Aznavour da mettere nella playlist

La scomparsa di Charles Aznavour, a 94 anni e con un’attività artistica arrivata fino a poco tempo fa, potrebbe riaccendere almeno per un momento l’attenzione sulla grande ‘chanson’ in un momento storico in cui purtroppo (si dirà che i tempi cambiano, ma non vuol dire che cambino in meglio) viviamo un appiattimento di genere e creatività. E di concentrazione, anche se è impensabile che un ragazzo degli anni Duemila ascolti la musica allo stesso modo di uno degli anni Sessanta o dei Settanta.

Al di là delle turbolenze sociali dei rispettivi periodi tutto cambia, il vinile e il digitale sono mondi troppo distanti per essere confrontati, ma anche setacciando in una discografia sconfinata come quella del cantautore francese, figlio di armeni, mai dimentico delle sue origini, ci riesce difficile pensare che classici come Lei, L’istrione, Ieri sì, Come è triste Venezia, Morire d’amore, Ed io sì tra di voi (per citare solo alcuni dei brani cantati in italiano) possano resistere più che pochi secondi nelle playlist di chi abita nello streaming. Eppure non ci rassegniamo al vento che spira, anche perché Aznavour lo abbiamo sempre ascoltato volentieri insieme a generi completamente diversi, essendo parte della storia e generatore di emozioni. Di quella storia della canzone che in Europa, e non stiamo parlando di Regno Unito, ha saputo produrre e portare in giro per il mondo grandi pensieri.

In tutto questo Charles Aznavour era autore (in Italia aiutato da grandi firme come Giorgio Calabrese, Sergio Bardotti o Mogol, solo per citarne alcune) ma era anche interprete enorme, cosa rara e non sempre coincidente. E coincidenza fortunata ha voluto che tra le sue collaborazioni italiane ci sia stata quella con Mia Martini (provate ad ascoltare la registrazione live di Je ne connais que toi), così adatta alle sue storie ed atmosfere, e alle poderose orchestrazioni oggi scomparse dagli studi di registrazione. Canzoni impegnative quelle di Cahrles Aznavour, non si può negarlo. Dove le parole valgono quanto la musica, lontana dai canoni odierni, e non sono tormentoni, e nemmeno la trap che oggi va tanto di moda. E a volte sono anche tanto malinconiche. Ma metterne un paio in playlist ogni tanto farebbe bene. A tutti.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.8/10 (5 votes cast)
Aznavour da mettere nella playlist, 9.8 out of 10 based on 5 ratings

5 commenti

  1. j

    Top 10 alltime worldwide. Monumento è riduttivo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  2. G

    Secondo più grande artista Armeno dopo i System of a Down.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
    1. r

      Non so, ci sarebbero anche le sorelle kardashian..

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 2 votes)
  3. Comunque l’Istrione ce l’ho davvero nella playlist… non sono d’accordo con Paolo sulla contrapposizione vinile-streaming: sono due tipi di ascolto diversi, che sempre più coesistono per le stesse persone… i King Crimson riesco ad ascoltarli solo in vinile, a casa, non facendo nient’altro, i TheGiornalisti soltanto in macchina da Deezer… non c’è un bene o un male, ma solo musiche che presuppongono un ascolto diverso… poi c’è chi regge bene in entrambi i mondi e fra questi metterei Aznavour…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. R

    Dal basso della mia ignoranza lo ricordo sopratutto per la pubblicità del rosso antico. Aò, ognuno ha i suoi limiti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi