancora bimbo quando comunicò a tutti che lui l’albero lo aveva comprato alla upim a maggio e aveva fatto l’affare dell’anno. solo all’apertura degli imballaggi scoprì che gli avevano rifilato due scatole con la base inferiore. a casa dello zio gianni (nome di fantasia) quell’anno ammirammo quindi non l’albero, ma la siepe di natale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +12 (from 12 votes)
    1. D

      Minchia, muoio! 😀
      Roba da film di Nanny Loi… 😛

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  11. C

    Finto comprato lo scorso anno con tanto di neve tarocca. Verrà montato questo weekend, come da tradizione (si fa l’8 o sbaglio?)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  12. A

    albero finto!

    tradizione che quest’anno torna nuovamente nel salotto sartorati, confidando nell’acquisita maturità di zoe e piperita, le nostre amate (sicuro più di tanti bipedi) gatte.

    in maniera molto superficiale quest’anno ci è tornata la voglia dopo aver ammirato l’ultimo piano di macy’s interamente dedicato agli addobbi.

    per l’angolo degli aneddoti segnalo una variante a albero vero/albero finto.

    quando ancora ci si riuniva tutti per la vigilia, c’era un mio parente che si vantava della sua parsimoniosità e del proprio fiuto per i piccoli risparmi (mai capito quali vantaggi porti fare una fatica della madonna non per cambiare tenore di vita, ma per accumulare dieci euro in più).

    ero ancora bimbo quando comunicò a tutti che lui l’albero lo aveva comprato alla upim a maggio e aveva fatto l’affare dell’anno. solo all’apertura degli imballaggi scoprì che gli avevano rifilato due scatole con la base inferiore.

    a casa dello zio gianni (nome di fantasia) quell’anno ammirammo quindi non l’albero, ma la celebre siepe di natale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. Quest’anno ho superato lo zio Gianni comprando in giugno un maglione alle isole Aran, proprio in ottica natalizia… non sono mai stato così avanti come nel 2018, praticamente un dicembre di tutto riposo dovendo gestire soltanto i vari ‘Dobbiamo assolutamente vederci prima di Natale’…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  13. z

    Finto, ma in passato ne ho avuti diversi veri. Tutti morti a maggio, peccato.
    Fatto il 1 dicembre, fosse per i bimbi avrei dovuto farlo a settembre…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  14. g

    Finto (perche’ costa poco e dura a lungo). Io non festeggio, il Natale, come di norma non festeggio niente.Mia moglie che non e’ cristiana ne’ occidentale, comincia a rompere le palle (non dell’albero) a meta’ Novembre con albero e decorazioni…
    Che mondo strano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  15. M

    Per me Di Natale è solo Antonio non Albero.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  16. P

    finto, fosse per me lo metterei via addobbato pronto per anno successivo ma la moglie pretende di cambiare colore alle palline ogni anno (quest’anno bianche e blu)… anche per me la componente felina è decisiva nella scelta, Maccio e Dante non gradiscono molto gli aghi di quelli veri…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
    1. M

      Siamo già a tre mogli rompipalle.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +15 (from 15 votes)
  17. D

    Da ecologista accanito ovviamente finto, nel mio caso addirittura simbolico: un bassorilievo in legno dipinto a mano.
    Avuto un albero di Natale vero solo anni fa, perchè avevo un ottimo bonsai di tassodio che si prestava (poi venduto di fronte ad una di quelle offerte che non si possono rifiutare…).
    Poi, visto che l’avvocatessa vuole il presepe ma io sono minimalista (oltre che ateo ed antipapista) la mangiatoia col Gesù bambino sulla consolle con un ponticello di contrabbasso a fare da grotta.
    Giusto per far capire che a casa mia sono arte e musica la vera religione…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 11 votes)
    1. D

      Meno Uno tu goditi il CD di Boccelli primo in classifica e Ramazzotti che ti suona al citofono…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 7 votes)
  18. G

    Se non erro qualche anno fa si era fatto anche in ‘di qua o di la’ fra albero di Natale e Presepe.

    Tornando al quesito: Albero vero, fatto arrivare direttamente dalle foreste della Norvegia, con addobbi in cristalli svaroschi e effetti visuali che neanche ad un concerto dei Chemical Brothers.

    Bavboni!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  19. r

    Moglie (rompiballe per definizione insita nel termine moglie) albero finto, io presepe naturalmente autoprodotto e -1 me lo può sucare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 10 votes)
  20. r

    E comunque strappare un albero per tenerlo in casa quattro settimane e farlo crepare nell’arco di quattro cinque mesi è una barbarie

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 12 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi