Nove italiani su dieci se ne fregano della Champions League

Fra Real Madrid-Roma in contemporanea con Valencia-Juventus, più tutto il resto, la serata di mercoledì ha costretto a grandissimi sforzi le nostre dita sui telecomandi: e già parlare di telecomandi (tivù più Sky più chiavetta Amazon) al plurale mette una tristezza… Comunque la percezione nostra e di quasi tutte le persone che conosciamo è che chiunque sul pianeta abbia un parere sull’esordio di Zaniolo o sull’espulsione di Cristiano Ronaldo. Vediamo allora i dati Auditel: Real-Roma in chiaro su Rai 1 ha fatto 4,2 milioni di telespettatori per il 17,65% di share, la stessa partita su Sky 460.000 telespettatori e l’1,9%, Valencia-Juventus solo su Sky 2 milioni di persone e l’8,5%.

Sorvolando sul discorso SkyGo (mercoledì sera ha funzionato malissimo) e sommando le frattaglie delle altre partite arriviamo a 6,3, massimo 6,4 milioni di telespettatori totali. Significa che la Champions League è stata seguita da circa un italiano su dieci, anche se non bisogna dimenticare che essendo le due italiane in contemporanea gli utenti non si potevano logicamente sommare. La sera prima gli orari di Inter-Tottenham e Stella Rossa-Napoli erano diversi, ma il circa 10% (6,6 l’Inter alle 18.55, 3,5 il Napoli alle 21) totale non può essere confrontato ai dati del mercoledì perché entrambe le partite erano criptate su Sky.

Bisogna poi ricordare che l’anno scorso la media delle partite date in chiaro sulle reti Mediaset (le altre erano su Premium) è stata del 23,6%, in calo di circa il 2% rispetto alla stagione precedente. Senza fare ragionamenti sui massimi sistemi, vuol dire siamo tutti un po’ assuefatti ai grandi nomi e alle grandi sfide per cui è logico che il botto lo si faccia con la partita dell’anno (Real-Juve, il ritorno, l’anno scorso al 39%) mentre le partite diventate quasi normali vanno sempre peggio. Tornando all’attualità e al nostro micromondo, troppo spesso ci ricordiamo che a nove (facciamo otto?) italiani su dieci non importi niente della Champions League. E meno male, per tutto il carrozzone di cui facciamo parte anche noi, che esiste il tifo contro.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
Nove italiani su dieci se ne fregano della Champions League, 10.0 out of 10 based on 6 ratings

50 commenti

  1. A

    direttore, però non confondiamo sfide ad eliminazione diretta (Juve-Real o Roma-Barça) con la prima partita del gironcino, eh… tra l’altro partite giocate da italiane in solitaria…

    poi si può discutere sull’assuefazione, che c’è e che i grandi padroni del vapore non riescono a capire (meglio il primo Dudelange-Milan in assoluto o il sesto Real-Barça dell’anno in stadi di plastica con pubblico di plastica giocato da attricette di plastica?), ma a quanto pare i ricavi danno loro ragione…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  2. z

    Io credo che il tifo contro ormai sia diventato più appagante e “motivante” del tifo per la propria squadra.
    Se ormai ci si offende per una telecronaca sopra le righe…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  3. U

    Secondo la gente non si e offesa
    E non era sopra le righe…era sguaiata in maniera vergognosa (vergognosa pee chi la stava facendo eh)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 10 votes)
    1. z

      Io ho letto tantissimi commenti del tipo “vergognosi”, “che vergogna” e simili, anche su questo forum. Che e’ l’unico social che frequento.
      La vergogna richiama l’offesa credo.

      Per fortuna poi c’è l’equilibrato e obiettivo sacchi che due giorni (quindi non certo a caldo) dopo parla di dominio inglese per 85 minuti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 4 votes)
  4. U

    Barca -real di plastica? In stadi di plastica?
    Boh

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 9 votes)
  5. A

    Ripropongo che fa sempre bene leggerla:
    Breve elogio della Coppa Anglo-Italiana (una lettera risentita)

    Lo dico subito, questo non è un post accurato, non ho fatto ricerche, non ho guardato su Wikipedia, non mi sono messo ad aspettare minuti 3:24 su YouTube per dire guardate al minuto 3:24, mi sono solo dato 11 minuti e 34 secondi, il tempo del Movement for Piano di Tyshawn Sorey, per scrivere una lettera risentita contro la così chiamata Champions League, il torneo d’èlite che si gioca in Europa, nella vecchia Europa, e che consiste fondamentalmente in una ripetizione eterna e con variazioni minime, neanche alla Goldberg, di giocate in velocità finalizzate da Cristiano Ronaldo, di esultanze risentite (ma verso chi, poi? Verso cosa? Che cazzo vuoi coglione? Non hai anche tu nostalgia di Funchal, della sua luce naturale, della sua vegetazione frondosa, quando ti svegli la mattina nella stanza minimalista, ferro e vetro, del tuo chalet di Puerta de Hierro, e accendi la luce con un battito di mani?) di Cristiano Ronaldo, high-lights di serpentine di Messi tra poveri difensori bulgari con la faccia di chi prende la metro B a Rebibbia e deve scendere a Eur Fermi per andare a prendere la corriera per il litorale, e pensare che c’è anche chi scrive di calcio su Internet e si lamenta che in questa competizione non ci siano solo Grandi Squadre, perchè quello che vogliamo sono solo le Grandi Partite, con i Grandi Giocatori, così che le Grandi Televisioni possano parlare dell’Avvenimento dell’Anno, ogni martedì c’è l’Avvenimento dell’Anno, e poi il mercoledì si ripete, passano due settimane e di nuovo c’è la Partita da Non Perdere, ed ecco il Bayern Monaco che frantuma squadre a cui può rubare il giocatore più forte pagandolo con i soldi che gli sono rimasti nelle tasche del cappotto dalla notte precedente, ed ecco l’Arsenal che c’è sempre anche se non ha mai vinto un cazzo, ed ecco il Paris Saint Germain ed ecco il Borussia Dortmund ed ecco le Squadre Inglesi e soprattutto ecco il grande Classico tra Real Madrid e Barcellona e mi domando che cazzo ci dobbiamo fare ancora con questo Classico di merda, con questa partita che abbiamo visto e rivisto un milione di volte, quante volte ce la riproporranno fino a farci vomitare, fino a farci strozzare con un osso di pollo di Busquets come lo Zio di Brooklyn, quante volte dovremo riascoltare quella musica gregoriana noiosissima, quante volte ancora?

    E pensare che in questo periodo dell’anno, sì, proprio in questo periodo, a cavallo tra l’autunno e l’inverno, tra l’umido e il freddo, si giocava il Torneo Anglo-Italiano, poi Coppa Anglo-Italiana, non ricordo chi la vinceva, ricordo a malapena chi la giocava, qualcuno mi aiuti, nei commenti, con i suoi ricordi, perchè io ricordo solo un gol di Montella in rovesciata con la maglia del Genoa, lo vidi alla televisione, ricordo un gol di Bierhoff quando giocava all’Ascoli, giocava all’Ascoli Bierhoff e dopo neanche due anni vinse l’Europeo, ma tutto era iniziato con quel gol che segnò in casa dei Tranmere Rovers, me lo ricordo quel gol, l’Ascoli vinse al Prenton Park e io lo vidi in televisione, era un gol di testa ed esultai con il dito all’insù, come esultava Bierhoff, perchè ero contento quando una squadra italiana di serie B vinceva contro una squadra inglese di serie B, ero un ragazzino ed ero contento, non c’era la televisione satellitare, c’erano quei sette o otto canali e io ero contento, Bierhoff segnava in casa del Tranmere Rovers e mi faceva sentire fiero di essere italiano, oggi invece vedo una partita di Champions League tra una squadra inglese e una italiana e non me ne frega niente di chi vince, anzi spesso spero che la squadra inglese vinca o comunque che quella italiana perda, tanto la partita è solo una lenta attesa verso gli high-lights del gol di Cristiano Ronaldo contro il Bate Borisov, con i difensori del Bate Borisov che neanche facendo una colletta tutti insieme potrebbero pagare la depilazione di Cristiano Ronaldo, neanche quella delle sopracciglia, e però quei soldi qualcuno li deve spendere perchè Cristiano Ronaldo deve segnare tre gol a partita e deve esultare sempre allo stesso modo, risentito, orgoglioso (ma di cosa? Di aver segnato all’Olympiakos? Al Rosenborg? All’Apoel Nicosia?), e mentre la mia testa si riempie delle immagini delle sue esultanze tutte uguali, dei suoi gol tutti uguali, sento che i ricordi della Coppa Anglo-Italiana sfilano via come parastinchi buttati per terra dopo la partita, come calzini gettati nella cesta che il magazziniere laverà con il detersivo del discount, come i capelli di Bierhoff che segnò quella sera contro il Tranmere Rovers con una spizzata rendendo immortale, almeno per me, spero non solo per me, una competizione di cui ho nostalgia perchè era una competizione in cui il Lecco poteva sfidare il Notts County e la Reggiana andava a perdere in casa dell’Ipswich e per tutti i tifosi di quelle squadre, in anni alto medioevali in cui l’Europa era ancora, soltanto, una lettera risentita scritta dal narratore di Frank Krauspenhaar in Le cose come stanno, scritta dallo stesso Franz Krauspenhaar che se non il più grande è tra i più grandi scrittori italiani moderni, perchè è uno scrittore da Coppa Anglo-Italiana e non da Champions League quello scrittore che il pomeriggio esce da solo a piedi e va al Billa a comprarsi una birra che poi si beve tornando verso casa, guardando la gente che torna a casa a Lambrate, a Rozzano, a non lo so neanche io dove, e non sta davanti al computer a retwittarsi i complimenti, e in quell’Europa in cui ancora non esisteva la Champions League c’era la Coppa Anglo-Italiana che era l’unico modo per tanti ragazzi di seguire la propria squadra all’estero, di sognare l’Europa, di illudersi di essere europei, di dare un po’ di glamour a vite del cazzo, a stagioni di merda, a squadre grigie destinate a scomparire per colpa di una fideiussione da cento milioni, era il sogno di andare a Lecce da Leeds e rubarsi le scarpe nei negozi di sport, andare a Birmingham da Ancona e provare il gusto di una curry house, e oggi ce l’hanno tolto questo piacere, questo sogno, questa illusione, l’unica cosa che si può fare a Lecce e a Leeds, a Birmingham e ad Ancona queste sere di autunno-inverno è accendere la televisione e aspettare che il Real Madrid asfalti una squadra di poveri disperati, che Cristiano Ronaldo posi davanti alla telecamera per farci vedere che è un grande (ciao grande), che la lattina di birra comprata al Billa finisca prima che diventi troppo calda.

    http://www.lacrimediborghetti.com/2014/11/breve-elogio-della-coppa-anglo-italiana.html

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 16 votes)
    1. C

      Tutto perfetto, dalle esultanze risentite al Torneo Anglo-Italiano metafora di un niente bellissimo.

      E a proposito di Anglo-Italiano…
      Correva l’anno 1995, giusto a metà della mia vita di abbonato del Perugia.
      Il 20 ottobre era annunciato l’esordio del nuovo centravanti, un Marco Negri in cerca del salto di qualità.
      La partita era Perugia-Birmingham City.
      Noi 300, loro 3000.
      Noi affogati in silenzio sotto la pioggia battente, loro a torso nudo cantando per novanta minuti.
      Alla fine della gara, sfruttando l’assenza pressoché totale di polizia, loro cercano il confronto diretto e assaltano i pochi perugini rimasti a chiacchierare fuori dai cancelli dello stadio.
      Attimi di panico.
      Ricordo due inglesi avanzare tipo carrarmato con un cartello del divieto di sosta e relativo palo divelto.
      Duelli old school a colpo di cintura.
      Alcuni fuggono dentro l’adiacente Luna Park (a Perugia, “i Baracconi”), altri trovano riparo dentro gli spogliatoi, aperti da qualche inserviente che aveva intuito la possibile tragedia.
      Arriva la polizia e ferma la carica degli inglesi.

      Mentre noi in un piovoso e anonimo mercoledì di ottobre volevamo capire come si muoveva questo Marco Negri, in realtà abbiamo visto com’era fatto un hooligan.
      Non ricordo il punteggio della partita.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +12 (from 14 votes)
  6. f

    Sottoscrivo quanto detto da Andrea, a parte il punto sugli stadi di plastica… Il Bernabeu? Stadio di plastica?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
    1. A

      be’, il bernabeu è storico ma sicuramente imborghesito, pieno di tifosi ormai assuefatti alle vittorie che se vinci con meno di 4 gol di scarto ti fanno magari la panolada di protesta

      O come il Camp Nou che martedì inquadravano solo giapponesi e altri tifosi che fino a 10 anni fa manco sapevano chi era il Barcellona… o la Nespresso League, giocata in campi storici perfettissimi e carichi di gloria, ma dov’è il fascino dei vecchi tifosi inglesi che puzzavano di cipolla fritta e birra?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +4 (from 6 votes)
  7. C

    È tutta plastica.

    Lo sappiamo anche noi tossici, anzi, noi lo sappiamo meglio degli altri perché abbiamo assaggiato la roba buona.

    O forse era buona proprio perché non eravamo ancora tossici?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 10 votes)
    1. A

      noi abbiamo assaggiato la roba, se non proprio buona, per lo meno “naturale” senza quei pesticidiacci che oggi ci avvelenano.

      -Il centravanti inglese proveniente dalla working class con problemi di alcool e sovrappeso che segnava sempre di testa su lancio lungo;
      -le squadre spagnole che arrivavano in area e tornavano indietro perchè per loro tirare in porta era superfluo;
      -i difensori rocciosi italiani implacabili nella marcatura ad uomo;
      -le bandiere, cazzo, quanto mancano le bandiere, quelle squadre che sfogli oggi gli album panini d’epoca e sembravano sempre uguali per 10 anni, quando oggi già a gennaio lo puoi buttare nel cesso perchè non è rimasto nessuno!
      -i gradoni degli stadi ghiacciati in inverno e bollenti in estate, quando oggi se al S. Paolo mancano i seggiolini lo stadio non è a norma…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 9 votes)
  8. t

    Tifosi….
    Sugli spalti del Bernabeu è pieno di turisti, curiosi o gente che solo passa di lì perché fa figo esserci.
    Con le dovute proporzioni, come avviene in Usa al garden o allo staples center.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  9. U

    Zinzan
    Boh
    Io non mi sono sentito offeso eppure secondo me a sky dovrebbero vergognarsi per quei 3-4 minuti in cui quei 2 hanno fatto i matti

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
    1. z

      La follia e’ follia, dura pochi minuti.
      I giorni e giorni interi in cui i “””giornalisti””” parlano con serietà ahahah e obbihihihiettivitá del niente, tipo per esempio ( e mi dispiace che riguardi la Juve) del rigore di Madrid, sostenendo l’assurda tesi che non ci fosse? Qualcuno che non fosse gobbo indiscretino ha detto che il buffone doveva vergognarsi dei suoi deliri post match? Secondo me è più grave questo continuo insulto all’intelligenza del canottierato del sillabare sconnesso di adani. Magari fossero stati sinceri, e’ stata una posa anche quella, fidati.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +12 (from 16 votes)
      1. t

        + uno

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -2 (from 2 votes)
  10. B

    Spalletti ha espresso chiaramente il pensiero di tutti gli interisti a riguardo.
    Per il resto il calcio per me può pure chiudere, mi sembra in piena bolla.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  11. Il mondo si è ribaltato completamente negli ultimi 20 anni però sarà il contesto dove cresceranno i bambini di oggi per i quali vedere 7 clasicos sarà la libidine più grande possibile. Vedere nei cortili bambini di 7, 8 anni che indossano magliette di Barca è Real fa intuire che come sempre i padroni del vapore ci hanno preso. L’epica stracciona dell’Ascoli che va a giocare in Inghilterra è stata sostituita dall’epica glamour del fenomeno che segna 600 gol all’anno. Nel 2045 “Lacrime di Spritz” ricorderà con nostalgia i mille mila gol fantastici di CR7 biasimando il nuovo calcio giocato da robot umanoidi che corrono a 100 all’ora per tutti i 90 minuti senza nemmeno sudare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 10 votes)
    1. F

      ti sei scordato di sottolineare che nel 2045 gli umanoidi che non sudano saranno teleguidati dal nipote di allegri che sarà maledetto dal nipote di un gobbo 🙂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 5 votes)
  12. U

    Zinzan
    Boh..Non capisco
    A me pare che giustamente in tutti e due i casi ci sia stata gente che ha parlato di vergogna
    Pero magari sbaglio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  13. z

    Si, mettendo i due episodi sullo stesso piano. E secondo me non lo sono.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  14. U

    Zinzan
    Quale piano?
    Francamente non riesco a capire il punto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. U

    Cioe..i giornalisti sono leccaculo con la juve?
    Si

    I giornalisti leccano meno il culo all’inter rispetto alla juve?
    Si

    I giornalisti leccano il culo all’inter?
    Si anche se meno rispetto alla juve,ma fanno ridere pure con l’inter

    L’altra sera Adani e quell’altro sono stati vergognosi?
    Si

    Francamente non capisco perche una cosa debba escludere l’altra,anche solo in parte.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  16. t

    Gobbo secondo me fai finta di non capire…
    Adani era sicuramente sopra le righe, può essere risultato fastidioso (ai non interisti), ma le cose ‘vergognose’ , come dice zinzan, sono altre

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  17. U

    Zinzan
    No. Non capisco perche una e vergognosa e una no.
    Sono 2 piani diversi?
    Si
    Sono vergognose tutte e due?
    Si.

    Se un interista non ha trovato vergognosa la buffonata di adani e l’altro e un problema suo
    Cosi come se un gobbo non ha trovato vergognoso l’atteggiamento della giuve dopo madrid.

    E dall’altra sera che la menate con la storia del “dite cosi perche c’era l’inter”.
    Ma veramente non avete capito che non c’entra l’inter?
    Mi sembra grave se non avete capito che non c’entra

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. z

      “Zinzan
      No. Non capisco perche una e vergognosa e una no.
      Sono 2 piani diversi?
      Si
      Sono vergognose tutte e due?
      Si.”

      No. Secondo me non sono sullo stesso piano, perchè in un caso si tratta di una esultanza sguaiata e fuoriluogo della durata totale di 4 minuti (non lo so, io non ho seguito la telecronaca, ho visto i filmati il giorno dopo) che sarebbe morta così alle 21 di martedì, se nei giorni successivi non avesse scatenato tutto il putiferio sui social e dentro tutte le redazioni sportive di giornali e televisioni.
      Le stesse redazioni sportive che invece pianificano e producono a freddo trasmissioni in cui vogliono convincerci che Cristo è morto di freddo e che i deliri dei buffoni sono accettabili. Nel primo caso al massimo si può offendere il tifoso DEL TOTTENHAM. Nel secondo si insulta l’intelligenza del telespettatore, e se al telespettatore piace sono cazzi suoi (a giudicare dal numero di abbonati a merdaset premium dell’anno scorso direi di no, non ci sono più i canottierati di una volta).
      Sono invece sullo stesso piano per la falsità/plasticosità e la “non genuinità”di fondo, qui sono d’accordo con te. Trevisani non lo conosco, non essendo un abbonato sky, ma Adani si sta costruendo un personaggio, con le sue giacche a quadri, il linguaggio finto tecnico da demente, i capelli lunghi e la barba da intellettualoide bel tenebroso, gli mancano solo gli occhiali dalla montatura tonda, e magari una bella pipa.

      “Cosi come se un gobbo non ha trovato vergognoso l’atteggiamento della giuve dopo madrid.”

      lo non ho trovato vergognoso l’atteggiamento della juve, perché non mi ha stupito, conoscendo i personaggi in questione, la loro malafede, i loro slogan il loro sfacciato rinfacciare agli avversari comportamenti propri. Vergognosi sono i Cesari che si inventano teorie comiche e i Sabatini che invece di zittire chi si copre di ridicolo in eurovisione li fanno parlare e gli danno pure ragione, o i Sacchi, che per sostenere la solita tesi che tutti recitiamo a memoria da venti anni (il calcio l’ho inventato io, brutti cavernicoli del cazzo) racconta una partita che non è esistita.
      Puoi aggiungere tutti gli esempi che ti vengono in mente in cui si fa la stessa cosa con l’inter, perchè è vero che non si lecca il culo solo alla juve e agli juvetini.

      “Ma veramente non avete capito che non c’entra l’inter?
      Mi sembra grave se non avete capito che non c’entra”

      C’entra eccome invece, perchè a lamentarsi e a parlare di VERGOGNA sono stati I TIFOSI DELLA JUVE E DEL MILAN, “professionisti” o semplici tossici come noi. Benissimo ha fatto Spalletti a percularli chiamandoli tifosi del tottenham.
      Spalletti che stasera mi dicono, io non ho ancora visto immagini, essere stato espulso per eccesso di esultanza, dopo un’altra vittoria a tempo scaduto e due gol annullati.

      Se non sei d’accordo me ne farò una ragione, e tu altrettanto. Del resto se parliamo di vergogna e di offese parliamo di emotività, cioè di qualcosa che è irrazionale, quindi non spiegabile con argomentazioni logiche. Con immutata stima.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 4 votes)
  18. R

    Nessun fastidio, da Realista con 13 (tredici) champions nel carniere semmai l’ho trovato comico.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -6 (from 8 votes)
    1. t

      Esatto, comico.
      Ancora adesso non riesco a smettere di ridere. 😂

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  19. f

    Mi sento di stare dalla parte di UnGobbo: alla fine gira e rigira si tratta sempre di atteggiamento leccaculista nei confronti della strisciata di turno per “imbonire” il tifoso in canotta macchiata di sugo (mi ci metto pure io eh…). Possono esserci diverse sfumature ma l’una non esclude l’altra anzi sono due facce della stessa medaglia…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. t

      Francesco, nessuno mette in dubbio che vogliano imbonire il cliente (probabilmente l’esultanza non era manco genuina).
      Ma vergogna addirittura?? Eddai su…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 2 votes)
  20. U

    Matrix
    Tu cosa diresti di 2 che si mettono a sbraitare come fossero ubriachi,gridando parole senza senso ,vaneggiando di garra charrua e del cuore uruguagio che batte piu forte bla bla bla?
    O che senza quasi piu voce invitano uno a farsi ammonire per perdere tempo?

    Boh…ripeto..non e grave,non ci hanno rubato soldi e ci hanno fatto ridere…ma se vedo uno per strada fare una roba del genere penso..”che vergogna”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. t

      Direi che sono ridicoli, comici…
      Non ho trovato molta differenza rispetto a un Piccinini o a un Caressa per dire.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 5 votes)
  21. R

    Secondo me invece era spontanea, a pianificarla a tavolino mica ti viene fuori una roba simile.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
    1. M

      Il problema è che la spontaneità non è un’attenuante o una cosa che è una sanatoria . Peggio ancora perché significa che ti hanno dato mandato di dire ciò che ti pare. Esempio di stile per dire fu Piccinini quando il Milan fece il 3-2 contro Ajax al 94′ nei quarti 2003. Con un saldo Serena che mantenne un aplomb encomiabile .

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +2 (from 4 votes)
    2. t

      Aldo, per me erano alticci 😀
      Me lo vedo Adani che commenta con di fronte un bicchierone di Fernet-Cola

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  22. M

    Vabbè basti pensare che Sky in tutte le sintesi dei gol ha tagliato la duplice immonda ragliata. Bó, provato imbarazzo per loro. Probabilmente in tribuna stampa a San Siro servono degli ottimi bianchetti.

    In merito al barbuto oramai gli manca solo la bottiglia di whiskey di fronte ed il sigaro tipo Hemingway. Talmente macchiettistico che l’altro giorno mentre gli chiedevano della vittoria del Trnava contro l’Anderlecht tutti dicevano due frasette (giustamente) e lui non poteva non uscirne con un aforisma sulle emozioni che non si programmano ma si vivono etc etc. Al che Anna Billó ha detto “eh vabbè e su questa possiamo anche chiudere”. E che cazzo, se ti chiedo un etto di salame non è che mi devi dare un blocco con un non-finito michelangiolesco.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  23. R

    Gli è stata fatale la frequentazione con Buffa durante i mondiali brasiliani. Ormai è perso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  24. A

    >>>Vedere nei cortili bambini di 7, 8 anni che indossano magliette di Barca è Real fa intuire che come sempre i padroni del vapore ci hanno preso. L’epica stracciona dell’Ascoli che va a giocare in Inghilterra è stata sostituita dall’epica glamour del fenomeno che segna 600 gol all’anno.

    bah… cosa c’è di divertente nel vedere ormai ogni anno le stesse squadre (formate con il 90% dei campioni in circolazione ma senza agganci alle varie squadre: il Barça o il City a maglie invertite non le riconoscerebbe nessuno…) giocarsi la champions poi me lo devono spiegare… è di una noia mortale, un eterno ripetersi delle stesse cose che rischiano sul lungo periodo di saturare il mercato.
    e comunque è qualcosa che è già successo: a partire dagli anni ’70 si è spinto per formare delle elite nazionali, 30 anni dopo abbiamo le elite continentali facendo terra bruciata delle realtà locali

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
    1. Andrea, non ho scritto che sia divertente ho scritto che è il mondo del calcio che stanno apparecchiando e nel quale cresceranno i ragazzini che già oggi nei cortili di Milano vanno in giro vestiti in blaugrana o merengue. A loro piacerà, sarà il mondo nel quale sono cresciuti e gli parrà il migliore possibile. Noi siam cresciuti in quello degli anni 80-90 durante il quale probabilmente era pieno 40-50 enni che rimpiangevano l’autarchia degli anni ’70

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
      1. A

        ai bambini piace perchè è l’unico calcio che è stato propinato loro, quello dei fighetti di plastica che cambiano maglia ogni 6 mesi.

        Però è anche vero che c’è una sempre maggiore voglia di novità, altrimenti il mondo non avrebbe accolto con così grande gioia la favola Leicester

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  25. M

    Terzo Blu Inter Milan.
    75 euro
    Secondo Arancio
    195 euro

    https://www.inter.it/it/biglietteria

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. almeno su questo le due società sono d’accordo. Però fino a che riempono lo stadio nonostante quei prezzi, hanno ragione loro

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  26. D

    non mi sono offeso, ho detto che quei due pagliacci sono stati imbarazzanti e che mi sono vergognato per loro. Perché quella non è esultanza folle dettata dall’adrenalina ma un coacervo di cazzate sparate per “fare il di più” come si dice a Milano. Mi sono immaginato il direttore di produzione che entra in cabina come la bidella in classe mentre la prof è scesa un attimo in segreteria e becca gli scolari che si tirano dietro i libri: “oh, ragazzi! Ma siete impazziti?!…” Dai, quella roba la facciamo noi all’Aperitivo Indiscreto quando ci troviamo a veder le partite solo per il gusto di trollare indipendentemente da chi gioca, ma da due telecronisti non mi aspetto quello sbraco! Il prossimo giro mi aspetto un “suca, zozzone di merda!” di questo passo…
    E per quanto riguarda i commenti post Real-Juve l’abbiamo scritto eccome che dovevano vergognarsi, soprattutto riguardo lo studio Mediaset zerbinato di fronte a Agnelli, Marotta e Buffon! Forse non ricordi, vai a rileggerti i commenti…
    Sono due situazioni diverse, due vergogne diverse, ma una non monda l’altra…
    Ha ragione Gobbo, l’Inter non c’entra. Se a lamentarsi due due pagliacci sono stati solo i tifosi delle altre squadre è solo Perchè i sedicenti diversi interisti si sono dimostrati una volta di più uguali a tutti gli altri, facendo capire che vorrebbero sempre telecronache così ma solo per la propria squadra.
    Io su FB per aver definito ridicolo Adani mi son preso del gobbo di merda da due interisti.
    Per dire…

    Ps: io me lo ricordo il gol in rovesciata di Montella, pazzesco. Era la prima volta che vedevo giocare questo di cui i miei compagni genoani mi parlavano tanto e rimasi flashato…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 8 votes)
  27. E

    Visto che ne avete parlato tanto, ho voluto finalmente vedere (e soprattutto ascoltare) i famigerati cinque minuti finali di Inter Tottenham. Faccio molta fatica a trovare giustificazioni per i due “telecronisti”. Io credo che per i tifosi interisti sia stata una delle più grandi umiliazioni della storia recente. Se un mio studente che in latino per anni ha sempre preso tre e quattro si mettesse a correre di gioia per tutto il liceo per il suo primo cinque e mezzo, urlando frasi tipo “Castiglioni e Mariotti, non siete nessuno!” ecco, quello studente sarebbe più giustificato del fantastico duo sky. Dio mio, un primo turno di girone di qualificazione. I tifosi interisti dovrebbero essere i primi a sentirsi offesi. P.S. il caso Cesari/rigore CR7 dello scorso anno è su un altro piano di gravità, concordo. Là c’era il servilismo, la malafede e la distorsione della realtà per fini non solo televisivi, qui (in Adani) trovo solo infantilismo bimbominkiesco e vanagloria da ubriachi, per nulla riscattati dai presunti riferimenti “colti” che ormai sono diventati stucchevoli luoghi comuni.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
    1. A

      peggio ancora, perché lo studente almeno fa il cinema perché se lo è preso lui il 5,5, non il compagno di banco o quello che sta nell’altra classe
      Adani non è interista, [quando Mancini gli chiese di fare il suo secondo rispose no perché aveva judo (cit.)], lui e quell’altro sono molto più personaggi televisivi che non esperti di calcio, sono molto più simili a un Pompilio che non all’allenatore che va nelle trasmissioni perché momentaneamente disoccupato, bisogna capire che sono proprio 2 mestieri diversi
      gli esperti di calcio inglese si ricorderanno di Gary Neville, unanimemente considerato il pundit più preparato eccetera, quando fece l’allenatore del Valencia per 2-3 mesi ne risultò una pantomima che manco De Boer all’Inter

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  28. U

    Dane
    Beh..c’e gente come banshee che si e lamentata del commento di longhi nella finale del 2010 ,finale trasmessa da Rai e sky e premium
    Longhi che l’anno dopo esulto come un matto per il gol del 2-3 di pandev a monaco

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  29. U

    https://youtu.be/u2r_uAgw9T4

    Faccio fatica a pensare che 9 mesi prima abbia fatto una telecronaca funerea per una partita leggermente piu importante

    Brutta roba la sindrome di accerchiamento

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  30. r

    Interisti (generalizzo) in erezione permanente da martedì sera (mi congratulo eh.. 🙂 )… va a finire che, ai tempi, chi aveva pensato di fare la videocassetta conoscesse bene i suoi polli 😛

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  31. z

    E per quanto riguarda i commenti post Real-Juve l’abbiamo scritto eccome che dovevano vergognarsi, soprattutto riguardo lo studio Mediaset zerbinato di fronte a Agnelli, Marotta e Buffon! Forse non ricordi, vai a rileggerti i commenti…

    E io quando ho detto che qui non e’ stato giustamente sottolineato? Ho detto, e la professoressa ha capito, che due imbecilli che urlano come due imbecilli e’ diverso dallo zerbinaggio spinto praticato per giorni. Per me sky può licenziare franco e Ciccio anche adesso, sostituirli con oppini e moggi, e metterli fissi sulle partite dell’Inter. Tanto continuerò a non abbonarmi a niente.
    E a me di essere diverso dai gobbi e dai cacciavit freguntubo, ognuno e’ tifoso a modo suo, i sedicenti interisti che frequenti tu rispondono per se stessi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
    1. D

      E chi se ne frega se sono diversi (già detto), un episodio non ne monda un altro.
      Quindi abbiamo diritto a perculare i due pagliacci esattamente come abbiamo fatto per i due zerbini.
      Ogni episodio è a sè, sta settimana c’è stato questo e parliamo di questo per i motivi spiegati qua sotto da Tiziamal.
      La coda di paglia è tutta interista ma l’atteggiamento da “maestra, eh ma allora lui?!” è irricevibile…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -2 (from 2 votes)
  32. t

    Ormai da un bel po, purtroppo, si é superato un argine.
    In telecronaca si fa a gara chi “ce l ha piu lungo” per essere e diventare piu personaggi ed avere piu “fans”, spalleggiati in questo poi anche da robe che si spacciano per un approccio “pseudointelletuale” come ultimo uomo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi