Porti aperti o chiusi?

La vicenda dell’Aquarius ha trasformato tutti noi del bar, in grado al massimo di gonfiare un canotto, in esperti di diritto della navigazione e diritto internazionale. Comunque vada a finire (mentre stiamo scrivendo queste righe pare che che la nave possa approdare in Spagna), gli effetti politici sono già evidenti: buone notizie per centrodestra e centrosinistra, che si possono definire meglio intorno alle proprie premesse ideologiche e ai propri valori, cattive per i Cinque Stelle che devono fare i conti con la realtà e cioè che non tutto il mondo può essere normato da un programma o da un contratto, le singole situazioni sono sempre filtrate dalla propria ideologia e il carisma di un leader maschera i problemi solo nel breve. Quale sarebbe la percentuale ‘giusta’ di immigrati in proporzione agli italiani per così dire veri? Non c’è una risposta tecnica, nemmeno trincerandosi dietro alla sostenibilità del welfare. Ma anche i vari ‘È tutta colpa dell’Europa che ci lascia soli’ di destra e sinistra suonano ipocriti, come se avessimo bisogno di qualcuno che ci dica cosa pensare e non avessimo già dentro di noi la risposta. Per questo siamo orgogliosi di proporre un ‘Di qua o di là’ dichiaratamente ideologico e politico, che se fossimo intelligenti baseremmo sulla dicotomia società aperta/società chiusa, come se il problema fossero gli spostamenti di studenti Erasmus e di qualche manager, ma che più concretamente applichiamo all’attualità. Porti aperti, per accogliere chiunque genericamente stia male, o porti chiusi respingendo chiunque senza fare differenze? Porti aperti o chiusi? In altre parole, preferiamo gestire psicologicamente il rischio di essere invasi o quello di vedere persone morire?

Porti aperti o chiusi?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Porti aperti o chiusi?, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

38 commenti

  1. C

    Porti chiusi, perché la gestione dei migranti fatta come oggi è solo un business, peraltro molto ipocrita.

    Di tutto il resto se ne può parlare.
    A me piace ascoltare solo chi si sporca le mani in qualche modo, però, vivendo anche le periferie oppure viaggiando e lavorando in certi paesi.

    Le statistiche con quattro freddi numerini proposte da qualche illuminato analista che in Italia manco ci abita e che le tasse le paga a New York, o se ci abita al massimo fa la spola fra Saxa Rubra e Via Cortina d’Ampezzo, beh, di quelle non so che farmene.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +11 (from 25 votes)
  2. e

    Il grande guaio, secondo me, è che esistono due “fazioni” diametralmente opposte

    La prima vuole “porti kiusi aiutiamoli a kasa loro ma se a casa non ci arrivano pazienza”. La seconda vuole accoglienza a oltranza, perikolo fassismo, bellaciao, refiugis uelcom, forza meticciato

    Di queste, NESSUNA (e sottolineo NESSUNA) prova ad analizzare il problema in modo serio, capendo le infinite peculiarità di questo fenomeno. Che, se gestito nel modo giusto, portrebbe a un equilibrio accettabile tra accoglienza e contributo da parte dei migranti, sia quantitativamente che qualitativamente.

    Invece ci piace giocare a guelfi e ghibellini, a vedere disperati bighellonare nelle nostre città (quando va bene) senza cavarne un ragno dal buco.

    auguri

    ps: vorrei chiedere un parere a Fico della vicenda… Nogarin il parere lo avrebbe già dato ma sfiga vuole che il post sia stato cancellato da un algoritmo di Collesalvetti Analytica

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +22 (from 28 votes)
    1. La realtà è di sicuro come dici tu, complessa (il gigantesco non detto è secondo me che ci sono culture impossibili da integrare in Occidente, mentre il 90% di chi è semplicemente povero alla fine ce la fa: bisogna insomma distinguere, in una sorta di razzismo nell’antirazzismo) e non aderente al Di qua o di là, ma il segnale politico è invece del genere ON/OFF. È chiaro che l’Italia non farà mai morire nessuno con premeditazione, ma già fare la faccia cattiva ogni tanto è un segnale

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +11 (from 19 votes)
  3. Una risposta asciutta: porti aperti ma controllati. Pero’…..

    Come ogni “invenzione” sociale di buone intenzioni (sindacati, welfare system etc.), il problema dei “porti aperti” e’ l’abuso che si e’ fatto negli ultimi 10 anni. Il che porta anche persone di buon senso e accoglienti a votare per i porti chiusi. L’ho detto molte volte qui dentro: no, quello italiano non e’ un popolo razzista ed egoista. Italia ha la sfortuna di essere esposta al mare come nessun altro in Europa e di essere stato il più vicino geograficamente, prima all'”invasione” degli albanesi negli anni novanta, e adesso quelle dal Nord Africa. I “porti aperti” nei novanta hanno consentito a piu i 200,000 albanesi di uscire da una vita di merda e costruire un futuro per i loro figli. Figli che oggi si sentono mille per cento italiani. I “porti chiusi” nel 1997 hanno portato all tragedia del ‘Katri i Rades”, con una sezione del cimitero di Valona con circa 100 tombe senza cadaveri dentro. Ogni volta che visito mio padre al cimitero, penso che io avrei potuto fare la stessa sorte se, quando nel ’92, quando da clandestino imbarcai un traghetto da Corfù a Brindisi, nascosto dentro un FIAT Ducato, quel traghetto fosse finito in fondo al mare. Nessuno avrebbe butato un salva vita ad uno che stava nascosto giù con le macchine.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +28 (from 34 votes)
  4. l

    Ecco tani ha sintetizzato il perché su certe questioni preferisco domandare ai diretti interessati.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  5. t

    Io credo che la solidarieta’ e l’umana compassione siano una cosa, la politica un’altra, visto che una nazione non e’ la Croce Rossa.
    Per fortuna la legge non la fanno i diretti interessati, altrimenti chi uccide avrebbe quasi sempre la pena di morte, chi ruba avrebbe le braccia tagliate, ecc.

    Adesso hanno scoperto che pure la spagna e la francia hanno dei porti, pensa un po’.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 24 votes)
    1. j

      Ah c’è il mare in Spagna?! Incredibile…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +11 (from 17 votes)
  6. A

    Da quel poco che ho capito in base a quanto previsto a livello internazionale l’Italia aveva tutto il diritto di rifiutare i porti, e poteva farlo anche in passato in altre occasioni… in quanto trattasi di recupero (e recuperi) non compiuto in acque da lei controllate direttamente e di coordinamento compiuto da Roma sì ma a livello di Unione Europea e non come singolo stato nazionale. Qualcuno di più esperto può chiarire meglio la faccenda?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  7. il grande Tani come sempre ha ottimizzato la risposta.
    una piccola parte li possiamo anche prendere, ma quando arriva una massa di persone, che volutamente non controlli, poi finisce male e la gente poi si chiude a riccio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 13 votes)
  8. M

    Porti aperti e case chiuse .

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +15 (from 23 votes)
  9. A

    “Volete voi che arrivino migranti nel territorio di Laurenzana?”
    Qualche mese fa il sindaco di Laurenzana (piccolo paese di collina/montagna in provincia di Potenza) ha indetto un referendum consultivo sulla possibilità di accogliere dei migranti nella comunità. http://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/01/15/news/laurenzana_comune_potentino_con_u_nreferendum_dice_no_ai_migranti-186533063/
    Vittoria schiacchiato dei no, ma affluenza scarsa.
    Il fatto è che parliamo di un piccolo paesino, solo 1700 anime censite (in realtà sono meno) per lo più anziane, con un calo demografico terrorizzante è un territorio ormai abbandonato a se stesso.
    Sicuri che affidare ad alcuni richiedenti asilo della terra da curare e coltivare non sarebbe stato meglio per l’economia locale e la stessa tutela del territorio di cui ci si riempie la bocca nei programmi politici?
    È una sostituzione etnica forzosa? Probabilmente, ma cosa resterà di questi paesi, e del loro territorio, tra pochi anni?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  10. ideologicamente porti aperti. Il prìoblema, al solito è che dietro ai poìrti aperti c’è una poìlitica dell’ìmmigrazione ridicola che quindi ovviamente porta il cittadino medio a dire porti chiusi.
    Ieri sera sono riuscito a vedere 10 minuti di porta a porta ed è incredibile come della gente a bordo dell’aquarius non gliene fotteva niente a nessuno era solo uno sbandierare slogan: “noi siamo buoni voi siete cattivi” “noi pensiamo al bene degli italiani e lottiamo contro il traffico di esseri umani”. E poi numeri coi quali si poteva sostenere tutto e il suo contrario. Probabilmente il dibattito si è alzato di livello dopo ìcìhe ho spento.
    Una piccola curiosità, ho sempre sentito parlare dei numeri della gente entrata ma possible che rimangano tutti in Italia? Qualcuno sa se esistano numeri su quelli che dopo lo sbarco se ne sono andati in un altro posto?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
    1. j

      Ieri la Boldrini ha sparato 600.000 irregolari sul territorio. Ora è una pazza fuoriosa o stiamo parlando della sesta-settima città italiana che vaga sul territorio nazionale. Essendo irregolari presumo che siano stime e che quindi ci sia una parte che riesce a passare il confine senza documenti ma non credo sia oltre il 10%. Toh tra sconfinamenti e documentazione falsa su altro nome scartiamo 100.000 individui. Gli altri 500.000 sono sparsi qua e la.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 3 votes)
      1. j

        Percettivamente parliamo di 1000 persone in 500 comuni. Poi dici perche la gente vota Lega, in 500 comuni si potrebbero vedere 1000 individui di origine straniera che vivono di espedienti.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: -1 (from 3 votes)
  11. U

    Paperogha
    Ideologicamente porti chiusi.
    Una seria politica di immigrazione poi ovviamente apre i porti quando e necessario farlo.

    La gente che entra ovviamente non resta tutta in italia ed e proprio per questo che il business dell’accoglienza ha bisogno di gente per mantenere o incrementare il giro di affari.
    E sui grandi numeri che si fanno i guadagni : dar da mangiare a 1000 persone costa piu o meno come dar da mangiare a 1200.
    Quindi le uscite sono piu o meno le stesse,ma le entrate crescono proporzionalmente

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  12. U

    E piu bastardo salvini che rifiuta l’attracco a 600 persone non in pericolo immediato di vita o la boldrini che scientemente ha accettato 600mila clandestini irregolari che sapeva gia di non poter rimpatriare?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 15 votes)
    1. j

      Fosse il rimpatrio il problema almeno sarebbero coscienti di dover gestire 600.000 persone da piazzare. Invece parlano ancora di falso allarme.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: -1 (from 3 votes)
  13. solo una pìrecisazione: 600mla è il numero fatto da berlusconi e Salvini in campagna elettorale non vorrei che la Boldrini si riferisca a quel numero intendendo che non li può rimpatriare perché è un numero gonfiato

    http://www.repubblica.it/politica/2018/02/04/news/berlusconi_migranti_bomba_sociale-188039528/

    Detto che comunque le stime meno di paìrte paìrlano di quasi 500mila irregolari, quindi nella sostanza non una grande differenza

    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-02-05/migranti-54-milioni-residenti-e-500mila-irregolari-detenuto-tre-e-straniero-150359.shtml?uuid=AEQYWfuD&refresh_ce=1

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  14. U

    Paperogha
    fossero anche 100 mila cosa cambierebbe?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  15. be’ , fossero stati 100mila il problema sarebbe stato sei volte meno grave di quanto propagandato in campagna elettorale, non una differenza da poco

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  16. U

    Paperogha
    ma il problema è la campagna elettorale di salvini o la gestione di queste persone?

    Salvini ha sparato grosso in campagna elettorale? boh si..forse

    i governi precedenti hanno lasciato che entrassero persone irregolari ben sapendo che non avrebbero potuto più rimpatriarle?Si

    quindi,chi è più bastardo?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  17. Gobbo, partivo dal presupposto che la Boldrini volesse in realtà sputtanare Salvini senza rendersi conto che i numeri sono decisamente più vicini alla realtà descritta da lui che a quella che lei vorrebbe raccontare. Quindi la Boldrini l’ha fatta fuori dal vaso. Questo era il mio punto, senza entrare nel merito del problema ma rimanendo a livello comunicativo.
    Detto questo, sicuramente il problema è la gestione di queste persone ma mi pare logico che 100mila persone sono un problema mentre 600mila sono un problema sei volte più grande e quindi gestibile con molta più difficoltà. Magari per le capacità italiane sono un’emergenza gravissima anche 100mila persone (onestamente non sono in grado afermarlo con certezza) di sicuro lo sono 600mila.
    Tagliando con l’accetta: l’ordine pubblico allo Zini è certamente un problema ma è più facilmente gestibile rispetto all’ordine pubblico a San Siro. Poi magari allo ZIni fanno più fatica che a San Siro perchè gli addetti all’ordine pubblico sono due vigili urbani che durante la settimana fanno le multe in centro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  18. Diciamo che sulla bastardaggine si può discutere. Chi li ha fatti entrare probabilmente lo ha fatto strumentalmente perché non mettendo in piedi una seria politica sull’immigrazione (da condividere con l’UE, su questo sono d’accordo con Salvini) non gli ha fornito una vera possibilità di farsi una vita migliore ma li ha semplicemente buttati lì usandoli come carne da cannone politica.
    Io mi auguro che Salvini vada doma a Bruxelles a dire :sapete che c’è amici miei? Noi ci prendiamo carico dell’emergenza però,dato che ci avete lasciato completamente soli, dalle quote che paghiamo annualmente all’UE ci tratteniamo tutte le spese necessarie per la crazione e gestione di moderni centri che valutino in tempi rapidi le posizioni di chi è stato tirato su dal mare e per i rimpatrii conseguenti. E anzi ci teniamo anche un 10% per il disturbo che vi abbiamo evitato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. j

      Non sarebbe malaccio come idea anche se l’impatto sociale di questa immigrazione (su base europea non solo italiana) è letteralmente incalcolabile.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
      1. Jer, ma non è che tutti devono restare chi ha i titoli resta, chi non li ha, lo si rimpatria. Si tratta di rendere efficiente il meccanismo della valutaizone delle posizioni e dei rimpatrii.
        Confesso la mia ignoranza: come si può immigrare in Europa regolarmente oggi? La Bossi-Fini mi pare preveda un passaggio nei consolati taliani dei paesi di provenienza ma onestamente non ricordo se stabilisca quote e quali siano i titoli necessari per poter immigrare in italia in maniera regolare.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 3 votes)
        1. j

          In Europa (piu o meno le regole sono uguali ovunque) si puo immigrare per: rincongiungimento familiare, lavoro e studio, in linea generale
          Se vuoi venire in Europa devi avere un contratto di lavoro o una proposta di lavoro (c’è tutto un iter particolare perche devi dimostrare che quel lavoro non lo puo fare un cittadino comunitario, in Belgio per dire c’è proprio una richiesta da fare la ministero). Presumo che chi riesce ad entrare poi sa che troverà un sotterfugio per trovare lavoro regolare o sposare qualcuno o farsi ammettere in qualche scuola.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +2 (from 2 votes)
  19. M

    Nel piccolo paese da cui provengo e nel quale ogni tanto torno abbiamo avuto per cinque anni 60 immigrati che si sono aggiunti ad una popolazione locale di circa 490 persone. La proporzione immigrati per abitante era leggermente fuori controllo.
    Però si comportavano bene, tolto il fatto che praticamente le poche strutture sportive che c’erano erano sempre occupate da loro
    e che sembrava di stare per le strade di Dakar. Gli altri paesi non li volevano e quindi li hanno riversati tutti su di noi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. C

      Almeno avete vinto il campionato di calcio o quello di basket?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 7 votes)
      1. M

        Calvin domanda più che mai centrata perchè dopo anni ed anni siamo riusciti grazie a loro a rifare la squadra
        di calcio in torneo amatoriale. Ecco, cose difficili da fare ne esistono nella vita ma mai e dico mai avrei pensato che
        una di queste sarebbe stata mettere in campo una squadra con quattro-cinque italiani e sei-sette gambiani/nigeriani.
        Mettere in campo inteso come ottenere tutti i vari permessi e soprattutto spiegargli i movimenti, fargli capire che sarebbe meglio non picchiare l’arbitro (specie se donna), evitare che i due centrali salgano entrambi al trentesimo secondo per poi rientrare in difesa al 15′ ed evitare di passarsela solo tra di loro e last but not least insultare il proprio portiere ogni volta che prende un gol.
        Con aggravante di dettami del Corano etc che vieta loro di lavarsi in presenza di altri uomini. Un giorno , giuro un dirigente ha paerto la portiera pr farli uscire e sembrava che si fossero concetrati in quei due metri cubi tutte le essenze di 200 anni di kebab mondiale. Un’odissea calcistica ed umana e dirigenziale senza precedenti.
        Zero punti, ca va sans dire.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +4 (from 8 votes)
        1. C

          Dovresti scriverci un libro, a me ha già fatto sorridere così.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: -1 (from 3 votes)
          1. Beli
            Scene ricorrenti non preoccuparti
            Oltretutto immagino che ognuno di loro avrà giocato in serie A al suo paese (per altro bei primi anni 90 c’era una concentrazione impressionante di ex di Partizan e Stella Rossa in Italia)

            VN:F [1.9.22_1171]
            Rating: +4 (from 6 votes)
            1. M

              @Calvin: ci sto seriamente pensando perchè quello che ho visto quest’anno non lo vedrò mai più nella mia vita.
              Solo per dirne una, ultimi nella coppa disciplina con la penultima che in confronto a noi arriva prima. Prima giornata due rossi in sedici minuti dopo aver detto in inglese, lingua loro con traduzione di giocatore che sapeva parlare italiano e loro lingua ed in sardo di non fare entrate in scivolata a gambe alte sulle ginocchia. Ma tipo “ok?” “Ok””, prima entrata, rosso diretto.

              @Leonto: non ho avuto la fortuna di poter vedere queste infornate di Partizan e Stella Rossa ma confermo che questi qua il minimo che hanno fatto è la coppa dei campioni africana con risate annesse a prese per il culo ai compagni di squadra sardi quando sbagliavano uno stop. ma che cazzo ridi che alla prima trasferta sei andato in porta dalla panchina e sulla rimessa dal fondo hai battuto prima con le mani, poi alzandotela con le mani, poi mettendola a terra e passandola al tuo connazionale due metri dentro l’area e solo al quarto tentativo con arbitro letteralmente a bestemmie, che malediva il giorno in cui aveva preso il tesserino, mi batti la rimessa come si deve. Di rigore poi il riscaldamento fatto con auricolari e con selfie annessi (roba che per farglielo capire dovevi quasi venire alle mani) e foto fatta poggiati al SUV di turno da inviare
              in Gambia per far vedere che facevano la vita di Reus e Neymar. Una festa.

              VN:F [1.9.22_1171]
              Rating: +4 (from 6 votes)
              1. C

                Poi dici che la gente si butta a destra!

                VN:F [1.9.22_1171]
                Rating: +1 (from 1 vote)
  20. Paperoga:
    1) la Boldrini ha scritto chiaramente “il Viminale ha detto a Salvini che non può rimpatriare 600mila immigrati irregolari”, quindi era sarcastica verso le sparate di Salvini ma parlava di dinamiche istituzionali e dati ufficiali.
    2) L’UE paga già l’Italia indirettamente per fare il lavoro sporco. Il problema é che i soldi pagano solo le spese vive dell’accoglienza è che gli italiani si sono rotti di fare il lavoro sporco.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
    1. 1) Avevo interpretato male le parole della Boldrini, e prendo atto
      2) Appunto, è ora di tirare fuori la questione a livello diretto e trasparente e di fare qualcosa di concreto. Come spesso si dice: toccagli il denaro e qualcosa succederà

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  21. B

    però al viminale ora comanda Salvini e disse in campagna elettorale che ne avrebbe rimpatriati 600.000: spero abbia già idea di come fare. (ma anche 100.000 andrebbero bene). a parte il discorso ruspa, campi rom, legittima difesa ecc. ecc.

    alla fine sti 630 disgraziati sono davvero il minimo come difficoltà.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  22. Diamo i numeri…
    1- 600,000 irregolari e’ un numero verificato come?
    2-180 mila sbarcati nel 2016. 120 mila nel 2017. 14 mila nel primo semestre 2018. Fare la voce grossa, paga allora? La povertà’ e’ scomparsa all’improvviso?
    3- Tunisia, Sudan, Costa d’Avorio, Mali, Guinea, Algeria secondo il Ministero dell’Interno italiano sono i paesi di provenienza degli 14mila e passa sbarcati nel 2018. Per arrivare ai porti di partenza (Libia) bisogna attraversare almeno un paio di altri paesi. Un albanese, negli anni 90 pagava tra il milione delle care Lire e il milione e mezzo (circa 1000 dollari). C’erano cinesi che arrivavano dalla Cina, con il “broker” cinese a Tirana. 1000 dollari a persona per ogni cinese che attraversava l’Adriatico piu 4000-5000 dollari per arrivare in Albania. Oggi, 20 anni dopo, il costo e’ quanto? 6-7000 dollari a persona per venire dalla Nigeria? Forse di piu’. Parliamo di paesi dove uno guadagna (se li va bene) tra qualche centinaio di dollari l’anno a poche migliaia l’anno.
    4- Il Canada aveva promesso di accettare 25,000 profughi siriani (sotto sotto attenta a selezionare christiani…). Il Bel Justin all’aeroporto, foto da Instagram con qualche famigliola, bel sorriso per le camere. Ops, mo adesso tutti vogliono venire qui. In Africa si e’ sparsa la voce che Canada prende tutti. Anche quelli cacciati da Donaldone il Brutto. Il numero da 25 mila diventa SOLO 10, 000 nel 2017 per arrivare ad altri 15000 nel 2018. Le frontiere (soprattutto nel Quebec) assaltate da quelli che avevano chiesto asilo (immotivato) negli States ed erano stati respinti appena il clima era cambiato. Emergenza! Si comincia la propaganda nei giornali e nei vari media african, che no, non e’ vero che Canada e’ il paese dei balocchi. Non venite, per favore, che vi respingeremo alla frontiera. E i numeri sono minuscoli se paragonati ai sbarchi italiani. Un paese dove arrivano 250-300 mila l’anno in modo regolare. E’ facile regolare l’immigrazione quando sei circondato dal… orsi polari al nord, 6000 km e 10000 kilometri di oceano aprto al est e ovest, e l’America al Sud. E’ facile dare lezioni di ospitalità’ e generosità’ agli altri quando la natura ci ha pensato a “proteggerti” dal fenomeno dell’immigrazione selvaggia. E quando qualche temerario ara riuscito ad attraversare l’oceano e sbarcare sulle coste canadesi, era stato regolarmente respinto al mittente, dagli ebrei durante la seconda guerra ai Tamil di qualche anno fa’.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi